Lettera aperta della Madre di Julian Assange al Mondo

di Christine Assange

Molte sono rimasti choccati nel vedere una superpotenza vendicativa che usa le sue risorse illimitate per intimorire e distruggere un singolo individuo indifeso.

“Cinquant’anni fa, quando ho partorito per la prima volta come giovane madre, pensavo che non ci potesse essere dolore più grande, ma l’ho dimenticato presto quando ho tenuto tra le braccia il mio bellissimo bambino. L’ho chiamato Julian.

Ora mi rendo conto che mi sbagliavo. Esiste un dolore più grande. L’incessante dolore di essere la madre di un giornalista pluripremiato che ha avuto il coraggio di pubblicare la verità sui crimini governativi di alto livello e sulla corruzione.

Il dolore di vedere mio figlio, che ha cercato di pubblicare importanti verità, infangato a livello globale. Il dolore di vedere mio figlio, che ha rischiato la vita per denunciare l’ingiustizia, incastrato e privato del diritto a un giusto processo legale, più e più volte.

Il dolore di vedere un figlio sano deperire lentamente, perché gli sono state negate cure mediche e sanitarie adeguate in anni e anni di detenzione. L’angoscia di vedere mio figlio sottoposto a crudeli torture psicologiche nel tentativo di spezzare il suo immenso spirito.

L’incubo costante che venga estradato negli Stati Uniti, per poi passare il resto dei suoi giorni sepolto vivo in completo isolamento. La paura costante che la CIA riesca a realizzare i suoi piani per assassinarlo. L’ondata di tristezza quando ho visto il suo fragile corpo crollare esausto per un mini-ictus nell’ultima udienza a causa dello stress cronico.

Molte persone sono rimaste traumatizzate vedendo una superpotenza vendicativa che usa le sue risorse illimitate per intimorire e distruggere un singolo individuo indifeso. Desidero ringraziare tutti i cittadini per bene e solidali che protestano a livello globale contro la brutale persecuzione politica subita da Julian.

Per favore, continuate ad alzare la voce con i vostri politici fino a quando sarà l’unica cosa che sentiranno. La sua vita è nelle vostre mani.”

Articolo di Christine Assange

Fonte: https://www.pressenza.com/it/2021/12/lettera-aperta-della-madre-di-julian-assange-al-mondo/

Libri e varie...
UOMO DOVE VAI?
di Eden Bibi

Uomo Dove Vai?

di Eden Bibi

UOMO DOVE VAI? In quest'epoca di crisi profonda, di consumismo e materialismo, la mente e il cuore, spesso non sono rivolti ai Beni Eterni.

Non possiamo continuare così. Interroghiamoci, dunque, sul senso della vita e sulle questioni importanti di essa.

Dobbiamo fare una scelta, e non soltanto a parole. Per risollevarci, dobbiamo tradurre in azione la nostra Fede, se c'è ancora, perché trionfi in una coerenza di Fede vissuta. Noi Cristiani, insieme a tutti gli uomini di buona volontà, siamo chiamati ad una responsabilità diretta.

Non possiamo più sottrarci ad una ricerca personale (solitaria, singola), che ci consenta di avere sicurezze spirituali di maggiore spessore, cioè convinzioni che ci permettano di partecipare attivamente ad un cambiamento, ormai incalzante, in cui l'invito di San Paolo a non disprezzare le Profezie ed a non spegnere lo Spirito, acquisti il suo grande valore.

L'ascolto dei Messaggi Celesti, specie quelli della B.V. Maria, una delle Voci che, insieme con altri segni (lacrimazioni, sanguinamenti di immagini, apparizioni, Miracolo del Sole), ci invita al cambiamento indicandoci nella più assidua Preghiera la Via principale per la Salvezza.

La lettura degli argomenti di questo libro, aggiornati alla data di stampa, sarà un ulteriore stimolo a collegarci con l'insegnamento di Gesù Cristo (aggiornatissimo!), magari partendo dal commento del Sacerdote alla Messa della Domenica, una volta a casa nostra, in raccoglimento e meditazione nel giorno da dedicare al Signore.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *