La “putrefazione” politica della Sinistra

Come regalare altri milioni di consensi e voti all’odiato “populismo”, e come al contempo riuscire nell’ardita impresa di farsi odiare visceralmente da quel “popolo” con cui non si hanno più relazioni, né umane né tantomeno politiche?

Ce lo sta mostrando in questi giorni la “sinistra”, o almeno una parte rilevante di questa, intruppatasi a difesa dei Benetton e del capitalismo privato. Le immagini e le parole nauseabonde urtano ogni sensibilità popolare, collaborando col nemico pur di salvaguardare la propria rendita intellettuale messa in crisi dal populismo di governo.

Michele Prospero (foto sotto), ad esempio, ovvero il prototipo più conseguente del baronismo universitario, legato mani e piedi al regime “democratico” post-comunista, così scrive dalle colonne del Manifesto: “il governo approfitta dei cadaveri e delle macerie ancora calde per sperimentare gli effetti del populismo penale. […] Il governo del cambiamento, senza alcun bisogno di attendere accertamenti, risultanze di inchieste, perizie tecniche, ha avviato le procedure per la revoca sommaria delle concessioni alla società che gestisce le autostrade in combutta con la vecchia politica.

La lotta politica sostituita dal cavillismo procedurale, la verità della tragedia nascosta tra le pieghe dell’azzeccagarbugli giuridico, pur di evitare il corpo a corpo con la nazionalizzazione, che è sempre un atto d’imperio, quindi giuridicamente ambiguo.

Prosegue Luigi Ambrosio su Radio Popolare, così delirando: Di Maio e soci hanno montato una campagna di aggressione contro un gruppo industriale e, ancora più grave, contro delle persone in carne e ossa, i Benetton. È stato individuato il colpevole senza aspettare processi e sentenze della magistratura. E’ stato del tutto calpestato il principio fondamentale che gli anglosassoni chiamano ‘rule of law’ e che da noi può essere tradotto in rispetto dello Stato di Diritto”.

Ci mette del suo anche Euronomade, dove, in un pezzo di rara incomprensibilità, si legge: Non è stata austerità: per quel ponte si sono spesi più soldi che in tutto il new deal; non è stata mancata previsione: ci sono fior di studi, che si sovrappongono da decenni; dotti, medici e sapienti sono stati convocati al suo capezzale; non è stato per la resistenza alla gronda, la cui realizzazione non prevedeva l’abbandono di quel miracolo di ingegneria popolare; non è colpa delle privatizzazioni, o meglio l’assetto proprietario è irrilevante, in quanto ogni costo è addebitato allo stato, con il volere di tutte le forze del mitico arco costituzionale, e poi, non è che l’intervento dello stato sia garanzia di risultato”.

E potremo proseguire con citazioni che farebbero impallidire persino Repubblica, dove addirittura Nadia Urbinati dalle colonne del giornale scriveva: “La tragedia di Genova è un frutto avvelenato delle privatizzazioni combinate alla decadenza della classe dirigente”.

Ecco, persino Repubblica. Tutti insomma, tranne la sinistra, schierata sul fronte che comprende Sole 24 Ore, Unione europea e Partito Democratico. Se serviva un’immagine limpida dello scollamento epocale tra sinistra e popolo, la vicenda di Genova ce la restituisce laddove non erano ancora arrivate intere librerie di pensosi filosofi della politica.

Fonte: http://www.militant-blog.org/?p=15491

ANCHE I CANI HANNO UN'ANIMA
Un viaggio nella vita spirituale degli animali
di Elena Mannes

Anche i Cani hanno un'Anima

Un viaggio nella vita spirituale degli animali

di Elena Mannes

Dopo un incidente d'auto quasi fatale, una giornalista televisiva di successo decide di procurarsi un cane che le faccia compagnia.

Ma Brio porta molto di più nella sua vita: la guida alla scoperta del mondo spirituale degli animali, sulla scia di domande quali "è possibile che il mio cane abbia un'anima... e che sia addirittura un'anima antica?"

Brio ed Elena incontrano studiosi, medium, ricercatori (fra cui il celebre autore Rupert Sheldrake), esplorando il mondo nascosto e immenso che Brio (e tutti gli animali con lui) si porta dentro.

Fino all'inevitabile epilogo: quale aldilà aspetta gli animali? È possibile comunicare con loro anche dopo la morte? E comprendere e raccogliere il messaggio che possono volerci lasciare?

ISTRUZIONI PREVENDITA: Questo libro uscirà il 30 Luglio, ma puoi acquistarlo in prevendita già da oggi. Se il tuo ordine è superiore ai 29 € le spese di spedizione sono gratuite, se invece il tuo ordine è inferiore ai 29 € puoi usufruire del vantaggio delle spese di spedizione ridotte a € 2,90. Acquistando questo libro in prevendita riceverai in OMAGGIO il file pdf da scaricare "Gli Animali ci Parlano". Il libro ti sarà spedito a casa il 30 Luglio.

Questo libro ci lascia con una nuova percezione dei nostri amici animali, quali creature pienamente pensanti e senzienti. Una realtà che molti di noi hanno intuito convivendo con i loro amici, ma che ora può nutrirsi di un'appassionante ricerca di supporto.

Dicono di questo libro:

"Uno straordinario viaggio di scoperta e di realizzazione quello che ci regala Elena Mannes con questa storia: il racconto profondamente commovente del suo rapporto con il barbone Brio, la sua "anima gemella canina", un cane brillante, raffinato, saggio e affettuoso."
Robert A. F. Thurman, dalla Prefazione

"Una lettura imperdibile, un viaggio spirituale nella vita di un'anima gemella canina. Un libro meraviglioso che parla dell'amore incondizionato e del legame indistruttibile tra uomini e animali."
Bash Dibra, coautore di "Il gatto parla" e "Il cane parla"

"La mia ex collega Elena Mannes è stata sempre mossa dal desiderio di scoprire di più sugli animali che ama. Spinta dal bisogno di trovare consolazione e scoprire nuove possibilità, con Anche i cani hanno un'anima ha oltrepassato i confini della scienza per addentrarsi in un percorso mistico. Gli animali ci insegnano ad ascoltare, scrive Elena. E lei è un'amica pronta ad accogliere ciò che hanno da dire."
Diane Sawyer, giornalista televisiva

"Una lettura illuminante! Un libro importante per chi vuole entrare in contatto con l'anima del proprio cane dopo la morte."
Jennifer Skiff, autrice di "La natura divina dei cani"

"Anche i cani hanno un'anima è un libro che fa riflettere. Con scienza e cuore, Mannes condivide il racconto appassionato della sua esperienza con Brio. Questo libro apre la porta ad ampie riflessioni su quello che i cani possono insegnarci se solo apriamo la nostra mente e il nostro cuore."
Mark Bekoff, autore di "La vita emozionale degli animali"


REGALO ESCLUSIVO
Lo puoi avere solo se acquisti
"Anche i Cani hanno un'Anima"
sul Giardino dei Libri

Il file PDF di Elena Mannes
"Gli Animali ci Parlano"
File PDF che potrai scaricare subito dopo aver acquistato il libro.

Riceverai una mail con il link da cui
potrai scaricare il file PDF in omaggio.

...

3 commenti

  1. Per confermare quanto questa sinistra ed il suo entourage propagandistico sia “fuori” ed in fase autolesionistica, basta osservare l’incomprensibile profilo assunto con la storia vaccini e industria farmaceutica. Finalmente in questi giorni mi è capitato di leggere un pensiero di un appartenente a Medicina Democratica, che preso di soprassalto esprime un dubbio: ma come? dovremmo in teoria essere noi i paladini della Libertà di scelta ed invece ci troviamo dall’altra parte? cosa è successo? Hanno perso la bussola!!!!

  2. Pasquale Nisco

    Come si fa a definire, industria di servizio, quando tutte le ditte appaltanti sono riconducibili alla stessa “industria di servizio”, la comunità europea varie volte ha richiamato l’Italia per mancanza di concorrenza tra le aziende per la manutenzione. Oltre al danno la beffa, perché a quanto pare si riconosceva alla società autostrade una percentuale sull’imponibile formulato dalle SUE indirette aziende chiamate in gara di appalto. Il 10% di 1000 e minore del 10% di dieci, in più il prezzo dell’opera è deciso da chi?

  3. Marcella Grabau

    assolutamente vero !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *