I Paesi dove nessuno (o quasi) muore di Tumore

di Roberto Stanzani

Oggi voglio parlare di quei paesi dove nessuno muore di malattie tumorali. Se stai pensando di lasciare l’Italia per un’altra nazione, potrebbe esserti molto utile sapere quali sono i luoghi dove non si muore di cancro.

dove non si muore di tumoreQuello di trasferirsi in un altro paese, non è affatto un progetto semplice da portare a termine e chiama in causa vari aspetti, alcuni dei quali sono legati alla sfera economica, come il costo della vita, la tassazione, il livello di disoccupazione ecc… Ci sono poi alcuni argomenti che il più delle volte si trascurano e a cui non viene data la giusta considerazione.

A me personalmente incute parecchio timore pensare di spostarmi in regioni della terra in cui è molto alto il rischio sismico. Conosco poi diverse persone che non si trasferirebbero mai in un paese dove i diritti umani non sono perfettamente tutelati (libertà di stampa, libertà di religione, schiavitù, pena di morte, diritti della donna…). Ancora, ci sono ragazzi e ragazze che amano la vita di mare e vorrebbe trasferirsi dove l’acqua è davvero incontaminata.

Dopo un lungo ed appassionante lavoro, ho selezionato tutti gli aspetti-chiave per la vita di un espatriato, ho raccolto i dati per ognuno dei 196 Stati del mondo e ho scritto un e-book intitolato Eden, trova il Tuo Paradiso Terrestre. Ed è proprio da questo e-book che ho preso i dati per scrivere l’articolo di oggi. Infatti, un capitolo dell’opera, è dedicato specificatamente alle malattie che colpiscono i vari paesi del mondo.

Libri e varie...

I tumori sono la seconda causa di morte sul pianeta. In questa triste graduatoria, il primo posto spetta agli infarti. Non voglio entrare in aspetti troppo scientifici, ad ogni modo, il tumore consiste essenzialmente in una degenerazione delle cellule che, a causa di una alterazione genetica, iniziano a moltiplicarsi in maniera incontrollata, continuando a duplicarsi in successive cellule identiche senza che a questa proliferazione venga posto un freno.

Ancora oggi, la scienza medica ufficiale non è stata in grado di trovare cause univoche e quindi rimedi univoci. Ciò che però si è potuto notare è che, fin dall’inizio dell’era industriale, l’incidenza dei tumori ha avuto un costante aumento. I casi di cancro registrati precedentemente all’epoca industriale erano davvero rari. Risulta quindi sensato dedurre, che a provocare la grave diffusione della malattia, siano stati i prodotti creati dall’industria, specialmente quella chimica.

Si pensa perciò che le cause principali per l’aumento dei tumori possano essere ricercate nell’esposizione a sostanze chimiche cancerogene, presenti pressoché ovunque: nel cibo che si ingerisce, nell’acqua che si beve, nell’aria che si respira, negli oggetti che si utilizzano.

Quindi, allontanarsi fisicamente dalle cause principali che inducono al cancro, sarebbe il passo più sensato da compiere. Spostarsi lontano da tutte le possibili fonti di inquinanti chimici e radioattivi comporterebbe però il fatto di dover cambiare completamente modo di vivere, espatriando in Stati molto diversi da quelli a cui siamo abituati. Ma quali sarebbero queste nazioni?

Ecco qui i 10 paesi dove le malattie tumorali sono praticamente assenti:

  1. Emirati Arabi Uniti (18,6)
  2. Kuwait (22,6)
  3. Qatar (28,5)
  4. Namibia (29,2)
  5. Botswana (33,3)
  6. Niger (34,4)
  7. Arabia Saudita (35,3)
  8. Yemen (35,5)
  9. Bahrain (36,8)
  10. Eritrea (36,9)

Tra parentesi il numero di decessi per ogni 100 mila abitanti

Dal punto di vista della diffusione, il cancro, seppur esteso in tutto il globo, lo è in maniera più vasta e preoccupante nei paesi dell’Occidente, specialmente in Europa ed in America del nord. Proprio le nazioni dove l’industria è più sviluppata.

Quindi, se sogni di trasferirti in un altro paese, ora sai quali sono quelli nei quali le malattie tumorali sono praticamente assenti.

Articolo di Roberto Stanzani – www.ilmioeden.it

Articolo estratto da “Eden. Trova il tuo paradiso terrestre“, di Sergio Senesi, Roberto Stanzani

Fonte: https://www.voglioviverecosi.com/dove-si-muore-meno-di-tumore-nel-mondo.html

Libri e varie...
EDEN, TROVA IL TUO PARADISO TERRESTRE (EBOOK)
Viaggio alla scoperta del paese migliore dove vivere
di Roberto Stanzani, Sergio Senesi

Eden, Trova il Tuo Paradiso Terrestre (eBook)

Viaggio alla scoperta del paese migliore dove vivere

di Roberto Stanzani, Sergio Senesi

Un eBook dedicato a chi ha la sensazione di star gettando via i propri giorni, a chi vuole veramente vivere in un luogo migliore, a chi vuole conoscere molto di più del mondo in cui vive.

Attraverso un coinvolgente viaggio, un'approfondita esplorazione di tutti quegli argomenti che è indispensabile conoscere se si vuole veramente scoprire il posto migliore in cui condurre la propria vita, l'opera conduce il lettore all'individuazione del proprio Paradiso Terrestre.

Di ogni singolo paese del mondo, il libro esamina gli aspetti geofisici (come le tipologie climatiche, le zone a maggior rischio sismico, le aree colpite da uragani ecc..), gli aspetti economici (come il costo della vita, la pressione fiscale, l'inflazione, ecc..) e gli aspetti sociali (come la criminalità, il livello di istruzione, la qualità della sanità ecc..).

Ogni capitolo descrive in modo chiaro e profondo un argomento specifico e, poiché un'immagine vale mille parole, ogni argomento è presentato attraverso una mappa mondiale che rivela, tramite diverse colorazioni, le differenti condizioni dei paesi.

Nel mondo ci sono bugie, ci sono mezze verità, ci sono pure statistiche. Ecco perché le mappe mondiali mostrate nell'eBook nascono dai dati statistici forniti dai principali enti competenti sul tema (ONU, World Bank, NOAA, ecc.. ). Questi sono i numeri su cui si può contare.

Grazie al semplice confronto tra ogni Stato del pianeta, è possibile identificare il proprio personale Eden, un luogo reale capace di rispondere in modo ottimale alle proprie richieste e ai propri bisogni.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*