Le Conseguenze sulla Vita di una Guerra Nucleare

Una guerra nucleare su vasta scala tra Stati Uniti e Russia causerebbe una carestia globale e ucciderebbe più di 5 miliardi di persone.

Anche un conflitto nucleare tra nuovi stati nucleari decimerebbe la produzione agricola e provocherebbe una diffusa fame. Si stima che più di 2 miliardi di persone potrebbero morire a causa di una guerra nucleare tra India e Pakistan e più di 5 miliardi di persone potrebbero morire a causa di una guerra tra Stati Uniti e Russia, sottolineando l’importanza della cooperazione globale nella prevenzione di una guerra nucleare. Una ricerca, che stima la produzione agricola postbellica, è stata redatta dagli scienziati del clima della Rutgers University e pubblicata da Nature Food. (1)

“I dati ci dicono una cosa: dobbiamo impedire che si verifichi una guerra nucleare”, ha affermato il dottor Alan Robock (2), illustre professore di scienze del clima, presso il Dipartimento di scienze ambientali della Rutgers University e coautore dello studio. La dottoressa Lili Xia (3), assistente professoressa di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Ambientali di Rutgers, è l’autrice principale dello studio.

Basandosi su ricerche passate, Lili Xia, Alan Robock e i loro colleghi hanno lavorato per calcolare quanta fuliggine (che blocca il sole) sarebbe entrata nell’atmosfera dalle tempeste di fuoco che sarebbero state innescate dalla detonazione di armi nucleari. I carichi atmosferici di questa fuliggine causerebbero perturbazioni al clima terrestre, limitando la produzione di cibo terrestre e acquatico.

I ricercatori hanno anche stimato la dispersione della fuliggine da sei scenari di guerra – cinque guerre più piccole tra India e Pakistan e una grande guerra tra Stati Uniti e Russia – in base alle dimensioni dell’arsenale nucleare di ciascun paese.

Questi dati sono stati poi inseriti nel Community Earth System Model (4), uno strumento di previsione del clima supportato dal National Center for Atmospheric Research (NCAR). Il modello NCAR Community Land ha consentito di stimare la produttività delle principali colture (mais, riso, frumento primaverile e soia) paese per paese. I ricercatori hanno anche esaminato i cambiamenti previsti nei pascoli del bestiame e nella pesca marittima globale.

Anche nel più piccolo scenario nucleare, una guerra localizzata tra India e Pakistan, la produzione calorica media globale è diminuita del 7% entro cinque anni dal conflitto. Nel più grande scenario di guerra testato – un conflitto nucleare su vasta scala tra Stati Uniti e Russia – la produzione calorica media globale è diminuita di circa il 90%, tre o quattro anni dopo i combattimenti.

Il calo dei raccolti sarebbe più grave nelle nazioni di latitudine medio-alta, compresi i principali paesi esportatori come Russia e Stati Uniti, il che potrebbe innescare restrizioni alle esportazioni e causare gravi interruzioni nei paesi dipendenti dalle importazioni in Africa e Medio Oriente.

Questi cambiamenti indurrebbero un’interruzione catastrofica dei mercati alimentari globali, concludono i ricercatori. Anche un calo globale del 7% della resa dei raccolti, supererebbe la più grande anomalia mai registrata dall’inizio dei record osservativi dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura nel 1961. Nel più grande scenario di guerra, più del 75% del pianeta morirebbe di fame entro due anni.

I ricercatori hanno valutato se l’utilizzo delle colture somministrate al bestiame come cibo umano o la riduzione degli sprechi alimentari potesse compensare le perdite caloriche nell’immediato dopoguerra, ma i risparmi erano minimi negli scenari di grandi iniezioni.

La dottoressa afferma che lo strato di ozono verrebbe distrutto dal riscaldamento della stratosfera, producendo più radiazioni ultraviolette in superficie, e che è necessario capire quell’impatto sulle scorte alimentari.

Gli scienziati del clima dell’Università del Colorado, che hanno collaborato allo studio con Rutgers, stanno anche creando modelli dettagliati di fuliggine per città specifiche, come Washington DC, con gli inventari di ogni edificio per ottenere un quadro più accurato di quanto fumo verrebbe prodotto.

Il professor Alan Robock ha affermato che i ricercatori hanno già informazioni più che sufficienti per sapere che una guerra nucleare di qualsiasi dimensione cancellerebbe i sistemi alimentari globali, uccidendo miliardi di persone nel processo.

Egli precisa: “Se esistono armi nucleari, possono essere utilizzate e il mondo si è avvicinato più volte alla guerra nucleare. Vietare le armi nucleari è l’unica soluzione a lungo termine. Il Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari, vecchio di cinque anni, è stato ratificato da 66 nazioni, ma da nessuno dei nove stati nucleari. Il nostro lavoro chiarisce che è tempo che quei nove stati ascoltino la scienza e il resto del mondo e firmino questo trattato”.

Lo studio condotto da Rutgers è stato fatto in collaborazione con studiosi di istituzioni di tutto il mondo, tra cui l’Universitat Autònoma de Barcelona, Louisiana State University, il Potsdam Institute for Climate Impact Research, NASA Goddard Institute for Space Studies, Columbia University, il National Center for Atmospheric Research, the University of Colorado Boulder e la Queensland University of Technology.

Riferimenti:

(1)Global food insecurity and famine from reduced crop, marine fishery and livestock production due to climate disruption from nuclear war soot injection

(2)Alan Robock

(3)Lili Xia

(4)Community Earth System Model

Fonte originale: Nuclear War Would Cause a Global Famine and Kill Billions, Rutgers-led Study Finds

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano 

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://ecplanet.org/le-conseguenze-di-una-guerra-nucleare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.