Lettera aperta di un carabiniere

È con grande emozione che pubblichiamo questa lettera aperta di un carabiniere che conosciamo, una lettera che ha voluto affidare a noi affinché altri, molti altri, la potessero leggere.

E perché il maggior numero di suoi e nostri fratelli, che hanno prestato e prestano Servizio nelle Forze dell’Ordine, sappiano di non essere soli a provare quel che provano in alcuni momenti del loro Servizio, quando sono portati a compiere cose che senza la divisa che indossano, da esseri umani liberi, non compirebbero mai.

Una lettera che è uno straziante grido di dolore, nato dalla volontà di ridare alla propria integrità e dignità di essere umano un volto presentabile di fronte ai propri cari. Ognuno di noi in questa vita esiste se è sostenuto dall’amore di tutti gli altri, ne ha assoluta necessità come per l’aria che respira.

Pertanto, la situazione di solitudine e disagio con sé stessi che prova chi si accorge che la causa per cui ha giurato alla sua entrata nelle Forze dell’Ordine, è in realtà qualcosa di diverso da quanto credeva, è davvero drammatica.

I militari, e gli agenti di ogni Arma ricoprono il ruolo di cerniera sempre più sollecitata tra il potere e la popolazione che dal potere è governata. E in questo tempo, in cui i miti cadono a velocità crescente per mostrare la realtà disonorevole nella quale il potere reale si muove ed agisce, il loro ruolo è quello più sotto pressione.

È infatti nei loro cuori di Esseri Umani che si gioca la partita più critica della Consapevolezza. Per questo è bene diffondere questa lettera facendola conoscere a coloro che, tra i nostri amici e conoscenti, vestono la divisa.

Se ciò che nel profondo essi già SANNO emergerà alla superficie della loro Coscienza, allora diventerà impossibile, da quel momento in poi, difendere, servire e supportare ciò che non merita di essere difeso, servito e supportato.

Ed è in quel momento che la Fratellanza cesserà di essere un concetto di vuota retorica, per manifestarsi come realtà concreta di vita nuova, finalmente umana, per gli umani. Jervé

mi vergognoMi Vergogno

  • Di essere stato comandato, ignorando i veri ordini
  • Di non aver sentito le grida di chi chiedeva Giustizia
  • Di non aver contribuito ad allentare il giogo
  • Di aver permesso ai Padroni di comandare
  • Di aver difeso gli Indifendibili
  • Di non aver dato voce a chi già non ne aveva
  • Di aver taciuto quando sarebbe stata ora di parlare
  • Di aver contribuito involontariamente ad opprimere gli oppressi
  • Di aver zittito quanto c’era da urlare
  • Di aver negato quanto c’era da affermare
  • Di non aver ascoltato quanto c’era da ascoltare
  • Di aver guardato in una unica e sola direzione
  • Di aver favorito anziché arrestare chi veramente lo meritava
  • Di essere rimasto in vigile attesa quando non v’era nulla per cui ne valesse la pena
  • Di non aver compreso quanto c’era da comprendere
  • Di non aver saputo piangere quanto chi mi stava di fronte
  • Di non aver ascoltato chi meritava di esserlo
  • Di aver fatto tacere chi già, non aveva voce
  • Di aver fatto gridare chi non ne aveva diritto
  • Di aver fatto rispettare regole che di fatti, non lo sono
  • Di aver sacrificato chi con Amore mi è a fianco da una vita
  • Di aver detto sempre la verità, scoprendo che essa era solo una grande Bugia

Di tutto questo e di tanto altro mi VERGOGNO e chiedo PERDONO a Dio ed agli Uomini.

Ma soprattutto chiedo perdono ai miei Figli, perché il loro padre non sapeva quel che faceva.

Un Carabiniere

Un Padre

Fonte: http://www.iconicon.it/blog/2013/10/lettera-aperta/

Libri sull'argomento
La Globalizzazione della Nato di Mahdi Darius Nazemroaya
1981: Il Divorzio fra Tesoro e Banca d'Italia di Daniele Della Bona
I Rothschild e gli Altri di Pietro Ratto
 di C.S.
Banchieri di Federico Rampini
Geopolitica dell'Acqua di Giancarlo Elia Valori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *