Ex Direttore scientifico di Pfizer: “La Pandemia è finita!”

In una dichiarazione sorprendente, l’ex direttore scientifico del gigante farmaceutico “Pfizer”, afferma che “non c’è scienza che suggerisca che una seconda ondata sia in atto o debba arrivare”.

L’insider di “Big Pharma” sostiene che i risultati falsi positivi dei test Covid, intrinsecamente inaffidabili, vengono utilizzati per inventare una “seconda ondata” basata su “nuovi casi”. Il dottor Mike Yeadon, che è stato vicepresidente e Chief Science Officer di Pfizer per 16 anni, afferma che metà o addirittura “quasi tutti” i test Covid sono falsi positivi. Il dottor Yeadon sostiene inoltre che la soglia per l’immunità di gregge potrebbe essere molto più bassa di quanto si pensasse in precedenza, e potrebbe essere già stata raggiunta in molti paesi.

In una recente intervista è stato chiesto al dottor Yeadon: “stiamo basando una politica di governo, una politica economica, una politica delle libertà civili, in termini di limitazione delle persone a sei persone in una riunione… il tutto basato su dati completamente falsi su questo coronavirus?” Il dottor Yeadon ha risposto con un semplice “Sì”.

Lo scienziato ha detto nell’intervista che, dato il “modello” di tutti gli indicatori importanti in una pandemia mondiale, come i ricoveri ospedalieri, l’utilizzo di terapia intensiva e i decessi, “la pandemia è fondamentalmente finita”.

Yeadon ha dichiarato: “Se non fosse per i dati dei test che si ottengono sempre dalla TV, si potrebbe giustamente concludere che la pandemia è finita, dato che non è successo nulla di grave. Certo, la gente va in ospedale, si sposta nella stagione dell’influenza autunnale… ma non c’è nessuna scienza che suggerisca che una seconda ondata possa accadere”.

Libri e varie...

In un articolo pubblicato a Novembre, di cui Yeadon è co-autore con due suoi colleghi, “How Likely is a Second Wave?”, dichiara: “E’ stato ampiamente osservato che in tutti i paesi fortemente infetti in Europa e in diversi stati degli Stati Uniti allo stesso modo, la forma delle morti quotidiane rispetto alle curve temporali è simile alla nostra nel Regno Unito. Molte di queste curve non sono solo simili, ma quasi sovrapponibili“.

Nei dati relativi al Regno Unito, alla Svezia, agli Stati Uniti e al mondo, si può notare che in tutti i casi i decessi sono aumentati da marzo fino a metà o fine aprile, per poi iniziare a diminuire in una pendenza morbida che si è appiattita verso la fine di giugno e continua fino ad oggi. Le percentuali dei casi, basate su prove, salgono e oscillano selvaggiamente verso l’alto e verso il basso.

L’informazione mediatica negli Stati Uniti sta già aumentando le aspettative di una “seconda ondata”. Il Tasso di sopravvivenza di Covid ora stimato al 99,8%, è simile all’influenza. Il tasso di sopravvivenza di Covid-19 è stato aggiornato da maggio al 99,8% delle infezioni. Questo si avvicina all’influenza ordinaria, il cui tasso di sopravvivenza è del 99,9%. Anche se il Covid può avere gravi effetti successivi, lo stesso vale per l’influenza o per qualsiasi malattia respiratoria. L’attuale tasso di sopravvivenza è di gran lunga superiore alle ipotesi iniziali di marzo e aprile, citate dal dottor Anthony Fauci, del 94%, ovvero da 20 a 30 volte più letali.

Il dottor Yeadon ha sottolineato che il “nuovo” contagio Covid-19 è nuovo solo nel senso che si tratta di un nuovo tipo di coronavirus. Ma, ha detto che ci sono attualmente quattro ceppi che circolano liberamente in tutta la popolazione, il più delle volte legati al comune raffreddore. “Ci sono almeno quattro membri della famiglia ben caratterizzati (229E, NL63, OC43 e HKU1) che sono endemici e causano alcuni dei comuni raffreddori che si verificano, soprattutto in inverno. Hanno tutti una sorprendente somiglianza di sequenza con il nuovo coronavirus“.

Gli scienziati sostengono che gran parte della popolazione ha già, se non anticorpi contro Covid, un certo livello di immunità delle cellule T dall’esposizione ad altri coronavirus correlati, che circolano da molto prima del Covid-19.

“Una componente importante del nostro sistema immunitario è il gruppo di globuli bianchi chiamati cellule T, il cui compito è quello di memorizzare un breve pezzo di qualsiasi virus con cui siamo stati infettati, in modo che i tipi di cellule giuste possano moltiplicarsi rapidamente e proteggerci se otteniamo un’infezione correlata. Le risposte al Covid-19 sono state mostrate in decine di campioni di sangue prelevati da donatori prima dell’arrivo del nuovo virus”.

Introducendo l’idea che alcune immunità precedenti al Covid-19 esistevano già, gli autori di “How Likely is a Second Wave?” scrivono: “È ormai accertato che almeno il 30% della nostra popolazione aveva già il riconoscimento immunologico di questo nuovo virus, prima ancora che arrivasse… il Covid-19 è nuovo, ma i coronavirus non lo sono”.

Continuano dicendo che, a causa di questa resistenza precedente, solo il 15-25% di una popolazione infetta può essere sufficiente per raggiungere l’immunità del gregge: “…studi epidemiologici mostrano che, con l’estensione dell’immunità precedente che possiamo ragionevolmente supporre, solo il 15-25% della popolazione infetta è sufficiente a fermare la diffusione del virus…”.

Ex Vice Presidente della Pfizer: "Non c'è bisogno di vaccini".

Negli Stati Uniti, accettando un numero di morti pari a 200.000, e un tasso di mortalità per infezione del 99,8%, questo significherebbe che per ogni persona che è morta, ci sarebbero circa 400 persone che sono state infettate e sono sopravvissute. Questo si tradurrebbe in circa 80 milioni di americani, ovvero il 27% della popolazione. Il valore supera la soglia di Yeadon e dei suoi colleghi per l’immunità del gregge.

Gli autori dicono: “Secondo la letteratura attuale, tra il 20% e il 50% della popolazione mostra questa reattività pre-pandemica delle cellule T, il che significa che potremmo adottare un valore di popolazione inizialmente suscettibile dall’80% al 50%. Più bassa è la reale suscettibilità iniziale, più siamo sicuri che sia stata raggiunta una soglia di immunità del gregge (HIT)”.

Il dottor Mike Yeadon afferma inoltre che la spinta verso un vaccino universale ha “l’odore del male e che si opporrà… con vigore”.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: www.economicomensile.it

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *