Il Tenente Generale in pensione McInerney rivela cos’è il “Kraken” e che “Trump sapeva cosa sarebbe successo…”

di Elena Berberana

Il “kraken” è il soprannome del 305° Battaglione dell’Intelligence militare dell’Esercito degli Stati Uniti.

Lieutenant General Thomas McInerney Just Called 2020 Election “Treason” and Says “We Need Military Tribunals” | Wicked Era News

Il tenente generale in pensione Thomas McInerney è un esperto di guerra informatica e affema che negli Stati Uniti sono state rilasciate dichiarazioni che sono una vera bomba informativa. Anche se pochi media hanno fatto eco alle rivelazioni che i militari hanno fatto, nel programma del presentatore Brannon Howse di World View Weekend.

Il generale McInerney ha spiegato di  sapere in dettaglio come si è sviluppata la frode elettorale: “Trump  sapeva già cosa sarebbe successo e aveva un piano”, ha risposto. Ma prima di arrivare al nocciolo della questione, il militare ha voluto mettere in chiaro la sua esperienza di analista nell’esercito degli Stati Uniti per 16 anni. Inoltre, ha ricordato di essere uno specialista in tecnologia e armi cibernetiche e ha aggiunto di essere il numero tre del personale aereo dell’Air Force americana e che, attualmente, “il suo lavoro è strettamente legato alla tecnologia militare e di intelligence” .

Il Kraken

Durante l’intervista, il tenente generale ha rivelato cos’è il  Kraken , a cui si riferiva l’avvocato Sidney Powell. Ricordiamoci che l’espressione dell’avvocato “libereremo il Kraken” è divenuto popolare, dando origine a tutti i tipi di teorie e versioni. Ora, Thomas McInerney ha chiarito tutte le incognite sulla questione: “Il Kraken è il 305° battaglione dell’intelligence militare dell’esercito americano. È il soprannome che riceve. Sidney e l’equipaggio del presidente, credo attraverso il generale Flynn, hanno avuto l’opportunità di organizzarsi. Il 305° battaglione dei servizi segreti militari lavora con loro”, ha spiegato, riferendosi a Donald Trump e a questa unità specializzata dell’esercito, insieme a Sidney Powell e al resto degli avvocati. Da tempo collaborano  e analizzano le prove delle frodi degli elettori.

Libri e varie...

“Il Kraken è la fonte di informazioni di Sidney Powell”, precisò il generale. Anche se il 305° battaglione dell’intelligence non sarebbe stato l’unico a ricevere la missione di smascherare la frode elettorale. Ci sono anche altre unità e squadre d’élite che ci stanno lavorando, ma il generale preferisce “non parlare ancora” del resto delle squadre investigative. E sottolinea che, per ora, “la cosa più importante è che la divisione dell’intelligence militare abbia identificato Cina, Iran e Russia  come coinvolti nella manipolazione del voto e in brogli elettorali”.

Su questo, Mclnerey ha sottolineato che la 305° divisione militare è un battaglione d’élite e ha lasciato intendere che le accuse degli avvocati Wood e Powell, comprese quelle del presidente Trump, Giuliani ed Ellis, sono supportate dalle prove che questo battaglione ha fornito loro.

Cina, Russia, Iran e Democratici

Allo stesso modo, il tenente generale ha confermato che le forze speciali statunitensi hanno sequestrato i server del sistema di voto Dominion a Francoforte, in Germania. Rudy Giuliani aveva già parlato della società di Barcellona Scytl e del suo presunto “coinvolgimento nella massiccia frode elettorale nelle elezioni del 2020 negli Stati Uniti”. Ora, il generale assicura che il comando delle forze speciali degli Stati Uniti ha  sequestrato una server farm a Francoforte, in Germania, perché stavano inviando dati da sei stati americani, tramite Internet, a Barcellona e poi a Francoforte”.

McInerney spiega che i server sono stati sequestrati in un quartier generale della CIA e, la cosa peggiore è che, secondo le sue informazioni, alcuni soldati hanno perso la vita in quella missione speciale. “Il mio rapporto iniziale è che alcuni soldati americani sono stati uccisi in quell’operazione. Questa era un’operazione della CIA, quindi questa è la cosa più preoccupante“.

“Alto tradimento”

Globalists are maneuvering Trump right into the “dictator” scenario they want; when he WINS, they launch the kinetic coup and overthrow the Republic - John B. Wells News

Per questo motivo, il generale avverte che dietro la frode ci sono funzionari del più alto livello politico e di sicurezza. È noto che hanno commesso un tradimento e stanno andando in prigione. Non abbiamo mai visto tradimenti di questa portata nella nostra storia. Questo è stato un colpo di stato. Le macchine sequestrate in Germania mostreranno le prove della frode, ma sarà davanti alla Corte Suprema”, ha detto.

Tra le sue dichiarazioni scioccanti, il generale ha detto che HAMMER e altre armi cibernetiche, che gli Stati Uniti avevano usato contro altri paesi, sono ora “schierate contro di loro”, sostenendo che il nemico è dentro. “Sappiamo e abbiamo le prove che dietro a tutto ci sono  Cina, Russia, Iran, Venezuela e Democratici. Anche Obama, i Clinton, Nancy Pelosi e Joe Biden sono coinvolti nella frode, ha detto McInerney.

Armi informatiche

Inoltre, i militari  diffidano dell’FBI, della CIA e dell’Ufficio del Procuratore Generale del Dipartimento di Giustizia (DOJ) , poiché come ha comunicato Powell “non stanno facendo nulla”. Per questo motivo, “Trump doveva andare al Kraken  per indagare su tutte le frodi elettorali su larga scala”, ha scattato McInerney.

Su questo, il generale sostiene che c’era un coordinamento nei cinque stati chiave, Pennsylvania, Wisconsin, Michigan, Arizona, Nevada e Georgia, perché tutti hanno smesso di contare i voti allo stesso tempo. “Hanno usato HAMMER e Scored, così come Dominion per mettere Joe Biden a capo delle elezioni in ogni stato. È stato utilizzato un algoritmo. Porteremo tutto questo alla Corte Suprema“.

“Non è una Teoria del Complotto. È reale”

Sulle armi informatiche descritte dal generale, va menzionato l’esperto di fama mondiale di sicurezza informatica e frode informatica, il dottor Navid Keshavarz-Nia, che ha rilasciato una dichiarazione giurata per supportare Powell nelle sue indagini. Secondo questa dichiarazione, “ci sono state massicce frodi informatiche nelle elezioni del 2020, tutte con l’intenzione di assicurare una vittoria a Joe Biden”. E nomina le armi cibernetiche che il generale McInerney mette in evidenza. Lo specialista, considerato uno dei migliori al mondo dalla rivista American Thinker, conclude che “HAMMER e Scorecard esistono. Non è una teoria del complotto. È reale.

Hammer' and 'Scorecard': Lt. Gen. McInerney explains the election hack by Democrats – NaturalNews.com

“Entrambi sono usati per manipolare i risultati delle elezioni”. HAMMER è un supercomputer e Scorecard è un software utilizzato per manipolare i voti delle elezioni. E aggiunge nella sua dichiarazione che “Dominion, Scytl e Smartmatic sono vulnerabili alle frodi e alla manipolazione del voto”. Il dottor Navid Keshavarz-Nia ha sottolineato che Dominion era già stato utilizzato in altri paesi per modificare i risultati elettorali.

Va notato che il prestigioso avvocato Lin Wood e S. Powell hanno affermato di aver visto le prove che coinvolgono Biden e hanno menzionato il Kraken. Il generale ha ringraziato per il lavoro che sta facendo questa divisione dell’intelligence militare e ha detto di essere completamente convinto che “il popolo degli Stati Uniti e del resto del mondo sarà testimone delle prove di manipolazione e brogli elettorali”.

“Guerra Cibernetica”

Il generale McInerney indica che il sistema elettronico di frode è stato utilizzato anche in altre occasioni dai democratici.Il presidente Obama l’ha usata nel 2012 per vincere. I democratici l’hanno usata durante le primarie per Bernie Sanders per perdere e Biden per vincere. Non abbiamo mai visto un tradimento di questo calibro nella nostra storia. Anche Chris Krebs, che era il capo dell’agenzia di sicurezza è colpevole di tradimento e ora  il presidente lo ha licenziato”.

Infine, McInerney ha concluso: Stiamo affrontando una guerra informatica. Stanno cercando di prendere il controllo di questa nazione attraverso la tecnologia. Abbiamo un calendario e dobbiamo passare attraverso il sistema legale. Dobbiamo affrontare una sfida enorme. Il 14 dicembre, il presidente non dovrebbe lasciare l’incarico fino a quando non verrà fuori tutto questo. Trump ha vinto le elezioni e sarà presidente per i prossimi quattro anni. Non prenderanno il controllo di questo paese. Biden deve dimettersi ora. Sappiamo tutto e… arriveremo alla Corte Suprema“.

Articolo di Elena Berberana

Fonte originale: https://www.libertaddigital.com/opinion/elena-berberana/

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://misteri1963.blogspot.com/2020/12/el-teniente-general-retirado-mclnerey.html

Libri e varie...
CONTROLLO MENTALE
di Armen Victorian

Controllo Mentale

di Armen Victorian

Un agghiacciante e documentato resoconto sui metodi di controllo mentale escogitati e sperimentati in particolar modo da Stati Uniti e Unione Sovietica a partire dal termine della Seconda Guerra Mondiale. Milioni di dollari stanziati per lo studio delle tecniche di percezione extra-sensoriale, visione a distanza, psicocinesi, telepatia, lavaggio del cervello, nonché degli effetti di LSD ed altre droghe; applicazioni sperimentate su cavie umane spesso inconsapevoli, nel contesto della ricerca di nuove forme di 'armi non-letali'.

La battaglia per il controllo della mente umana può rivelarsi una faccenda assai sporca. Da decenni i servizi segreti sono alla ricerca di nuovi sistemi per controllare il modo in cui le persone pensano ed agiscono - e per fiaccare la loro determinazione ad opporre resistenza.

Controllo mentale rivela inquietanti prove che il mondo dell'intelligence preferirebbe restassero ignote. Denuncia un'ampia gamma di esperimenti assai discutibili, condotti dalla CIA e da altre agenzie, alla ricerca di nuove forme di 'armi non-letali'.

Migliaia di 'cavie' sono state sfruttate e danneggiate, tanto sotto il profilo fisico quanto sotto quello mentale, senza il loro consenso. Fra queste si annoverano degenti ospedalieri, donne gravide, alunni delle scuole, prigionieri e veterani militari.

Controllo mentale rivela il modo in cui, dopo aver scoperto che la Russia eseguiva ricerche in ambito parapsicologico per missioni coperte, il Pentagono è rimasto ammaliato dalle tecniche di manipolazione psichica. Stanziamenti per milioni di dollari sono stati destinati ad ambiti quali percezione extrasensoriale, osservazione a distanza, psicocinetica, LSD, telepatia e lavaggio del cervello.

Ricorrendo alla Legge sulla Libertà di Informazione, il Dr. Armen Victorian ha raccolto prove documentali relative a tali programmi. Avulso da teorie cospirative, il suo libro è il primo ad esplorare in profondità il torbido e segreto mondo del controllo mentale.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *