Manchester Satanic… nessuno è innocente!

di Maurizio Blondet

Ora viene fuori che il papà dell’attentatore di Manchester, il signor Ramadan Abidi, era un uomo reclutato dai servizi britannici, coinvolto in un vasto piano dell’esercito libico per assassinare Gheddafi, e salvato – dopo che la sua copertura era stata svelata – dai servizi che l’avevano fatto esfiltrare con la famiglia.

Attentato di ManchesterIl Lybia Herald lo indica come “un federalista della Cirenaica, che lottava per l’autonomia della regione, ma non noto per affiliazione religiosa”. È stato nella Libia orientale che fu innescata la insurrezione tribale che portò alla caduta ed uccisione di Gheddafi, nel marzo 2011. Arrivarono carichi di armi dal Katar. Truppe speciali britanniche erano sul terreno ad aiutare i rivoltosi: la BBC riportò allora che sei elementi SAS erano stati catturati dalle truppe fedeli a Gheddafi; negli stessi giorni, sei corpi speciali olandesi (sic) furono catturati nella Libia occidentale mentre, dissero, aiutavano l’esfiltrazione di loro connazionali. (Leggere qui: http://www.bbc.com/news/world-middle-east-12658054)

Dunque, membri della NATO stavano assistendo (comandando, guidando) il Gruppo Islamico Libico combattente, il cui capo sul fronte orientale era Abdelhakim Belhadj, noto esponente di Al Qaeda. Ora, secondo l’Independent, Salman Abedi, il figlio stragista di Manchester, si trovava nella Libia Orientale nel 2011, quando gli aerei britannici bombardavano le truppe di governo libico per portare al potere i takfiri. Era giovanissimo. Secondo i suoi compagni di scuola, cambiò allora: “Prima era un ragazzo di compagnia, beveva, fumava erba, ma quando tornò dalla Libia nel 2011 era un’altra persona. Diventò religioso. Per qualche tempo è stata innalzata una bandiera nera con scritte in arabo sul tetto della casa degli Abedi a Elsmore Road…” (http://www.independent.co.uk/news/uk/home-news/salman-abedi-manchester-libya-syria-suicide-bomber-terrorist-attack-middle-east-islamist-a7752761.html)

Libri e varie...

Spero che i lettori non abbiano dimenticato come, sotto gli auspici di Hillary Clinton allora segretaria di Stato,   carichi e carichi di armamenti saccheggiati dai forniti arsenali di Gheddafi, furono spediti in Siria, per armare i takfiri mercenari arruolati per abbattere il legittimo governo. Una sporchissima faccenda in cui trovò la morte l’ambasciatore Usa Chris Stevens, sacrificato con la sua scorta di Marines, per non far saltare fuori la storia. Potevano essere salvati, un commando era pronto a decollare dalla Sicilia, ma fu dato l’ordine di “stand-down”.

Insomma la strage “islamica” di Manchester è un “effetto collaterale” delle sovversioni britanniche in Libia e in Oriente in obbedienza ai neocon americani. A meno che non sia un’operazione voluta dagli stessi servizi britannici – l’attentatore era ben noto agli agenti – per distrarre l’opinione pubblica da qualcos’altro (Brexit? Elezioni?). Personalmente penso che valga più la prima ipotesi. Ma, come si dice: “mai sprecare un disturbato mentale utilizzabile come islamista kamikaze”. 

Ariana GrandeQuanto alla pop-star Ariana Grande, idolo delle giovanissime: nel 2014, in una intervista a Billboard, ha rivelato di essere divenuta “kabbalista” (complimenti)secondo “gli insegnamenti del rabbino Philip Berg”, un agente d’assicurazione di New York, fondatore di una organizzazione magica chiamata Centro della Kabbala. Ariana Grande non è la sola celebrità ad aderirivi: Naomi Campbell, Madonna, Leonardo di Caprio, Britney Spears, Demi Moore e (poteva mancare?) Paris Hilton si dice ne facciano parte.

La giovanissima Ariana Grande ne deve essere particolarmente addentro, perché in una intervista ha parlato di come talora venga “abitata” da presenze inequivocabili: “Appena ho chiuso gli occhi ho sentito questa vampata davvero forte vicino alla mia testa… quando ho chiuso gli occhi ho iniziato di nuovo a sentire sussurri per molto tempo… e ho iniziato a vedere questa immagine veramente inquietante… come con forme rosse”.

Sul web naturalmente si sono affollati complottisti che hanno  intuito “messaggi” kabbalisti: per esempio, nell’età dell’attentatore e nella data della strage (22 è il numero delle lettere ebraiche su cui si basa la magia della Kabbala); altri hanno indicato simboli kabbalistici nei videoclips della “piccola”. La cosa ci stupirebbe poco e poco ci interessa.

Oltretutto un produttore cinematografico che ha passato la vita ad  Hollywood, Jon Robberson, ha appena accusato l’industria cinematografica hollywoodiana di essere “un nido di pedo-criminalità di natura luciferina” Il che, naturalmente, ci stupisce ancor meno. Stupirebbe di più il fatto che nessun giudice in Usa voglia riprendere in mano la faccenda della strana morte di Seth Rich, un addetto del comitato elettorale democratico che aveva rivelato a Wikileaks migliaia di mail compromettenti sul funzionamento interno del Partito: fra cui i trucchi e i giochi sporchi con cui esso partito favoriva la Clinton e sabotava l’altro candidato, Bernie Sanders.

Seth Conrad Rich,  27 anni,  fu assassinato per strada l’8 luglio in Washington DC, da una o diverse persone che non gli rubarono nulla di quello che indossava, lasciando anche la sua ventiquattrore, il suo orologio o il cellulare”. Julian Assange accusò Hillary come mandante dell’omicidio (Hillary: “Ma non c’è un drone, qualcosa, per ammazzarlo”). Il fatto è che prove, indizi e testimonianze si stanno ormai accumulando e tutti puntano ai colpevoli nel Partito Democratico. (Vedere qui: http://mobile.wnd.com/2017/05/bombshell-donna-brazile-probing-seth-rich-murder-says-private-eye/)

Ma i giudici e i politici  Usa sono tutti concentrati a cercare prove sul “delitto originale” di Trump, quello di essere un agente di Putin.

Articolo di Maurizio Blondet

Fonte: http://www.maurizioblondet.it/manchester-satanic-nessuno-innocente/

Libri e varie...
FALSE FLAG - SOTTO FALSA BANDIERA
Strategia della tensione e terrorismo di stato
di Enrica Perucchietti

False Flag - Sotto Falsa Bandiera

Strategia della tensione e terrorismo di stato

di Enrica Perucchietti

Uno strumento indispensabile per capire l'attualità e i suoi retroscena, ricco di esempi concreti tratti dall'attualità

L'Occidente è precipitato in una nuova epoca di terrore.

La strage di Charlie Hebdo e gli attacchi di Parigi hanno sprofondato l'Europa nella morsa della paura, spingendo le nazioni ad adottare misure estreme com'era successo agli USA all'indomani dell'11 Settembre. Gli attentati lasciano però una scia di anomalie e dubbi, di coincidenze inspiegabili e quanto meno ambigue, che riecheggiano drammaticamente la strategia del False Flag.

Cosa sono i False Flag? Per ottenere il consenso dell'opinione pubblica e l'accettazione di gravi sacrifici, l'unico modo è che si palesi una "minaccia estrema e globale". I False Flag sono operazioni belliche "sintetiche" ideate per fare credere che l'attacco sia stato effettuato da gruppi diversi rispetto ai reali esecutori, al fine di addossare loro la responsabilità di quanto accaduto, legittimando così eventuali rappresaglie.

La storia come strumento di manipolazione. Le menzogne diventano così "storia" per giustificare spirali di violenza e nascondere gli interessi delle oligarchie. I mass media entrano in scena a questo punto per veicolare la propaganda bellica e per promuovere come giuste le rivendicazioni del potere.

Lo scopo di questo saggio è quello di offrire una rassegna dei casi di False Flag più celebri e storicamente accertati e di quelli che sollevano plausibili dubbi sulle reali dinamiche degli eventi, senza avere la velleità di mettere la parola fine a ricerche che, si spera, continuino, per accertare, un giorno, la verità.

...

Un commento

  1. L’uccisione di gheddafi comunque è avvenuta nell’ottobre del 2011 e non nel mese di marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *