“Ero un multimilionario… poi ho dato via il mio patrimonio”

Dariel Garner una volta valeva centinaia di milioni di dollari, possedendo 40 società in quattro continenti. Un giorno, 15 anni fa, decise di abbandonare tutto. Ora è un attivista sociale e vive con la sua compagna nel deserto del New Mexico.

dariel 4Segue il racconto scritto da Dariel in persona…

“Un giorno, il mio medico mi ha detto ‘Dariel, ti invidio davvero. Posso immaginare te e la tua bellissima moglie seduti nel tuo resort a guardare il tramonto, bere cocktail e guardare le montagne della Sierra Nevada. Peccato che so che presto non ci sarai più, perché sarai morto!”

In quel momento, mi resi conto di quanto ero infelice. In quel periodo pesavo 166 kg e riconobbi il fatto che avrei dovuto cambiare abitudini alimentari. Il fatto di scoprire di essere infelice è stata una sorpresa. Non si adattava al concetto di uomo di grande successo, quale ero, almeno per come mi vedeva la società.

Libri e varie...

Una sera, mentre stavo andando a cena nella mia sala da pranzo privata (nel mio club privato), una donna della servitù mi toccò la spalla mentre mi aiutava a sedere. Solitamente nessuno tocca davvero chi è molto ricco: sei così lontano dalle persone che è come se facessi parte di una classe completamente diversa. Il suo tocco mi fece, quindi, capire che ero umano anch’io, che potevo essere amato e che potevo amare. Il giorno dopo ho iniziato una dieta dimagrante e avviato un processo di trasformazione della mia vita.

Sono passato dall’essere tra i primi 100 dell’1%, in termini di ricchezza negli Stati Uniti, a scendere da qualche parte nell’1% più basso. Ora sono estremamente povero per gli standard finanziari. Ma non ho più bisogno di niente. La mia vita, oggi, è molto più ricca, perché sono connesso alla vita stessa, alle persone e all’ambiente che mi circonda. Mi piace leggere, camminare, coltivare cibo e il mio lavoro nell’attivismo sociale: sono veramente vivo.

Non sono solo i dollari a definire la ricchezza di una persona: il potere, le conoscenze, le relazioni importanti e la capacità di fare sempre più denaro, fanno parte di quella ricchezza. Finisci per formare una corte di altre persone estremamente facoltose e diventi tremendamente disconnesso dalla società. Non ho mai pensato alla ricchezza come a una dipendenza, ma uno dei segni della dipendenza è la negazione.

Ogni settimana firmavo assegni di retribuzione per il mio staff: vedevo i loro guadagni annuali e realizzavo che avrei fatto quella stessa somma in un’ora. Non riuscivo a capire come potessero vivere così. Quando ho lasciato tutto alle spalle, le persone sono tornate ad essere persone.

La nostra società idealizza ricchezza, denaro e status symbol che ne derivano: anelli di diamanti, vacanze nelle isole caraibiche, ecc…. Le persone ricche sono idealizzate e idolatrate, ma anche odiate in una certa misura. Quando ero incredibilmente ricco, il mio cuore era completamente chiuso a tutti quelli intorno a me. Come puoi mantenere la tua ricchezza quando vedi qualcuno che sta quasi morendo di fame, mangiare da un bidone della spazzatura? Quando sai che tutti quelli che vedi, hanno meno di te e che potresti condividerla con loro? Lo puoi fare solo chiudendo il tuo cuore. Ora mi fa male vedere persone che stanno così. Ma so che c’è anche una via d’uscita.

La mia vita mi ha insegnato che il cambiamento è possibile: possiamo cambiare la nostra vita. Possiamo cambiare il mondo e, per come è ora, dobbiamo. Non c’è scelta al riguardo.”

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte originale: https://www.positive.news/2018/perspective/31937/the-multimillionaire-who-gave-his-fortune-away/

Fonte: http://coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3168-ero-un-multimilionario-poi-ho-dato-via-la-mia-fortuna

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *