L’aborto come consumismo estremo: l’opinione di Pasolini

di Mattia Carli 

Si è parlato parecchio ultimamente di come in Italia sia troppo difficile abortire, e di come questo (e qui il solito ritornello pseudofemminista) sarebbe un ostacolo per le donne nel disporre del proprio corpo come vorrebbero.

Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini

E questo grazie all’ennesimo diktat accusatorio dell’Unione Europea nei confronti dell’Italia. Si è parlato dell’aborto come qualcosa da dare per scontato, un diritto inalienabile di cui sarebbe disumano privarsi. Ma è davvero così? 

Per fortuna, a confortare tutte quelle persone per cui ancora non esistono omicidi di serie A e B ma solo omicidi, sia che la vita umana sia cosciente o meno, c’è la voce controcorrente per eccellenza: Pier Paolo Pasolini, il comunista conservatore, il simpatizzante radicale che però manifestava scetticismo nei confronti del divorzio e che, nel 1975, tre anni prima dell’approvazione della legge sull’interruzione volontaria della gravidanza in Italia, scriveva questo: “Sono traumatizzato dalla legalizzazione dell’aborto, perché la considero, come molti, una legalizzazione dell’omicidio”.

Libri e varie...

L'Energia della Gravidanza

Sentirlo, ascoltarlo, comunicare con lui fin dal concepimento

di Diego Giaimi

L'ENERGIA DELLA GRAVIDANZA
Sentirlo, ascoltarlo, comunicare con lui fin dal concepimento
di Diego Giaimi

Un'esperienza che può cambiare la nostra visione di noi stessi come figli, e aiutarci a diventare genitori più consapevoli, sin dai primi momenti.
 C'è un viaggio che tutti noi abbiamo compiuto: la discesa in un corpo fisico. A distanza di anni, oggi è nostro figlio a percorrerlo, e grazie a questo libro possiamo seguirlo, accompagnarlo, e… facilitargli il compito, aiutandolo con la nostra energia, opportunamente indirizzata.
 Dotato di una forte componente spirituale ma adatto a tutti i genitori desiderosi di fare del loro meglio per assecondare il processo della nascita, questo libro aiuta a comprendere i molteplici aspetti energetici legati alla gravidanza: dalla fase conoscitiva tra le anime dei genitori e l'anima che deve incarnarsi, al concepimento, e agli assestamenti energetici della famiglia durante la gestazione.
 Vengono illustrati anche alcuni aspetti legati alle fase del parto, gettando nuova luce sull'importanza energetica della placenta e del cordone ombelicale. Alla fine del libro si trovano degli esercizi di meditazione che consentono di sperimentare, attraverso il proprio flusso energetico, il “viaggio” nel fantastico mondo del nascituro....

Anime indesiderate

Versione nuova

di Daniel Meurois

ANIME INDESIDERATE
Versione nuova
di Daniel Meurois

Cosa accade nel "dopo-vita" alle anime che, per aborto spontaneo o provocato, non riescono a nascere? Come aiutarle? Come aiutare i genitori a superare i sensi di colpa? In che modo hanno vissuto il rifiuto queste anime indesiderate? Un'opera che affronta un problema complesso che tante donne e tante coppie si trovano oggi a vivere....

I Nove Scalini

Versione nuova

di Daniel Meurois

I NOVE SCALINI
Versione nuova
di Daniel Meurois

Gli autori hanno avuto modo di studiare l'"ante-nascita", servendosi del metodo di uscita cosciente dal corpo, hanno seguito l'itinerario dell'incarnazione di un'anima durante i nove mesi di gravidanza. La vita fetale, il processo di reincarnazione, i legami fra genitori e figli, la comunicazione intra-uterina vengono proposti sotto una luce assolutamente nuova. Per tutti coloro che vogliono saperne di più sulla loro stessa nascita....

C'è chi Dice No

Dalla leva all'aborto. Come cambia l'obiezione di coscienza

di Chiara Lalli

C'è CHI DICE NO
Dalla leva all'aborto. Come cambia l'obiezione di coscienza
di Chiara Lalli

Questo libro parla di libertà. Libertà violata, vilipesa, offesa.
 Libertà inseguita e raggiunta a costo della privazione della libertà. Questo libro parla di coscienza. E di obiezione di coscienza. Dei pacifisti che dicono no alla divisa e che sono finiti in carcere. Dei medici che dicono no a una donna che decide consapevolmente di interrompere la gravidanza.
 Dei farmacisti che dicono no a una ragazza che chiede la pillola del giorno dopo. Questo libro parla di italiani. Storie di italiani come Agostino Manni, punito per non aver voluto servire la patria imbracciando le armi. Storie di italiane che hanno subito un aborto tardivo, costrette al dolore perché l'anestesista è obiettore di coscienza.
 Storie di italiani che hanno fatto della propria libertà di coscienza un inno e storie di italiani che, in nome dell'obiezione di coscienza, privano gli altri della loro libertà. Dalla leva militare all'aborto, dalla sperimentazione animale fino al rifiuto del parto cesareo, Chiara Lalli, in un intreccio di storie di vita e riferimenti pop - dal dottor House a Simone Cristicchi -, ci racconta come cambia l'obiezione di coscienza. E come diventa irriconoscibile....

L'Igienismo Potrebbe Guarirti da: Aborto, Azoospermia

Prevenzione e cura secondo natura

di Mario Rosati

L'IGIENISMO POTREBBE GUARIRTI DA: ABORTO, AZOOSPERMIA
Prevenzione e cura secondo natura
di Mario Rosati

L’igienismo è una scuola medica americana la quale insegna che:
 
 - È l’organismo vivente il vero artefice della propria guarigione (1);
 - Per ottenere i migliori risultati, bisogna assecondarlo nel suo sforzo e lasciargli a disposizione il massimo di energie ed eliminare le cause di malattia (2), anziché contrariarlo, come invece fanno generalmente le altre scuole mediche, che illudono il malato combattendo i sintomi che sono effetti delle malattie.
  Ad esempio, con le medicine sono eliminati il dolore o la febbre che sono fenomeni fastidiosi ma benefici, perché fanno parte del processo di guarigione (3).
 Quindi con le medicine il malato si lascia prendere in giro, a rischio che la malattia si aggravi - come avviene nell’artrite - e lui finisca sulla sedi a rotelle (4).
 Tutto ciò è ancora più importante se si pensa che le diagnosi sono sbagliate molto più spesso di quanto la gente pensi (5).
 Il lettore potrebbe domandarsi perché allora le idee degli igienisti non vengano accolte dalla scienza medica. La risposta è che la lobby medico-farmaceutica ha interesse economico che i malati si sentano meglio con le medicine, altrimenti smetterebbero di chiederle, ma non guariscano mai e che anzi si procurino altre malattie. L’essenziale è che i malati siano convinti che sono le medicine a guarirli. Quanto a questo, essi sono arciconvinti, al punto da guardare con commiserazione chi dice loro che si può guarire senza medicine.
 Si legge che una volta un certo professor Pottenkoffer bevve un bicchiere di acqua con molti bacilli del colera, per mostrare ai suoi studenti che non bastavano i bacilli per far ammalare le persone (6). Molto probabilmente da allora la lobby avrà preso opportuni provvedimenti per evitare il ripetersi di simili episodi che potrebbero aprire gli occhi agli studenti di medicina e alla popolazione (7).
 La scuola igienista afferma che le malattie sono causate soprattutto da spossatezza nervosa ed intossicazione dell’organismo, da un’alimentazione inadatta alla costituzione fisica dell’uomo e da un malsano stile di vita.
 In questo libretto - che riporta solo una parte del repertorio del libro “L’igienismo potrebbe guarirti veramente” - sono stati sintetizzati gli insegnamenti igienisti,sparsi in oltre 5000 pagine di libri e riviste, relativi alle voci col nome che comincia con la lettera “a” (8).
 Per la parte relativa alle malattie in generale, alla disintossicazione, all’alimentazione, allo stile sano di vita, alla bibliografia e all’elenco di alcuni igienisti, consultare il libro “L'igienismo potrebbe guarirti”.
 PER CHI VUOLE MAGGIORI DETTAGLI:
 (1) La capacità di autoguarigione dell’organismo vivente è dimostrata:
 
 - Dalla testimonianza degli igienisti che hanno visto guarire molti più malati di polmonite o di febbre tifoide curati alla maniera igienista di quanti ne guarissero ricorrendo alle medicine, come pure dalla guarigione senza medicine, di persone che avevano invano fatto ricorso alle cure mediche;
 - Dall’esperienza che chiunque fa della guarigione spontanea di ferite, scottature e fratture;
 - Dagli esperimenti, quale quello descritto nel capitolo sull’alimentazione in cui si mostra che con i principi igienisti, tra cui il ritorno a una corretta alimentazione, tendono a sparire le malattie degenerative derivate dall’alimentazione sbagliata;
 - Dalla stessa scienza. Ad esempio la biologia afferma che:
L’essere vivente possiede un sistema immunitario capace di distruggere germi, virus, altri patogeni e cellule maligne;
L’organismo sa riparare da sé i guasti ad uno dei due filamenti del DNA o addirittura di entrambi;
Le proteine denaturate da sostanze nocive, possono riprendere le loro normali funzioni se quelle sostanze sono allontanate.
  Anche quando la guarigione da un’ulcera avviene dopo l’utilizzo di un’erba medicinale come la consolida o l’aloe, secondo gli igienisti è l’organismo che ha chiuso l’ulcera per impedire l’ingresso nell’organismo delle sostanze tossiche contenute in quelle erbe. Se, prima di tutto gli si fosse dato tempo e modo di disintossicarsi, sarebbe guarito meglio perché ora sarebbe libero dalle tossine, ciò che non avviene quando l’ulcera è guarita in seguito all’uso della pianta medicinale.
 (2) Per esempio nell’ipertensione essenziale, secondo gli igienisti, un sovraccumulo di tossine induce l’organismo a produrre una maggiore quantità di renina. Ciò porta alla produzione di una maggiore quantità di angiotensina I. Questa poi viene trasformata in angiotensina II, la quale - facendo contrarre le arterie – causa l’ipertensione. Con dei farmaci si può neutralizzare la renina in eccesso o impedire qualcuna delle successive trasformazioni e così ostacolare momentaneamente l’ipertensione, ma il giorno dopo l’organismo produrrà di nuovo un eccesso di renina e bisognerà di nuovo prendere il farmaco per impedire l’aumento della pressione. Se invece – come fanno gli igienisti - si mette l’organismo in condizione di eliminare il sovraccumulo di tossine, esso cesserà di produrre l’eccesso di renina e l’ipertensione scomparirà durevolmente senza bisogno di prendere medicine; inoltre ciò tenderà a prevenire o a guarire anche le altre malattie derivanti dal sovraccumulo di tossine.
 (3) Di solito, durante il digiuno il peso diminuisce, ma nei momenti in cui la disintossicazione cessa, il peso cala pochissimo. Ebbene, un igienista ha constatato che se durante il digiuno si prendono medicine o tisane per dormire o calmare il mal di testa o per altri sintomi, la diminuzione di peso si arresta o quasi. Ciò dimostra che l’uso di medicine o equivalenti riesce ad interrompere l’insonnia o il dolore, però interrompe anche la disintossicazione e quindi impedisce la guarigione durevole. Infatti coloro che, durante il digiuno, sopportano il dolore - pur di non prendere medicine - solitamente guariscono, gli altri no.
 
 - A loro volta gli stimolanti ingannano il malato dandogli l’illusione di una forza ritrovata, ma in realtà accelerano l’esaurimento delle energie dell’organismo, mentre occorrerebbe piuttosto dargli la possibilità di recuperare le forze.
 - Gli ormoni a volte sono indispensabili per rimediare ad una lacuna delle ghiandole, ma se somministrati prematuramente favoriscono l’atrofia e rendono definitivamente incurabili le malattie come il diabete.
 - In breve, molto spesso si potrebbe ottenere di più e meglio assecondando l’organismo nel suo sforzo di guarigione, anziché frustandolo o sostituendosi ad esso col ricorso ai medicinali, sintetici o naturali che siano, quali le tisane che contengono anch’esse sostanze nocive.
  (4) Malattie come allergia, artrite, asma, calcoli, colite, glaucoma, gotta, ipertensione, quelle della pelle (anche la psoriasi), tumori benigni, ulcere e tante altre possono generalmente essere guarite col metodo igienista, cioè senza bisogno di medicine o interventi chirurgici.
 (5) Un esperto del General Massachussets Hospital affermò che all’autopsia 470 diagnosi su 1000 risultarono sbagliate. Lo stesso risultato diede un controllo in un ospedale di New York. Ebbene, se i medici sono soggetti a sbagliare così spesso, nonostante i test più complicati e costosi, quando la malattia è così grave da portare il malato alla morte, si sbaglieranno molto più spesso ancora quando tentano di fare diagnosi ai primi sintomi!
 (6) Quasi un secolo fa sono stati fatti esperimenti somministrando germi di numerose malattie a dei volontari sani e nessuno di loro si ammalò. Ciò conferma la teoria igienista secondo la quale la malattia acuta è un’operazione di disintossicazione dell’organismo, durante la quale si moltiplicano i germi perché si nutrono dei rifiuti rimessi in circolazione dall’organismo, ma i germi non sono nocivi al malato e scompaiono da soli, una volta terminate le pulizie. Si dice che sia Pasteur che Koch ripudiarono –il primo alla fine della vita, il secondo meno tardivamente - la teoria dei germi e dei virus come causa della malattia. Però alla lobby medico-farmaceutica conviene mantenere in piedi la teoria dei germi per continuare a prescrivere e vendere medicine, vaccini, ecc. Meno di quattro secoli fa Galileo dovette rinnegare la sua affermazione della validità della teoria copernicana, per non finire la sua vita in galera, poiché allora tutti, ingannati dalle apparenze, erano convinti che fosse il sole a girare intorno alla terra. Allo stesso modo oggi quasi tutti scommetterebbero che siano le medicine a guarire le malattie, visto che esse sono capaci di farne sparire momentaneamente qualche sintomo, ma ciò non toglie che essi abbiano torto vista la capacità di autoguarigione dell’organismo e le esperienze degli igienisti. A sua volta, la teoria delle carenze - su cui poggia la naturopatia - qualche volta risponde a verità, ma l’esperienza degli igienisti ha mostrato che generalmente anche nelle cosiddette malattie da carenza in realtà l’organismo ha consistenti riserve degli elementi che si suppongono mancanti, solo che non riesce a utilizzarle. Infatti un igienista avviò a guarigione con un periodo di digiuno 93 malati di anemia perniciosa su 101 da lui curati. Ciò mostra che, quanto meno nella grande maggioranza dei casi, era piuttosto uno stato di intossicazione a causare l’anemia e non la carenza di ferro o di qualche vitamina.
 (7) Al riguardo sarebbe probabilmente interessante conoscere: - la vita dei professori universitari di medicina, per quanto riguarda l’eventuale sforzo della lobby medico-farmaceutica per renderli fedeli servitori degli interessi suoi anziché di quelli dei malati, per mezzo di corsi sui “miracoli” delle nuove scoperte della ricerca farmaceutica o di vacanze premio o congressi- vacanza con eventuali famiglie al seguito, - o i regali ai partiti politici affinché le assicurino o mantengano il monopolio delle cure mediche per mezzo delle leggi sull’esercizio abusivo della medicina, ecc. Solo la popolazione, quindi, può cambiare questo stato di cose, - che costa molto in denaro e in salute - abbandonando la medicina, studiando l’igienismo e affidandosi ad esso per la prevenzione e la cura delle proprie malattie.
 (8) La trattazione - a volte più estesa altre meno (specialmente per le voci tra parentesi) - riguarda - tra altri - i seguenti argomenti: aborto spontaneo e minacce, aderenze, afte, AIDS, allergie, amebe, amenorrea, anchilostomi, anemia (clorosi, anemia perniciosa, anemia splenica o malattia di Bant), angina di gola e di petto, angiocolite, angoscia, animali domestici, anoressia, (antibiotici, anticoagulanti, antisettici, anziani) apnea, apoplessia, appendicite, arteriosclerosi, (arterite), artrite reumatoide, artritismo, artrosi, ascessi vari, ascite, atonia dello stomaco, attacco cardiaco, avvelenamento alimentare, avvelenamento del sangue, azoospermia. ...

Quando l'Attesa si Interrompe

Riflessioni e testimonianze sulla perdita prenatale

di Giorgia Cozza

QUANDO L'ATTESA SI INTERROMPE
Riflessioni e testimonianze sulla perdita prenatale
di Giorgia Cozza

Questo libro si propone di offrire una risposta a quelli che sono gli interrogativi più comuni quando si perde un bimbo nell'attesa o subito dopo la nascita.
 Non c'è battito, l'attesa si è interrotta". Un aborto spontaneo è un dolore grande per la donna. È una promessa di immensa gioia che si infrange, lasciando nel cuore incredulità, delusione e amarezza. Il 15-25% delle gravidanze si interrompe spontaneamente nel primo trimestre. E ogni anno in Italia circa 2 gravidanze su 100 si concludono con una morte perinatale.
 Perché è successo? Capiterà di nuovo? Riuscirò a diventare madre? Sono necessari controlli e accertamenti? Perché gli altri non capiscono questo dolore? E il futuro papà? Cosa prova un uomo in queste situazioni?
 Grazie agli interventi di numerosi esperti - psicologi, ostetriche, ginecologi, neonatologi - viene offerta una chiave di lettura delle reazioni fisiche ed emotive della donna, e si riflette sulle tappe e sui tempi di elaborazione del lutto. Uscire dal silenzio che, troppo spesso, avvolge questi argomenti rendendoli quasi dei tabù, può essere di grande aiuto per la donna, ma anche per chi le sta vicino (partner, familiari, amici, operatori sanitari) e desidera offrirle il proprio sostegno.
 Le testimonianze, intense e commoventi, di tanti genitori che hanno vissuto questa perdita vogliono essere una mano tesa verso ogni donna che ora sta soffrendo e deve assolutamente sapere che non è sola....

In radicale controtendenza, peraltro, nei confronti di alcuni suoi colleghi come Moravia o Calvino, e allineandosi di fatto con quella frangia della popolazione da lui definita “clerico-fascista” che detestava. Riportiamo questa posizione per ribadire un concetto a noi particolarmente caro: avversare l’aborto non è una posizione di destra o di sinistra, cattolica o atea, conservatrice o progressista; è una posizione di umanità, trasversale alle ideologie.

Ciò non deve sorprendere, poiché in sé l’aborto altro non è che una radicalizzazione estrema del consumismo, dove la vita che può nascere a seguito del rapporto sessuale, altro non è che un inconveniente frutto di una piccola disattenzione, un incidente di cui comunque ci si può liberare facilmente, come il brufolo che nasce dall’aver mangiato troppa cioccolata.

AbortoDietro l’aborto, così come ad altre pratiche come l’utero in affitto (che, a pensarci bene, è una logica conseguenza dell’aborto: se si può sopprimere la vita prenatale, perché non si può anche lucrarci sopra, generandola ad hoc e vendendola?), c’è il comune denominatore del consumismo e del suo ridurre qualsiasi cosa, anche la vita e i bambini, ad oggetto da possedere, consumare ed eventualmente buttare via.

Pasolini, in particolare, punta il dito contro la fondamentale omissione che ancora oggi i sostenitori dell’aborto commettono: “tutti, dico, quando parlano dell’aborto, omettono di parlare di ciò che logicamente lo precede, cioè il coito…”. E’ incredibile la finta ingenuità con cui gli abortisti si mascherano, nell’omettere di dire che, se c’è una gravidanza indesiderata, c’è stata alla base anche una mancanza di responsabilità, visto che viviamo in società dove sono disponibili efficaci e vari anticoncezionali.

Secondo Pasolini: dopo aver reso la libertà sessuale una convenzione, un obbligo, un dovere sociale, un’ansia sociale, una caratteristica irrinunciabile della qualità di vita del consumatore, non ci si è preoccupati dei suoi potenziali effetti dirompenti, e piuttosto che rieducare la massa a una “moralità dell’onore sessuale” (come la chiama Pasolini) si preferisce, mediante l’aborto, chiudere entrambi gli occhi sull’etica. 

Se escludiamo i casi gravi e problematici dello stupro o del pericolo di decesso per la madre (forse gli unici due casi in cui questa pratica appare giustificabile), l’aborto esiste ancora come effetto della deresponsabilizzazione provocata da un edonismo cieco che risponde soltanto al principio di piacere freudiano, con tutte le sue caratteristiche: amorale, irrazionale, cieco.

Non si prenda questo articolo come una condanna della sessualità più libera degli ultimi decenni, in cui, se vi si prende parte con adeguata responsabilità, non vediamo nulla di male. Semplicemente, non si sa perché la liberalizzazione dei costumi, debba portare con sé una demoralizzazione di principi – che in sé non costituiscono nemmeno impedimenti all’espressione della sessualità – come in questo caso la sacralità della vita umana in ogni sua forma.

Articolo di Mattia Carli

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: www.azioneculturale.eu

Libri e varie...

L'Energia della Gravidanza

Sentirlo, ascoltarlo, comunicare con lui fin dal concepimento

di Diego Giaimi

L'ENERGIA DELLA GRAVIDANZA
Sentirlo, ascoltarlo, comunicare con lui fin dal concepimento
di Diego Giaimi

Un'esperienza che può cambiare la nostra visione di noi stessi come figli, e aiutarci a diventare genitori più consapevoli, sin dai primi momenti.
 C'è un viaggio che tutti noi abbiamo compiuto: la discesa in un corpo fisico. A distanza di anni, oggi è nostro figlio a percorrerlo, e grazie a questo libro possiamo seguirlo, accompagnarlo, e… facilitargli il compito, aiutandolo con la nostra energia, opportunamente indirizzata.
 Dotato di una forte componente spirituale ma adatto a tutti i genitori desiderosi di fare del loro meglio per assecondare il processo della nascita, questo libro aiuta a comprendere i molteplici aspetti energetici legati alla gravidanza: dalla fase conoscitiva tra le anime dei genitori e l'anima che deve incarnarsi, al concepimento, e agli assestamenti energetici della famiglia durante la gestazione.
 Vengono illustrati anche alcuni aspetti legati alle fase del parto, gettando nuova luce sull'importanza energetica della placenta e del cordone ombelicale. Alla fine del libro si trovano degli esercizi di meditazione che consentono di sperimentare, attraverso il proprio flusso energetico, il “viaggio” nel fantastico mondo del nascituro....

Quando l'Attesa si Interrompe

Riflessioni e testimonianze sulla perdita prenatale

di Giorgia Cozza

QUANDO L'ATTESA SI INTERROMPE
Riflessioni e testimonianze sulla perdita prenatale
di Giorgia Cozza

Questo libro si propone di offrire una risposta a quelli che sono gli interrogativi più comuni quando si perde un bimbo nell'attesa o subito dopo la nascita.
 Non c'è battito, l'attesa si è interrotta". Un aborto spontaneo è un dolore grande per la donna. È una promessa di immensa gioia che si infrange, lasciando nel cuore incredulità, delusione e amarezza. Il 15-25% delle gravidanze si interrompe spontaneamente nel primo trimestre. E ogni anno in Italia circa 2 gravidanze su 100 si concludono con una morte perinatale.
 Perché è successo? Capiterà di nuovo? Riuscirò a diventare madre? Sono necessari controlli e accertamenti? Perché gli altri non capiscono questo dolore? E il futuro papà? Cosa prova un uomo in queste situazioni?
 Grazie agli interventi di numerosi esperti - psicologi, ostetriche, ginecologi, neonatologi - viene offerta una chiave di lettura delle reazioni fisiche ed emotive della donna, e si riflette sulle tappe e sui tempi di elaborazione del lutto. Uscire dal silenzio che, troppo spesso, avvolge questi argomenti rendendoli quasi dei tabù, può essere di grande aiuto per la donna, ma anche per chi le sta vicino (partner, familiari, amici, operatori sanitari) e desidera offrirle il proprio sostegno.
 Le testimonianze, intense e commoventi, di tanti genitori che hanno vissuto questa perdita vogliono essere una mano tesa verso ogni donna che ora sta soffrendo e deve assolutamente sapere che non è sola....

L'Igienismo Potrebbe Guarirti da: Aborto, Azoospermia

Prevenzione e cura secondo natura

di Mario Rosati

L'IGIENISMO POTREBBE GUARIRTI DA: ABORTO, AZOOSPERMIA
Prevenzione e cura secondo natura
di Mario Rosati

L’igienismo è una scuola medica americana la quale insegna che:
 
 - È l’organismo vivente il vero artefice della propria guarigione (1);
 - Per ottenere i migliori risultati, bisogna assecondarlo nel suo sforzo e lasciargli a disposizione il massimo di energie ed eliminare le cause di malattia (2), anziché contrariarlo, come invece fanno generalmente le altre scuole mediche, che illudono il malato combattendo i sintomi che sono effetti delle malattie.
  Ad esempio, con le medicine sono eliminati il dolore o la febbre che sono fenomeni fastidiosi ma benefici, perché fanno parte del processo di guarigione (3).
 Quindi con le medicine il malato si lascia prendere in giro, a rischio che la malattia si aggravi - come avviene nell’artrite - e lui finisca sulla sedi a rotelle (4).
 Tutto ciò è ancora più importante se si pensa che le diagnosi sono sbagliate molto più spesso di quanto la gente pensi (5).
 Il lettore potrebbe domandarsi perché allora le idee degli igienisti non vengano accolte dalla scienza medica. La risposta è che la lobby medico-farmaceutica ha interesse economico che i malati si sentano meglio con le medicine, altrimenti smetterebbero di chiederle, ma non guariscano mai e che anzi si procurino altre malattie. L’essenziale è che i malati siano convinti che sono le medicine a guarirli. Quanto a questo, essi sono arciconvinti, al punto da guardare con commiserazione chi dice loro che si può guarire senza medicine.
 Si legge che una volta un certo professor Pottenkoffer bevve un bicchiere di acqua con molti bacilli del colera, per mostrare ai suoi studenti che non bastavano i bacilli per far ammalare le persone (6). Molto probabilmente da allora la lobby avrà preso opportuni provvedimenti per evitare il ripetersi di simili episodi che potrebbero aprire gli occhi agli studenti di medicina e alla popolazione (7).
 La scuola igienista afferma che le malattie sono causate soprattutto da spossatezza nervosa ed intossicazione dell’organismo, da un’alimentazione inadatta alla costituzione fisica dell’uomo e da un malsano stile di vita.
 In questo libretto - che riporta solo una parte del repertorio del libro “L’igienismo potrebbe guarirti veramente” - sono stati sintetizzati gli insegnamenti igienisti,sparsi in oltre 5000 pagine di libri e riviste, relativi alle voci col nome che comincia con la lettera “a” (8).
 Per la parte relativa alle malattie in generale, alla disintossicazione, all’alimentazione, allo stile sano di vita, alla bibliografia e all’elenco di alcuni igienisti, consultare il libro “L'igienismo potrebbe guarirti”.
 PER CHI VUOLE MAGGIORI DETTAGLI:
 (1) La capacità di autoguarigione dell’organismo vivente è dimostrata:
 
 - Dalla testimonianza degli igienisti che hanno visto guarire molti più malati di polmonite o di febbre tifoide curati alla maniera igienista di quanti ne guarissero ricorrendo alle medicine, come pure dalla guarigione senza medicine, di persone che avevano invano fatto ricorso alle cure mediche;
 - Dall’esperienza che chiunque fa della guarigione spontanea di ferite, scottature e fratture;
 - Dagli esperimenti, quale quello descritto nel capitolo sull’alimentazione in cui si mostra che con i principi igienisti, tra cui il ritorno a una corretta alimentazione, tendono a sparire le malattie degenerative derivate dall’alimentazione sbagliata;
 - Dalla stessa scienza. Ad esempio la biologia afferma che:
L’essere vivente possiede un sistema immunitario capace di distruggere germi, virus, altri patogeni e cellule maligne;
L’organismo sa riparare da sé i guasti ad uno dei due filamenti del DNA o addirittura di entrambi;
Le proteine denaturate da sostanze nocive, possono riprendere le loro normali funzioni se quelle sostanze sono allontanate.
  Anche quando la guarigione da un’ulcera avviene dopo l’utilizzo di un’erba medicinale come la consolida o l’aloe, secondo gli igienisti è l’organismo che ha chiuso l’ulcera per impedire l’ingresso nell’organismo delle sostanze tossiche contenute in quelle erbe. Se, prima di tutto gli si fosse dato tempo e modo di disintossicarsi, sarebbe guarito meglio perché ora sarebbe libero dalle tossine, ciò che non avviene quando l’ulcera è guarita in seguito all’uso della pianta medicinale.
 (2) Per esempio nell’ipertensione essenziale, secondo gli igienisti, un sovraccumulo di tossine induce l’organismo a produrre una maggiore quantità di renina. Ciò porta alla produzione di una maggiore quantità di angiotensina I. Questa poi viene trasformata in angiotensina II, la quale - facendo contrarre le arterie – causa l’ipertensione. Con dei farmaci si può neutralizzare la renina in eccesso o impedire qualcuna delle successive trasformazioni e così ostacolare momentaneamente l’ipertensione, ma il giorno dopo l’organismo produrrà di nuovo un eccesso di renina e bisognerà di nuovo prendere il farmaco per impedire l’aumento della pressione. Se invece – come fanno gli igienisti - si mette l’organismo in condizione di eliminare il sovraccumulo di tossine, esso cesserà di produrre l’eccesso di renina e l’ipertensione scomparirà durevolmente senza bisogno di prendere medicine; inoltre ciò tenderà a prevenire o a guarire anche le altre malattie derivanti dal sovraccumulo di tossine.
 (3) Di solito, durante il digiuno il peso diminuisce, ma nei momenti in cui la disintossicazione cessa, il peso cala pochissimo. Ebbene, un igienista ha constatato che se durante il digiuno si prendono medicine o tisane per dormire o calmare il mal di testa o per altri sintomi, la diminuzione di peso si arresta o quasi. Ciò dimostra che l’uso di medicine o equivalenti riesce ad interrompere l’insonnia o il dolore, però interrompe anche la disintossicazione e quindi impedisce la guarigione durevole. Infatti coloro che, durante il digiuno, sopportano il dolore - pur di non prendere medicine - solitamente guariscono, gli altri no.
 
 - A loro volta gli stimolanti ingannano il malato dandogli l’illusione di una forza ritrovata, ma in realtà accelerano l’esaurimento delle energie dell’organismo, mentre occorrerebbe piuttosto dargli la possibilità di recuperare le forze.
 - Gli ormoni a volte sono indispensabili per rimediare ad una lacuna delle ghiandole, ma se somministrati prematuramente favoriscono l’atrofia e rendono definitivamente incurabili le malattie come il diabete.
 - In breve, molto spesso si potrebbe ottenere di più e meglio assecondando l’organismo nel suo sforzo di guarigione, anziché frustandolo o sostituendosi ad esso col ricorso ai medicinali, sintetici o naturali che siano, quali le tisane che contengono anch’esse sostanze nocive.
  (4) Malattie come allergia, artrite, asma, calcoli, colite, glaucoma, gotta, ipertensione, quelle della pelle (anche la psoriasi), tumori benigni, ulcere e tante altre possono generalmente essere guarite col metodo igienista, cioè senza bisogno di medicine o interventi chirurgici.
 (5) Un esperto del General Massachussets Hospital affermò che all’autopsia 470 diagnosi su 1000 risultarono sbagliate. Lo stesso risultato diede un controllo in un ospedale di New York. Ebbene, se i medici sono soggetti a sbagliare così spesso, nonostante i test più complicati e costosi, quando la malattia è così grave da portare il malato alla morte, si sbaglieranno molto più spesso ancora quando tentano di fare diagnosi ai primi sintomi!
 (6) Quasi un secolo fa sono stati fatti esperimenti somministrando germi di numerose malattie a dei volontari sani e nessuno di loro si ammalò. Ciò conferma la teoria igienista secondo la quale la malattia acuta è un’operazione di disintossicazione dell’organismo, durante la quale si moltiplicano i germi perché si nutrono dei rifiuti rimessi in circolazione dall’organismo, ma i germi non sono nocivi al malato e scompaiono da soli, una volta terminate le pulizie. Si dice che sia Pasteur che Koch ripudiarono –il primo alla fine della vita, il secondo meno tardivamente - la teoria dei germi e dei virus come causa della malattia. Però alla lobby medico-farmaceutica conviene mantenere in piedi la teoria dei germi per continuare a prescrivere e vendere medicine, vaccini, ecc. Meno di quattro secoli fa Galileo dovette rinnegare la sua affermazione della validità della teoria copernicana, per non finire la sua vita in galera, poiché allora tutti, ingannati dalle apparenze, erano convinti che fosse il sole a girare intorno alla terra. Allo stesso modo oggi quasi tutti scommetterebbero che siano le medicine a guarire le malattie, visto che esse sono capaci di farne sparire momentaneamente qualche sintomo, ma ciò non toglie che essi abbiano torto vista la capacità di autoguarigione dell’organismo e le esperienze degli igienisti. A sua volta, la teoria delle carenze - su cui poggia la naturopatia - qualche volta risponde a verità, ma l’esperienza degli igienisti ha mostrato che generalmente anche nelle cosiddette malattie da carenza in realtà l’organismo ha consistenti riserve degli elementi che si suppongono mancanti, solo che non riesce a utilizzarle. Infatti un igienista avviò a guarigione con un periodo di digiuno 93 malati di anemia perniciosa su 101 da lui curati. Ciò mostra che, quanto meno nella grande maggioranza dei casi, era piuttosto uno stato di intossicazione a causare l’anemia e non la carenza di ferro o di qualche vitamina.
 (7) Al riguardo sarebbe probabilmente interessante conoscere: - la vita dei professori universitari di medicina, per quanto riguarda l’eventuale sforzo della lobby medico-farmaceutica per renderli fedeli servitori degli interessi suoi anziché di quelli dei malati, per mezzo di corsi sui “miracoli” delle nuove scoperte della ricerca farmaceutica o di vacanze premio o congressi- vacanza con eventuali famiglie al seguito, - o i regali ai partiti politici affinché le assicurino o mantengano il monopolio delle cure mediche per mezzo delle leggi sull’esercizio abusivo della medicina, ecc. Solo la popolazione, quindi, può cambiare questo stato di cose, - che costa molto in denaro e in salute - abbandonando la medicina, studiando l’igienismo e affidandosi ad esso per la prevenzione e la cura delle proprie malattie.
 (8) La trattazione - a volte più estesa altre meno (specialmente per le voci tra parentesi) - riguarda - tra altri - i seguenti argomenti: aborto spontaneo e minacce, aderenze, afte, AIDS, allergie, amebe, amenorrea, anchilostomi, anemia (clorosi, anemia perniciosa, anemia splenica o malattia di Bant), angina di gola e di petto, angiocolite, angoscia, animali domestici, anoressia, (antibiotici, anticoagulanti, antisettici, anziani) apnea, apoplessia, appendicite, arteriosclerosi, (arterite), artrite reumatoide, artritismo, artrosi, ascessi vari, ascite, atonia dello stomaco, attacco cardiaco, avvelenamento alimentare, avvelenamento del sangue, azoospermia. ...

Anime indesiderate

Versione nuova

di Daniel Meurois

ANIME INDESIDERATE
Versione nuova
di Daniel Meurois

Cosa accade nel "dopo-vita" alle anime che, per aborto spontaneo o provocato, non riescono a nascere? Come aiutarle? Come aiutare i genitori a superare i sensi di colpa? In che modo hanno vissuto il rifiuto queste anime indesiderate? Un'opera che affronta un problema complesso che tante donne e tante coppie si trovano oggi a vivere....

Voglio la Mamma

Da sinistra, contro i falsi miti di progresso

di Mario Adinolfi

VOGLIO LA MAMMA
Da sinistra, contro i falsi miti di progresso
di Mario Adinolfi

Un ragionamento da sinistra, sorprendente e spiazzante, denso di dati e cifre, sui temi controversi del nostro tempo: matrimonio omosessuale, aborto, eutanasia infantile, diagnosi prenatale, "dolce morte", omogenitorialità, uteri in affitto, transessualità, rapporti familiari. Facendosi accompagnare da Pasolini e De André, un intellettuale controcorrente compie un viaggio con al centro la figura della donna e l'esaltazione della maternità....

I Nove Scalini

Versione nuova

di Daniel Meurois

I NOVE SCALINI
Versione nuova
di Daniel Meurois

Gli autori hanno avuto modo di studiare l'"ante-nascita", servendosi del metodo di uscita cosciente dal corpo, hanno seguito l'itinerario dell'incarnazione di un'anima durante i nove mesi di gravidanza. La vita fetale, il processo di reincarnazione, i legami fra genitori e figli, la comunicazione intra-uterina vengono proposti sotto una luce assolutamente nuova. Per tutti coloro che vogliono saperne di più sulla loro stessa nascita....
I NOVE SCALINI
Versione nuova
di Daniel Meurois

Gli autori hanno avuto modo di studiare l'"ante-nascita", servendosi del metodo di uscita cosciente dal corpo, hanno seguito l'itinerario dell'incarnazione di un'anima durante i nove mesi di gravidanza. La vita fetale, il processo di reincarnazione, i legami fra genitori e figli, la comunicazione intra-uterina vengono proposti sotto una luce assolutamente nuova. Per tutti coloro che vogliono saperne di più sulla loro stessa nascita....

I Nove Scalini

Versione nuova

di Daniel Meurois

Gli autori hanno avuto modo di studiare l'"ante-nascita", servendosi del metodo di uscita cosciente dal corpo, hanno seguito l'itinerario dell'incarnazione di un'anima durante i nove mesi di gravidanza. La vita fetale, il processo di reincarnazione, i legami fra genitori e figli, la comunicazione intra-uterina vengono proposti sotto una luce assolutamente nuova. Per tutti coloro che vogliono saperne di più sulla loro stessa nascita....

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*