La Spiritualità protegge il Cervello

La spiritualità, di qualsiasi tipo, sembra proprio che faccia bene al cervello. Aumentano le connessioni cerebrali e si riduce il rischio di depressione: lo dicono gli esperti della Columbia university.

Succede qualcosa nel cervello quando ci accingiamo a coltivare la nostra spiritualità. Aumenta la “sostanza bianca” e questo correla con un minor rischio di depressione. Ora arrivano gli scienziati della Columbia e New York State Psychiatry Institute a confermarlo: si vede attraverso la risonanza magnetica.

Gli effetti sul cervello

Più spiritualità, più religiosità, portano il cervello a sviluppare più connessioni cerebrali: questa è la tesi. Anche nelle persone ad alto rischio di depressione, per fattori genetici (genitori depressi), si vede che la pratica spirituale rende più spessa la corteccia del cervello nelle aree parietali e occipitali.

Libri e varie...

“Come abbiamo precedentemente riportato – dicono gli autori – una corteccia più sottile in queste regioni è uno stabile biomarker di rischio di depressione. Ipotizziamo quindi che l’aumento dello spessore della materia bianca nelle persone che ritengono importanti le loro attività spirituali, sia un meccanismo compensatorio o protettivo”. Tutto questo è ancora oggetto d’indagine, servono altri approfondimenti.

Che tipo di spiritualità?

Il messaggio dello studio non è che una religiosità sia meglio dell’altra. Semplicemente si dice che chi ha interessi spirituali e li pratica costantemente risulta più protetto dalla depressione. Gli Autori dell’indagine sono neuroscienziati americani e cinesi, ma nel campione analizzato, quelli sottoposti a RM (DTI), ci sono molti italiani, per la precisione del sud del paese. Quindi cattolici. Poi ci sono protestanti e persone che dicono di seguire la propria spiritualità personale. Gli altri si dicevano atei o agnostici.

“Tutto è Uno” potrebbe essere la chiave

Queste esplorazioni scientifiche sul legame tra spiritualità e cervello vanno avanti da alcuni anni. Per esempio, un’altra indagine del 2013 aveva trovato che le persone con malattie mentali come la depressione rispondono meglio ai trattamenti se credono in “Dio” (McLean Hospital in Belmont, Mass.). Ma non è il “tipo” di Dio che fa la differenza, quanto la spiritualità in generale. Al punto che alcuni pensano che il concetto di spiritualità possa essere molto esteso, anche senza credere in entità superiori di carattere religioso. L’importante sarebbe la capacità di non limitare la nostra visione del mondo a un piccolo ego personale ma coltivare una visione più ampia, di interconnessione col mondo e le altre persone. Il “tutto è uno” ci riguarda strettamente.

Fonte: http://www.laltramedicina.it/notizie/la-spiritualita-protegge-il-cervello/

Libri e varie...
COME LA SPIRITUALIT? CAMBIA IL CERVELLO
L'illuminazione e la nuova scienza della trasformazione
di Andrew Newberg, Mark Robert Waldman

Come la Spiritualit? Cambia il Cervello

L'illuminazione e la nuova scienza della trasformazione

di Andrew Newberg, Mark Robert Waldman

Un’approccio scientifico allo studio della meditazione. La dimostrazione sperimentale degli effetti benefici della meditazione sulla salute.

In questo libro, estremamente originale e innovativo, il dottor Andrew Newberg e Mark Robert Waldman rivolgono la loro attenzione al culmine dell’esperienza umana: l’illuminazione.

Attraverso i suoi studi di brain-scan (scansione celebrale) condotti su psichici brasiliani, mistici sufi, meditatori buddhisti, suore francescane, pentecostali, e partecipanti a rituali si spiritualità secolare, Newberg ha scoperto gli specifici meccanismi neurologici responsabili di quella che definiamo esperienza di illuminazione, e come possiamo attivare quei circuiti in nostro cervello.

"Invece di cercare la saggezza attraverso gli studi scientifici, la lettura di libri e le conversazioni con altre persone, rivolsi la mia attenzione all'interno.

Pensavo, forse ingenuamente, che se i migliori scienziati, filosofi e teologi non riuscivano a trovare un accordo su questi problemi fondamentali, forse avrei potuto trovare la risposta dentro di me.

Mi sembrava che, essendo io parte della realtà, avrei dovuto essere in grado di calmare i miei pensieri turbinosi e provare a identificare le verità assolute che stavo cercando. Dopotutto era quella la ricerca dell'Illuminazione, almeno secondo gli antichi maestri cinesi che mi assicuravano l'esistenza di una risposta per tutto."
Andrew Newberg

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*