La Siria scopre missili anti-carro costruiti negli Stati Uniti nei covi terroristi

Le autorità siriane hanno trovato armi e munizioni, compresi i missili anti-carro di fabbricazione americana, mentre cercavano gli ex nascondigli terroristici nel sud del paese arabo.

L’agenzia di stampa siriana araba ufficiale (SANA) ha riferito che la scoperta è stata fatta giovedì 21 marzo e che le armi includevano missili TOW (Tube-launch, Optically-tracked, Wire-guidati), ma non ha fornito la posizione esatta in cui è stata fatta la scoperta. Non è la prima volta che il paese si impadronisce di armi fornite da paesi  stranieri, ritrovate nelle tane dei miliziani e terroristi.

All’inizio di gennaio, le forze governative hanno scoperto armi e munizioni israeliane e statunitensi dalle precedenti posizioni dei miliziani Takfiri, nella provincia sud-occidentale di Dara’a. SANA ha anche riferito di scoperte consecutive lo scorso dicembre, di armi americane e medicinali di fabbricazione israeliana a Dara’a e Quneitra, un’altra provincia meridionale.

Le armi scoperte comprendevano carri armati di fabbricazione israeliana e mitragliatrici, fucili d’assalto, lanciatori di mortai, proiettili di mortaio, granate a propulsione a razzo, mine antiuomo e ordigni esplosivi. La militanza sostenuta dagli Stati Uniti e da molti dei suoi alleati occidentali e regionali, era esplosa in Siria nel 2011, con la famosa finta insurrezione, in realtà pilotata dall’estero.

I militanti e i terroristi Takfiri hanno invaso vaste aree del territorio siriano. Il gruppo terroristico Daesh, che un tempo si era accaparrato vaste aree di terra in Siria, è stato completamente sconfitto nel paese arabo e ha ormai perso quasi tutti i suoi territori occupati.

La Siria ha ora ristabilito il suo dominio su quasi tutta la sua estensione, tranne nella zona nord di Idli, dove i terroristi, protetti dai loro sponsor occidentali e sauditi, si sono trincerati. Le forze siriane e russe sono in attesa di iniziare una nuova grande offensiva, per liberare questa ultima sacca di terroristi.

Fonte originale: https://www.presstv.com/Detail/2019/03/28/592086/Syria-discovery-weapons-cache-United-States-TOW-missiles

Fonte: https://www.controinformazione.info/la-siria-scopre-missili-anti-carro-costruiti-negli-stati-uniti-nei-covi-terroristi/

Libri e varie...
OBIETTIVO SIRIA
Come la CIA, le bande criminali e le ONG realizzano stragi di massa e distorcono le informazioni per manipolare l'opinione pubblica
di Tony Cartalucci, Nile Bowie

Obiettivo Siria

Come la CIA, le bande criminali e le ONG realizzano stragi di massa e distorcono le informazioni per manipolare l'opinione pubblica

di Tony Cartalucci, Nile Bowie


Un libro per colpire i bombardamenti, svelare la Grande Bugia in tempo, per fermare l'ennesima guerra "umanitaria"
. La situazione della Siria è drammatica. Il paese si dibatte in una cruenta guerra civile, oggetto di spietati attacchi da parte di nemici interni ed esterni. La cosiddetta "rivolta siriana" fa in realtà parte di una cinica strategia statunitense che si serve di provocatori, mercenari, fanatici fondamentalisti e ONG corrotte.

Essi sono decisi a colpire uno stato arabo indipendente, dove la ricchezza generata dal petrolio viene impiegata per finanziare lo stato sociale, proprio come avveniva in Libia prima che questa fosse annientata con analoghe modalità. I paesi vicini partecipano al massacro, come sciacalli e iene che strisciano ai piedi del leone americano.

"Obiettivo Siria" è un ammonimento sul modo di operare dell'onnipotente "Impero del Dollaro". La trama americana, finanziata dai "petrodollari" delle monarchie del Golfo, attiva la tattica delle "counter-gang": terroristi – mercenari e irregolari, la "legione straniera" della CIA – che fanno saltare in aria edifici e massacrano gli innocenti, per poi addossare le responsabilità della carneficina al governo preso di mira.

ONG come NED – National Endowment for Democracy – incoraggiano gli "attivisti", i cui leader sono ambiziosi sociopatici, intenti ad aggiudicarsi avidamente una parte delle spoglie dello Stato abbattuto. I mezzi d'informazione credono alla Grande Bugia e la celebrano propagandisticamente, creando una realtà falsificata attraverso cui non è possibile farsi una opinione critica, libera e indipendente.

"Obiettivo Siria" mostra come queste guerre siano architettate attraverso la strumentalizzazione degli istinti più nobili dell'animo umano, tramite l'inganno di coloro che altrimenti tenderebbero a contrastare l'intervento armato, manipolandoli al servizio dell'assassinio di massa e della dittatura globale del potere economico....

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*