Falliti i Negoziati: il Nuovo Piano Pandemico dell’OMS (Almeno per Ora) Non si Farà

di Stefano Baudino

Il nuovo Trattato Pandemico dell’Organizzazione Mondiale della Sanità… almeno per ora, è stato affossato.

I negoziati per arrivare a un nuovo testo definitivo in vista della 77esima assemblea dell’OMS, che è iniziata il 27 maggio a Ginevra e proseguirà fino al prossimo 1º giugno, non hanno infatti prodotto nessun risultato concreto, con una serie di Stati che hanno deciso (giustamente) di defilarsi.

Tra quelli che hanno sollevato più perplessità ci sono l’Italia, il Regno Unito e la Russia. Per ora, dunque, i Paesi membri non hanno trovato l’accordo sulla ricetta presentata dall’istituto specializzato dell’ONU per la salute, che, in vista delle potenziali “emergenze” future, punta tutto su una strategia di concentrazione e trasferimento dei poteri decisionali nazionali nelle mani di pochi organismi sovranazionali al fine di semplificare e velocizzare l’iter governativo. Ma il cui sistema, specie per la grande mole di finanziamenti privati che entrano nelle sue casse, nasconde forti rischi di conflitti d’interessi.

In seguito a oltre due anni di negoziati, insomma, i Paesi ricchi e quelli poveri non sono riusciti a elaborare un piano su come il mondo potrebbe rispondere a un’eventuale prossima “ondata pandemica” (di pandemenza insomma… nota di conoscenzealconfine)

“Non siamo dove speravamo di essere quando abbiamo avviato questo processo”, ha detto venerdì Roland Driece, co-presidente del comitato negoziale dell’OMS per l’accordo, confermando che i Paesi membri non sono riusciti a trovare un terreno comune per la formalizzazione del piano. Driece non ha dettagliato i punti in cui gli Stati non sono riusciti a convergere, ma altri hanno sottolineato le differenze nella condivisione delle informazioni sugli agenti patogeni, sui diritti di proprietà intellettuale e sull’accessibilità economica dei vaccini (eh certo… perché il problema è l’accessibilità ai vaccini non la loro inutilità e pericolosità… non sono altro che corrotti buffoni – nota di conoscenzealconfine).

Tra gli Stati più scettici, oltre al nostro Paese, c’è il Regno Unito, che ha affermato che accetterà il trattato solo se “rispetterà l’interesse nazionale e la sovranità britannica”. Un discorso parallelo va fatto anche per gli USA (anche se il presidente Joe Biden è favorevole all’accordo) in cui si è sollevata una fortissima opposizione interna: compatti sul fronte del no all’accordo si sono schierati infatti 24 governatori, 49 senatori e 22 procuratori. Nonostante l’insoddisfazione per il mancato risultato, al termine dei colloqui il capo dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato che “questo non è un fallimento”, mantenendo viva la “speranza” che l’Assemblea mondiale della sanità questa settimana possa ancora tracciare la via da seguire.

A preoccupare è, in particolare, il fatto che i piani dell’Organizzazione Mondiale si muovano nella direzione di una deprivazione delle istituzioni nazionali di parte della sovranità nell’ambito delle emergenze sanitarie. Alla base ci sono importanti problemi strutturali, come dimostra il fatto che la maggior parte degli introiti dell’OMS deriva da fondi privati o da fondi pubblici veicolati per missioni specifiche.

Un modello di finanziamento che comporta, ovviamente, grossi pericoli di potenziali conflitti di interessi. A spiegarlo in un’intervista pubblicata da L’Indipendente nel giugno 2022, era stato l’ex capo dei ricercatori dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Francesco Zambon, noto per aver redatto un rapporto sulla gestione della prima ondata della pandemia da parte del Governo italiano – pubblicato nel maggio 2020 – in cui svelava che il piano pandemico non veniva aggiornato dal 2006.

“Non è possibile che l’OMS non si sia adeguata ai cambiamenti e alle distorsioni che si sono presentate durante la sua storia – ha dichiarato Zambon. Oggi i versamenti obbligatori che gli Stati versano all’Organizzazione coprono appena il 20% del bilancio, il resto dipende da donazioni volontarie di soggetti privati o di fondazioni o da singoli governi.

Zambon ha spiegato che “la gran parte delle donazioni non vanno a finanziare l’Organizzazione nel suo complesso, ma singoli progetti, ed è chiaro che il finanziatore ottiene poi un potere d’indirizzo sul progetto stesso, visto che ne garantisce la stessa esistenza”. Rispondendo a una domanda legata alle partnership pubblico-private – come COVAX, finanziata in parte dalla fondazione di Bill Gates – che di fatto costituiscono molte delle iniziative dell’Organizzazione, l’ex capo dei ricercatori dell’OMS ha inoltre aggiunto che i cittadini dovrebbero iniziare a “chiedersi realmente cosa spinge i filantropi a donare, verificando se si tratti di vera beneficenza o se in realtà queste donazioni alimentano ulteriormente il loro capitale”.

Articolo di Stefano Baudino

Fonte: https://www.lindipendente.online/2024/05/27/falliti-i-negoziati-il-nuovo-piano-pandemico-delloms-almeno-per-ora-non-si-fara/

Però c’è anche il Regolamento Sanitario Internazionale…

Nel frattempo in parallelo continuano le discussioni sul nuovo Regolamento sanitario internazionale, anche queste a quanto pare in difficoltà.

Definito dagli addetti ai lavori “il cavallo di Troia del Trattato”, per l’RSI è però più semplice ottenere il via libera. Se infatti nel primo caso serviva una maggioranza dei due terzi per l’approvazione, per i Regolamenti basta la maggioranza semplice e si procede per silenzio assenso. Se gli Stati non esplicitano il proprio NO, il testo passa.

Il rischio infatti adesso è quello di vedere confluire gli obiettivi del Trattato nei Regolamenti.

Articolo di Arianna Graziato

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.byoblu.com/2024/05/26/trattato-pandemico-che-succede-ora/)

BIOENERGETICA E GEOMETRIA SACRA
La decodifica delle malattie
di Gerard Athias, Isabelle Boos

Bioenergetica e Geometria Sacra

La decodifica delle malattie

di Gerard Athias, Isabelle Boos

In "Bioenergetica e Geometria Sacra" Gerard Athias e Isabelle Boos illustrano la loro teoria sulla decodificazione bioenergetica delle malattie, operando una sintesi tra biologia, geometria sacra e nozioni di medicine olistiche tradizionali.

Essi affrontano il tema di come l'essere umano si collochi in un modello globale di energia vitale. Tale energia anima ognuno di noi, siano essi i nostri pensieri, le nostre emozioni o la nostra biologia.

La loro teoria unificata, ossia la GEST, la Geometria Sacra e Trama Energetica, è uno strumento per comprendere l'essere umano nelle sue interrelazioni con i cinque elementi e per ritrovare l'armonia fisica, emotiva e spirituale.

Il filo conduttore di questo insegnamento è la consapevolezza, la conoscenza di sé e la ricerca delle cause della malattia per ritrovare l'equilibrio energetico.

Il libro cerca di rispondere a domande fondamentali, quali: "Perché soffro?" e "Come posso uscire da questa situazione bloccata?".

Gli autori si basano sull'Essenza delle grandi tradizioni, quella delle medicine ancestrali e delle più recenti scoperte nell'ambito della fisica quantistica e della biologia, per stabilire un legame con la nostra Geometria Sacra.

Secondo la tradizione egizia, la geometria (misura della terra) permette di ristabilire l'ordine e la legge sulla terra, nelle forme archetipiche del cerchio, del quadrato e del triangolo. Essa fu un mezzo per comprendere e accedere a un ordine superiore, quello della Conoscenza universale.

Da questa base geometrica si riceve un aspetto filosofico, spirituale. Platone descrive la geometria come un modello, il più semplice per accedere al mondo della metafisica, "la realtà al di là della fisica".

"Il nostro intento in questo lavoro è quello di comunicare un modo nuovo di interpretare la malattia mediante la decodifica bioenergetica, la riconquista del potere personale e il perseguimento della completezza, che si ottiene riconciliando la componente "corpuscolare" e quella "vibrazionale"."
Gerard Athias e Isabelle Boos

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *