Dott. Giampaolo Palma: “Il problema principale non è il Covid-19, ma la reazione immunitaria che distrugge le cellule dove il virus entra”

I decessi da Covid-19 non sono causati da Polmonite Interstiziale, bensì da Tromboembolia Polmonare TEP, causata dall’infiammazione virale che, a sua volta, provoca febbre alta, non curata, che distrugge tutto e prepara il terreno alla formazione dei trombi. L’errore diagnostico scoperto dopo 50 autopsie eseguite sui cadaveri Covid-19.

Lo ha affermato Giampaolo Palma, medico del “Gruppo Humanitas Research Hospital”: “Non vorrei sembrare eccessivo, ma credo che oggi, finalmente, sia certa la causa della letalità del Covid-19”, ha detto Palma.

“La mia ventennale esperienza in Ecocardiografia-Ecocolordopplergrafia Vascolare su più di 200 mila pazienti cardiopatici e non, mi fa confermare quello che alcuni supponevano, ma di cui non riuscivano a essere sicuri. Oggi abbiamo i primi dati: i pazienti vanno in Rianimazione per “Tromboembolia Venosa Generalizzata”, soprattutto “Tromboembolia Polmonare” TEP.

Se così fosse, le rianimazioni e le intubazioni servirebbero a poco, dal momento che bisognerebbe, innanzitutto, attuare un tempestivo trattamento per sciogliere il trombo e, ancora meglio, prevenire le tromboembolie. “Se ventili un polmone dove il sangue non arriva, non serve! Infatti muoiono 9 pazienti su 10”, spiega Palma.

“Signori, Covid-19 danneggia prima di tutto i vasi, l’apparato cardiovascolare e solo dopo arriva ai polmoni! Sono le microtrombosi venose, non la polmonite a determinare la fatalità!”.

Provvidenziale l’uso di antinfiammatori e antibiotici

COVID-19 DATABASE | SIRM

E perché si formano trombi? Perché l’infiammazione come da testo scolastico, induce trombosi attraverso un meccanismo fisiopatologico complesso ma ben noto. Allora? Quello che la letteratura scientifica, soprattutto cinese, diceva fino a metà marzo, era che non bisognava usare antinfiammatori. Ora in Italia si usano antinfiammatori e antibiotici (come nelle influenze) e il numero dei ricoverati crolla.”

“Molti morti, anche di 40 anni, avevano una storia di febbre alta per 10-15 giorni non curata adeguatamente. Qui l’infiammazione ha distrutto tutto e preparato il terreno alla formazione dei trombi. Perché il problema principale non è il virus, ma la reazione immunitaria che distrugge le cellule dove il virus entra. Infatti in tutti i reparti Covid non sono mai entrati malati di artrite reumatoide e ciò perché sono in terapia cortisonica.”

Una malattia da curare a casa

Questo è il motivo principale per cui in Italia le ospedalizzazioni iniziano a diminuire e sta diventando una malattia curabile a casa. Curandola bene a casa eviti non solo l’ospedalizzazione, ma anche il rischio trombotico.”

“Non era facile capirlo, perché i segni della microembolia sono sfumati, anche all’occhio di un cardiologo ecocardiografista”, prosegue Palma. “Confrontando i dati dei primi 50 pazienti tra chi respira male e chi no, la situazione è apparsa molto chiara a tutti i medici in Italia, dai cardiologi, ai radiologi, agli anatomo-patologi fino ai colleghi delle Terapie Intensive.”

Uscita dalla quarantena in tempi più brevi

Il tempo di pubblicare questi dati e si potrebbe dare il via a far uscire la popolazione dalla quarantena, non subito, ma in tempi più brevi rispetto al previsto. In USA dove ancora vietano gli antinfiammatori i dati sono ormai più tragici che in Italia. Sono farmaci che costano pochi euro ma che aiutano a salvare tante vite. Sono i farmaci che facciamo per andare in vacanza in Kenia e prevenire la malaria per capirci” aggiunge il medico.

Le specialità medicinali consigliate in molti ospedali italiani

Chi è il paziente guarito da Covid-19: domande e risposte ...

“Questa testimonianza delle vasculiti con esiti in tromboembolia polmonare, parrebbe confermata dai protocolli di alcuni altri ospedali: al Sacco danno Clexane a tutti, con D-dimero predittivo: più è alto meno risponderà il paziente; al San Gerardo di Monza Clexane e cortisone; al Sant’Orsola di Bologna Clexane a tutti + protocollo condiviso con i medici di famiglia che prescrivono Plaquenil a pioggia su tutti i pazienti monosintomatici a domicilio.”

Antinfiammatori che non andrebbero usati

Integro con una precisazione sugli antinfiammatori: farmaci antinfiammatori tipo Brufen, naproxene, aspirina che inibiscono la cox1 oltre che la Cox 2 non andrebbero usati, mentre celecoxib (un inibitore selettivo della Cox 2) sembra dare buoni risultati, bisogna comunque aspettare l’esito di studi, invece questa analisi porta in evidenza la necessità di usare negli stadi intermedi della malattia (inizio della tosse e prima delle difficoltà respiratorie) una eparina a basso peso molecolare ad alte dosi… (Clexane 8.000 UI/die).”

“Evito (per non appesantire troppo l’esposizione, e perché il testo è troppo medico) di riportare un’interessante testimonianza di un anatomo-patologo: vi basti pensare che il “Papa Giovanni XXIII” di Bergamo ha eseguito 50 autopsie ed il “Sacco” di Milano 20 (quella italiana è la casistica più alta del mondo, i cinesi ne hanno fatte solo 3 e “minimally invasive”). Tutto quanto ne esce sembra confermare in pieno le informazioni sopra riportate,” conclude Palma.

Fonte: https://www.informatoreorobico.it/2020/04/21/palma-problema-principale-non-covid-19-la-reazione-immunitaria-distrugge-le-cellule-virus-entra/

AMA TE STESSO COME SE FOSSE QUESTIONE DI VITA O DI MORTE
di Kamal Ravikant

Ama Te Stesso come se Fosse Questione di Vita o di Morte

di Kamal Ravikant

Kamal Ravikant ha quasi rischiato di non pubblicare Ama te stesso come se fosse questione di vita o di morte. Aveva una grande paura. Era un amministratore delegato che era andato in pezzi dopo che la sua società era fallita e stava scrivendo un libro sul fatto che amarsi lo aveva salvato. Pensava che sarebbe stato lo zimbello di tutti e che la sua carriera sarebbe finita.

Ma ha superato la paura e ha raccontato la sua verità al mondo. Quello che poi è successo ha cambiato la sua vita.

Il libro è diventato virale. Persone di tutto il mondo ne hanno parlato online e nei social media. Ne hanno comprato delle copie per amici e parenti. Hanno scritto recensioni appassionate. A qualcuno questo libro ha letteralmente salvato la vita. Per altri è stata la prima volta che hanno amato se stessi.

È stata per l'autore un'importante lezione di vita.

Molti lettori lo hanno contattato e gli hanno mostrato come l'hanno utilizzato. gli hanno fatto delle domande. Questo gli ha indicato che, nonostante il successo, ciò che aveva condiviso non era abbastanza. Per creare un impatto duraturo, ha quindi dovuto approfondire e condividere molto di più. Lo doveva a questo libro. Lo doveva a tutti coloro che l'avrebbero letto.

Quindi, sette anni dopo la prima pubblicazione, eccolo qui.

Tutte le domande che Kamal Ravikant ha ricevuto sono state chiarite. Il suo intento è fare in modo che, quando sarai arrivato alla fine, non solo ti impegnerai ad amarti, ma saprai esattamente come farlo. E soprattutto, come farlo durare.

La prima parte, "Il giuramento", è la versione originale ampliata. Niente fuffa, niente idiozie. Solo una verità semplice e concreta. Puoi leggerla e cambiare la tua vita.

La seconda parte, "Il manuale", è nuova. Illustra il metodo che egli ha affinato nel corso degli anni per amarsi. Qui tutto è facile ed efficace. In poche parole, è una guida che passo dopo passo ti mostra come amare te stesso.

La terza parte, "La lezione", è anch'essa nuova e svela come applicare tutto ciò che c'è in questo libro per guarire e poi risorgere. Vedrai il viaggio interiore ed esteriore di Kamal, ciò che ha fatto nel modo giusto e gli errori che ha commesso. Dato che spesso impariamo di più dalle storie, vivere la sua trasformazione ti aiuterà a creare la tua.

"Io divido la mia vita tra prima e dopo avere giurato di amarmi. Non riesco a pensare a un modo migliore di vivere. Ti invito a provare. Funziona."
Kamal Ravikant

...

Un commento

  1. GRAZIE per aver ripubblicato voi tutto l’articolo, il link alla fonte originale (da voi stessa citata) è stato CANCELLATO… non c’è più..

Rispondi a Daniela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *