La Proiezione: ciò che vediamo negli altri quanto ci appartiene?

Il meccanismo psichico della Proiezione. Che cos’è? È uno dei fenomeni più discussi e rivoluzionari della mente umana scoperti dalla psicologia.

Meccanismo della proiezioneCome molti altri fenomeni psicologici, anche questo ha un fortissimo correlato neurofisiologico, legato anche ai nuclei di personalità, più o meno autonomi, chiamati in psichiatria e psicologia “Complessi a tonalità affettiva” .

Qui di seguito vari estratti molto esaustivi di noti autori, che descrivono il fenomeno della proiezione in maniera brillante, con relativi esempi.

«Se provate a indicare qualcuno, tenendo la mano dritta davanti a voi, vi accorgete che un dito è puntato verso l’altra persona, ma tre sono rivolte verso di voi: questo può servire a ricordarvi che quando denigriamo gli altri, in realtà, stiamo solo negando un aspetto di noi stessi.» Da: Illumina il tuo lato Oscuro – Debbie Ford.

«La proiezione è un fenomeno affascinante, che a scuola difficilmente ci viene insegnato. È un trasferimento involontario del nostro comportamento inconscio sugli altri, in modo da farci credere che queste qualità, in realtà, appartengano ad altre persone. Quando siamo ansiosi riguardo alle nostre emozioni o ai lati inaccettabili della nostra personalità, per un meccanismo di difesa, attribuiamo queste qualità agli oggetti esterni e agli altri. Se per esempio abbiamo scarsa tolleranza nei confronti degli altri, probabilmente è perché tendiamo ad attribuire loro il nostro stesso senso di inferiorità. Ovviamente c’è sempre un “gancio” che ci invita a compiere la proiezione; una particolare qualità imperfetta degli altri attiva alcuni aspetti del nostro io che rivendicano la nostra attenzione. Così qualunque cosa dell’io non riconosciamo come nostra viene proiettata sugli altri. Tutti noi vediamo solo ciò che siamo. Mi piace pensare a questo fenomeno in termini di energia elettrica. Immaginate di avere un centinaio di prese elettriche differenti sul petto, e ognuna di esse rappresenti una qualità. Le qualità che riconosciamo e abbracciamo hanno un coperchio di protezione, perciò sono sicure: non sono percorse dalla corrente. Invece le qualità che ci creano problemi, quelle che non abbiamo ancora riconosciuto e fatto nostre, hanno carica elettrica. Così, quando si presentano individui che mettono in atto una di queste qualità, è come se essi inserissero la spina direttamente nella nostra presa. Se per esempio siamo a disagio con la nostra rabbia o la neghiamo, attireremo persone colleriche nella nostra vita, sopprimeremo il nostro personale senso di rabbia e sentenzieremo che gli altri sono collerici. Dal momento che mentiamo a noi stessi riguardo ai nostri sentimenti più intimi, l’unico modo per ritrovarli è vederli negli altri: essi ci rimandano l’immagine riflessa delle nostre emozioni nascoste, e questo ci permette di riconoscerle e riappropriarcene. Istintivamente ci ritraiamo dalle nostre proiezioni negative: è più facile esaminare ciò da cui siamo attratti piuttosto che guardare ciò che ci ripugna. Se mi offendo della tua arroganza è perché non sto accettando la mia stessa arroganza. Si può trattare di un sentimento che senza accorgermene sto manifestando nella vita presente, oppure di arroganza che nego di poter manifestare nel futuro. Se la tua arroganza mi offende, devo rivolgere uno sguardo attento a tutte le aree della mia vita e devo pormi qualche domanda. Quando sono stato arrogante in passato? Mi sto comportando in modo arrogante nel presente? Potrei essere arrogante in futuro? Sarebbe certo arrogante da parte mia rispondere negativamente a tutte queste domande senza davvero esaminare me stesso o senza chiedere agli altri se abbiano mai visto in me atteggiamenti arroganti. L’atto di giudicare qualcun altro è arrogante, perciò ovviamente noi tutti siamo capaci di arroganza. Se abbraccio la mia stessa arroganza, quella altrui non mi potrà turbare: potrò notarla, ma non avrà alcun effetto su di me. (…)

Libri e varie...

Io Sono

di Conte di Saint Germain

IO SONO
di Conte di Saint Germain

"Io Sono" è una luce fortissima che per decenni è passata, silenziosamente e religiosamente, di mano in mano in tutto il mondo.
 Diciotto capitoli, diciotto tappe per affrontare il proprio percorso in maniera diretta, con una struttura che si presta alla velocità dei tempi moderni fin dalla prima stesura.
 Questa nuova edizione 2015 avvicina il ricercatore alla vetta e alla chiarezza, grazie al lavoro di editing a cura di Tea Pecunia e a una preziosa e armoniosa impaginazione che rendono la lettura scorrevole e attuale.
 Un testo sorprendente, in grado di conciliare e mettere ordine nell'animo umano.
 

 "Io ti do innanzitutto la chiave con la quale aprirai ogni mistero che ora ti nasconde il Segreto del Mio Essere. Quando avrai imparato ad adoperarla, questa chiave ti aprirà le porte di tutta la sapienza, di tutto il potere nel Cielo e sulla Terra. Invero essa ti aprirà la porta del Regno dei Cieli e tu non avrai che da entrare per divenire coscientemente Uno come Me. 
 Questa chiave è: “Pensare è creare”. 
 Ciò può essere espresso cosi: “Tu sei come pensi nel tuo cuore”. 
 Fermati e medita su questo, affinché si fissi saldamente nella tua mente. 
 Un pensatore è un creatore; egli vive in un mondo di propria cosciente creazione. Quando tu sai come pensare, puoi creare a volontà qualunque cosa tu voglia: una nuova personalità, un nuovo ambiente, un nuovo mondo."...

Io Sono Me - I 7 Specchi Esseni

Tecnologia di liberazione emozionale

di Arcangelo Miranda

IO SONO ME - I 7 SPECCHI ESSENI
Tecnologia di liberazione emozionale
di Arcangelo Miranda

Gli Esseni forse identificarono meglio di chiunque altro il ruolo dei rapporti umani riuscendo a dividerli in 7 categorie, 7 misteri corrispondenti ai vari tipi di rapporto che qualunque individuo avrebbe sperimentato nel corso della sua vita di relazione con chiunque avesse mai incontrato.
 Essi chiamarono queste sette categorie "specchi" probabilmente per farci ricordare che in ogni istante della nostra vita di relazione, la nostra realtà interiore ci viene mostrata dall'esterno come uno specchio.
 Grazie alle potenti e semplici informazioni contenute in questo illuminante libro, riuscirai ad osservare "dal di fuori" i tuoi comportamenti, perchè è proprio nel momento riflesso che noi abbiamo la possibilità di osservare la nostra parte oscura per modificarla fino ad annullarla: è solo così che possiamo, un po' alla volta, divenire ciò che davvero sentiamo essere dentro.
 Ogni volta che determiniamo emozioni negative, la nostra sfera emozionale diviene più pesante e il nostro scopo in quanto essere spirituale è deviato e perdiamo il contatto con la voce guida, quella del nostro IO SONO.
 Libera la tua coscienza, riprendi il possesso della tua Guida Interiore e quindi della tua vita: con questo potente libro tu puoi sperimentare immediatamente la libertà emozionale.
 Usa subito la tecnologia essena contenuta in questo libro e grida forte IO SONO Me!!!...

Io Sono il Tuo Specchio

Neuroni specchio ed empatia

di Matteo Rizzato, Davide Donelli

IO SONO IL TUO SPECCHIO
Neuroni specchio ed empatia
di Matteo Rizzato, Davide Donelli

Scoperti dal professor Giacomo Rizzolatti, che firma la prefazione di questo libro, i neuroni specchio sono una delle scoperte più straordinarie delle neuroscienze contemporanee; in sostanza, si tratta della spiegazione scientifica del perché comprendiamo a livello profondo il comportamento altrui.
 Questo agile libro mira proprio a far conoscere a tutti, con un linguaggio chiarissimo e molte brillanti vignette, sia il contenuto scientifico essenziale di tale scoperta, sia, cosa ancora più importante, le sue ripercussioni nella nostra vita quotidiana e nei meccanismi che regolano le interazioni sociali, che possiamo così imparare a gestire in maniera molto più efficace.
 Indice:
 Cap. 1 - Cosa sono i neuroni specchio?
 
 - Premessa
 - Un po' di nozioni
 - Come funzioniamo
 - Funzione, non forma
 - Neuroni visuo-motori
 - Oggetti? No, ipotesi!
 - Vocabolario di azioni
 - Rappresentazione dello spazio
 - Neuroni specchio
 - Funzione dei neuroni specchio
 - Intenzione
 - Cosa stai facendo?
 - Non vedo? Ascolto!
 - Comprensione
 - Differenze di vocabolario
 - Il ruolo delle emozioni
  Cap. 2 - Una scoperta quotidiana
 
 - Parliamo di noi
 - Che faccia stai facendo?
 - Ci imitiamo da sempre
 - Guardiamo, e proviamo
 - Responsabilità sociale
  Cap. 3 - L'osservazione: uno strumento per l'azione
 
 - Migliorare osservando
 - Osservare e agire
 - Imitazione innata
 - Agire di conseguenza
 - Agire nei gruppi
 - Pronto?
  Cap. 4 - Congruenza e stato d'animo
 
 - Imitare la sincerità
 - La congruenza
 - Sfumature e strategie
 - Guerra di neuroni
   ...

Neuroni Specchio

di Laila Craighero

NEURONI SPECCHIO
di Laila Craighero

Immaginiamo un neurone che comanda i movimenti della nostra mano: tutte le volte che il neurone "spara", la mano afferra la tazzina. Immaginiamo che lo stesso neurone "spari" anche quando è un'altra persona ad all'errare la tazzina.
 Sembra un'invenzione per un film di fantascienza, una trovata per permettere al protagonista di sentire quello che il suo avatar sta facendo in quell'istante. Ma neuroni così esistono veramente e fanno parte del nostro sistema motorio. Sono i neuroni specchio, per i quali "fare" e "veder fare" sono esattamente la stessa cosa.
 Nel volume si racconta la storia della rivoluzione che essi hanno portato nelle neuroscienze, liberando il sistema motorio dal ruolo di semplice esecutore di comandi e affidandogli una funzione primaria nello sviluppo delle funzioni cognitive....

Il Mondo è uno Specchio

di Russ Michael

IL MONDO è UNO SPECCHIO
di Russ Michael

Questo libro ci spiega come la nostra vita esteriore sia un riflesso del nostro mondo interiore. Per raggiungere la pace e la felicità a cui aspiriamo è necessario riappropriarci del potere che proiettiamo sulle persone e sulle cose, capendo che siamo noi gli unici e soli responsabili della nostra vita....

Tu, Io e gli Altri

Tredici lezioni sulla parapsicologia ricevute medianicamente dal dottor Giuseppe Crosa

di Allan Kardec

TU, IO E GLI ALTRI
Tredici lezioni sulla parapsicologia ricevute medianicamente dal dottor Giuseppe Crosa
di Allan Kardec

Questo libro, insolito e stimolante, giunge dopo molte peripezie nelle mani dei lettori italiani, che certamente ne apprezzeranno il contenuto. Viene pubblicato a molti anni dalla morte del dottor Giuseppe Crosa, avvenuta nel giugno del 1974.
 Nel 1970 c'era stata un'edizione del testo in lingua tedesca firmata con lo pseudonimo "dottor Ripi" - lo psichiatra genovese parlava tedesco e aveva per scelta culturale e per tradizione familiare profondi legami con il mondo germanico - ma poi la sua prematura scomparsa fece arenare la pubbli­ca­zione italiana.
 L'attività scientifica di Crosa più importante fu l'aver introdotto in Italia il Training Autogeno del dottor Schultz, che incontrò più volte a Berlino e a vari congressi, e di cui fu il rappresentante italiano. Anche se nel periodo in cui egli sviluppò le sue doti medianiche c'era, nei paesi di lingua tedesca, molta attenzione per la fenomenologia paranor­ma­le e grande fervore di ricerca, scelse tuttavia di firmare con uno pseudonimo perché, essendo uno psichiatra molto noto, ancora nel pieno della carriera - aveva 57 anni quando morì - temeva che la sua attività di medium non sarebbe stata capita e accettata.
 Le tredici lezioni spaziano in molti campi e trattano con originalità i temi più diversi, molto al di là dei limiti della parapsicologia intesa in senso stretto, inoltre le considerazioni finali del dottor Crosa restituiscono in pieno la cultura, il senso critico, la grande apertura mentale del loro Autore.
 Tutti coloro che si interessano di parapsicologia ameranno questo libro perché ci propone un caso veramente emblematico rimasto fino a oggi scono­sciuto in Italia....

È solo quando mentiamo a noi stessi o odiamo qualche aspetto del nostro io che riceviamo una scossa emozionale dal comportamento di qualcun altro. (…) Se non fosse per il fenomeno della proiezione, (l’ombra) potrebbe rimanere nascosta per tutta la vita perché alcuni di noi hanno seppellito questi tratti quando avevano tre o quattro anni. (…) Ciò che proiettiamo, se non lo possedessimo anche noi, non potremmo riconoscerlo nemmeno negli altri. (…) Un vecchio detto dice: “Si riconosce solo ciò che si conosce”. Negli altri vediamo solo quello che ci piace o non ci piace di noi stessi. (…)

Non possiamo vedere noi stessi: dobbiamo avere uno specchio per farlo. Voi siete il mio specchio e io sono il vostro.» Da: Illumina il tuo lato Oscuro – Debbie Ford.

«La proiezione è molto facile da identificare sul piano dell’ego: se qualcosa o qualcuno nel nostro ambiente ci informa, probabilmente non stiamo proiettando; se invece ci turba, ci sono buone possibilità che siamo vittime delle nostre stesse proiezioni.» Ken Wilber – Meeting The Shadow

«Sappiamo che la proiezione ha luogo quando qualcuno è emotivamente colpito dal comportamento di un’altra persona, positivo o negativo che sia.» Da: Illumina il tuo lato Oscuro – Debbie Ford.

“Siamo tutti maestri nell’uso della proiezione, un meccanismo di autodifesa che ci toglie dall’imbarazzo di doverci guardare dentro.” Deepak Chopra

“Tutto ciò che ci irrita negli altri, può portarci a capire noi stessi” Carl Gustav Jung

” (…) Il portatore di proiezione non è infatti, e l’esperienza ce lo insegna, un oggetto preso a piacere, ma è sempre un oggetto che offre per così dire un aggancio adatto a ciò che è destinato a sostenere.”  Carl Gustav Jung, 1946

«Di solito la nostra indignazione per il comportamento degli altri riguarda un aspetto irrisolto del nostro io.» Illumina il tuo lato Oscuro – Debbie Ford.

“Jung definì la proiezione come un trasferimento inconscio, cioè inconsapevole e non intenzionale, di elementi psichici soggettivi su un oggetto esterno. L’individuo vede in questo oggetto qualcosa che non c’è, o c’è solo in piccola parte. Talvolta nell’oggetto non è presente nulla di ciò che viene proiettato (…). Non sono soltanto le qualità negative di una persona a essere proiettate all’esterno in questo modo, ma in uguale misura anche quelle positive. La proiezione di queste ultime genera una valutazione e ammirazione eccessive, illusorie e inadeguate dell’oggetto. L’introspezione nelle proprie proiezioni d’Ombra implica, in primo luogo, una umiltà morale e una intensa sofferenza. Invece l’introspezione nelle forme di proiezione dell’Animus e dell’Anima richiede, più che umiltà, soprattutto riflessione, nel senso di saggezza e umanità. Infatti quelle figure intendono sedurci e allontanarci dalla realtà, assorbendoci e conquistandoci. Chi non si impegna in questo non ha vissuto. Chi vi si perde non ha compreso nulla.”Da: Marie Louise Von Franz – Rispecchiamenti dell’anima. Proiezione e raccoglimento interno nella psicologia di C. G. Jung.

«Per quel che ci è dato sapere, i contenuti inconsci “costellati” (vale a dire attivati) sono sempre proiettati, il che significa che o vengono scoperti in oggetti esterni o, per lo meno, vengono asseriti come esistenti fuori della propria psiche. Un conflitto rimosso e il suo tono affettivo devono riapparire da qualche parte. La proiezione causata dalla rimozione non è fatta coscientemente dall’individuo, ma sempre automaticamente e non è riconosciuta come tale, a meno che non intervengano condizioni del tutto particolari le quali costringano al ritiro di essa. Il “vantaggio” della proiezione consiste nel fatto che ci si libera definitivamente (almeno in apparenza) di un conflitto penoso: ne divengono responsabili un’altra persona o circostanze esterne.» C.G.Jung – Simboli della Trasformazione.

«Il mio amico Bill Spinoza (…) sostiene: “Ciò con cui non riuscite ad essere non vi lascerà essere”. Dovete imparare a consentire di esistere a tutto ciò che siete: se volete essere liberi, dovete essere capaci di “essere”.» Da: Illumina il tuo lato Oscuro – Debbie Ford.

Fonte: http://www.jungitalia.it/2014/06/08/la-proiezione-cio-che-vediamo-negli-altri-quanto-ci-appartiene/

Libri e varie...

Tu, Io e gli Altri

Tredici lezioni sulla parapsicologia ricevute medianicamente dal dottor Giuseppe Crosa

di Allan Kardec

TU, IO E GLI ALTRI
Tredici lezioni sulla parapsicologia ricevute medianicamente dal dottor Giuseppe Crosa
di Allan Kardec

Questo libro, insolito e stimolante, giunge dopo molte peripezie nelle mani dei lettori italiani, che certamente ne apprezzeranno il contenuto. Viene pubblicato a molti anni dalla morte del dottor Giuseppe Crosa, avvenuta nel giugno del 1974.
 Nel 1970 c'era stata un'edizione del testo in lingua tedesca firmata con lo pseudonimo "dottor Ripi" - lo psichiatra genovese parlava tedesco e aveva per scelta culturale e per tradizione familiare profondi legami con il mondo germanico - ma poi la sua prematura scomparsa fece arenare la pubbli­ca­zione italiana.
 L'attività scientifica di Crosa più importante fu l'aver introdotto in Italia il Training Autogeno del dottor Schultz, che incontrò più volte a Berlino e a vari congressi, e di cui fu il rappresentante italiano. Anche se nel periodo in cui egli sviluppò le sue doti medianiche c'era, nei paesi di lingua tedesca, molta attenzione per la fenomenologia paranor­ma­le e grande fervore di ricerca, scelse tuttavia di firmare con uno pseudonimo perché, essendo uno psichiatra molto noto, ancora nel pieno della carriera - aveva 57 anni quando morì - temeva che la sua attività di medium non sarebbe stata capita e accettata.
 Le tredici lezioni spaziano in molti campi e trattano con originalità i temi più diversi, molto al di là dei limiti della parapsicologia intesa in senso stretto, inoltre le considerazioni finali del dottor Crosa restituiscono in pieno la cultura, il senso critico, la grande apertura mentale del loro Autore.
 Tutti coloro che si interessano di parapsicologia ameranno questo libro perché ci propone un caso veramente emblematico rimasto fino a oggi scono­sciuto in Italia....

Io Sono Me - I 7 Specchi Esseni

Tecnologia di liberazione emozionale

di Arcangelo Miranda

IO SONO ME - I 7 SPECCHI ESSENI
Tecnologia di liberazione emozionale
di Arcangelo Miranda

Gli Esseni forse identificarono meglio di chiunque altro il ruolo dei rapporti umani riuscendo a dividerli in 7 categorie, 7 misteri corrispondenti ai vari tipi di rapporto che qualunque individuo avrebbe sperimentato nel corso della sua vita di relazione con chiunque avesse mai incontrato.
 Essi chiamarono queste sette categorie "specchi" probabilmente per farci ricordare che in ogni istante della nostra vita di relazione, la nostra realtà interiore ci viene mostrata dall'esterno come uno specchio.
 Grazie alle potenti e semplici informazioni contenute in questo illuminante libro, riuscirai ad osservare "dal di fuori" i tuoi comportamenti, perchè è proprio nel momento riflesso che noi abbiamo la possibilità di osservare la nostra parte oscura per modificarla fino ad annullarla: è solo così che possiamo, un po' alla volta, divenire ciò che davvero sentiamo essere dentro.
 Ogni volta che determiniamo emozioni negative, la nostra sfera emozionale diviene più pesante e il nostro scopo in quanto essere spirituale è deviato e perdiamo il contatto con la voce guida, quella del nostro IO SONO.
 Libera la tua coscienza, riprendi il possesso della tua Guida Interiore e quindi della tua vita: con questo potente libro tu puoi sperimentare immediatamente la libertà emozionale.
 Usa subito la tecnologia essena contenuta in questo libro e grida forte IO SONO Me!!!...

Neuroni Specchio

di Laila Craighero

NEURONI SPECCHIO
di Laila Craighero

Immaginiamo un neurone che comanda i movimenti della nostra mano: tutte le volte che il neurone "spara", la mano afferra la tazzina. Immaginiamo che lo stesso neurone "spari" anche quando è un'altra persona ad all'errare la tazzina.
 Sembra un'invenzione per un film di fantascienza, una trovata per permettere al protagonista di sentire quello che il suo avatar sta facendo in quell'istante. Ma neuroni così esistono veramente e fanno parte del nostro sistema motorio. Sono i neuroni specchio, per i quali "fare" e "veder fare" sono esattamente la stessa cosa.
 Nel volume si racconta la storia della rivoluzione che essi hanno portato nelle neuroscienze, liberando il sistema motorio dal ruolo di semplice esecutore di comandi e affidandogli una funzione primaria nello sviluppo delle funzioni cognitive....

Io Sono

di Conte di Saint Germain

IO SONO
di Conte di Saint Germain

"Io Sono" è una luce fortissima che per decenni è passata, silenziosamente e religiosamente, di mano in mano in tutto il mondo.
 Diciotto capitoli, diciotto tappe per affrontare il proprio percorso in maniera diretta, con una struttura che si presta alla velocità dei tempi moderni fin dalla prima stesura.
 Questa nuova edizione 2015 avvicina il ricercatore alla vetta e alla chiarezza, grazie al lavoro di editing a cura di Tea Pecunia e a una preziosa e armoniosa impaginazione che rendono la lettura scorrevole e attuale.
 Un testo sorprendente, in grado di conciliare e mettere ordine nell'animo umano.
 

 "Io ti do innanzitutto la chiave con la quale aprirai ogni mistero che ora ti nasconde il Segreto del Mio Essere. Quando avrai imparato ad adoperarla, questa chiave ti aprirà le porte di tutta la sapienza, di tutto il potere nel Cielo e sulla Terra. Invero essa ti aprirà la porta del Regno dei Cieli e tu non avrai che da entrare per divenire coscientemente Uno come Me. 
 Questa chiave è: “Pensare è creare”. 
 Ciò può essere espresso cosi: “Tu sei come pensi nel tuo cuore”. 
 Fermati e medita su questo, affinché si fissi saldamente nella tua mente. 
 Un pensatore è un creatore; egli vive in un mondo di propria cosciente creazione. Quando tu sai come pensare, puoi creare a volontà qualunque cosa tu voglia: una nuova personalità, un nuovo ambiente, un nuovo mondo."...

Il Mondo è uno Specchio

di Russ Michael

IL MONDO è UNO SPECCHIO
di Russ Michael

Questo libro ci spiega come la nostra vita esteriore sia un riflesso del nostro mondo interiore. Per raggiungere la pace e la felicità a cui aspiriamo è necessario riappropriarci del potere che proiettiamo sulle persone e sulle cose, capendo che siamo noi gli unici e soli responsabili della nostra vita....

Discorsi del Io Sono

Libro d'Oro di Saint Germain

di Conte di Saint Germain

DISCORSI DEL IO SONO
Libro d'Oro di Saint Germain
di Conte di Saint Germain

Solo alcuni frammenti della comprensione reale della "Presenza IO SONO" sono stati consegnati finora al mondo esterno.
 Il Maestro Asceso Saint Germain dice: "È la più importante Comprensione dell'umanità, e non c'è Libertà né Perfezione per l'individuo, eccetto attraverso quest'applicazione cosciente".
 Egli la considera di tale superiore importanza, che ha dettato più di trentatré discorsi nei quali Egli spiega ciò che capita nella Vita esterna dell'individuo quando dice "IO SONO".
 Saint Germain dice anche: "Niente benedirà tanto un individuo come un grado di Intendimento Cosciente di questa "Parola Creatrice".
 Questo libro non solo ha l'Intendimento Maestro Asceso dell'"IO SONO", ma è caricato con la Coscienza del Maestro Asceso Saint Germain e il Raggio di Luce e Amore del Suo Cuore, che è il Sentimento e la Comprensione Maestra Ascesa del Suo Pieno Potere, autosostenuto per sempre.
 Possa questo libro dei Discorsi dell'"IO SONO" ancorare l'attenzione di tutti quelli che lo leggono o contattano così potentemente in ogni Divinità individuale propria, e che la piena Coscienza Maestra Ascesa della "Magna Presenza IO SONO" riempia la Terra, e liberi con il Potere di Mille Soli, l'Eterno Dominio della "Luce di Dio che mai fallisce." GODFRE RAY KING...
TU, IO E GLI ALTRI
Tredici lezioni sulla parapsicologia ricevute medianicamente dal dottor Giuseppe Crosa
di Allan Kardec, Paola Giovetti

Tutti coloro che si interessano di parapsicologia ameranno questo libro perché ci propone un caso veramente emblematico rimasto finora scono­sciuto in Italia. Il testo, insolito e stimolante, viene pubblicato a molti anni dalla morte del dottor Giuseppe Crosa, avvenuta nel giugno del 1947, e giunge nelle mani dei lettori italiani dopo molte peripezie.
 Nel 1970 c'era stata, infatti, un'edizione del testo in lingua tedesca - lo psichiatra genovese parlava tedesco e aveva profondi legami con il mondo germanico - firmata con lo pseudonimo "dottor Ripi". Era stata programmata anche un'edizione in lingua italiana, ma la prematura scomparsa del dottor Crosa aveva fatto arenare la pubblicazione.
 Fin da giovanissimo il dottor Crosa, uno psichiatra che si occupava anche di ipnosi e che aveva introdotto in Italia il Training Autogeno del dottor Schultz, si era interessato alla fenomenologia paranormale. In età matura, inaspettatamente e senza averlo desiderato, attraverso l'uso del pendolo e la scrittura automatica, Crosa aveva manifestato doti medianiche che furono accettate solo dopo molti dubbi e molte prove.
 Risultato di questa attività medianica sono le Tredici lezioni sulla parapsicologia, apparentemente dettate da Allan Kardec, il codificatore dello spiritismo, che spaziano in molti campi e trattano con originalità i temi più diversi, ben al di là dei limiti della parapsicologia intesa in senso stretto.
 Proiezione psichica o comunicazioni provenienti dal mondo invisibile? Anche se il punto interrogativo resta, il dottor Crosa, un uomo colto, dotato di grande senso critico e apertura mentale, propendeva certamente per la seconda ipotesi.
  
  
  
  ...

Tu, Io e gli Altri

Tredici lezioni sulla parapsicologia ricevute medianicamente dal dottor Giuseppe Crosa

di Allan Kardec, Paola Giovetti

Tutti coloro che si interessano di parapsicologia ameranno questo libro perché ci propone un caso veramente emblematico rimasto finora scono­sciuto in Italia. Il testo, insolito e stimolante, viene pubblicato a molti anni dalla morte del dottor Giuseppe Crosa, avvenuta nel giugno del 1947, e giunge nelle mani dei lettori italiani dopo molte peripezie.

Nel 1970 c'era stata, infatti, un'edizione del testo in lingua tedesca - lo psichiatra genovese parlava tedesco e aveva profondi legami con il mondo germanico - firmata con lo pseudonimo "dottor Ripi". Era stata programmata anche un'edizione in lingua italiana, ma la prematura scomparsa del dottor Crosa aveva fatto arenare la pubblicazione.

Fin da giovanissimo il dottor Crosa, uno psichiatra che si occupava anche di ipnosi e che aveva introdotto in Italia il Training Autogeno del dottor Schultz, si era interessato alla fenomenologia paranormale. In età matura, inaspettatamente e senza averlo desiderato, attraverso l'uso del pendolo e la scrittura automatica, Crosa aveva manifestato doti medianiche che furono accettate solo dopo molti dubbi e molte prove.

Risultato di questa attività medianica sono le Tredici lezioni sulla parapsicologia, apparentemente dettate da Allan Kardec, il codificatore dello spiritismo, che spaziano in molti campi e trattano con originalità i temi più diversi, ben al di là dei limiti della parapsicologia intesa in senso stretto.

Proiezione psichica o comunicazioni provenienti dal mondo invisibile? Anche se il punto interrogativo resta, il dottor Crosa, un uomo colto, dotato di grande senso critico e apertura mentale, propendeva certamente per la seconda ipotesi.

 

 

 

 

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*