Idioti “patentati”

di Francesco Carraro

Siccome l’idiozia non va mai in ferie, quest’estate è stato presentato alla Camera dei Deputati un disegno di legge “per la formazione alla genitorialità e per il sostegno della responsabilità educativa dei genitori”. Enti e movimenti privati, saranno chiamati ad allestire corsi di “accesso alla genitorialità”.

Corsi per genitori imperfettiCome sempre, quando si tratta di norme partorite dai nostri legislatori, la grammatica zoppica, la sintassi vacilla e la logica va a prendersi un caffè. Il che rende difficile decifrare in cosa si tradurrà l’ennesima pirlata partorita dagli “uffici per la complicazione degli affari semplici” gestiti in regime di monopolio dal PD.

Però, due o tre cose le abbiamo intuite. Primo: la legge non dovrà comportare oneri aggiuntivi per lo Stato, come qualsiasi altra riforma di quello Stato senza cassa e senza fondi, che risponde al nome di Repubblica Italiana. Secondo: i costi inevitabili graveranno sui cittadini i quali, di riffe o di raffe, dovranno pagare per ottenere i “benefici” che essa promette. Terzo: la legge andrà ad arricchire organizzazioni sociali ed enti culturali allineati con le più recenti e invasive teorie sull’educazione-manipolazione permanente della persona. Infine, e soprattutto, la legge – ove approvata – attiverebbe un percorso didattico, persino a carico di chi intenda applicarsi nell’esercizio più naturale del mondo, dopo quello di fare un figlio: educare un figlio.

Curioso, non trovate? Nell’era della sedicente libertà assoluta dove tutti, ormai, sono liberali, liberisti e libertari (mica solo i radicali) si affastellano, di giorno in giorno, proposte di legge, e leggi vere e proprie, destinate a disciplinare, regolamentare, sanzionare tutti gli ambiti della vita umana, persino quelli un tempo sottratti per definizione all’interferenza dello Stato come, ad esempio, gli inviolabili limiti dell’intimità familiare.

La prima regola di uno stato autenticamente liberale, dovrebbe essere, per antonomasia, la ‘libertà’ dei consociati maggiorenni. A diciott’anni sei destinatario di diritti e di doveri come tutti i tuoi pari, ma hai anche la sovrana possibilità di condurre la tua esistenza come meglio ti aggrada. Puoi sposarti, mettere su famiglia e decidere di educare i tuoi pargoli in piena autonomia. Non ti serve una licenza, tantomeno corsi correttivi o integrativi, perché lo Stato ha fiducia in te. Ti presume maturo e responsabile.

Ma parliamo di uno Stato che ti rispetta, ti sostiene se ti sposi e proliferi, ti tutela quando vai in pensione e ti ci manda a un’età decorosa. Oggi va in onda, e va di moda, un altro tipo di Stato. Quello del welfare a costo zero che se ne frega del benessere economico dei cittadini, del loro diritto a un lavoro dignitoso e ai più elementari  servizi  sociali; uno Stato che se ne sbatte, insomma, del governo della ‘cosa  pubblica’ nell’accezione più nobile del termine.

In compenso, esso si ingegna fanaticamente nel governo della ‘cosa privata’, nell’ammaestramento della psiche individuale, nella gestione di ogni benché minimo interstizio della coscienza dei singoli e dei loro rampolli.

Così, nel mentre destruttura la famiglia tradizionale assecondandone le più repellenti e degeneri ibridazioni, introduce la patente per chi ha la ‘presunzione’ di esercitare il diritto primordiale all’educazione dei propri figlioli. Non sa tutelare i propri confini nazionali, ma non si fa scrupolo di varcare impunemente i confini delle case dei suoi cittaadini.

Articolo di Francesco Carraro

Fonte: www.francescocarraro.com

Libri e varie...

Controllo Mentale

di Armen Victorian

CONTROLLO MENTALE
di Armen Victorian

Un agghiacciante e documentato resoconto sui metodi di controllo mentale escogitati e sperimentati in particolar modo da Stati Uniti e Unione Sovietica a partire dal termine della Seconda Guerra Mondiale. Milioni di dollari stanziati per lo studio delle tecniche di percezione extra-sensoriale, visione a distanza, psicocinesi, telepatia, lavaggio del cervello, nonché degli effetti di LSD ed altre droghe; applicazioni sperimentate su cavie umane spesso inconsapevoli, nel contesto della ricerca di nuove forme di 'armi non-letali'.
 La battaglia per il controllo della mente umana può rivelarsi una faccenda assai sporca. Da decenni i servizi segreti sono alla ricerca di nuovi sistemi per controllare il modo in cui le persone pensano ed agiscono - e per fiaccare la loro determinazione ad opporre resistenza.
Controllo mentale rivela inquietanti prove che il mondo dell'intelligence preferirebbe restassero ignote. Denuncia un'ampia gamma di esperimenti assai discutibili, condotti dalla CIA e da altre agenzie, alla ricerca di nuove forme di 'armi non-letali'.
Migliaia di 'cavie' sono state sfruttate e danneggiate, tanto sotto il profilo fisico quanto sotto quello mentale, senza il loro consenso. Fra queste si annoverano degenti ospedalieri, donne gravide, alunni delle scuole, prigionieri e veterani militari.
Controllo mentale rivela il modo in cui, dopo aver scoperto che la Russia eseguiva ricerche in ambito parapsicologico per missioni coperte, il Pentagono è rimasto ammaliato dalle tecniche di manipolazione psichica. Stanziamenti per milioni di dollari sono stati destinati ad ambiti quali percezione extrasensoriale, osservazione a distanza, psicocinetica, LSD, telepatia e lavaggio del cervello.
Ricorrendo alla Legge sulla Libertà di Informazione, il Dr. Armen Victorian ha raccolto prove documentali relative a tali programmi. Avulso da teorie cospirative, il suo libro è il primo ad esplorare in profondità il torbido e segreto mondo del controllo mentale....

I Padroni dell'Umanità

Saggi politici 1970-2003

di Noam Chomsky

I PADRONI DELL'UMANITà  - LIBRO
Saggi politici 1970-2003
di Noam Chomsky

In questa raccolta è il rigore dell'analisi a trascinare sul banco degli imputati i "padroni dell'umanità" e le idee che per decenni, anzi secoli, hanno giustificato lo sfruttamento capitalistico e le guerre, dal Vietnam al Nicaragua, dal Centro America alla Serbia e all'Iraq.
 Principali accusati restano gli Stati Uniti: un'economia ufficialmente liberista ma in realtà sovvenzionata dallo Stato, una visione "messianica" del proprio ruolo nel mondo, una società dominata dalle multinazionali, la manipolazione dell'opinione pubblica per costruire un "consenso senza consenso" e piegare le masse "stupide" alla volontà di pochi "illuminati", la deroga al principio di universalità che vorrebbe regole uguali per tutti nel diritto internazionale, l'indifferenza e anzi l'occultamento della catastrofe ambientale: sono questi per Chomsky gli elementi fondanti di un potere non solo statunitense ma globale, che agisce per assoggettare i popoli e fare gli interessi di pochi, con il consenso e il belletto intellettuale fornito dalle tecno-intellighenzie di turno.
 Questo universale richiamo morale è il fiume carsico di tutte le opere di Chomsky, una delle voci più autorevoli dei nostri tempi, in grado come pochissimi altri di pronunciare verità indocili e di indicare la strada di un vero cambiamento.
 Introduzione di Marcus Raskin....

Transevolution

L'era della decostruzione umana

di Daniel Estulin

TRANSEVOLUTION
L'era della decostruzione umana
di Daniel Estulin

In quest' opera unica al mondo Daniel Estulin, profetico e visionario come suo solito, ci fornisce una visione terribilmente realistica di quello che deve attendersi la vita umana nel futuro.
 Utilizzando un rapporto del governo del Regno Unito, Tendenze strategiche 2007-2036, Daniel Estulin crea un'immagine 3D del futuro per spiegare come i progressi scientifici e tecnologici, distruzione economica, la sovrappopolazione, conquista dello spazio e la gara per l'immortalità si scontrano in una lotta mortale tra i super ricchi e resto dell'umanità.
 Senza dubbio, stiamo assistendo ad una esplosione senza precedenti nella conoscenza scientifica e abbiamo imparato di più negli ultimi 50 anni che in tutta la storia umana. Grazie alle meraviglie della scienza. Estulin in questa nuova opera ci spiega che ora, attraverso la genetica, la robotica, le tecnologie dell'informazione e la nanotecnologia, abbiamo i mezzi per controllare la materia, l'energia e la vita stessa.
 Non abbiamo mai visto nulla di simile prima e questo solleva profonde domande su ciò che significa "essere umano".
 Con l'avvento della nuova scienza e della tecnologia relativa alla rivoluzione genetica, possiamo letteralmente riscrivere il nostro patrimonio genetico.
 Nell'arco di una generazione, siamo passati da piante geneticamente modificate ad animali geneticamente modificati. Il passo successivo è la modifica antropologica degli esseri umani?  Cosa ci aspetta nel futuro?
 "La razza umana è in via di estinzione? Se sì, allora in favore di cos'altro? Chi è il nostro nemico? Sullo sfondo, uno sviluppo tecnologico mozzafiato, la continua voglia di cambiare se stessi, di aggiornarsi e trasformarsi in qualcosa di meglio, di superiore, di più resistente e magari immortale. Forse l'unico nostro nemico è l'inaccettabile fragilità umana" 
Daniel Estulin...

Rivoluzione Non Autorizzata

Come cambierà il Mondo

di Marco Pizzuti

RIVOLUZIONE NON AUTORIZZATA  - LIBRO
Come cambierà il Mondo
di Marco Pizzuti

Dai crack finanziari pilotati alla ribellione islandese di cui nessuno parla
 Scottanti rivelazioni sulla truffa globale della dittatura economica che tiene in ostaggio l'umanità 
 Quando la gente non riesce più ad arrivare alla fine del mese, comincia a porsi delle domande e a ridestarsi dai potenti strumenti di distrazione di massa di cui è vittima (la macchina mediatica dello spettacolo, dell'intrattenimento e della disinformazione). Per tale ragione, economisti, politici, capi di stato e persino il Vaticano stanno premendo l'acceleratore sulla presunta "necessità" di realizzare un Nuovo Ordine Mondiale.
  Il loro sostegno al progetto di globalizzazione lo dichiarano ormai apertamente nelle interviste, nei talk-show e nei discorsi pubblici, invocandolo come l'unica soluzione possibile per uscire dalla crisi. L 'élite finanziaria vuole agire in fretta e senza ostacoli. Per evitare che la crisi le sfugga di mano usa i mass-media, la borsa, le agenzie di rating e i partiti.
  La popolazione viene terrorizzata quotidianamente con notizie negative sullo spread e sul rischio di bancarotta dello Stato e costretta ad accettare qualsiasi condizione venga imposta da "governi tecnici". 
 Nel frattempo, nessuno spiega la verità sull'origine della crisi: i popoli non hanno mai governato realmente, la loro volontà è stata sempre aggirata, la democrazia rappresentativa è un inganno e il debito pubblico è una colossale truffa nei confronti dei cittadini.
 Fino a pochi anni fa scrivere un saggio sul Nuovo Ordine Mondiale significava essere etichettati come "cospirazionisti", mentre ora stiamo assistendo a un'esplosione di interesse collettivo per le rivelazioni sulla vera struttura di potere che controlla tutte le nazioni. Nel corso degli anni, le peggiori previsioni della controinformazione hanno trovato riscontro nella crisi finanziaria internazionale e nelle pressioni esercitate dai banchieri per instaurare la loro tecnocrazia globale.
  Come uscirne? È appena successo in Islanda: riportando la finanza sotto il controllo della politica e quest'ultima sotto il controllo del popolo; fondando un nuovo sistema di regole e sostenendo una pacifica rivoluzione civile che ristabilisca la democrazia partecipativa.
  Marco Pizzuti elenca una mole impressionante di prove oggettive in grado di demolire ogni dubbio sui veri scopi perseguiti dall'attuale classe politica di tutto il mondo (da Obama a Monti, da Papademos a Draghi ecc.), su quelli dei loro mandanti (l'élite finanziaria) e su cosa accadrà nel prossimo futuro se non facciamo qualcosa per evitarlo.
 Indice del libro Capitolo I - Manipolazione mentale e ipnosi di massa
Capitolo II - Dietro le quinte della storia ufficiale
Capitolo III - Rivoluzione bolscevica e Guerra fredda
Capitolo IV - Una truffa monetaria come pilastro del potere
Capitolo V - Origine e scopo della crisi finanziaria
Capitolo VI - Dietro la maschera di Obama Bush e il cinismo del potere
Capitolo VII – Tecnocrazia e Vaticano
Capitolo VIII - La rivoluzione possibile
Capitolo IX - La rivoluzione interiore
 Citazioni Quando un governo dipende dai ban­chieri per il denaro, questi ultimi e non i capi del governo controllano la situazione, dato che la mano che dà è al di sopra della mano che riceve... Il denaro non ha madrepatria e i finanzieri non hanno pa­triottismo né decenza: il loro unico obiettivo è il profitto.
 - Napoleone Bonaparte
 lo credo che le istituzioni bancarie siano più pericolose per le nostre libertà di quanto non lo siano gli eserciti. Esse hanno già messo in piedi un'aristocrazia fa­coltosa, che ha attaccato il Governo con disprezzo. Il potere di emissione della moneta dev'essere tolto alle banche e restltulto al popolo, al quale appartiene.
 - Thomas Jefferson
 L'individuo è talmente in difficoltà quan­do si trova faccia a faccia con una cospi­razione così enorme che non può crede­re che esista.
 - J. Edgar Hoover, ex direttore dell'FBI
 Quel che accade nel mondo non avviene per caso. Sono eventi fatti succedere, che abbiano a che tare con questioni na­zionali o commerciali; e la maggior parte di questi eventi viene inscenata da colo­ro che maneggiano I soldi.
 - Denis Healey. ex ministro della Difesa britannico...

Guida alla Cospirazione Globale

E come fermarla

di David Icke

GUIDA ALLA COSPIRAZIONE GLOBALE
E come fermarla
di David Icke

La Guida alla Cospirazione Globale di David Icke è un'opera unica e straordinaria: oltre 600 pagine ricche di riferimenti storici, biografici e simbolici. È un capolavoro che connette tutti i punti e rivela i legami nascosti tra personaggi, eventi e tematiche che apparentemente non hanno nulla in comune tra loro e che dimostra come tutto, alla fine, si ricolleghi perfettamente.
 Solo quando ogni punto sarà stato connesso all'altro, lo stupefacente quadro generale apparirà. E noi non potremo fare altro che rimanere sbalorditi mentre, pagina dopo pagina, Icke ci rivela la verità di ogni cosa, dagli avvenimenti della storia antica all'internet olografico che governa la nostra realtà.
 La cospirazione globale con cui si intende imporre uno stato orwelliano, non è pura "teoria". Al contrario, è un fatto supportato da una serie infinita di prove e anche dall'esperienza quotidiana.
 Una rete di famiglie imparentate tra loro, la cui origine risale alle epoche più remote, sta manipolando gli eventi attraverso i propri politici-fantoccio e personaggi di rappresentanza, prodigandosi per instaurare una tirannia a lungo preparata. Ma i giorni del loro anonimato sono ormai terminati.
 David Icke ha fatto luce sul Popolo delle Ombre e ha messo fine a quella segretezza così essenziale al loro successo.
 Chi siamo? Dove ci troviamo? Perché il mondo è così com'è? Continuate a leggere…...
1984
di George Orwell (Eric Arthur Blair)

1984.
  Il mondo è diviso in tre immensi superstati in perenne guerra fra loro: Oceania, Eurasia ed Estasia. In Oceania, la cui capitale è Londra, la società è governata secondo i principi del Socing, il Socialismo Inglese, dal Grande Fratello, che tutto vede e tutto sa.
 I suoi occhi sono le telecamere che spiano di continuo nelle case, il suo braccio la psicopolizia che interviene al minimo sospetto. Tutto è permesso, non c'è legge scritta. Niente, apparentemente, è proibito. Tranne pensare, se non secondo i dettami del Socing.
 Tranne amare, se non con il fine esclusivo di riprodursi. Tranne divertirsi, se non con i programmi televisivi di propaganda.
 Tranne vivere, se non secondo gli usi e costumi imposti dall'infallibile e onnisciente Grande Fratello, che nessuno ha mai visto di persona. Ovunque grandi manifesti che lo ritraggono, con i suoi grossi baffi neri, ovunque slogan polìtici da lui ideati: "La guerra è pace"; "La libertà è schiavitù"; "L'ignoranza è forza".
 Dal loro rifugio, in uno scenario desolante da Medioevo post-nucleare, il protagonista, Winston Smith, l'"ultimo uomo in Europa" (questo il titolo che avrebbe preferito l'autore) e Julia, la sua compagna, lottano disperatamente per conservare un granello di umanità....

1984

di George Orwell (Eric Arthur Blair)

1984.

Il mondo è diviso in tre immensi superstati in perenne guerra fra loro: Oceania, Eurasia ed Estasia. In Oceania, la cui capitale è Londra, la società è governata secondo i principi del Socing, il Socialismo Inglese, dal Grande Fratello, che tutto vede e tutto sa.

I suoi occhi sono le telecamere che spiano di continuo nelle case, il suo braccio la psicopolizia che interviene al minimo sospetto. Tutto è permesso, non c'è legge scritta. Niente, apparentemente, è proibito. Tranne pensare, se non secondo i dettami del Socing.

Tranne amare, se non con il fine esclusivo di riprodursi. Tranne divertirsi, se non con i programmi televisivi di propaganda.

Tranne vivere, se non secondo gli usi e costumi imposti dall'infallibile e onnisciente Grande Fratello, che nessuno ha mai visto di persona. Ovunque grandi manifesti che lo ritraggono, con i suoi grossi baffi neri, ovunque slogan polìtici da lui ideati: "La guerra è pace"; "La libertà è schiavitù"; "L'ignoranza è forza".

Dal loro rifugio, in uno scenario desolante da Medioevo post-nucleare, il protagonista, Winston Smith, l'"ultimo uomo in Europa" (questo il titolo che avrebbe preferito l'autore) e Julia, la sua compagna, lottano disperatamente per conservare un granello di umanità.

...

Un commento

  1. Su tutti gli argomenti noi italiani si parla si parla si parla, e nessuno muove un dito per fare qualcosa a favore della dignità, ed uguaglianza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*