Il nostro Futuro Distopico… la nuova Normalità

di Andrew Korybko 

Il Covid-19 ha radicalmente cambiato la vita così come la conosciamo, ed è più che probabile che il nostro futuro sarà distopico, dato che vari governi hanno già risposto a questo “scoppio virale”.

How to Promote Yourself Like a Totalitarian Dictator | Inc.com

Alcuni di noi temono che tutta questa pandemia sia esagerata e sfruttata come una cortina di fumo per rubare le nostre libertà. Mai prima d’ora i governi di tutto il mondo avevano avuto così tanto potere sul popolo.

Il problema, tuttavia, è che questi poteri appena assunti, probabilmente non si arrenderanno volontariamente dopo la fine di questa epidemia, motivo per cui molte persone sono così preoccupate. Molti sono, infatti, convinti che siamo entrati improvvisamente in un periodo di dittatura globale.

Anche molte altre cose stanno cambiando, ed è difficile tenere il passo con il “COVID World Order”. Ciò che segue è un tentativo di descrivere brevemente tutto ciò che è già avvenuto e prevedere ciò che probabilmente avverrà in futuro:

1. Legge marziale di fatto. Non c’è altro modo per descrivere le quarantene “raccomandate” e obbligatorie che molti al mondo stanno sperimentando che chiamarle per quello che sono, uno stato marziale di fatto, che non viene formalmente dichiarato per non provocare più panico di quello che già esiste.

Libri e varie...

2. … È la “nuova normalità”. Ora che la legge marziale di fatto, per un periodo apparentemente indefinito, è stata accettata dalla gente (sia volentieri che a malincuore), probabilmente diventerà la “nuova normalità” e sarà implementata innumerevoli volte in futuro, realizzandosi in una “sovrabbondanza di cautela” in caso di un altro focolaio o sotto qualsiasi altro pretesto.

3. La censura dei social media si intensificherà. “Big Brother” è già qui, ma diventerà un “bullo” più grande che mai, intensificando la sua censura sui post dei social media delle persone, sulla base del fatto che sono “socialmente irresponsabili” (ad esempio, mettendo in discussione la gravità di questa malattia), dopo che la rete “politicamente scorretta” si allargherà per includere anche altri argomenti.

4. Il viaggiare non sarà come prima. I viaggi nazionali e internazionali non saranno mai più gli stessi, con le restrizioni interne ai movimenti che diventeranno probabilmente usuali, mentre la maggior parte degli ospiti stranieri dovrà auto-mettersi in quarantena per un periodo di tempo, tranne in circostanze speciali, quindi quasi azzerando l’industria del turismo globale.

Se il mondo del futuro fa paura, davvero ci può salvare il passato?

5. Il controllo delle frontiere diventerà più forte. Sono finiti i tempi dei cosiddetti “confini aperti” in cui chiunque può spostarsi liberamente tra giurisdizioni a piacimento (sia legalmente che altrimenti); ci saranno controlli più severi che verranno messi in atto per “proteggere” la popolazione locale dagli estranei, ma anche dai propri connazionali provenienti da altre parti del paese.

6. Vaccini obbligatori. Qualunque cosa si pensi dei vaccini, probabilmente non ci sarà modo di impedire che diventino obbligatori dopo la pandemia di COVID-19. Le persone dovranno dimostrare di essere state vaccinate per fare qualsiasi cosa, come lo studio, lavorare, viaggiare e ricevere benefici pubblici.

7. L’apprendimento e il lavoro a distanza aumenteranno. Con così tante persone bloccate a casa e incapaci di uscire se non per l’acquisto di beni essenziali nella maggior parte dei casi, è prevedibile che l’apprendimento e il lavoro a distanza (quest’ultimo sarà ovviamente per coloro che potranno farlo) continueranno anche nel futuro; la società si abituerà a questo modo di vivere.

Libri e varie...

8. Il 5G è inevitabile. Il massiccio aumento del traffico online da parte di persone che staranno imparando, lavorando o semplicemente intrattenendosi online, richiederà il rapido lancio della tecnologia 5G, nonostante ciò che alcune persone pensano riguardo a questa tecnologia, ovvero riguardo alla sua pericolosità per la salute.

9. La società dipende solo da pochi lavori per funzionare. La “nuova normalità” della legge marziale di fatto ha fatto capire a molte persone che la società in realtà dipende solo da alcuni lavori per continuare a funzionare al minimo indispensabile, con dipendenti tecnologici, drogherie e farmacie, impiegati di banca, assistenza sanitaria, professionisti, addetti alla ristorazione, agricoltori e camionisti.

10. La nazionalizzazione potrebbe essere imminente. Nel bene e nel male, i governi di tutto il mondo potrebbero intraprendere una corsa alla nazionalizzazione, al fine di assumere il controllo di quelle che considerano “industrie essenziali” (anche se alcune di esse non lo sono davvero, ma sono invece funzionali al mantenimento del potere). Ciò potrebbe portare all’imposizione informale di modelli economici socialisti o fascisti.

Siamo schiavi senza catene? La 'dittatura dolce' di Huxley ...

11. “Reddito di base universale”. Data la portata del collasso economico globale che è stato catalizzato dalla risposta al Covid-19, è prevedibile che i governi appronteranno quello che è stato descritto come un “reddito di base universale”, al fine di garantire che i loro cittadini possano continuare almeno ad acquistare beni e servizi di base.

12. Formazione medica obbligatoria in cambio di benefici statali. La formazione medica sarà probabilmente molto importante dal loro punto di vista, quindi lo Stato probabilmente la renderà obbligatorio nelle scuole da qui in poi e per chiunque voglia ricevere benefici dal governo, in modo da poterne usufruire in futuro ogni volta che ci sarà una carenza di operatori sanitari.

13. Addio ai contanti. Sta arrivando la società senza contanti, giustificata dalla paura (reale, falsa o esagerata) che i virus letali possano essere diffusi attraverso la moneta cartacea o come metodo preferito dal governo per elargire il suo “reddito di base universale”, il che significa che le autorità potranno tagliare fuori le persone scomode dai loro fondi, in qualsiasi momento lo vogliano.

(*) Questo è il futuro “roseo” che ci aspetta, se noi tutti, come popolo del mondo non ci svegliamo facendo valere il nostro dissenso. Siamo noi che stiamo nutrendo questo “Mostro”! Togliamoci finalmente i veli dagli occhi, andiamo a fondo, cerchiamo di capire cosa stanno edificando sulle nostre teste… usciamo dalla narrazione del virus che ha ipnotizzato molti di noi e cerchiamo di vedere cosa si nasconde dietro lo scenario… E’ venuto il momento… l’ultimo momento utile per svegliarci!

Articolo di Andrew Korybko 

Fonte originale: https://humansarefree.com/

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

(*) nota di conoscenzealconfine

Fonte: https://ningizhzidda.blogspot.com/2020/04/il-nostro-futuro-distopico-la-nuova.html

Libri e varie...
SCHIAVI SENZA CATENE
L'arte di pensare con la propria testa per vivere bene in un mondo difficile - Il seguito di "Non prendeteci per il PIL!"
di Andrea Bizzocchi

Schiavi Senza Catene

L'arte di pensare con la propria testa per vivere bene in un mondo difficile - Il seguito di "Non prendeteci per il PIL!"

di Andrea Bizzocchi

L'attesissimo seguito di "Non prendeteci per il PIL"

Il mondo-Matrix in cui viviamo genera perlopiù "stordimento" da un lato (vedi i divertimenti, lo shopping, ecc.) e lamentela dall'altro. Nel libro ci occuperemo dell'uno e dell'altra, ma il vero problema è che nessuno, o quasi, si assume la responsabilità della propria Vita, il che, indipendentemente dalla situazione contingente in cui ci troviamo, equivale ad essere uomini liberi. Non ci sono catene che ci tengono schiavi, ma solamente quegli schemi di pensiero a cui siamo quotidianamente condizionati sin dalla nascita.

"Schiavi senza catene" è in qualche modo un libro di Magia perché la Magia più grande è quella di assumersi la totale responsabilità della propria Vita per trasformarla in meglio. Quindi ho scritto questo libro per infonderti coraggio e fornirti strumenti per aiutarti a cambiare. La mia è una promessa. Se vivi da Mago, ovvero se ti assumi la totale responsabilità della tua Vita, questa cambierà inevitabilmente in meglio. Però non è un libro per schiavi né per lamentanti. Essere uno schiavo o un lamentante è una scelta, deliberata o meno non importa, che ciascuno di noi compie. E tu che scelta compi?

Del resto quel 90% delle persone che preferiscono lamentarsi anziché cambiare, non rappresentano altro che un numero, un puro dato statistico; tu fregatene della statistica e abbassa la media. In altre parole decondiziona il tuo pensiero per cominciare a pensare, agire e vivere da uomo libero.

...

Un commento

  1. Congratulazioni x l’articolo! Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *