Islanda: 10.000 scosse di Terremoto… si teme una grande Eruzione Vulcanica

Il servizio meteorologico islandese ha registrato 10.000 scosse in una sola settimana! In alcune regioni, la terra si sta gonfiando di quattro millimetri al giorno. Ciò sta facendo crescere il timore di un’eruzione vulcanica.

Fannar Jonasson ricorda bene il primo terremoto: “Eravamo tutti online”, dice, “e abbiamo chiesto agli altri: ‘Lo avete sentito?’. È stato forte. Qui a Grindavik si è avvertito chiaramente. È avvenuto una settimana fa. Da allora, la terra nel sud-ovest dell’isola non ha smesso di tremare“.

La terra sale di quattro millimetri al giorno

Da più di un anno, questa parte dell’isola vulcanica non sembra più essere la stessa. Nel gennaio 2020, i geologi avevano osservato che in alcuni punti la Terra si sollevava fino a quattro millimetri al giorno. E ora il servizio meteorologico ha registrato più di 10.000 scosse in una settimana.

Quello che sta accadendo spaventa molto gli islandesi. Risveglia in loro i ricordi di marzo e aprile 2010, quando Il vulcano Eyjafjallajökull eruttò nel sud dell’isola, paralizzando il traffico aereo in Europa.

Il geologo Kristn Jonsdéttir, un esperto di terremoti presso l’istituto sismologico nazionale, afferma: “Si può dire che ci sono sempre degli sciami dopo un terremoto importante con un sacco di scosse di assestamento. Questa volta però potrebbe essere diverso. All’inizio, i geologi erano cauti, ma ora probabilmente la vedono in modo diverso.Non ho mai osservato sciami sismici così forti o così tante scosse in così poco tempo. È davvero insolito”.

Molti scenari

Esistono diversi scenari che potrebbero verificarsi. Nella migliore delle ipotesi, le scosse ad un certo punto si fermeranno. Nel secondo caso, c’è quella che gli islandesi chiamano una “eruzione turistica”: un’eruzione di lava da qualche parte nel bel mezzo del nulla, che fornisce grandi immagini ma non provoca danni. Lo scenario peggiore sarebbe se un grande flusso di lava fuoriuscisse tra, case, strade, ed industrie. La lava uscirebbe da sott’acqua generando grandi nuvole di cenere… questo scatenerebbe il caos.

Fonte: https://terrarealtime.blogspot.com/2021/03/islanda-10000-scosse-di-terremotosi.html

I CODICI DELLA SAGGEZZA
Parole antiche per riprogrammare il cervello e guarire il cuore
di Gregg Braden

I Codici della Saggezza

Parole antiche per riprogrammare il cervello e guarire il cuore

di Gregg Braden

Scopri gli insegnamenti degli antichi Maestri per riprogrammare il cervello e guarire il cuore.

"I Codici della Saggezza", il nuovo best seller di Gregg Braden, contiene capitoli dedicati alla guarigione dell'anima, al superamento di paure e incertezze e alla conquista del perdono.

La neurolinguistica d'avanguardia incontra l'antica saggezza in una raccolta di parole chiave che letteralmente riprogrammano il nostro cervello.

Le nuove scoperte nel campo della biologia e delle neuroscienze rivelano che le strutture del linguaggio possono effettivamente cambiare il modo in cui i neuroni si connettono nel cervello e nel cuore.

Le parole che pensiamo e diciamo si riflettono sul nostro modo di agire e possono modificare la nostra percezione del mondo e di noi stessi. I nostri antenati l'avevano già intuito migliaia di anni fa. Per questo crearono specifiche formule verbali capaci di offrire forza interiore, codificando potenti parole in preghiere, canti, mantra, inni e testi sacri per tramandarle alle future generazioni.

Gregg Braden, amato insegnante e leader di pensiero, decifra questi codici e ti permette di accedere al potere di quelle parole.

Pensiamo con le parole. Parliamo con le parole. Nel silenzio della mente, ascoltiamo i messaggi verbali dei pensieri inconsci che, secondo le stime scientifiche, si ripetono al ritmo vorticoso di sessantamila, ottantamila volte al giorno.

Ulteriori evidenze indicano che il potere delle parole va ben oltre ciò che le statistiche hanno rivelato in passato. Recenti studi confermano una teoria avanzata per la prima volta agli inizi del Novecento: le parole del linguaggio quotidiano influenzano direttamente la "programmazione" del cervello, determinando come pensiamo e persino cosa siamo capaci di pensare.

La correlazione tra parola e vita ha implicazioni profonde. Sembra infatti che il linguaggio che usiamo - le parole che scegliamo per descrivere noi stessi e condividere pensieri, sensazioni, emozioni e convinzioni - formi l'ossatura del senso di unità o di separazione che viviamo quando pensiamo ai problemi della vita quotidiana e a come risolverli.

La correlazione ormai accertata tra parola e cervello ha aperto le porte a un interrogativo ancora più profondo: è possibile riprogrammare il cervello per scoprire nuovi modi di risolvere i problemi scegliendo specifiche parole per affrontare le sfide della vita? In altri termini, la scelta consapevole di parole e schemi verbali può realmente aiutarci a pensare e a sentire in maniera diversa nei momenti di crisi, di trauma, di perdita e di bisogno?

La risposta breve è sì. La risposta più approfondita è il tema di questo libro.

Con lo stile semplice e diretto che lo contraddistingue, Braden raccoglie in questo volume gli esiti delle sue ricerche mettendoli a tua disposizione per fornirti un pratico strumento di conoscenza che ti supporti nei momenti più complicati della vita.

Ancora oggi, queste parole rassicurano, proteggono e guariscono.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *