Il Consiglio di Stato Greco annulla la Vaccinazione obbligatoria per il Personale Medico: “Le Prove presentate non giustificano l’Obbligo”

di Michael Nevradakis, Ph.D

Il Consiglio di Stato greco – il più alto tribunale amministrativo del Paese – ha stabilito giovedì 24 novembre che il mantenimento della vaccinazione obbligatoria degli operatori sanitari in Grecia è incostituzionale.

La decisione dovrebbe segnare la fine di una saga durata 15 mesi per gli operatori sanitari greci non vaccinati. Sono stati sospesi senza stipendio dal 1° settembre 2021 per aver rinunciato alla vaccinazione Covid.

In particolare, la decisione del tribunale contraddice l’estensione dell’obbligo di vaccinazione decisa dal governo greco, che è entrata in vigore il 1° aprile 2022 e doveva durare fino al 31 dicembre 2022.

La decisione apre la strada al ritorno al lavoro dei lavoratori sospesi. Tuttavia, resta da vedere se il governo greco si atterrà alla decisione o troverà il modo di contestarla o aggirarla.

La Decisione del Consiglio di Stato

Nella decisione 2332/2022, una commissione di sette membri del Consiglio di Stato ha votato per 6 a 1 a favore dell’Associazione nazionale dei dipendenti degli ospedali pubblici (POEDHN), che aveva intentato una causa per conto dei medici sospesi, e ha stabilito che l’obbligo di vaccinazione esteso era incostituzionale.

La decisione del Consiglio di Stato ha inoltre annullato il processo di assunzione di nuovo personale medico con contratto a tempo determinato avviato dal Ministero della Salute greco il 14 aprile 2022, sulla base della legge 4825/2021, presumibilmente per sostituire il personale sospeso.

Secondo il testo della decisione, pubblicato giovedì sul sito web del Consiglio di Stato, l’obbligo di vaccinazione di alcune categorie di lavoratori è costituzionale – ma ci sono dei limiti a questa costituzionalità riconosciuta. Secondo il tribunale, questi limiti superano il “principio di proporzionalità” in relazione al pericolo esistente: “Come il Consiglio di Stato ha già riconosciuto in una serie di decisioni, le misure attuate per proteggere la salute pubblica dal coronavirus COVID-19, tra cui la vaccinazione obbligatoria per alcune categorie di lavoratori… pur costituendo una grave interferenza con l’esercizio di diritti umani fondamentali, come il libero sviluppo della personalità, la libertà di movimento e la privacy, sono tuttavia considerate un’interferenza costituzionale se tali misure sono rigorosamente applicate, tra l’altro, per il periodo di tempo necessario e, in ogni caso, fino a quando non saranno sviluppate soluzioni per affrontare la pandemia”. “La severità e la durata di queste misure, data la loro natura temporanea, devono essere regolarmente riviste dalle autorità statali competenti sulla base dei dati epidemiologici attuali e di prove scientifiche credibili”.

Nella sua decisione, il Consiglio di Stato ha rilevato che lo Stato greco non ha agito in tal senso nel caso dei medici sospesi: “Nel caso specifico, al momento della pubblicazione delle decisioni in questione (31 marzo 2022 e 14 aprile 2022), erano trascorsi più di otto mesi dall’introduzione dell’obbligo vaccinale per il personale medico”.

Si tratta di un periodo di tempo che supera chiaramente un periodo di tempo ragionevole a causa della natura di questa misura e delle sue conseguenze, senza un riesame della misura sulla base degli attuali dati scientifici ed epidemiologici, del valore, dell’efficacia e delle conseguenze dei vaccini contro il coronavirus o degli attuali sviluppi della pandemia“.

La proroga imposta dal Ministero della Salute greco era quindi incostituzionale secondo gli stessi principi, ha affermato il Consiglio di Stato: Non è chiaro sulla base di quali dati scientifici specifici sia stata presa la decisione di posticipare la data del riesame al 31 dicembre 2022 – in altre parole, un periodo di tempo che ancora una volta supera ciò che è ragionevole, considerando che è stato nove mesi dopo l’adozione della legge 4917/2022 [che proroga l’obbligo]“.

Il Consiglio di Stato ha rilevato non solo che non c’è stato un riesame dell’obbligo, ma anche che i dati disponibili all’epoca non lo giustificavano: Nessuna delle prove [contenute nei documenti presentati alla Corte dal Ministero della Salute greco] suggerisce che tale valutazione formativa abbia avuto luogo… in ogni caso, le prove presentate alla Corte non giustificano l’estensione degli obblighi vaccinali”.

Come ha riportato giovedì il portale greco newsbomb.gr, la decisione del Consiglio di Stato significa che i professionisti medici sospesi avranno la possibilità di essere reintegrati nelle loro posizioni, se lo richiederanno, dopo la pubblicazione della decisione finale del tribunale.

Articolo di Michael Nevradakis, Ph.D

Fonte originale: https://tkp.at/2022/11/28/oberstes-griechisches-gericht-kippt-impfpflicht-fuer-medizinisches-personal/

Fonte: https://www.eventiavversinews.it/il-consiglio-di-stato-greco-annulla-la-v-obbligatoria-per-il-personale-medico-le-prove-presentate-non-giustificano-lobbligo/

BéSAME MUCHO
Come crescere i vostri figli con amore
di Carlos Gonzàlez

Bésame Mucho

Come crescere i vostri figli con amore

di Carlos Gonzàlez

Spesso i neogenitori sono pieni di dubbi e ansie e in caso di difficoltà chiedono consiglio agli amici, anziché fermarsi a riflettere su quello che gli sta comunicando il loro bambino.

E proprio per questo Carlos Gonzales ha ritenuto indispensabile intervenire in difesa dei bambini: i bambini non fanno i capricci, non sono da punire con la forza, ma vanno semplicemente accuditi con l'istinto materno (non quello codificato negli ultimi secoli ma quello atavico che ognuno di noi possiede da milioni di anni).

Qui troverete una risposta razionale a tante domande che assillano i genitori:
• Perchè il bambino non vuole dormire da solo?
• Perchè i bambini piangono?
• Perchè richiamano la nostra attenzione?
• Perchè sono gelosi?
• Quando diventano indipendenti?
• Perchè vogliono stare sempre in braccio?
• Cos'è l'insonnia infantile?

Presentazione - Bésame Mucho - Libro

Carlos Gonzàlez ha il grande merito di mettersi esplicitamente e dichiaratamente dalla parte del bambino, anzi di mettersi nei suoi panni nelle varie situazioni, per difenderlo da quei preconcetti e modelli precostituiti che troppo spesso ispirano i libri di puericultura costituendone il punto di partenza e l'ispirazione generale. Una sorta di tacito assunto a priori che influenza i lettori-genitori, i quali finiscono col credere più alle parole dell'esperto di turno che al loro sentire più intimo e istintivo.

C'è una bella differenza a partire dall'idea che il bambino sia sostanzialmente "buono" e l'idea che invece sia un furbetto manipolatore pronto ad imbrogliarci, ad approfittare della situazione, a fare i "comodi suoi" (molti educatori professionisti e genitori nemmeno sono consapevoli di questa duplice tendenza solitamente inespressa).

C'è una bella differenza a trattarlo con affetto e rispetto praticando l'ascolto nei suoi confronti o investirlo con i nostri schemi e le nostre categorie mentali, fino a renderlo falso e ammutolirlo.

Bésame mucho si basa sul concetto che i bambini sono essenzialmente buoni, che le loro necessità affettive sono importanti e che noi genitori dobbiamo dare loro affetto, rispetto e attenzione.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.