L’Europa è già occupata… ma i russi non c’entrano!

di Gianni Petrosillo

In questo periodo pregno di cambiamenti e quindi di rischi elevati, un passo falso o di troppo può seriamente compromettere il futuro dei prossimi trenta o quarant’anni dell’Italia e di tutti gli altri paesi del mondo.

Imperialismo americanoStanno mutando i rapporti di forza internazionali e con essi gli assetti mondiali. Chi resta imprigionato nei vecchi schemi non ha speranze di risollevarsi. La crisi economica è il segnale di questa situazione di scollamento dell’ordine politico globale, effetto e non causa delle drammatiche vicissitudini in corso.

Applaudire Obama, in questo momento, è come schiaffeggiarsi. Affiancare servizievolmente gli Usa non è diventare come gli americani, mettersi alla pari, ma essere i loro cani. La balla della democrazia d’oltreatlantico, quale regno della civiltà e scrigno della libertà, non regge più a nessun raffronto con la realtà. Gli Stati Uniti di oggi sono l’unico vero “Stato canaglia”, il nemico assoluto dei popoli che reclamano indipendenza ed autonomia decisionale. Chi resiste viene eliminato.

Washington deve rinsaldare la sua sfera d’influenza, minacciata dall’emergere di potenziali competitori geopolitici, ma non avendo un autentico contraltare non intende sprecare più risorse del dovuto per affrontare i suoi problemi. All’epoca del bipolarismo imperfetto Usa-Urss, la stessa esistenza di un’alternativa al modello americano, rappresentata da quello sovietico, imponeva di agire con sistemi variegati di fidelizzazione dei clienti. Ora non è più necessario.

Libri e varie...

Liberarsi dalla Dittatura Europea

Quando i cittadini conosceranno i veri scopi dell'unione e i metodi utilizzati per raggiungerli, questa Europa si scioglierà come neve al sole

di Monia Benini

LIBERARSI DALLA DITTATURA EUROPEA  - LIBRO
Quando i cittadini conosceranno i veri scopi dell'unione e i metodi utilizzati per raggiungerli, questa Europa si scioglierà come neve al sole
di Monia Benini

Il nuovo libro di Monia Benini apre gli occhi sull'UE
 L'Europa Unita è stato il sogno di più generazioni. Finita la seconda guerra mondiale, furono in molti a pensare che il miglior modo perché una simile tragedia non potesse ripetersi fosse stringere tutti i popoli europei intorno a un'idea, a un progetto comune, superando divisioni e rivalità..
 Come sempre accade, nella storia, le oligarchie portatrici di interessi propri (interessi economici, interessi di potere) si sono impadronite del sogno e l'hanno sostituito con un loro progetto. La vetrina luccicante resta quella degli ideali di amicizia, bene comune, identità di destino. Il negozio alle sue spalle, gestito da banchieri, carrieristi politici, logge, mafie, è pieno di merce tossica e avariata.
 Fuor di metafora, questa oligarchia sta coscientemente trasformando i cittadini europei in sudditi, giocando proprio su quelle divisioni e quelle rivalità che l'unione avrebbe dovuto superare. Sudditi poveri e poverissimi al sud, sudditi ricchi al nord. Popoli senza più alcuna forza morale, senza più identità che non sia quella di plastica forgiata per vendere meglio le merci prodotte.
 Come sempre accade le oligarchie sono destinate ad essere sconfitte dall'anima dei popoli, la cui prima arma è l'informazione.
 Questo libro è una miniera di informazioni
 
 - Gli obblighi derivanti dai trattati,
 - i retroscena degli avvenimenti più noti,
 - le strategie della BCE e del Fondo Monetario Internazionale,
 - il ruolo degli uomini e dei gruppi di pressione che si muovono nell'ombra,
 - perché la Grecia è stata distrutta, e perché l'Italia è incamminata sulla stessa strada
 - le complicità della classe dirigente,gli intrecci fra affari e politica...
 - e le menzogne per far credere senza ritorno la strada dell'unione.
  Indice Introduzione
 1. Una casa ricevuta in eredità
2. Non è una crisi, è il Sistema
3. Una resistenza vittoriosa
 Appendici
  
  ...

L'Unione Europea: il Mito e la Realtà

I Trattati e le politiche di una dittatura mascherata

di Monia Benini

L'UNIONE EUROPEA: IL MITO E LA REALTà  - LIBRO
I Trattati e le politiche di una dittatura mascherata
di Monia Benini

Questo libro è il risultato delle ultime ricerche di Monia Benini.
Nuovi trattati, nuovi accordi si aggiungono, mano a mano, a perfezionare la prigione nella quale sono rinchiusi i popoli europei. 
Il silenzio dei Media, inevitabilmente controllati dal Potere, fa si che la grande massa dei cittadini sia totalmente ignara di quello che sta succedendo, di come, seguendo un piano ben definito, i "costruttori dell'Europa" stiano demolendo ogni controllo democratico, ogni idea di sovranità, ogni possibilità di Stato Sociale.
Diffondere il contenuto dei documenti ufficiali, le prese di posizione di importanti intellettuali che "non ci stanno", smascherare gli artifizi verbali con cui si diffonde e mantiene l'ignoranza: questa la missione dei libri di Monia Benini
Dalla Quarta di Copertina
"Le nazioni europee dovrebbero essere guidate verso un SuperStato senza che le loro popolazioni si accorgano di quanto sta accadendo. Tale obiettivo potrà essere raggiunto attraverso passi successivi ognuno dei quali nascosto sotto una veste e una finalità meramente economica. "
Jean Monnet
"Bisogna agire 'come se', in Europa: come se si volessero poche cose, per ottenerne molte. Come se gli Stati restassero sovrani, per convincerli a non esserlo più. La Commissione di Bruxelles, ad esempio, deve agire come se fosse un organo tecnico, per poter operare alla stregua di un governo. E così via, dissimulando e sottacendo"
Giuliano Amato
Monia Benini prosegue nella sua ricerca sul campo e documenta come e quando, in Europa, è stata sepolta ogni idea di Democrazia.
La realtà è molto peggio di come si riesce a immaginarla....

La Dittatura Europea

di Ida Magli

LA DITTATURA EUROPEA
di Ida Magli

L'Europa doveva abolire la storia. La storia ha abolito l'Europa.
 Lucio Caracciolo
 L'Unione Europea, proposta più di cinquant'anni fa come un grande passo verso il futuro, nel 2007 ci è stata imposta come un processo giusto e inesorabile.
 Oggi, i risultati sono davanti agli occhi di tutti, eppure in molti faticano a vederli, perché ormai la macchina degli interessi politici ed economici che l'ha messa in moto ha censurato le coscienze anche degli italiani, che accettano l'Unione come un dato di fatto, e con essa la perdita dell'identità nazionale, così come diversi diritti personali.
 In questo personalissimo e forte pamphlet, Ida Magli, tra le prime e più autorevoli oppositrici dell'Unione, risale all'origine di questo disastro, andando a cercare, nella storia e nei suoi incontri, i principali colpevoli, senza sconti a nessuno, dalla cattiva politica alla Chiesa, dagli intellettuali pavidi ai banchieri pronti a imporre su tutti la loro legge. Il risultato è la storia di come un progetto nato solo sulle carte geografiche ha contribuito a renderci più poveri, meno sicuri, e certamente meno liberi.
 Mentre l'unione mostra la sua inutilità, la politica tace.
 La più irriducibile avversaria di Maastricht racconta le storie, i dati, le testimonianze, di come il sogno comunitario ci stia togliendo la libertà....

La Guerra dell'Europa

di Monia Benini

LA GUERRA DELL'EUROPA  - LIBRO
di Monia Benini

C'è una nuova guerra in Europa. 
 Una guerra che si combatte senza fucili, senza cannoni, senza bombe,
  ma con le sofisticate armi di distruzione di massa
  della grande finanza internazionale.
 Una guerra che viene da lontano e che dilaga e contagia anche i paesi europei, grazie a truppe di occupazione con il colletto bianco, che sparano i loro colpi cliccando sulle tastiere e trasferendo in un attimo cifre virtuali da capogiro.
 Ma nella crisi che sta violentando la Grecia non c'è nulla di virtuale. È una sofferenza reale, cruda, drammatica, in ogni aspetto della vita quotidiana.
 Una situazione mai vissuta dal popolo ellenico, neppure sotto l'occupazione straniera.
 Il libro documenta dunque una nuova forma di guerra che ha protagonisti, strategie, tattiche e vittime ben definite.
 Dai colpi delle agenzie di rating allo schieramento della troika, dai provvedimenti del Fondo Monetario Internazionale alle misure della Banca Centrale e della Commissione Europea.
 Per chi vuole sapere cosa è successo realmente in Grecia e non si accontenta delle "veline" ufficiali....

La Tomba dell'Europa?

Una guida per perplessi nella crisi finanziaria globale

di Luigi Copertino

LA TOMBA DELL'EUROPA?
Una guida per perplessi nella crisi finanziaria globale
di Luigi Copertino

Con uno stile agile e divulgativo questo libro vuole fornire un contributo alla comprensione di quanto sta accadendo in Europa e nel mondo a causa della globalizzazione finanziaria che è seguita all'egemonia culturale, ormai quarantennale, del monetarismo neoliberista.
 Negli ultimi mesi del 2011 abbiamo assistito ad un golpe, un golpe del tutto atipico rispetto a quelli classici che conoscevamo, un golpe organizzato dai mercati finanziari, queste anonime entità così lontane dalla vita quotidiana dei cittadini.
 L'autore ha presente innanzitutto il mondo culturale e politico cattolico, nel quale la confuzione è oggi ai massimi livelli e nel quale il liberismo, contro l'insegnamento del Magistero, è stato, da alcuni decenni a questa parte troppo accreditato.
 In realtà il liberismo è assai lontano dalla visione cattolica della Comunità Politica, intesa come comunità morale di persone concrete e di corpi intermedi naturali secondouna tradizione di pensiero che è possibile far risalire a Tommaso d'Aquino ma che, in ultima istanza, risale direttamente al Vangelo....

NWO - New World Order

L'altra faccia di Obama - Il fallimento del sogno americano

di Enrica Perucchietti

NWO - NEW WORLD ORDER  - LIBRO
L'altra faccia di Obama - Il fallimento del sogno americano
di Enrica Perucchietti

Dopo il grande successo dei suoi ultimi lavori
l'autrice di "Governo Globale" torna
con un'inchiesta mozzafiato sul Nuovo Ordine Mondiale
 Con questo saggio scoprirete fino a che punto si spinge il coinvolgimento di Barack Obama nel progetto di costituzione del NWO.
 Presentato come l'incarnazione del Sogno Americano, il Presidente si è rivelato invece un'abile pedina dei poteri mondialisti, disattendendo tutte le promesse elettorali. Insignito del Premio Nobel alla Pace, si è dimostrato un guerrafondaio, continuando la politica estera intrapresa dai successori.
 Documenti alla mano, conoscerete
 
 - le vere origini del Presidente americano, il mistero del certificato di nascita,
 - il reclutamento dei suoi genitori nella CIA, le ombre del suo passato,
 - la sua affiliazione alla massoneria americana e il coinvolgimento nel Club Bilderberg,
 - le tecniche di PNL e di condizionamento mentale utilizzate nei suoi discorsi pubblici,
 - le ambiguità della sua politica estera e il fallimento delle promesse elettorali,
 - e molto altro...
  Un saggio straordinario che svela finalmente i retroscena 
che si celano dietro la figura del Presidente, 
tipico esempio di burattino comandato da gruppi occulti.
 E ancora, i maxi finanziamenti da parte di Wall Street, Multinazionali e uomini corrotti nelle sue campagne elettorali, il benestare alla diffusione degli O.G.M. e all'introduzione di microchip sottocutanei, i veri interessi che si celano dietro la sua riforma sanitaria.
 Un viaggio a ritroso nella vita di Obama 
per capire quali sono gli obiettivi che la sua amministrazione persegue:
  la costituzione di un Nuovo Ordine Mondiale
   Questo libro si prefigge il compito di rivelare che cosa si nasconde realmente dietro l'immagine di questo Messia Multietnico che ha sedotto il mondo. 
In fondo di lui sappiamo poco...

 In queste pagine scoprirete chi è davvero Barack Obama. 
Dopo aver conosciuto soltanto ciò che si voleva si sapesse di lui, ora vi verrà svelato anche il suo "lato oscuro". L'altra faccia di Obama.

 Enrica Perucchietti
 Indice
  Prefazione
Introduzione
 Parte Prima - I provvedimenti e le contraddizioni dell'amministrazione Obama
 1. La casta americana
2. I Mass media ci seppelliranno?
3. Avere le formiche su per il sedere
4. I Chicago boys
5. Wall Street: tutti gli uomini del Presidente
6. Le guerre di Obama
 Intermezzo - Zbigniew Brzezinski, mentore politico di Obama
 7. L'Isola che non c'è e gli anni perduti
 Seconda Parte - legami "occulti" di Obama
 8. Mass media: la metafora dell'alieno
9. Linee di sangue
10. Il Grande Fratello vi guarda
11. Antrace made in USA e cibo al veleno
12. L'Alba di una Nuova Era
 Epilogo
 Obama, you can (if you want...)
 Ringraziamenti
Bibliografia
 Indice...

Chi non si mette in riga viene minacciato e colpito chi, invece, lo fa viene ugualmente battuto, perché sono le circostanze ad imporlo. È il caso italiano. Se i nostri pavidi dirigenti credono di ottenere qualcosa abbassando la testa s’illudono di grosso. Roma è un avamposto irrinunciabile nei piani statunitensi, perno decisivo della loro strategia contenitiva antitedesca e antirussa, ma vogliono averla senza pagar dazio.

In verità, l’hanno già presa da qualche decennio e stabiliscono, all’occorrenza, chi tra quelli disponibili deve essere il burattino incantatore seduto sullo scranno del potere esecutivo, una volta l’uomo in loden (sobrietà-tà-tà-tà), un’altra il rottamatore (libertà-tà-tà-tà) e domani chissà anche il grillino dell’onestà-tà-tà-tà, purché sia servito e riverito diligentemente il padrone.

Propaganda filo-americanaIn ogni caso, il mondo si è rivelato essere troppo grande per le velleità eccezionaliste americane. L’intento della Casa Bianca è allora più chiaro: non perdere il controllo sull’Europa, per prevenire alleanze antiegemoniche di questa con Russia e Cina. Alimentare l’idea di un nemico alle porte dell’area Ue rientra in questo disegno.

I governanti europei asseveranti una simile menzogna sono etnocrati che agiscono per conto degli yankee. Assecondare l’idea che Mosca o Pechino siano pregiudizialmente nemiche dell’Europa, è mera propaganda filo-americana. E, purtroppo, nelle Cancellerie europee non si fa altro, perché ovunque sono stati posizionati fedeli agenti di Washington.

Tuttavia, i numeri smentiscono questi cialtroni. Come mai la Russia, che sarebbe in procinto di aggredire tutti, scatenando la III Guerra Mondiale, contiene le sue spese militari mentre gli Usa continuano ad accrescerle o, perlomeno, a mantenerle costanti? Scrive Germano Dottori su Limes: “La spesa militare statunitense, pari a 596 miliardi di dollari nel 2015, è oggi oltre nove volte superiore a quella russa che – fermatasi a 66,4 – secondo il Sipri, sarebbe stata superata lo scorso anno non soltanto da quella cinese, ormai a 215 miliardi di dollari, ma anche da quella saudita, che avrebbe invece raggiunto gli 87,2 miliardi di dollari. Secondo altre stime, che tengono conto dei dati annunciati dalla Difesa russa, della svalutazione del rublo e della riduzione del 5% apportata nel 2016 alle spese militari della Federazione, queste ultime non supererebbero quest’anno i 41 miliardi di dollari. Inoltre, anche considerando i più ambiziosi progetti che il ministro della Difesa Sergej Šojgu starebbe definendo per il 2025, la Russia ipotizzerebbe di destinare alle sue Forze armate 454 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni, un quinto in meno di quanto gli Stati Uniti stanno spendendo in questo esercizio finanziario”.

Fino a prova contraria, a cambiare le cartine geografiche europee (checché ne pensi l’Alto rappresentante per la politica estera europea), dopo la caduta dell’Urss, è stata la Nato, che si è spinta a poca distanza da Mosca, sottraendole larghe porzioni territoriali a lungo appartenute alla sua orbita geopolitica.

Il Cremlino solo recentemente ha dimostrato di potersi difendere da queste usurpazioni. Si è ripreso la Crimea, dopo un golpe pro-occidentale in Ucraina, e si è spinto fino in Siria per non perdere le sue uniche basi all’estero. Minimo risarcimento rispetto ai decennali torti subiti. La Russia non è l’Unione Sovietica e per ora non ha la forza di aggredire nessuno. Ma l’Ue ha bisogno di paventare l’insidia fittizia di una ipotetica occupazione russa per legittimare basi e truppe statunitensi sul suo suolo. “Rilassatevi”, dunque, l’Europa è già occupata ma i russi non c’entrano.

Articolo di Gianni Petrosillo

Rivisto da Conoscenzealconfine.it
Libri e varie...

La Dittatura Europea

di Ida Magli

LA DITTATURA EUROPEA
di Ida Magli

L'Europa doveva abolire la storia. La storia ha abolito l'Europa.
 Lucio Caracciolo
 L'Unione Europea, proposta più di cinquant'anni fa come un grande passo verso il futuro, nel 2007 ci è stata imposta come un processo giusto e inesorabile.
 Oggi, i risultati sono davanti agli occhi di tutti, eppure in molti faticano a vederli, perché ormai la macchina degli interessi politici ed economici che l'ha messa in moto ha censurato le coscienze anche degli italiani, che accettano l'Unione come un dato di fatto, e con essa la perdita dell'identità nazionale, così come diversi diritti personali.
 In questo personalissimo e forte pamphlet, Ida Magli, tra le prime e più autorevoli oppositrici dell'Unione, risale all'origine di questo disastro, andando a cercare, nella storia e nei suoi incontri, i principali colpevoli, senza sconti a nessuno, dalla cattiva politica alla Chiesa, dagli intellettuali pavidi ai banchieri pronti a imporre su tutti la loro legge. Il risultato è la storia di come un progetto nato solo sulle carte geografiche ha contribuito a renderci più poveri, meno sicuri, e certamente meno liberi.
 Mentre l'unione mostra la sua inutilità, la politica tace.
 La più irriducibile avversaria di Maastricht racconta le storie, i dati, le testimonianze, di come il sogno comunitario ci stia togliendo la libertà....

Liberarsi dalla Dittatura Europea

Quando i cittadini conosceranno i veri scopi dell'unione e i metodi utilizzati per raggiungerli, questa Europa si scioglierà come neve al sole

di Monia Benini

LIBERARSI DALLA DITTATURA EUROPEA  - LIBRO
Quando i cittadini conosceranno i veri scopi dell'unione e i metodi utilizzati per raggiungerli, questa Europa si scioglierà come neve al sole
di Monia Benini

Il nuovo libro di Monia Benini apre gli occhi sull'UE
 L'Europa Unita è stato il sogno di più generazioni. Finita la seconda guerra mondiale, furono in molti a pensare che il miglior modo perché una simile tragedia non potesse ripetersi fosse stringere tutti i popoli europei intorno a un'idea, a un progetto comune, superando divisioni e rivalità..
 Come sempre accade, nella storia, le oligarchie portatrici di interessi propri (interessi economici, interessi di potere) si sono impadronite del sogno e l'hanno sostituito con un loro progetto. La vetrina luccicante resta quella degli ideali di amicizia, bene comune, identità di destino. Il negozio alle sue spalle, gestito da banchieri, carrieristi politici, logge, mafie, è pieno di merce tossica e avariata.
 Fuor di metafora, questa oligarchia sta coscientemente trasformando i cittadini europei in sudditi, giocando proprio su quelle divisioni e quelle rivalità che l'unione avrebbe dovuto superare. Sudditi poveri e poverissimi al sud, sudditi ricchi al nord. Popoli senza più alcuna forza morale, senza più identità che non sia quella di plastica forgiata per vendere meglio le merci prodotte.
 Come sempre accade le oligarchie sono destinate ad essere sconfitte dall'anima dei popoli, la cui prima arma è l'informazione.
 Questo libro è una miniera di informazioni
 
 - Gli obblighi derivanti dai trattati,
 - i retroscena degli avvenimenti più noti,
 - le strategie della BCE e del Fondo Monetario Internazionale,
 - il ruolo degli uomini e dei gruppi di pressione che si muovono nell'ombra,
 - perché la Grecia è stata distrutta, e perché l'Italia è incamminata sulla stessa strada
 - le complicità della classe dirigente,gli intrecci fra affari e politica...
 - e le menzogne per far credere senza ritorno la strada dell'unione.
  Indice Introduzione
 1. Una casa ricevuta in eredità
2. Non è una crisi, è il Sistema
3. Una resistenza vittoriosa
 Appendici
  
  ...

NWO - New World Order

L'altra faccia di Obama - Il fallimento del sogno americano

di Enrica Perucchietti

NWO - NEW WORLD ORDER  - LIBRO
L'altra faccia di Obama - Il fallimento del sogno americano
di Enrica Perucchietti

Dopo il grande successo dei suoi ultimi lavori
l'autrice di "Governo Globale" torna
con un'inchiesta mozzafiato sul Nuovo Ordine Mondiale
 Con questo saggio scoprirete fino a che punto si spinge il coinvolgimento di Barack Obama nel progetto di costituzione del NWO.
 Presentato come l'incarnazione del Sogno Americano, il Presidente si è rivelato invece un'abile pedina dei poteri mondialisti, disattendendo tutte le promesse elettorali. Insignito del Premio Nobel alla Pace, si è dimostrato un guerrafondaio, continuando la politica estera intrapresa dai successori.
 Documenti alla mano, conoscerete
 
 - le vere origini del Presidente americano, il mistero del certificato di nascita,
 - il reclutamento dei suoi genitori nella CIA, le ombre del suo passato,
 - la sua affiliazione alla massoneria americana e il coinvolgimento nel Club Bilderberg,
 - le tecniche di PNL e di condizionamento mentale utilizzate nei suoi discorsi pubblici,
 - le ambiguità della sua politica estera e il fallimento delle promesse elettorali,
 - e molto altro...
  Un saggio straordinario che svela finalmente i retroscena 
che si celano dietro la figura del Presidente, 
tipico esempio di burattino comandato da gruppi occulti.
 E ancora, i maxi finanziamenti da parte di Wall Street, Multinazionali e uomini corrotti nelle sue campagne elettorali, il benestare alla diffusione degli O.G.M. e all'introduzione di microchip sottocutanei, i veri interessi che si celano dietro la sua riforma sanitaria.
 Un viaggio a ritroso nella vita di Obama 
per capire quali sono gli obiettivi che la sua amministrazione persegue:
  la costituzione di un Nuovo Ordine Mondiale
   Questo libro si prefigge il compito di rivelare che cosa si nasconde realmente dietro l'immagine di questo Messia Multietnico che ha sedotto il mondo. 
In fondo di lui sappiamo poco...

 In queste pagine scoprirete chi è davvero Barack Obama. 
Dopo aver conosciuto soltanto ciò che si voleva si sapesse di lui, ora vi verrà svelato anche il suo "lato oscuro". L'altra faccia di Obama.

 Enrica Perucchietti
 Indice
  Prefazione
Introduzione
 Parte Prima - I provvedimenti e le contraddizioni dell'amministrazione Obama
 1. La casta americana
2. I Mass media ci seppelliranno?
3. Avere le formiche su per il sedere
4. I Chicago boys
5. Wall Street: tutti gli uomini del Presidente
6. Le guerre di Obama
 Intermezzo - Zbigniew Brzezinski, mentore politico di Obama
 7. L'Isola che non c'è e gli anni perduti
 Seconda Parte - legami "occulti" di Obama
 8. Mass media: la metafora dell'alieno
9. Linee di sangue
10. Il Grande Fratello vi guarda
11. Antrace made in USA e cibo al veleno
12. L'Alba di una Nuova Era
 Epilogo
 Obama, you can (if you want...)
 Ringraziamenti
Bibliografia
 Indice...

La Terza Guerra Mondiale?

La verità sulle banche, Monti e l'Euro

di Elido Fazi

LA TERZA GUERRA MONDIALE?
La verità sulle banche, Monti e l'Euro
di Elido Fazi

È vero che la crisi finanziaria di Wall Street del 2008 è stata peggiore di quella del 1929? Perché Andrea Camilleri ha dichiarato sabato 21 gennaio al nuovo programma di Serena Dandini su La7 che è scoppiata la terza guerra mondiale, per ora solo in versione soft? E perché un finanziere come George Soros, uno che viene ancora oggi ricordato come "colui che spezzò la schiena alla Banca d'Inghilterra nel 1992", dichiara che Lloyd Blankfein, il capo della Goldman Sachs, non è soltanto un uomo avido e poco illuminato, ma il "male assoluto", come il nazismo e il comunismo? Cosa ne pensa Mario Monti, per anni consulente della Goldman Sachs?
 Soprattutto, possono gli Stati Uniti - che sono il paese più indebitato al mondo e il meno competitivo in assoluto se si guarda alla differenza tra importazioni e esportazioni - uscire dalla situazione economica in cui si trovano senza innescare una guerra? Perché il Presidente Obama ha firmato il 31 dicembre del 2011 una legge per punire qualunque organizzazione faccia transazioni con la Banca Centrale dell'Iran, che ha avuto l'ardire di aprire una Borsa del petrolio dove si tratta in euro e altre valute, ma non in dollari?
 Ecco alcuni dei temi affrontati in questo pamphlet, scritto di getto analizzando le cause più profonde della crisi americana e di quella europea in un contesto in cui si trovano alla ribalta gli interessi di paesi come la Cina e l'India....

Non è Crisi è Truffa!

Come i banchieri ci stanno derubando

di Salvatore Tamburro

NON è CRISI è TRUFFA!
Come i banchieri ci stanno derubando
di Salvatore Tamburro

Purtroppo, come nel campo della medicina esiste una teoria ufficiale che viene fatta passare per giusta e corretta (ignorando cure alternative che spesso si rivelano migliori delle cure ufficiali, ma che non creano business) allo stesso modo anche in campo economico esistono teorie ufficiali, insegnate nelle università e spacciate per autentiche.
 Tali teorie, invece si discostano notevolmente dai fenomeni reali: sono semplicemente false.
 Quella che viene fatta passare agli occhi della gente come "crisi", in realtà non è altro che la conseguenza di operazioni compiute dall'oligarchia al potere, ossia banche e corporation; in realtà si tratta di una truffa, le cui conseguenze gravano sulle spalle della collettività, chiamata a sostenere sacrifici, a subire misure di "austerità" imposte proprio dagli stessi autori di questa grande truffa.
 I banchieri creano moneta e indebitano gli Stati, assoggettandoli... finanziano partiti e mass-media per nascondere alla gente la realtà, e illuderla di avere libertà di scelta. Ma questa libertà è mera illusione.
 Viviamo nella più spregevole delle dittature.
 Come popoli e come individui non abbiamo nessuna possibilità di incidere su scelte che determinano la nostra vita. Possiamo scegliere giusto la marca del telefonino cellulare...
 Dopo aver letto questo libro non avrai più dubbi su chi, come e perché ti sta derubando di libertà e benessere. Dovrai solo decidere di scegliere la libertà....

La Tomba dell'Europa?

Una guida per perplessi nella crisi finanziaria globale

di Luigi Copertino

LA TOMBA DELL'EUROPA?
Una guida per perplessi nella crisi finanziaria globale
di Luigi Copertino

Con uno stile agile e divulgativo questo libro vuole fornire un contributo alla comprensione di quanto sta accadendo in Europa e nel mondo a causa della globalizzazione finanziaria che è seguita all'egemonia culturale, ormai quarantennale, del monetarismo neoliberista.
 Negli ultimi mesi del 2011 abbiamo assistito ad un golpe, un golpe del tutto atipico rispetto a quelli classici che conoscevamo, un golpe organizzato dai mercati finanziari, queste anonime entità così lontane dalla vita quotidiana dei cittadini.
 L'autore ha presente innanzitutto il mondo culturale e politico cattolico, nel quale la confuzione è oggi ai massimi livelli e nel quale il liberismo, contro l'insegnamento del Magistero, è stato, da alcuni decenni a questa parte troppo accreditato.
 In realtà il liberismo è assai lontano dalla visione cattolica della Comunità Politica, intesa come comunità morale di persone concrete e di corpi intermedi naturali secondouna tradizione di pensiero che è possibile far risalire a Tommaso d'Aquino ma che, in ultima istanza, risale direttamente al Vangelo....
LA TERZA GUERRA MONDIALE? - LIBRO SECONDO
Chi comanda Obama o Wall Street?
di Elido Fazi

Un approfondimento sulla crisi internazionale e sul ruolo della finanza di Wall Street, a partire dalla storia recente americana.
 Elido Fazi riprende i fili del suo racconto sulla crisi economica del 2008 e ne spiega gli effetti e le conseguenze ancora in corso. L'analisi si concentra sulla figura di Obama, il quale, nonostante le dichiarazioni fatte durante la campagna elettorale, ha privilegiato la continuità con il sistema di potere precedente, confermando l'establishment responsabile della crisi, legato a doppio filo al "sistema" Goldman Sachs.
 Dal salvataggio incondizionato delle banche alla scelta dei consiglieri economici della Casa Bianca, Elido Fazi riflette sulle misure, poche e inadatte, messe in campo dall'amministrazione Obama per far fronte al crac finanziario di Wall Street e per regolamentare il sistema delle grandi banche d'affari....

La Terza Guerra Mondiale? - Libro Secondo

Chi comanda Obama o Wall Street?

di Elido Fazi

Un approfondimento sulla crisi internazionale e sul ruolo della finanza di Wall Street, a partire dalla storia recente americana.

Elido Fazi riprende i fili del suo racconto sulla crisi economica del 2008 e ne spiega gli effetti e le conseguenze ancora in corso. L'analisi si concentra sulla figura di Obama, il quale, nonostante le dichiarazioni fatte durante la campagna elettorale, ha privilegiato la continuità con il sistema di potere precedente, confermando l'establishment responsabile della crisi, legato a doppio filo al "sistema" Goldman Sachs.

Dal salvataggio incondizionato delle banche alla scelta dei consiglieri economici della Casa Bianca, Elido Fazi riflette sulle misure, poche e inadatte, messe in campo dall'amministrazione Obama per far fronte al crac finanziario di Wall Street e per regolamentare il sistema delle grandi banche d'affari.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*