Le dieci marche di cioccolato che sfruttano i bambini-schiavi

di Nathan Wellman – Traduz. di Franz Mannino per il Post Viola

Prima di comprare o consumare cioccolato è bene che diate un’occhiata a questa lista stilata oggi da US Uncut. Sono i brand che, ancora oggi, ricorrono al lavoro di bambini schiavi, soprattutto in Africa. Ci sono grandi compagnie presenti anche in Italia, come Mars, Nestlè, Kraft o Godiva. E altre che, pur operando prevalentemente in America (ma anche nel mercato europeo) sono molto attive nel commercio on line. Qui l’articolo di Nathan Wellman tradotto da Franz Mannino.

Cocoa Child LaborerGli americani spendono oltre un miliardo di dollari ad ogni Halloween, garantendo il 10% dei guadagni delle aziende produttrici di cioccolato. E il cittadino americano medio mangia più di 5Kg di cioccolato all’anno. Quindi, per questo Halloween, usa i tuoi soldi per far loro sapere che la schiavitù infantile non è tollerata dai consumatori.

Lo scorso settembre, una causa è stata intentata contro otto compagnie – incluse Hershey, Mars e Nestlè – che le accusa di prendersi gioco del consumatori inducendoli inconsapevolmente a finanziare il lavoro dei bambini-schiavi nell’Africa occidentale, terra che produce due terzi del cacao mondiale.

lavoratori hanno età comprese tra 11 e 16 anni (a volte più giovani). Sono intrappolati in fattorie isolate, dove lavorano tra le 80 e 100 ore settimanali. Il film Slavery: A Global Investigation riporta le testimonianze di bambini liberati che raccontano di aver spesso subito percosse, pugni, cinghiate, frustate.

“Le botte erano una parte della mia vita“, dice Aly Diabate, uno schiavo liberato, ai reporter. “All’improvviso ti caricavano con dei sacchi (di semi di cacao) e se cadevi nel trasportarli nessuno ti aiutava. Piuttosto ti picchiavano e picchiavano ancora, finchè non ti rialzavi e te li caricavi di nuovo sulla schiena”

Per questo, per aiutarti a boicottare chi sostiene la schiavitù, pubblichiamo una lista di dieci compagnie che traggono profitto dal lavoro degli schiavi-bambini:

Hershey
Mars
Nestle (che è tra gli sponsor di Expo 2015, leggi qui)
ADM Cocoa
Guittard Chocolate Company
Godiva (presente anche in Italia con cioccolaterie, tra cui una a Roma in piazza di Spagna)
Chocolates by Bernard Callebaut
Fowler’s Chocolate
Kraft
See’s Candies

Sebbene sulla carta esistano norme internazionali per eliminare il lavoro minorile nelle piantagioni di cacao, lo sfruttamento minorile per i lavori pesanti è un fenomeno ancora globale che riguarda non solo il settore del cacao, ma è purtroppo esteso a molti altri ambiti del mercato mondiale. I numeri parlano chiaro: secondo le stime dell’OIL, nel mondo ci sono 215 milioni di bambini che lavorano in attività che andrebbero abolite; tra questi 152 milioni hanno meno di quindici anni, e 115 milioni svolgono lavori pericolosi. Dati dell’International Labor Rights Forum affermano che del numero globale di bambini lavoratori 120 milioni lavorano a tempo pieno per aiutare le famiglie sull’orlo della miseria, ma che il fenomeno non riguarda solo paesi poveri, ma tutto il pianeta. Stati Uniti compresi.

Children and chocolate - The sweet industry's bitter sideUna legge è quasi passata nel 2001, e avrebbe impegnato la FDA (Food and Drugs Administration) ad includere l’etichetta “slave free” (prodotto senza sfruttare la schiavitù) sulle confezioni. Prima che la legge arrivasse al voto, l’industria del cioccolato – incluse Nestlè, Hershey e Mars – ha usato il denaro delle compagnie per fermarla, promettendo di autoregolamentarsi e porre fine all’apporto della schiavitù infantile nel loro business entro il 2005. La scadenza è stata più volte spostata in avanti, e adesso l’attuale obiettivo è il 2020.

Nel frattempo, il numero di bambini che lavorano nell’industria del cacao è cresciuto del 51% tra il 2009 e il 2014. Uno di questi ragazzini liberati pone così l’argomento: “Mangiano qualcosa che io ho sofferto nel produrre; ho lavorato duro per loro ma non ho avuto alcun beneficio. Stanno mangiando la mia carne”

Ecco invece una lista delle compagnie più socialmente sensibili, che hanno scelto di evitare il profitto che deriva dalla sofferenza del lavoro infantile:

Clif Bar
Dagoba Organic Chocolate
Green and Black’s
Koppers Chocolate
L.A. Burdick Chocolates
Denman Island Chocolate
Gardners Candie
Montezuma’s Chocolates
Newman’s Own Organics
Kailua Candy Company
Omanhene Cocoa Bean Company
Rapunzel Pure Organics
The Endangered Species Chocolate Company
Cloud Nine

Articolo originale di Nathan Wellman per US Uncut

(Traduz. di Franz Mannino per il Post Viola)

Fonte: violapost.it

Libri sull'argomento
 di Gianluca Ferrara
 di Massimo Guerrieri, Antonello Cattani, Paolo Giavanardi
Islanda Chiama Italia di Andrea Degl'Innocenti
La Matrix Europea di Francesco Amodeo
Non Chiamatelo Euro di Angelo Polimeno
Scie Chimiche - La Guerra Segreta di Rosario Marcianò, Antonio Marcianò
IL CIBO DELLA SAGGEZZA
Che cosa ci nutre davvero
di Franco Berrino, Marco Montagnani

Il Cibo della Saggezza

Che cosa ci nutre davvero

di Franco Berrino, Marco Montagnani

"Il Cibo della Saggezza" è un libro di insegnamenti pratici per riscoprire le verità alla base della salute e della felicità.

Le conoscenze scientifiche della medicina occidentale si incontrano con le antiche tradizioni della saggezza orientale in questo testo semplice e diretto, scritto da Franco Berrino assieme all'esperto di taoismo e medicina cinese Marco Montagnani.

Scienza e sapienza unite per apprendere la pratica del buon vivere: un libro per trasmetterci con chiarezza ed efficacia cosa ci nutre davvero, nel corpo e nello spirito, e cosa, invece, ci fa ammalare.

Durante i suoi frequenti viaggi in Oriente, Franco Berrino è rimasto più volte colpito dalla straordinaria coincidenza tra i risultati degli studi scientifici più aggiornati in ambito di alimentazione e stile di vita e gli insegnamenti millenari dei testi orientali.

"Il libro che avete fra le mani racconta il mio incontro con un maestro taoista, Marco Montagnani, in merito alla conoscenza del cibo, alla sua influenza sulla salute e sulla malattia".

In queste pagine scienza e sapienza, le parole di Berrino e quelle di Montagnani si fanno eco, poi si avvolgono, si compenetrano, proprio come lo Yin e lo Yang nel simbolo del Tao.

Questo dialogo insolito e profondo offre a Berrino l'opportunità di raccontare per la prima volta di sé e della sua vita e di riproporre il suo punto di vista critico sull'industria alimentare e su quella farmaceutica.

Un messaggio portato con una forza, una franchezza e una poesia forse mai lette nei suoi libri precedenti.

Una via al benessere dall'incontro tra scienza occidentale e saggezza orientale.

Dal libro:

"Molti di noi sembrano non amare se stessi.

Trascuriamo il corpo fisico, lo nutriamo di cibo spazzatura, silenziamo con farmaci le sue proteste. Trascuriamo anche il nostro corpo emozionale: ci nutriamo di sensi di colpa, rancori, delusioni, addirittura odio, e le frustrazioni ci portano a ingurgitare ancor più cibo spazzatura. Trascuriamo il nostro corpo mentale, con pensieri superficiali, egoisti, arroganti, divorati dall'invidia, oppure con pensieri ossessivi, pesanti, cattivi. Trascuriamo il nostro corpo spirituale, che desidera essere riconosciuto e connesso con il corpo fisico, libero, in gioia.

Scuotiamoci, togliamoci di dosso i chili di troppo e i pensieri pesanti. È possibile!"

E ancora...

"Una vita sana è una vita semplice: è nutrirsi di cibi naturali e non delle metamorfosi industriali dei cibi, è muoversi, è godere delle piccole cose, è essere gentili, grati di essere vivi, di esistere, è essere coscienti di respirare, apprezzare ogni oncia di amore che ci è concessa."

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *