Incredibile: in vita dopo 200 anni. Ritrovato il corpo di un monaco buddhista ancora in meditazione

E’ possibile che dopo 200 anni un monaco mummificato sia ancora vivo? Secondo alcuni buddhisti può accadere se un credente riesce a raggiungere una profonda meditazione.

monaco buddista ancora vivo dopo 200 anniAlcuni scienziati in Mongolia stanno esaminando il corpo di un monaco trovato la scorsa settimana nei pressi del distretto di Songino Khairkhan, a nord ovest di Ulan Bator. L’uomo è stato ritrovato nella posizione del loto, ovvero con le gambe incrociate, ricoperto da una pelle animale, non è ancora chiaro se si tratta di cammello, cavallo o mucca.

Saranno necessari ulteriori studi per chiarire dettagli che potrebbero rivelarsi interessanti, per il momento le ceneri della mummia sono state mandate al National Centre of Forensic Expertise di Ulan Bator, per comprenderne l’età, le ragioni della conservazione e le caratteristiche dell’uomo.

Gankhüügiin Pürevbat, fondatore del Mongolian Institute of Buddhist Art all’ Università buddista di Ulan Bator, racconta al Siberian Times, un nuovo giornale on line: “Il monaco è seduto nella posizione del loto, ha la mano sinistra aperta, e la destra nell’atto della predicazione delle dottrine del Sutra. Ciò significa che il lama non era morto, ma era in profonda meditazione secondo l’antica tradizione dei lama buddhisti”.

Alcuni esperti del buddhismo affermano che il monaco potrebbe essere in “tukdam”, un tipo di profonda meditazione che ti permette di arrivare in uno stato tra la vita e la morte. Barry Kerzin, monaco devoto al Dalai Lama, racconta al sito web: “Se una persona riesce a rimanere in questo stato per più di tre settimane il suo corpo gradualmente si restringe e alla fine della persona rimane soltanto i suoi capelli, le unghie e i vestiti.”

Si pensa che il monaco mummificato sia morto nel IXX secolo. La sua identità è ancora sconosciuta, però la sua storia ricorda quella di Dashi-Dorzho Itigilov, un altro monaco buddista russo, di provenienza buriata.

L’uomo è ricordato per la straordinaria conservazione del suo corpo che non sembra soggetto ad alcun tipo di deterioramento, da quando è stato riesumato nel 2002. I monaci affermano infatti che Itigilov non è “completamente morto” perchè la temperatura del corpo sale durante le cerimonie nel monastero. Itigilov è ufficialmente morto nel 1927, mentre meditava e tutt’ora, per una settimana ogni anno, la sua mummia viene esposta al pubblico del monastero di Ivolginsky, dove è custodita.

di Anna Capasso

Fonte originale: hr.sott.net – via: huffingtonpost.it

Libri sull'argomento
La Bibbia non Parla di Dio di Mauro Biglino
Viaggi Lontani di Robert A. Monroe
Wesak: Il Tempo della Riconciliazione di Daniel Meurois, Anne Givaudan
Esperimenti Scientifici Non Autorizzati di Marco Pizzuti
Ufo, gli X-Files Italiani di Alfredo Lissoni
Risveglia il Terzo Occhio di Susan Shumsky
RISCHI DI STAR BENE
Se curi le intolleranze alimentari
di Massimo Citro

Rischi di Star Bene

Se curi le intolleranze alimentari

di Massimo Citro

«Ogni essere umano è un’immensità racchiusa in un corpo: è impensabile omologare un sistema di cura per tutti. Esiste il malato, prima della malattia.»
Massimo Citro

Hai mai notato una correlazione tra i tuoi dolori e quello che mangi? Tra la tua emicrania e il formaggio? Ti sei mai chiesto se la tua allergia ai pollini dipenda in realtà da qualche intolleranza alimentare?

Questo libro aiuta a scoprire la vera causa di moltissime malattie negli alimenti ai quali si può essere intolleranti e racconta come le intolleranze possono essere diagnosticate e curate.

Da più di trent’anni in Germania è stato sviluppato un metodo d’indagine che consente d’individuare con certezza quali alimenti non sono tollerati. Si tratta di un test per risonanza, che si fonda sulla relazione tra le frequenze elettromagnetiche emesse dall’alimento e quelle del corpo umano. Metodo perfezionato dal medico italiano Massimo Citro, il cui nuovo approccio scientifico ha permesso a migliaia di pazienti di migliorare la propria qualità di vita, semplicemente curando le intolleranze.

Dalla trentennale esperienza di questo medico, finalmente un libro del tutto nuovo che, in maniera divertente e ironica, ma rigorosamente scientifica, racconta i trucchi del mestiere, i segreti dell’arte e tutta la verità che si deve sapere sulle intolleranze alimentari.

Un libro per i medici, per i pazienti, e per tutti coloro che intendono approfondire la relazione tra alimenti e salute.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *