Franco Berrino: perchè eliminare lo zucchero dalla propria alimentazione

di F. Berrino

Una preziosa testimonianza del dottor Franco Berrino, epidemiologo dell’Istituto Tumori di Milano, circa lo zucchero, lo sciroppo di glucosio, il fruttosio, le bevande zuccherate, e l’alimentazione in generale.

dottor Franco Berrino, epidemiologo dell’Istituto Tumori di Milano

dottor Franco Berrino, epidemiologo dell’Istituto Tumori di Milano

Un vecchio amico, preside di un liceo milanese, mi ha chiesto di recente di tenere una lezione su cibo e tumori ai suoi studenti. Gli ho chiesto se nel liceo ci fossero distributori di bevande zuccherate e lui mi ha risposto di sì. Allora, gli ho detto: “Toglile e verrò a tenere la lezione”. Lui, però, ha ribattuto che quello era l’unico introito che gli permetteva di potenziare le attività didattiche.

È stata poi la volta del presidente dell’Istituto nazionale dei Tumori di Milano, che mi ha chiesto di tenere un intervento sulla prevenzione alimentare in riferimento al cancro all’Expo. Gli ho risposto che lo avrei fatto, se avesse fatto scomparire le bevande zuccherate dai distributori presenti in ogni reparto dell’ospedale. Mi ha dato la sua parola e io ho accettato l’impegno all’Expo. Ci sono trattative in corso con la ditta che rifornisce i distributori, ma le bevande zuccherate per ora sono ancora al loro posto.

Ho ascoltato alla trasmissione Report, il responsabile del padiglione della Coca-Cola all’Expo, dichiarare che… “sì, è vero, ci sono studi che mostrano che le bevande zuccherate sono causa di obesità, ma ci sono anche studi che non trovano questa associazione”. Questa è la stessa strategia seguita per decenni dall’industria del tabacco: far vedere che gli scienziati non sono d’accordo.

bibite-zuccherate8In realtà, è semplice fare studi che non confermano un rischio, ma gli studi ben fatti sono tutti coerenti: un consumo elevato di zucchero, soprattutto in forma liquida, è causa ormai certa di obesità (anche se non è l’unica causa: le altre sono l’eccesso di proteine, specie di salumi e carni, e l’eccesso di cibi ad alto indice glicemico, come le patate e le farine raffinate).

La componente più nociva dello zucchero è il fruttosio, associato a dislipidemie, iperuricemia, resistenza insulinica. Poche settimane con una dieta che contiene il 10% delle calorie sotto forma di zucchero, causa queste alterazioni. Anche la frutta contiene fruttosio, ma non è ovviamente pericolosa, perché il fruttosio è associato a vitamina C e a decine di polifenoli che ne moderano gli effetti.

Attenzione dunque alle etichette dei prodotti: lo sciroppo di glucosio e il fruttosio, contenuti in numerose bevande e nella pasticceria spazzatura, sono peggio dello zucchero. Le dolcissime marmellate “senza zucchero” che contengono solo gli zuccheri della frutta, spesso contengono un estratto di mele o di uva, che di fatto è sovrapponibile allo sciroppo di glucosio e al fruttosio. Ci sono merendine biologiche che contengono solo “zuccheri della frutta e dei cereali”: questi ultimi sono lo sciroppo di glucosio e il fruttosio che si produce a partire dal mais. Quindi, occhi aperti e scelte decise.

Articolo di Franco Berrino

Fonte: http://www.terranuova.it/Chiedi-all-esperto/Franco-Berrino-perche-eliminare-lo-zucchero-dalla-propria-alimentazione

Libri e varie...

Curare in maniera naturale l'Ipotiroidismo

Introduzione al più diffuso Disturbo alla Tiroide

di Raul Vergini

CURARE IN MANIERA NATURALE L'IPOTIROIDISMO - LIBRO
Introduzione al più diffuso Disturbo alla Tiroide
di Raul Vergini

Hai qualche disturbo che non riesci a risolvere?
 Hai mai verificato se la tua tiroide funziona bene?
 Si stima che la maggior parte della popolazione sia affetta da una ridotta funzionalità della tiroide. 
Il problema è che non lo sa!
 Le cause di questa situazione sono da ricercare nel mancato riconoscimento dei tradizionali sintomi e nella scarsa precisione degli esami di laboratori tradizionali. Questo fa sì che l'ipotiroidismo sia una tra le epidemie più diffuse ma non riconosciute della storia della medicina moderna.
 Il libro rappresenta una guida pratica e aggiornata su questa patologia.
 
 - Come riconoscerla e come curarla,
 - quali sono i fattori di rischio e quali i limiti della terapia a base di tiroxina,
 - quanto è importante lo iodio per la salute della tiroide e in che modo trattare la "debolezza surrenale".
  Dalla Quarta di Copertina Fra tutte le patologie che interessano la tiroide, quella di gran lunga più diffusa è l'ipotiroidismo.
 Questa malattia è dovuta principalmente a una ridotta funzionalità della ghiandola che produce una minore quantità di ormone tiroideo. In questa guida pratica, una vera e propria introduzione al più diffuso disturbo della tiroide, puoi trovare tutto quello che devi sapere su questa patologia
 
 - come è stata scoperta
 - le tipologie (congenito o acquisito, primario, secondario, terziario, ipotiroidismo da resistenza agli ormoni tiroidei o da deficit di conversione T4 > T3)
 - le cause del suo insorgere
 - la sua incidenza sulla popolazione
 - come effettuare una corretta diagnosi
 - quali sono le cure efficaci.
  Indice Introduzione
 Capitolo 1 - La tiroide
 Capitolo 2 - Ipotiroidismo
 
 - Un po' di storia
 - Tipi di ipotiroidismo
 - Cause dell'ipotiroidismo
 - Incidenza dell'ipotiroidismo
  Capitolo 3 - Diagnosi dell'ipotiroidismo
 
 - Un altro po' di storia
 - I test sono inaffidabili
 - Ma che fine ha fatto la clinica?
 - Come si può fare una corretta diagnosi?
 - Segni e sintomi dell'ipotiroidismo
  Capitolo 4 - Efficacia preventiva della correzione dell'ipotiroidismo
 Capitolo 5 - Trattamento dell'ipotiroidismo
 
 - Terapia dell'ipotiroidismo
  Riferimenti bibliografici
 Trattamento dell'ipotiroidismo - Anteprima di "Curare in maniera naturale l'Ipotiroidismo" All'inizio del paragrafo sulla diagnosi abbiamo citato due dei punti su cui è basato questo libro:
 1. È in corso una vera e propria epidemia non diagnosticata di ipotiroidismo.
 2. L'incidenza di questa patologia è in continua crescita da un secolo a questa parte.
 Ora, prima di iniziare quello sulla terapia, aggiungiamo un terzo punto:
 3. Anche nei casi in cui questa patologia viene riconosciuta, la terapia applicata (solo L-tiroxina, cioè T4) è comunque inadeguata.
 Per continuare a leggere, clicca qui: > Trattamento dell'ipotiroidismo...

Sugar Blues - Il Mal di Zucchero

Lo zucchero nuoce gravemente alla salute

di William Dufty

SUGAR BLUES - IL MAL DI ZUCCHERO
Lo zucchero nuoce gravemente alla salute
di William Dufty

Questo libro insegna ad eliminare la "Dipendenza da Zucchero" e a riscoprirsi più sani e più snelli.
 Se siete grassi, se soffrite di emicranie, di ipoglicemie o di acne, il flagello Sugarblues vi ha colpiti.
 Proprio come l'oppio, la morfina e l'eroina, lo zucchero è una droga distruttiva, che dà assuefazione, dal momento che ne consumiamo ogni giorno in tutto - dal pane alle sigarette - tanto che in base agli studi medici tutta la società è prediabetica: "Il diabete è senza dubbio la malattia più diffusa in Italia, avendo raggiunto una prevalenza superiore al 3% con una netta tendenza verso un progressivo incremento nel tempo".
 Un libro autobiografico, che ripercorre la storia personale dell'autore e quella dell'uomo nei secoli, è l'aiuto che cercavate per superare la Tossicodipendenza da Zucchero e ritrovare la salute e la gioia di vivere senza malesseri continui (in particolare emicranie).
 E' un forte atta di accusa alla congiura economica e sociale che si è andata formando nel tempo a nostro danno....

Zucchero di Palma da Cocco Bio

Doldificanti naturali per addolcire con gusto le tue ricette

ZUCCHERO DI PALMA DA COCCO BIO
Doldificanti naturali per addolcire con gusto le tue ricette

Lo zucchero di palma di cocco è diventato molto popolare negli ultimi tempi:
 
 - sia perchè è davvero un ottimo sostituto alle abitudini di chi usa lo zucchero classico,
 - sia perchè è una valida alternativa tra i dolcificanti naturali,
 - sia perchè l'Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura delle Nazioni Unite lo ritiene il dolcificante più sostenibile del pianeta.
  Lo zucchero di palma è costituito dal nettare dei fiori degli alberi.
 Questo nettare è prima bollito per evitare la fermentazione (non esiste lo zucchero di palma raw!), quindi essiccato all'aria per formare la cristallizzazione dello zucchero che è naturalmente di colore marrone e naturalmente ricco di una serie di importanti vitamine, minerali e fitonutrienti, tra cui potassio, zinco, ferro e vitamine B1, B2, B3 e B6.
 Esso può essere sostituito 1:1 con lo zucchero tradizionale nelle ricette, anche come dolcezza è simile allo zucchero di canna. Non è mai raffinato o sbiancato come lo zucchero bianco.
 Quindi, le sostanze nutritive di cui è fatto sono ancora lì. Anche la stevia è molto raffinata nella sua forma di polvere bianca (la vera stevia è una pianta verde). Alcuni studiosi suggeriscono che lo zucchero di palma di cocco è in grado di stabilizzare il livello di zucchero nel sangue oltre a contenere ferro e vitamine, ma su questa stabilizzazione non ci sono prove evidenti.
 
 APPROFONDIMENTI Mangiare totalmente crudo oppure cercare di farlo per la gran parte è la via certa della buona salute, noi diciamo che non ci sono controindicazioni a mangiare solo crudo, per cui più si riesce ad alimentarsi crudi e meglio si vive, di controindicazioni ce ne sono se si mangia solo cotto!
 In Italia è ancora una novità il mangiare crudo, all'estero e principalmente nei paesi anglosassoni è una cosa molto risaputa che il cibo crudo è migliore di quello cotto, sia per sapore che per valori nutritivi.
 Cibocrudo nasce per portare in Italia questa cultura, proponendo un numero elevato di alimenti tutti rigorosamente crudi, garantendo con il proprio marchio Crudo Garantito....

Malto di Riso Bio

400 gr

MALTO DI RISO BIO
400 gr

Il malto di riso è un ottimo dolcificante naturale con un potere nutrizionale più completo (contiene minerali e proteine) rispetto ai dolcificanti tradizionali. è ideale non solo per dolcificare the, tisane, caffè, ma anche come sostituto dello zucchero nella preparazione di torte e dolci.
 Per il buon sapore e la consistenza può essere spalmato su pane, crackers, gallette, fette biscottate, al posto di miele, marmellata e cioccolato per una merenda naturale.
 I malti La Finestra sul Cielo sono ottenuti con il metodo tradizionale che prevede l'aggiunta di orzo germogliato (ricco di enzimi) ad un cereale cotto.
 Deve essere sempre presente, come ingrediente, una parte di orzo.
 
 Il malto di riso ha un gusto leggermente caramellato, più dolce e più delicato rispetto al malto d'orzo; ha un colore ambrato. Contiene zuccheri complessi che si trasformano lentamente in zuccheri semplici. L'indice glicemico è paragonabile a quello dello zucchero.
  
 
 Modo d'uso
 Ideale per dolcificare e squisito da spalmare su pane e fette biscottate.
 RICETTA 

 Muffin di grano saraceno e mirtilli 

 
 
Ingredienti (per 9 persone) :
 
 - 100 gr di mandorle pelate
 - 120 gr di polpa di mela grattugiata
 - 100 gr di farina di grano saraceno
 - 80 gr di malto di riso
 - 30 gr di olio extravergine di oliva delicato spremuto a freddo (o di germe di ma
 - 1 bustina di cremortartaro
 - 50 gr di latte di riso
 - 30 gr di mirtilli secchi
 - un pizzico di sale
 - marmellata di mirtilli
  Procedimento:
 Mettere a bagno per 15 min i mirtilli poi scolarli.
 Ridurre le mandorle in farina con un cutter. Unire la farina ed il lievito setacciati insieme.
 A parte unire l'olio, il malto e la polpa della mela grattugiata ed il latte di riso. Versare le farine nella ciotola con gli ingredienti liquidi, tutto in una sola volta. Unire il sale ed i mirtilli e mescolare senza insistere troppo.
 Versare nei pirottini di carta per i muffin e cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 20 minuti circa (devono risultare belli dorati; fare sempre la prova stecchino). Lasciare raffreddare. Riempire con un pochino di marmellata di mirtilli usando una siringa da pasticcere.
 Cospargere di zucchero a velo. ...

Il Potere del Cibo

Scopri cosa non deve mai mancare sulla tua tavola - Diete e nuove tendenze alimentari per curarsi e prevenire

IL POTERE DEL CIBO  - DVD
Scopri cosa non deve mai mancare sulla tua tavola - Diete e nuove tendenze alimentari per curarsi e prevenire

Video seminario con la partecipazione di 
Prof. Franco Berrino, Dott. Antonio Morandi, Dott. Roberto Gatto e molti altri!

La nascita della scienza medica, sia in Oriente che in Occidente, è legata all'utilizzo del cibo.
Ippocrate, nel trattato "Antica medicina" ne fa coincidere la nascita con la capacità di distinguere l'alimentazione dell'uomo sano da quello malato. "Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo".
- Come rendere un bisogno primario dell'uomo qualcosa di più che un semplice rifornimento di energia?
- Quali sono le scelte da fare per rendere l'alimentazione un atto consapevole e salutare?
- 
Quali sono i cibi che non devono mai mancare sulla nostra tavola e quali le nuove tendenze alimentari in grado di proteggere e curare l'organismo?

A questi e ad altri interrogativi cercano di rispondere studiosi autorevoli, confortati da evidenze scientifiche, quali il Prof.Franco Berrino, il Dott. Antonio Morandi, il Dott. Roberto Gatto e molti altri esperti naturopati, che, confrontandosi in un dibattito aperto, guideranno lo spettatore in un viaggio alla scoperta di nuove e antiche frontiere alimentari: dalle tradizioni di Tibet, India e Cina agli studi avanguardistici nel campo della nutrizione ai consigli pratici e alle ricette originali di specialisti e divulgatori.

I relatori

Franco Berrino: oncologo, ex Direttore del Dipartimento di medicina Preventiva e Predittiva dell'istituto Nazionale dei Tumori di milano.

Antonio Morandi: medico specialista in neurologia, presidente della Società Scientifica Italiana di Medicina Ayurvedica.

Roberto Gatto: presidente della Società italiana di Agopuntura (SiA) e dell' Associazione per la Farmacoterapia Cinese (AFAC).

Lorena Di Modugno: psicologa, psicoterapeuta, studiosa esperta di medicina naturale e ortomolecolare.

Informazioni aggiuntive
- 
Durata 120 min.
- 
Lingua Italiano (no sottotitoli)
- 
Libretto 32 pagine...

Mascobado - Zucchero di Canna Integrale

1 kg

MASCOBADO - ZUCCHERO DI CANNA INTEGRALE
1 kg

Nelle Filippine Muscovado è il nome dello zucchero estratto dalla canna. 
 È uno zucchero integrale prodotto con un metodo artigianale e semplice.
  Si spremono le canne e si concentra il succo per evaporazione dell’acqua, usando come combustibile i residui di canna (bagassa). 
 Mascobado trattiene così tutti i principi nutritivi che normalmente si perdono nella raffinazione dello zucchero bianco. 
 
 È ricco di sali minerali, in particolare di ferro, elemento di cui è difficile coprire il fabbisogno giornaliero.
  Non è sbiancato chimicamente e tutti i passaggi rispettano principi di agricoltura biologica.
 La naturale presenza di melassa gli conferisce colore scuro e aspetto non cristallino.
  Caratteristiche di Mascobado altromercato sono la presenza di piccoli granuli, il sapore intenso ed un lieve retrogusto di liquirizia.
  Ottimo nei dolci, nelle macedonie e in particolare con lo yogurt bianco, al quale conferisce un gusto molto speciale....
ALIMENTARE IL BENESSERE
Come prevenire il cancro a tavola
di Franco Berrino

L'autore si augura che questa raccolta di articoli possa contribuire a diffondere l'idea che si può mangiare in modo consapevole ricavandone piacere, salute, benessere, e senza contribuire alla fame di altri popoli.
 È necessario chiedersi, ogni volta che ci si mette a tavola, cosa si sta mangiando, da dove viene il nostro cibo, come è stato prodotto, trasformato, cucinato, trasportato, e perché è stato così trasformato, per l'interesse di chi, quanta energia è stata sprecata, quanto cibo vegetale è stato consumato per produrre il nostro cibo animale, chi è stato avvelenato per produrlo, se i contadini ne hanno ricevuto un giusto compenso, se sono stati sfruttati dei bambini per produrlo...
 L'auspicio dell'autore è che lo stile alimenteare semplice e salutare - per noi e per il pianeta - torni nel nostro quotidiano....

Alimentare il Benessere

Come prevenire il cancro a tavola

di Franco Berrino

L'autore si augura che questa raccolta di articoli possa contribuire a diffondere l'idea che si può mangiare in modo consapevole ricavandone piacere, salute, benessere, e senza contribuire alla fame di altri popoli.

È necessario chiedersi, ogni volta che ci si mette a tavola, cosa si sta mangiando, da dove viene il nostro cibo, come è stato prodotto, trasformato, cucinato, trasportato, e perché è stato così trasformato, per l'interesse di chi, quanta energia è stata sprecata, quanto cibo vegetale è stato consumato per produrre il nostro cibo animale, chi è stato avvelenato per produrlo, se i contadini ne hanno ricevuto un giusto compenso, se sono stati sfruttati dei bambini per produrlo...

L'auspicio dell'autore è che lo stile alimenteare semplice e salutare - per noi e per il pianeta - torni nel nostro quotidiano.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*