L’illusione della morte

L’uomo ordinario è un perfetto ignorante. Non nel senso dispregiativo del termine, ma perché in realtà, non conosce la struttura della materia e le leggi che regolano il mondo e la vita. Conosce soltanto la realtà oggettiva legata al mondo fisico ed è convinto di spiegare tutto con la “scienza”.

Di conseguenza è convinto che con la morte fisica del corpo, tutto finisca o nella migliore delle ipotesi, che ci sia una sorta di giudizio finale, per decidere dove debbano vivere le anime in eterno.

Ma come ci insegnano l’antica tradizione esoterica e i maestri spirituali, non esiste soltanto il mondo fisico, bensì altre dimensioni in cui l’uomo vive con i suoi rispettivi corpi (o veicoli). Oggi, anche diverse teorie scientifiche di fisica quantistica, avvalorano questa ipotesi, sostenendo che oltre al mondo conosciuto esistono degli universi paralleli, introducendo il concetto di “multiverso”.

Queste dimensioni sono costituite da materia sempre più rarefatta man mano che si procede verso i piani più elevati. Il mondo fisico è il piano più basso, dove la materia è più densa e grossolana, ma l’anima si manifesta anche su altri piani della personalità: l’astrale e il mentale.

L’anima è il veicolo della Monade, che scende nei piani e nei sottopiani della materia per fare esperienza e tornare poi alla casa del Padre, arricchita dell’amore che ha imparato durante il suo lungo pellegrinaggio terreno. Questo è il Progetto Divino, dove ogni uomo è parte dello Spirito Universale, che si manifesta attraverso la Monade.

La morte, quindi, è soltanto un “passaggio di stato”. Con la morte fisica, l’anima abbandona il corpo e il mondo fisico, ma continua a vivere e a fare esperienze nel piano astrale, con le sue emozioni e i suoi pensieri. Successivamente, avviene anche la “morte astrale” e l’uomo rimane nel piano mentale, dopodiché è pronto per una nuova incarnazione, portando con sé tutte le esperienze delle vite precedenti.

La vita terrena è soltanto una parentesi nelle infinite possibilità di manifestazione della Monade. Nel corso della nostra eterna esistenza, stiamo sicuramente più fuori che dentro un corpo fisico. Per questo la morte è un’illusione; in realtà non è la fine di tutto, ma un nuovo inizio, in un’altra dimensione. È un salto quantico, se così possiamo definirla, tra una dimensione e l’altra.

Fonte: https://yogameditazione.net/illusione-della-morte/

Libri e varie...
NELLA MENTE DI UN DEFUNTO

Nella Mente di un Defunto

"Al caro lettore che deciderà di sfogliare le pagine di questo libro, vorrei dare qualche informazione di supporto. Premetto che, anche se racconto esperienze, non sono queste la parte importante del testo; ci sono centinaia di titoli che parlano di contatti con i defunti, di anime canalizzate dai medium o da fantasmi che infestano i vecchi edifici.

Nella Mente di un Defunto, pur raccontando e descrivendo esperienze simili, vuole capire e comprendere il perché di determinati messaggi, di specifiche manifestazioni e visualizzazioni.

Nel Manuale per Sopravvivere dopo la Morte, ho spiegato chiaramente che la creazione degli scenari e dei movimenti seguenti al cambiamento di stato, dipendono in buona parte dal tipo di morte subita, Nella Mente di un Defunto ho voluto approfondire le varie tipologie di "pensiero" che un defunto manifesta negli stadi più importanti del suo percorso.

Questa enorme raccolta di informazioni, mi ha portato a stabilire un filo conduttore che lega l'esperienza di Morte e gli stati emotivi successivi di qualunque soggetto umano che abbandona il proprio corpo fisico.

La Mente di un Defunto è varia tanto quanto lo sono gli individui: anime perse e disperse, spiriti guida, spiriti luminosi, inguaribili nostalgici, ravveduti, frustrati e rancorosi. Varie menti come vari sono i pensieri, le tradizioni, le culture e i desideri. Vari come le frequenze di una vibrazione che stabilisce il "luogo" energetico in cui muoversi o permanere."

"Tra un Viaggio e un racconto, tra un sogno e un pensiero, tra uno studio e un sorriso, vi porterò con me a fare un giro nella Mente di un Defunto".
Ensitiv

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*