Le Tasse nascoste valgono ben più di una patrimoniale

di Mirco Galbusera

In Italia le tasse nascoste contano come 14 patrimoniali ricorrenti. Dall’Iva alle imposte sulle donazioni a quelle sui conti correnti, tutti i micro balzelli che fomentano l’evasione.

https://www.pagaremenotasse.com/wp-content/uploads/2019/03/imposte-dirette-indirette.jpg

Ormai ogni giorno si parla di tasse. Dalla televisione, ai giornali, alla radio, l’attenzione dei contribuenti è sempre più orientata verso una preoccupazione che è diventata una costante degli ultimi anni: le tasse. Si è sempre meno interessati a quanto accade nel mondo e più schiavizzati dalle notizia che arrivano dal fronte fiscale.

Poi ci sono le false credenze. Si pensa che le tasse siano solo quelle che paghiamo direttamente allo Stato (tasse dirette), come quando si paga il bollo auto, il canone Tv o l’IMU. Ma molte tasse (quelle indirette) sono nascoste e non ce ne accorgiamo di pagarle.

Libri e varie...

14 patrimoniali nascoste che valgono 46 miliardi all’anno

L’Iva è la più classica e corposa tassa nascosta, si paga su ogni acquisto di bene e servizio. Ma poi vi sono le tasse che vengono pagate da chi produce e che vengono scaricate sul costo finale dei beni o dei servizi per cui il consumatore si ritrova a pagare due volte le imposte allo Stato. Ci sono poi le tasse sulle eredità, sulle donazioni, sul lavoro, sui conti in banca, sulle rendite finanziarie. Tutti doppioni di tasse già pagate. Micro balzelli che se messi insieme costituiscono una grossa patrimoniale ricorrente.

Secondo il Centro Studi della CGIA di Mestre, ci sono in Italia ben 14 patrimoniali che, nel 2018, hanno garantito allo Stato ben 46 miliardi di euro, ossia il 2,7% del Pil. A titolo di paragone, si pensi che nel 1990 la pressione fiscale in tal senso era meno della metà, l’1,3%. Incremento dovuto alle spese folli dei governi e della pubblica amministrazione, soprattutto in campo sanitario e previdenziale. Cosa che ha portato lo Stato a indebitarsi a livelli record.

L’evasione fiscale

https://cultura.biografieonline.it/wp-content/uploads/2014/04/tasse-e-imposte.jpg

Di fronte a queste vera e propria guerra in cui il cittadino è martoriato dalle tasse, è esplosa in Italia l’evasione fiscale. Vale oltre 110 miliardi all’anno e rappresenta un primato all’interno dell’Unione Europea. Eppure per molti è una questione di sopravvivenza.

E non parliamo solo di famiglie o singoli cittadini, ma anche di imprenditori, artigiani, commercianti, ecc. che magari hanno crediti nei confronti della pubblica amministrazione e che non possono riscuotere, a causa di ritardi. Ciò nonostante, devono versare a scadenza imposte all’erario col rischio di fallire. Così come esistono tanti contribuenti onesti che, causa la crisi, magari hanno perso il lavoro e non sono più in grado di far fronte alle esigenze del fisco e quindi non pagano l’IMU piuttosto che la Tari al proprio Comune.

Le tasse sulle rendite finanziarie

Una delle tasse considerate meno “ingiuste” secondo il pensiero comune, è la tassa sui depositi bancari. Eppure, per il solo fatto di possedere un conto corrente, oggi indispensabile per qualsiasi operazione (dall’accredito della pensione o stipendio, al pagamento delle bollette), bisogna dare allo Stato 34,20 euro all’anno, se la giacenza media supera i 5.000 euro. Per non parlare del prelievo che lo Stato opera sugli interessi: pari al 26% che oltre ad essere estremamente esigui al giorno d’oggi, sono appunto anche tassati. Se poi si possiedono titoli di stato o buoni fruttiferi, anche su questi si pagano imposte nella misura dello 0,02% all’anno sul controvalore del deposito titoli. Infine c’è la Tobin Tax che colpisce le operazioni di acquisto di azioni in borsa e vale lo 0,01% del controvalore.

Il bollo auto e il canone Tv

Ma se per questo genere di imposte “nascoste” non si protesta troppo, come se fossero giuste perché si va a colpire chi ha soldi, si fa la guerra per i bolli. Il bollo auto e il canone Tv sono infatti le tasse più odiate dagli italiani. Lo si capisce dall’alto tasso di evasione che per il canone Tv aveva raggiunto picchi del 30% in alcune regioni d’Italia. Evasione poi crollata ai minimi termini da quanto la riscossione è stata introdotta obbligatoriamente in bolletta elettrica. Anche il bollo auto è molto odiato dai contribuenti che lo ritengono ingiusto, perché appesantisce l’imposizione fiscale su un bene, l’automobile, che è già super tassato, sia al momento dell’acquisto che durante il periodo di utilizzo.

Articolo di Mirco Galbusera

Fonte: https://www.investireoggi.it/fisco/le-tasse-nascoste-valgono-ben-piu-di-una-patrimoniale/

Libri e varie...
BANCHIERI & COMPARI
Come malafinanza e cattivo capitalismo si mangiano i soldi dei risparmiatori
di Gianni Dragoni

Banchieri & Compari

Come malafinanza e cattivo capitalismo si mangiano i soldi dei risparmiatori

di Gianni Dragoni

Dove finiscono i nostri soldi?

Chi paga la crisi?

L'Italia è tra i paesi che faticano di più a risollevarsi.

La cura Monti non serve a crescere.

La disoccupazione è ai massimi dal 2004. Soprattutto le banche non riescono a superare la crisi, nonostante i generosi interventi fatti in loro soccorso. Quelle italiane hanno ricevuto dalla Bce 270 miliardi di prestiti a buon mercato, più di un quarto del totale distribuito in Europa. Perché hanno bisogno di così tanti soldi?

Perché sono imbottite di Bot, Btp e Cct comprati quando sembravano un investimento sicuro, mentre ora sono ad alto rischio, la fiducia è crollata e il debito pubblico sembra inarrestabile.

Questo libro racconta come la pioggia di denaro facile proveniente dal grande bancomat di Francoforte venga impiegata per fare speculazioni: le banche hanno aumentato gli acquisti di titoli di Stato (318 miliardi di euro!) che il Tesoro altrimenti non avrebbe saputo come piazzare, forti della garanzia che il rendimento dei titoli è molto più alto del costo del prestito.

Alla fine chi paga? Gli Stati, se i cittadini potranno sopportare nuove tasse. Come racconta Dragoni, ricostruendo storie e casi esemplari, le scorribande della finanza e le speculazioni delle banche si incrociano con la ragnatela di partecipazioni, i conflitti d'interesse, le triangolazioni con l'estero per aggirare il fisco.

A farne le spese, i risparmiatori, mentre c'è sempre qualche banchiere in grisaglia o un cinico operatore che incassa un bonus milionario.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *