Ghiandola pineale: ecco come la stanno uccidendo

ghiandola pinealeLa ghiandola pineale è una piccola ghiandola endocrina nel cervello dei vertebrati, (detta anche corpo pineale, epifisi cerebri, epifisi o “terzo occhio”Ghiandola pineale).

La ghiandola pineale produce la melatonina, derivato della serotonina, un ormone che influenza lo stato di sonno/veglia e le funzioni dei modelli stagionali. La sua forma ricorda una piccola pigna (da cui deriva il nome) ed è situata vicino al centro del cervello, tra i due emisferi, nascosta in una scanalatura in cui aderiscono i due corpi arrotondati dell’ipotalamo.

La verità: ecco cosa non vogliono farci sapere!

Negli esseri umani, la Ghiandola Pineale o terzo occhio può essere attivato a frequenze del mondo spirituale, permettendo di avere il senso della conoscenza del tutto, dell’euforia divina e dell’unità intorno a noi. Con l’aiuto della meditazione yoga o di alcuni metodi esoterici, la ghiandola pineale sembra possa permettere ad una persona di viaggiare in altre dimensioni cioè, viaggio astrale o proiezione astrale o anche visione remota.

Con molto esercizio e pratica di questi metodi è anche possibile poter controllare pensieri e azioni di persone nel mondo fisico. Questo potrà sembrare assurdo, ma gli Stati Uniti, i governi dell’ex Unione Sovietica e le varie organizzazioni occulte hanno eseguito queste ricerche con successo per molto tempo.
La Ghiandola pineale è rappresentata dalla Chiesa Cattolica Romana. Società antiche come uelle degli Egizi e dei Romani ne conoscevano i benefici e l’hanno rappresentata con simbologie contenenti l’immagine di un occhio. Troviamo anche un riferimento alla ghiandola pineale sul retro della banconota da un dollaro negli Stati Uniti, con il simbolo che viene chiamato “occhio che tutto vede”, che si riallaccia alla capacità di un individuo (o gruppo di individui) di utilizzare (purtroppo non a fin di bene) questa ghiandola per controllare i pensieri e le azioni di persone nel mondo fisico, conoscendone tutti i pensieri.
Molte delle ricerche effettuate, confermano che ci sono alcune ore nella notte, tra l’una e le quattro del mattino in cui vengono rilasciate sostanze chimiche nel cervello che provocano sentimenti di connessione a quella che possiamo chiamare fonte superiore.

Ecco come stanno uccidendo la nostra ghiandola pineale

Uno scienziato di nome Jennifer Luca, alla fine degli anni ’90 fece il primo studio sugli effetti del fluoruro di sodio sulla ghiandola pineale. E capì che la ghiandola pineale, situata al centro del cervello, veniva fortemente danneggiata da questo elemento. La ghiandola pineale semplicemente assorbe più fluoruro rispetto a qualsiasi altra parte fisica del corpo, anche più delle ossa.

ghiandola pinealeLa ghiandola pineale è come un magnete per il fluoruro di sodio. Questo alla fine calcifica la ghiandola e ne blocca la fondamentale funzione di bilanciare gli interi processi ormonali nel corpo. Svariati studi e ricerche sul fluoruro di sodio hanno dimostrato che esso va ad accumularsi proprio nella pineale, che è la ghiandola più importante nel cervello. Il fluoro è l’unica sostanza che ha il potere di attaccare il centro più importante del cervello.

Il Fluoruro è di sodio e si trova prevalentemente negli alimenti, nelle bevande e nell’acqua potabile: viene, ad esempio, aggiunto nel 90% delle acque di approvvigionamento degli Stati Uniti. Inoltre, i filtri per l’acqua che si acquistano nei supermercati non eliminano il fluoro dall’acqua. Questo può succedere solo con la distillazione e il processo di osmosi inversa. La soluzione più economica per evitare il fluoruro è quindi quello di acquistare un distillatore d’acqua.

Lo scopo? Instupidire le masse. Il fluoruro fu introdotto nell’acqua già dai nazisti e dai russi nei loro campi di concentramento, per rendere la popolazione dei campi più “docile”. Per quanto ci è possibile cerchiamo quindi di evitare di assumere il Fluoruro/fluoro in tutte le bevande, gli alimenti e altri prodotti in cui è presente.

FONTE: blog.saltoquantico.org

Libri sull'argomento
Fiori di Bach - Strumenti e Strategie Terapeutiche di Carmen Hernandez Rosety, Ricardo Orozco
Placebo Effect di Joe Dispenza
Presenze Positive di Marco Cesati Cassin
Medicina Quantistica di Piergiorgio Spaggiari, Caterina Tribbia
Sognarsi Svegli: Yoga Tibetano del Sogno & Sogno Lucido di Brian Hodel, B. Alan Wallace
Comprendere i Messaggi delle Nostre Articolazioni di Jean-Pierre Barral
LA BIOLOGIA DELLE CREDENZE
Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula
di Bruce Lipton

La Biologia delle Credenze

Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula

di Bruce Lipton

Vincitore del Premio Best Science Book, Best Books 2006, Awards

Bruce Lipton dimostra che ciò in cui crediamo determina ciò che siamo, perciò non è il patrimonio genetico ereditato a determinare la nostra vita e la nostra salute. Si tratta di una rivoluzione della scienza e del pensiero che ci libera dalla prigionia del destino predeterminato dalla genetica. Lipton dimostra in maniera inoppugnabile che l’ambiente, i nostri pensieri e le nostre esperienze determinano ciò che siamo, il nostro corpo e ogni aspetto della nostra vita.

Se l’ambiente e il pensiero influenzano la nostra biologia, questo può cambiare le conoscenze e le esperienze vissute fino a oggi da gran parte di noi. Infatti, ognuno di noi ha le potenzialità per creare una vita piena e traboccante di ogni dono e talento, a partire da salute, gioia di vivere, amore e successo.

Un libro per tutti coloro che ricercano nella scienza senza dogmi le risposte che a causa della dipendenza dagli interessi delle banche e delle multinazionali, la cultura accademica è incapace di fornire.

Per chi non si accontenta della scienza ufficiale, che nasconde e manipola le informazioni, per impedirci di riconoscere le infinite potenzialità presenti nel nostro cervello e nel nostro DNA.

È giunto il momento di abbandonare le vecchie credenze che la comunità scientifica e accademica e i mass media ci hanno inculcato, per muoverci verso la nuova ed eccitante prospettiva di salute, benessere e abbondanza offerta da questa scienza d'avanguardia: l'epigenetica.

Quanta importanza acquisisce allora il nostro pensiero, positivo o negativo che sia, quando è in armonia col subconscio, sul comportamento nostro e dei nostri geni? Se l'ambiente e il pensiero influenzano la nostra biologia, questo può cambiare le conoscenze e le esperienze vissute fino a oggi da gran parte di noi. Infatti ognuno di noi ha le potenzialità per creare una vita piena e traboccante di ogni dono e talento, a partire da salute, felicità e amore.

Ogni cellula del nostro corpo può essere paragonata a un essere intelligente, dotato di intenzionalità e scopo, in grado di sopravvivere autonomamente, il cui vero "cervello" è costituito dalla membrana. Questa scoperta porta a una conclusione sbalorditiva: i geni non controllano la nostra biologia, è invece l'ambiente a influenzare il comportamento delle cellule.

Questo porta a nuove, importanti conseguenze per quanto riguarda il benessere, la felicità e la natura delle malattie come il cancro e la schizofrenia.

Bruce Lipton
è un’autorità mondiale per quanto concerne i legami tra scienza e comportamento. Biologo cellulare per formazione, ha insegnato Biologia Cellulare presso la facoltà di Medicina dell’Università del Wisconsin e si è dedicato in seguito a ricerche pionieristiche alla School of Medicine della Stanford University. È stato ospite di decine di programmi radiotelevisivi ed è un conferenziere di primo piano.

Bruce Lipton parla anche di una nuova tecnica chiamata PSYCH-K. Si tratta di una tecnica creata dal Dott. Robert M. Williams . Bruce Lipton considera la PSYCH-K un potente strumento per modificare le credenze limitanti che ci condizionano nella vita in maniera negativa.

...

Un commento

  1. Non ho capito, e cosa beviamo? Aqua è fondamentale ??!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*