Le bevande gassate danneggiano il cervello

Le bevande gassate, molto diffuse nei supermercati, possono essere dannose per la nostra salute. Sia che queste bevande contengano zucchero sia che siano in versione light e contengano aspartame, acesulfame k, sciroppo di glucosio, fruttosio, ecc. sono ugualmente dannose.

Bevande gassate e lightUn recente studio dimostra che le bevande dolcificate aumentano il rischio di ictus e demenza. In altre parole, stanno letteralmente minando il tuo cervello. Avevamo già parlato dello zucchero come causa di Alzheimer e demenza e quindi di come tutte le bevande contenenti zucchero andassero evitate. Infatti, una sola lattina di cola, ad esempio, contiene una quantità esorbitante di zucchero!

I ricercatori dell’Università di Boston hanno, ora, reso noti i risultati di un altro studio, affermando che le persone che assumono bevande dietetiche (le cosiddette bibite “light”) sono quasi tre volte più a rischio di ictus e demenza.

Le Bevande dolcificate aumentano il rischio di ictus e demenza

I ricercatori hanno studiato le tendenze dei consumatori di bibite in un campione di quasi 3.000 adulti e hanno scoperto alcuni dati sorprendenti. Riferendosi a persone di età superiore ai 45 anni, per lo studio dell’incidenza di ictus e a persone di più di 60 anni per quanto riguarda la demenza, hanno scoperto che l’assunzione regolare di bevande “light”, quasi triplica il rischio di ictus e di demenza.

Tale rischio è valido anche dopo aver considerato altri fattori di rischio come l’obesità, la qualità della dieta, i livelli di esercizio fisico e il fumo. Questi studi non hanno un valore assoluto, ma sono dati molto forti e ci danno un grande avvertimento. Sembra che non ci sia molto da fare per le bibite zuccherate, sostituire lo zucchero con dolcificanti artificiali non sembra affatto aiutare. Forse tornare ad apprezzare un buon bicchiere d’acqua è qualcosa a cui dovremmo riabituarci” – spiega la Dott. Sudha Seshadri, professoressa di neurologia e docente presso l’Alzheimer’s Disease Center della Boston University.

Ma il team di ricerca della Boston University non si è fermato qui. Ha studiato le conseguenze indotte dall’assumere questo tipo di bevande. Sia che parliamo dello zucchero “vero” sia che parliamo dei pericoli dell’alto contenuto di fruttosio dello sciroppo di mais, la scienza parla chiaro. Lo scandalo dell’industria dello zucchero degli anni ‘50 e ‘60 stabiliva l’inizio di un disastro alimentare. Gli studi falsificati finanziati dalle industrie dello zucchero spostarono la percezione pubblica, ingannando la gente a pensare che non fosse lo zucchero il nemico della salute, ma i grassi.

Ora, come sappiamo bene, i grassi sani sono vitali per mantenerci in buona salute. Ma ci sono ancora troppe persone che continuano a tracannare bibite gassate. L’eccesso di zucchero è risaputo che provochi malattie cardiache e seri danni metabolici. Ma i ricercatori dell’Università di Boston volevano studiare gli effetti delle bibite gassate, bevande analcoliche e succhi di frutta sul cervello umano.

Utilizzando l’imaging a risonanza magnetica (MRI), test cognitivi e dati esistenti, gli scienziati hanno scoperto che bere più di due bevande zuccherate al giorno o più di 3 bibite gassate da luogo ad una riduzione del volume cerebrale. Stiamo parlando di un vero e proprio ritiro del cervello, una riduzione delle dimensioni dell’ippocampo. Ciò porta anche ad un invecchiamento accelerato del cervello e ad un impoverimento della memoria. Questi sono tutti fattori di rischio, che possono indurre ai primi stadi dell’Alzheimer. Anche solamente una bibita gassata al giorno può produrre la riduzione del volume cerebrale, come mostra uno studio pubblicato sulla rivista The Journal of the Alzheimer’s Association.

Altri disturbi di salute collegati all’assunzione di bibite gassate e zuccherate

L’Università di Boston ha mostrato la prima connessione tra bevande gassate e demenza, ma c’è anche una lunga lista di ricercatori che hanno trovato collegamenti tra queste bevande artificialmente zuccherate ed una serie di problemi di salute, tra cui:

  • Depressione. Bere 4 o più lattine al giorno è collegato a un rischio di depressione superiore del 30%.
  • Danni ai reni. Il consumo di questo tipo di bevande sul lungo periodo è collegato ad una riduzione del 30% della funzionalità renale.
  • Diabete di tipo 2 e sindrome metabolica. Le bibite gassate, specialmente quelle cosiddette light o diet bevute quotidianamente, aumentano il rischio di sindrome metabolica del 36% e aumentano anche il rischio di diabete di tipo 2, del 67%.

3 bevande salutari come alternative alle bibite gassate

Perché bere qualcosa che ti accorcia la vita? Prova queste sane alternative invece:

  • Tè verde: bere tè verde può ridurre il rischio di Alzheimer fino all’86%.
  • Kombucha: ami le bollicine delle bibite gassate? Prova il kombucha! Conosciuto come “Elisir di lunga vita” dai cinesi, è una bomba di probiotici e di energia.
  • Kefir: è una bevanda fermentata e quindi leggermente gassata naturalmente, come il kombucha, con il vantaggio che non contiene teina/caffeina e quindi è adattata a tutti.

Considerazioni finali

  • Le cosiddette bevande diet o light triplicano il rischio di ictus e demenza.
  • Le bevande zuccherate sono anch’esse dannose.
  • Bere una bibita gassata al giorno riduce il volume del tuo cervello.
  • Bere bevande zuccherate regolarmente, riduce le dimensioni dell’ippocampo, portando a un invecchiamento cerebrale accelerato e danneggiando la memoria. Questi sono tutti fattori di rischio per l’Alzheimer.
  • Invece di bere queste bevande, prova il tè verde, il kefir o il kombucha

Fonte: Dionidream.com

Libri e varie...
KILLER COLA
La cruda verità sulle bibite
di Nancy Appleton, G. N. Jacobs

Killer Cola

La cruda verità sulle bibite

di Nancy Appleton, G. N. Jacobs

Gli interessi delle multinazionali stanno distruggendo la salute di milioni di persone.

Una coraggiosa denuncia dei danni provocati dalle bevande industriali. Il costante aumento dei casi di obesità, diabete, ipertensione, cardiopatie, allergie, tumori e ictus va di pari passo con il consumo di queste bibite.

Forte di sofisticate strategie di distribuzione e di campagne pubblicitarie martellanti, l'industria delle bevande industriali ha conosciuto negli ultimi decenni un successo esplosivo, che ha però comportato un altissimo prezzo da pagare in termini di salute dei consumatori, senza contare le enormi spese mediche sostenute ogni anno da privati ed enti pubblici a causa dei danni provocati da questi prodotti.

Dalle classiche bibite gassate a quelle energetiche, dagli sport drink alle acque aromatizzate, una miriade di prodotti ha letteralmente intossicato i consumatori con zuccheri di ogni tipo, edulcoranti "light", aromi artificiali e additivi. Killer Cola esamina con grande lucidità e senso pratico tutti i pericoli di queste bevande, offrendo al lettore soluzioni concrete e informazioni utili ed esaurienti.

  • Cosa contengono veramente le bevande industriali
  • La grande famiglia degli additivi e degli aromi artificiali
  • Lo zucchero e i suoi sostituti: i danni per la salute
  • Le malattie dell'era moderna e il loro legame con le bibite
  • La dipendenza provocata dalle bevande industriali
  • Strategie di marketing che intrappolano il consumatore
  • Soluzioni pratiche e controinformazione
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *