È finita l’era Morales in Bolivia

di Lorenzo De Min

Nel pomeriggio del 10 novembre, dopo tre settimane di proteste da parte delle opposizioni contro dei presunti brogli elettorali, il presidente del Bolivia Evo Morales è stato costretto a dare le dimissioni.

Ma il partito socialista boliviano denuncia il golpe contro il suo governo, e incassa la solidarietà del bolivarista Maduro e del peronista Alberto Fernandez.

Dopo le polemiche successive all’insediamento di Evo Morales alla presidenza, dopo la vittoria alle elezioni dello scorso 12 ottobre, che hanno portato l’opposizione interna sul piede di guerra, nonché le proteste di diverse comunità boliviane sparse per il mondo, la Bolivia è precipitata nel caos più totale costringendo lo stesso Evo Morales alla dimissioni forzate dopo 3 settimane di violente proteste nel paese.

Libri e varie...

In un clima da vera e propria guerra civile, lo stesso esercito ha preso posizioni avverse all’oramai ex presidente della Bolivia, che ha rassegnato le dimissioni nella giornata del 10 novembre attorno alle diciassette. Nemmeno le stesse intenzioni di Morales di indire nuove elezioni sono servite a fare in modo che le proteste cessassero, proteste che peraltro dallo scorso 23 ottobre sono sfociate in un’escalation di violenze denunciate dallo stesso Morales come “un vero e proprio golpe”. Alle dimissioni di Morales dalla carica di Presidente della Repubblica si aggiungono quelle di Victor Borda, presidente della Camera bassa del Parlamento, e dei ministri Luis Alberto Sanchez e Cesar Navarro, rispettivamente agli idrocarburi e alle miniere.

Le conseguenze delle dimissioni di Morales non si sono fatte attendere: la capitale La Paz è ora in una situazione di ingenti disordini dove, contrapposti agli oppositori di Morales, vi sono i suoi sostenitori, i quali hanno denunciato pubblicamente un clima di Golpe, come aveva già fatto di per sé lo stesso Morales, il quale, nella decisione di rassegnare le sue dimissioni aveva auspicato un ritorno alla normalità, evitando dunque una guerra civile.

Non sono mancate intimidazioni e violenze denunciate dallo stesso ex presidente contro membri del suo partito, il “Movimento per il Socialismo – Strumento Politico per la Sovranità dei Popoli”, da parte delle fazioni oppositrici. Inoltre, sono da registrare le devastazioni alle abitazioni di elementi di spicco del MAS, da parte dei guarimberos bolivariani, tra le quali, secondo quanto mostrato dall’emittente teleSUR, la casa dello stesso Morales.

Morales, nel denunciare il Golpe in atto ha dichiarato: “Il mio peccato è essere indigeno, antimperialista e di sinistra”. Ma nonostante il clima di violenze che imperversa tuttora in Bolivia, ha deciso di non lasciare il paese, al contrario di quanto ipotizzato precedentemente da talune fonti giornalistiche. Così come non sembra sia stato emesso alcun mandato di arresto nei suoi confronti da parte delle forze di polizia, come era stato invece confermato dall’opposizione, anche per mano del leader dei comitati civici che si sono opposti alla rielezione di Morales, Luis Fernando Camacho.

Lo stesso capo della polizia generale Yuri Calderon, ha presentato allo stesso tempo le proprie dimissioni da comandante nazionale della polizia della Bolivia, su pressione dei media del paese, che hanno accusato Calderon di essersi schierato con l’ex presidente. Alle dimissioni di Calderon si sono aggiunti gli arresti di 25 membri del Tribunale elettorale, accusati delle presunte irregolarità nel voto di tre settimane fa.

Il golpe in Bolivia è stato condannato dal presidente eletto dell’Argentina, il peronista Alberto Fernandez nonché dallo stesso presidente del Venezuela Nicolas Maduro, i quali ne hanno denunciato le violenze condotte dall’opposizione armata e lo stesso clima di destabilizzazione che hanno portato Morales alle dimissioni forzate. Nel frattempo il Messico, tramite il proprio ministro degli Esteri Marcelo Ebra, ha offerto asilo politico a Morales e a tutto il governo uscente.

Articolo di Lorenzo De Min

Fonte: http://www.opinione-pubblica.com/fine-morales-bolivia-golpe/

Libri e varie...
CIA
Ascesa e caduta dei servizi segreti più potenti del mondo
di Tim Weiner

Cia

Ascesa e caduta dei servizi segreti più potenti del mondo

di Tim Weiner

Il premio Pulitzer Tim Weiner ha recuperato per primo dagli archivi migliaia di documenti, spesso appena declassificati, e intervistato centinaia di protagonisti. Oggi demolisce il mito dei servizi segreti americani mettendone a nudo corruzione, brutalità e inefficienza, in una ricostruzione ricca di particolari inquietanti, che getta nuova luce sul nostro recente passato, e sul lato oscuro della politica estera degli Stati Uniti.

"Una necessità sgradevole ma vitale": così nel 1960, in piena Guerra fredda, il presidente Eisenhower definì l'attività di spionaggio.

In quell'epoca, la sigla già aveva già i contorni del mito. Eroi intrepidi che sventavano complotti internazionali, ma anche sicari senza scrupoli responsabili di rapimenti, torture e massacri.

L'agenzia di spionaggio americana esisteva già dal 1947 e il suo primo successo era stato proprio in Italia: aver "salvato" il Paese dal comunismo alle elezioni del 1948.

Ma molti furono in seguito gli insuccessi: dall'impiego di ex gerarchi nazisti come "combattenti per la libertà" al disastroso tentativo di assassinare Fidel Castro, dalle fallimentari infiltrazioni in Manciuria durante la guerra di Corea alle operazioni in Iraq.

A caccia delle verità nascoste nei sessant'anni di storia della CIA, il premio Pulitzer Tim Weiner ha recuperato dagli archivi migliaia di documenti, spesso appena declassificati, e intervistato centinaia di protagonisti.

 

 

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *