La verità di una siriana: “Molti profughi sono jihadisti”

Virale sui social il suo discorso tenuto durante una manifestazione a Belgrado: “Invece di accogliere tutti, perché non aiutate la Siria a sconfiggere l’Isis? Nessuno ha pianto per i 100mila soldati caduti per combattere il terrorismo”

“Cari amici, sono qui oggi davanti a voi come un’orgogliosa cittadina siriana, per dirvi che prima di questa guerra (…) non conoscevamo l’ingiustizia, il terrorismo o la criminalità. (…) Ma la cosa più importante è che prima di questa guerra, non esistevano i profughi siriani“.

La verità di una siriana: "Molti profughi sono jihadisti"

Inizia così il discorso di una donna siriana durante la manifestazione organizzata domenica scorsa a Belgrado, dal Movimento Nazionale serbo “Obraz”. Nel video che sta diventando virale sui social, si sente un discorso che mette al muro l’azione dei paesi occidentali in Siria, il loro traballante intervento militare e la decisione di accogliere chi scappa da quelle terre. Un approccio che quella donna, che ha vissuto e vive da vicino il dramma, considera errato: per aiutare davvero i profughi bisogna vincere la guerra in Siria: “Se l’Occidente non vuole i rifugiati o non vuole che muoiano in mare, perché non ferma le sanzioni contro il popolo siriano? Perché non aiuta l’esercito siriano a sbarazzarsi del terrorismo e a rendere nuovamente la Siria un luogo sicuro? Perché non si muove a ricostruire le case distrutte, con i soldi che spendono per i rifugiati?”.

Un discorso contro i leader europei pronti ad aprire le porte e incapaci di sconfiggere l’Isis. Chi piange per i profughi morti in mare, non si preoccupa dei tanti che stanno dando la vita, faccia a faccia, con il terrore.Abbiamo perso 100.000 soldati che combattono contro gli estremisti – continua il suo discorso la ragazza siriana – non sento piangere per loro, per quelli che hanno dato l’anima per difendere la loro nazione, lasciando sole le famiglie orgogliose. Loro meritano di essere aiutati”.

E sui migranti che in questi giorni stanno entrando in Europa: “Molti di loro sono jihadisti, e per di più sono pagati migliaia di euro per venire in Europa. Lasciate che vi dica che il denaro che una famiglia di 5 persone paga per raggiungere l’Europa, è sufficiente per comprare una casa in una zona sicura in Siria, iniziare un nuovo lavoro e vivere bene. Non sono rifugiati, ma migranti economici”.

Fonte: ilgiornale.it

Libri sull'argomento
NWO - New World Order di Enrica Perucchietti
Trappola Globale - Il Governo Ombra di Banche e Multinazionali di Sabina Marineo
I Maestri Invisibili del Nuovo Ordine Mondiale di Enrica Perucchietti, Leo Lyon Zagami
Il Pianeta Impolverato di Stefano Montanari
La Globalizzazione dalla Culla alla Crisi di Alessandro Volpi
A chi convengono gli Ogm? di Jacques Testart
Libri e varie...
OBIETTIVO SIRIA (EBOOK)
Come Cia, bande criminali e Ong armano il terrorismo, commettono crimini di guerra e falsano le informazioni manipolando l'opinione pubblica
di Tony Cartalucci, Nile Bowie

Obiettivo Siria (eBook)

Come Cia, bande criminali e Ong armano il terrorismo, commettono crimini di guerra e falsano le informazioni manipolando l'opinione pubblica

di Tony Cartalucci, Nile Bowie

Vuoi conoscere la reale situazione della guerra civile in Siria?

Tony Cartalucci e Nile Bowie, due ricercatori indipendenti ed esperti di geopolitica, ci svelano, con una puntuale indagine giornalistica, la Grande Bugia nascosta dietro l'ennesimo conflitto "umanitario" che insanguina il Medio Oriente.

La situazione è drammatica: il Paese si dibatte in un cruento scontro civile, oggetto di spietati attacchi da parte di nemici interni ed esterni. La cosiddetta "rivolta siriana", in realtà, fa parte di una cinica strategia occidentale, che si serve di provocatori, terroristi, fanatici fondamentalisti e ONG corrotte.

L'obiettivo è quello di colpire uno Stato arabo indipendente, in cui la ricchezza generata dal petrolio viene impiegata per finanziare lo stato sociale, proprio come avveniva in Libia prima che questa venisse annientata in modo analogo, con la compiaciuta adesione delle "petrolmonarchie" del Golfo e dei Paesi vicini, che partecipano al massacro come tanti sciacalli.

La trama statunitense prevede quindi l'uso del terrorismo – tramite mercenari e irregolari, la "legione straniera" della CIA – per portare a compimento attentati e stragi di innocenti e poi addossare, servendosi della propaganda mediatica, la responsabilità della carneficina e della violazione dei diritti umani al governo preso di mira.

I mezzi di informazione credono a questa Grande Bugia e creano quindi una realtà falsificata, ragione per cui è impossibile farsi un'opinione propria, libera e indipendente.

Obiettivo Siria spiega come queste guerre architettate vengano messe in atto usando l'inganno, per strumentalizzare gli istinti più nobili dell'animo umano e manipolare l'opinione pubblica internazionale e tutti coloro che altrimenti tenderebbero a contrastare l'intervento armato, fino a metterli al servizio dell'assassinio di massa e della dittatura globale del potere economico.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *