Groenlandia: se si sciolgono i ghiacci sarà disastro ambientale

di Agnese Tondelli

Rifiuti radioattivi in Groenlandia: se si sciolgono i ghiacci sarà disastro ambientale

rifiuti radioattivi

Lo US Army Corps of Engineers ha seppellito rifiuti radioattivi e altri rifiuti speciali in una base in Groenlandia, sotto il ghiaccio: il riscaldamento globale ora mette a rischio tutta la zona.

Si tratta di rifiuti radioattivi seppelliti in Groenlandia durante la Guerra Fredda, che ora tornano a turbare i sogni di coloro che li hanno seppelliti (o, più probabilmente, dei loro discendenti): è questo il pericolo che alcuni scienziati della York University del Canada, hanno individuato durante una ricerca a Camp Century, sotto uno strato di ghiaccio nel nord est della Groenlandia.

La storia è questa. Nel 1959, lo US Army Corps of Engineers, l’equivalente statunitense del Genio militare italiano, ha creato Camp Century, una struttura di ricerca dove tecnici e ingegneri studiavano la fattibilità di schierare dei missili nucleari al di sotto della calotta di ghiaccio nell’Artico. La base, con tutti i rifiuti radioattivi e non, ivi presenti, è stata abbandonata nel 1967, con scarso interesse sullo smaltimento di tali residui: gli scienziati credevano, infatti che, con l’accumulo continuo di ghiaccio e neve, le scorie radioattive sarebbero rimaste sepolte per sempre.

Peccato che nel frattempo sia iniziato il problema del riscaldamento globale e il conseguente scioglimento dei ghiacciai che mettono in serio pericolo la sicurezza del sito e quindi dell’ecosistema circostante.

GroenlandiaJames White, dell’Università del Colorado, ha commentato lo studio spiegando che, in realtà, “questa roba sarebbe uscita fuori in ogni caso: la domanda, in realtà, era se sarebbe stata disseppellita in qualche secolo, in qualche millennio o in un periodo di decine di migliaia di anni. Il problema, con i cambiamenti climatici in atto, è che abbiamo pigiato il piede sull’acceleratore e quindi i rifiuti verranno fuori molto prima di quanto pensassimo”.

Secondo le simulazioni climatiche effettuate dagli scienziati, entro il 2090 l’area interessata dovrebbe “passare da nevosità netta a scioglimento netto”, per dirla in termini tecnici. Praticamente, i ghiacciai cominceranno a sciogliersi più velocemente di quanto non si riformino, esponendo i rifiuti a rischio di disseppellimento. “È solo una questione di tempo”, spiega William Colgan, uno degli autori dello studio.

Camp Century Secondo le prime analisi, i rifiuti radioattivi e tossici presenti a Camp Century, coprirebbero una superficie di 55 ettari (quasi 100 campi da football). Le stime dicono che il sito contiene 200 mila litri di carburante diesel, 240 mila litri di acque di scarico, 20 mila litri di scarti biologici e di liquido di raffreddamento radioattivo e 9 mila tonnellate di rifiuti solidi. Tutte sostanze tossiche che finirebbero nell’oceano una volta avviato il processo di scioglimento.

Un ulteriore problema nasce dalla responsabilità della messa in sicurezza del sito. Camp Century, così come altre quattro basi simili, sono state fondate grazie a un trattato tra Stati Uniti e Danimarca, ma lo smaltimento di eventuali rifiuti abbandonati non era stata affatto preso in considerazione. Allo stato attuale, la situazione è questa: la base era americana, ma oggi è su suolo danese, anche se la Groenlandia ha un’amministrazione autonoma. Chiaro? Neanche un po’.

Sappiamo bene quali sono gli effetti ambientali dei disastri nucleari più famosi della storia. Non abbiamo di certo bisogno di nuovi rifiuti radioattivi a minacciare il nostro futuro.

Fonte: http://ambientebio.it/rifiuti-radioattivi-disastro-ambientale/

Libri e varie...

I Diritti della Natura

Wild law

di Cormac Cullinan

I DIRITTI DELLA NATURA
Wild law
di Cormac Cullinan

Nel 2010 Cullinan, ambientalista e avvocato sudafricano, ha presentato all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite la Dichiarazione Universale per i Diritti della Terra, da lui redatta e inclusa nel libro. Ha partecipato inoltre al vertice mondiale sul clima a Durban nel 2011.
 La seconda edizione inglese è stata pubblicata nel 2011, e subito è stato accolto dai movimenti ecologisti e dai più eminenti pensatori e intellettuali come il libro-manifesto di un nuovo e rivoluzionario modo di rapportarsi alla natura e agli ecosistemi, finalmente riconosciuti — ecco il cambio di prospettiva — come persone legali aventi diritti e bisognose di tutele.
 I diritti della Natura nasce dal senso di frustrazione davanti ai disastri ambientali e dalla constatazione che trattati, leggi, vertici e summit politici sono incapaci di rallentare la distruzione del nostro unico habitat. I diritti della Natura coniuga la più stretta attualità politica alla filosofia, alla giurisprudenza e alla saggezza popolare, dando vita a un libro di altissima leggibilità e capace di ispirare e stimolare le persone al dibattito.
 I diritti della Natura è il frutto di cinque anni di conferenze e congressi in tutto il mondo, che lo hanno portato in breve tempo a diventare uno dei temi più attuali e nuovi per il movimento ambientalista mondiale.
 «I diritti della Natura sarà una pietra miliare di un nuovo modo di vivere con la natura.» Vandana Shiva....

Il Girone delle Polveri

Viaggio nel mondo delle Nanoparticelle tra inquinamento, patologie e interessi finanziari

di Stefano Montanari

IL GIRONE DELLE POLVERI
Viaggio nel mondo delle Nanoparticelle tra inquinamento, patologie e interessi finanziari
di Stefano Montanari

Un libro di coraggiosa denuncia da leggere come un romanzo per il suo piglio appassionato e al tempo stesso come un manuale scientifico per la sua capacità di guidare il lettore lungo il cammino di un'incredibile scoperta.
 Questa è la storia di una sconcertante scoperta scientifica raccontata in prima persona da uno dei protagonisti della rivelazione. Per la prima volta viene scientificamente dimostrato come l'organismo umano entri ogni giorno in contatto con diverse tipologie di polveri, elementi di dimensioni microscopiche, che invadono il corpo e si rivelano causa di una lunga serie di gravi malattie, dal cancro alle malformazioni fetali. 
 Una verità scientifica che per troppo tempo è stata ignorata o addirittura taciuta, a causa dei forti interessi che essa minaccia, dall'industria alimentare a quella farmaceutica, dalla politica al mondo militare. 
 Mai nessun libro, prima di questo, aveva affrontato con tanto coraggio questo delicato argomento. La testimonianza diretta dell'autore, impegnato in prima persona nella ricerca scientifica sulle polveri sottili, rende ancora più coinvolgente questa lettura. Questo libro è per chi non si accontenta di una verità di comodo e pretende di guardare oltre....

Se Fossi una Pecora Verrei Abbattuta?

Storie di persone, animali e inquinamento

di Liliana Cori

SE FOSSI UNA PECORA VERREI ABBATTUTA?
Storie di persone, animali e inquinamento
di Liliana Cori

Per capire quanto l’aria è inquinata si possono usare i licheni, si possono osservare o analizzare le api, si possono monitorare altri piccoli insetti… e lo stesso si fa con noi umani. Nel nostro sangue, capelli, unghie, latte si depositano le sostanze che ci circondano, anche gli inquinanti, e noi possiamo funzionare come un vero e proprio ‘termometro’ per misurare la qualità dell’ambiente. Si tratta di sostanze chimiche che possono essere dannose per la salute e bisogna capire come entrano nel corpo e dove vanno, per potersi difendere dai loro effetti.
 All’inizio del 2008 cinque cittadini della Campania decisero di farsi analisi del sangue per capire i propri livelli di diossina, e le notizie diffuse erano di paura, allarme: “se fossi una pecora verrei abbattuto”…
 Ma di cosa si tratta? Cosa ci dice il biomonitoraggio umano? Cosa si può analizzare, come e perché? Da dove abbiamo iniziato? Cosa ne sappiamo nel mondo? E in Italia?...

Come Difendersi dalle Onde Elettromagnetiche

di Marco Falda

COME DIFENDERSI DALLE ONDE ELETTROMAGNETICHE
di Marco Falda

Quanto ci possono far male il telefonino o il forno a microonde?
 Questo libro ci aiuta a comprendere l'inquinamento invisibile al quale siamo sottoposti giornalmente e l'impatto che può avere sull'organismo umano.
 Contiene la valutazione delle fonti di inquinamento elettromagnetico e consigli per attutirne l'effetto, con una aggiornata analisi dei materiali in commercio e degli ultimi studi....

Il Rischio Invisibile

L'inquinamento elettromagnetico. L'elettromagnetismo è una delle più importanti cause di squilibrio

di Paolo Bevitori

IL RISCHIO INVISIBILE
L'inquinamento elettromagnetico. L'elettromagnetismo è una delle più importanti cause di squilibrio
di Paolo Bevitori

Principali sorgenti di campi elettromagnetici ad alta frequenza; effetti sanitari dei campi elettromagnetici ad alta frequenza; normativa vigente; strumenti e tecniche di misura dei campi elettromagnetici ad alta frequenza; inquinamento elettromagnetico esterno (outdoor): livelli di esposizione; alcune soluzioni di mitigazione dei campo elettromagnetici ad alta frequenza; inquinamento elettromagnetico generato da dispositivi elettrici ed elettronici di uso quotidiano....

Fukushima - l'Anno Zero

di Naomi Toyada

FUKUSHIMA - L'ANNO ZERO
di Naomi Toyada

In Giappone veniva propinato ai cittadini come verità un mito che diceva che un incidente in una centrale nucleare non sarebbe mai potuto accadere, era impossibile.
 L'11 marzo 2011 il disastro alla centrale atomica Fukushima Daiichi.
 Dopo l'incidente è stato chiamato il «mito della sicurezza». Poi però il disastro nucleare è diventato una realtà e ha diffuso particelle radioattive in tutto il mondo.
 Ora, nel mezzo di una situazione irreparabile, in Giappone le forze filonucleari, quelle che hanno continuato a vendere il mito, cercano di diffonderne una nuova variante.
 l mito della sicurezza è diventato il «mito della rassicurazione»: «Non vi preoccupate, gli effetti delle radiazioni non sono gravi!».
 Così, per favore, non volgete altrove lo sguardo di fronte alle foto di questo libro.
 Restate all'ascolto delle voci delle vittime, compresse nel loro dolore: perché non possiamo permettere un nuovo incidente nucleare, non solo in Giappone ma ovunque al mondo....
LIBERARE LA TERRA
Un'ecoteologia per un domani possibile
di Leonardo Boff

Riscaldamento globale, inquinamento planetario, sfruttamento economico...
 Oggi più che mai il nostro pianeta è sull'orlo della sparizione per un modello di economia e sviluppo ormai insostenibile pergli equilibri ambientali....

Liberare la Terra

Un'ecoteologia per un domani possibile

di Leonardo Boff

Riscaldamento globale, inquinamento planetario, sfruttamento economico...

Oggi più che mai il nostro pianeta è sull'orlo della sparizione per un modello di economia e sviluppo ormai insostenibile pergli equilibri ambientali.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*