Generale Figliuolo: “Stellette” poco Trasparenti!

di Andrea Caldart

Non che se ne sentisse la mancanza, ma il Generale Figliuolo sembrava sparito dai radar finché ora, non ricompaiono le sue poco brillanti “stellette”.

Anche se già tempo fa i deputati di Alternativa, Pino Cabras e Andrea Vallascas, avevano presentato un’interrogazione all’ex primo ministro Draghi, sulla gestione economica commissariale di Figliuolo, oggi “penna bianca” torna sotto i riflettori perché si è opposto alla pubblicazione del contratto stipulato il 27 gennaio 2022, tra Italia e la Pfizer per la distribuzione di 600 mila trattamenti dell’antivirale Paxlovid.

Una “bellissima” azione di piena trasparenza da parte di colui che voleva venire militarmente nelle nostre case per sottoporci, contro la nostra volontà, ad una somministrazione di un siero sperimentale, violando la Costituzione italiana, dove, anche lui, dovrebbe aver giurato da militare di servire e rispettare.

Se andiamo a cercare in rete troveremo sempre e solo dati parziali in piena violazione con quelli che sono gli obblighi di pubblicare rendiconti perfetti fino all’ultimo centesimo.

Con scarsa fantasia e conoscenza legale, ma con piglio decisionistico militare, Figliuolo si oppone alla richiesta, inoltrata dalla testata Altreconomia, di fornire accesso civico alla documentazione.

Infatti Figliolo così scrive: “Non si provvederà a fornire copia del contratto per la fornitura del farmaco antivirale Paxlovid finalizzato dalla Struttura Commissariale, d’intesa con il Ministero della Salute, con la casa farmaceutica Pfizer”.

Quando un politico non sa cosa decidere allora l’ultima strada è sempre la stessa: chiamare i militari per cercare di far “quadrare” un sistema sociale in via di ebollizione.

Il caso non è di oggi, ma va avanti da qualche mese dopo l’interrogazione dell’On. Andrea Vallascas e Pino Cabras di Alternativa. E da allora, cosa sarà successo? Ovviamente nulla se non l’ennesima riprova di quanto un cittadino venga tracciato da uno Stato voyerista, monitorando i suoi conti correnti e la sua vita sociale.

Al contrario invece dall’altra parte, uno Stato che non brilla con le sue “stellette”, anzi, uno Stato che ha dato prova di negare quello che è un diritto la trasparenza, che però pretende solo dai cittadini.

Articolo di Andrea Caldart

Fonte: https://www.quotidianoweb.it/attualita/generale-figliuolo-stellette-poco-trasparenti/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.