Conte e il Tso per la Vaccinazione anti-Covid: gli errori del Premier sul trattamento sanitario obbligatorio

di Fabio Calcagni

Una uscita pubblica che non poteva che provocare una serie infinita di polemiche.

Rec News, direttore Zaira Bartucca - Conte sdogana in diretta l'uso del TSO per i vaccini (with English and Russian version) | Rec News

È bufera sulle parole pronunciate dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella conferenza stampa tenuta giovedì sera per la presentazione agli italiani del Dpcm di Natale, la serie di misure che “blindano” le festività per “impedire” a gennaio l’arrivo di una terza ondata di contagi da Coronavirus.

Il premier ha infatti pronunciato una parola che ha fatto scattare un campanello d’allarme: Tso, il Trattamento sanitario obbligatorio. Rispondendo ad una domanda sul tema della vaccinazione posta da Livio Cipriano, giornalista di Agenzia Nova, Conte ha spiegato: “C’è un principio di autodeterminazione che riguarda anche le scelte delle cure a cui sottoporsi e noi dobbiamo cercare di salvaguardarlo fino agli estremi limiti. Sono per un approccio liberale, quindi se siamo nelle condizioni di gestire la curva del contagio non sarà necessario imporre un trattamento sanitario obbligatorio. Fino all’ultimo cercheremo di preservare la facoltatività della vaccinazione”.

Una estrema ratio citata dal premier nella “speranza” che gli italiani, o almeno quei 40 milioni indicati dagli esperti sanitari come obiettivo per l’immunità di gregge, scelgano di sottoporsi al vaccino contro il Covid-19. Ma le parole di Conte hanno toccato un nervo scoperto, provocando aspre polemiche. Conte ha citato il Tso che, com’è noto, viene applicato come previsto dalla legge Basaglia del 1978, tramite un’ordinanza del sindaco nei confronti di soggetti che rifiutano di sottoporsi a una terapia. Ma l’applicazione del Trattamento sanitario obbligatorio, come prescrive la legge, va attuato solo se la persona si trova in una situazione di alterazione tale da necessitare urgenti interventi terapeutici, se gli interventi sanitari siano stati rifiutati dal soggetto e se non è possibile adottare tempestive misure extraospedaliere. Tre condizioni che devono manifestarsi contemporaneamente. Per questo le parole utilizzate da Conte sono un grave errore.

Il tema del Tso applicato al Coronavirus non è nuovo. Già a luglio il presidente della Regione Veneto Luca Zaia aveva evocato l’ipotesi di ricorrere al Tso per imporre il ricovero ai malati gravi. Una ordinanza firmata dal ‘Doge’ aveva effettivamente previsto che le aziende Ulss venete avessero l’obbligo di denuncia e di comunicazione al sindaco, al Prefetto e alla polizia dei soggetti obbligati all’isolamento fiduciario, per eventuali controlli e misure cautelari. In caso di rifiuto del ricovero da parte di soggetti positivi, l’azienda ospedaliera doveva presentare quindi denuncia d’ufficio alle forze di polizia.

La deriva fortemente autoritaria è ora, ancor di più, sotto gli occhi di tutti! (ndr)

Articolo di Fabio Calcagni

Fonte: https://www.ilriformista.it/conte-e-il-tso-per-la-vaccinazione-anti-covid-gli-errori-del-premier-sul-trattamento-sanitario-obbligatorio-180618/?refresh_ce

Libri e varie...
I PIANI SEGRETI DEL CLUB BILDERBERG (EBOOK)
Dalla crisi economica alle rivolte: il grande complotto dell'organizzazione che ci manipola nell'ombra
di Cristina Martín Jiménez

I Piani Segreti del Club Bilderberg (eBook)

Dalla crisi economica alle rivolte: il grande complotto dell'organizzazione che ci manipola nell'ombra

di Cristina Martín Jiménez

"Siamo sull'orlo di una trasformazione globale, tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la giusta crisi globale e le nazioni accetteranno il nuovo ordine mondiale".

A dirlo è stato il banchiere David Rockefeller, uno dei fondatori del Club Bilderberg, un'organizzazione controversa che riunisce i maggiori nomi della politica e della finanza internazionali. Era il 1994 e nel 2008, non certo per caso, è scoppiata una delle peggiori crisi economiche mai viste.

Tutti i media hanno riportato contemporaneamente le stesse notizie, ogni giorno più drammatiche e allarmistiche. Tutti i Paesi hanno reagito allo stesso modo: austerità, aumento delle tasse, tagli e licenziamenti, sfociati in un caos generale che ha giustificato misure restrittive straordinarie.

Come mai governi che dovrebbero essere indipendenti e organi di stampa che dovrebbero agire nella massima libertà sono così allineati? Perché, dimostra la giornalista d'inchiesta Cristina Martín Jiménez, a manovrarli è proprio il Club Bilderberg, che fin dalla sua fondazione nel dopoguerra ha aggirato le sovranità nazionali per imporre un controllo mondiale centralizzato, basato su una moneta e un mercato unici.

Esattamente quello che l'Unione europea vuole imporre...

Il complotto non è un'illazione: questo libro spiega chiaramente, attraverso dati, nomi e coincidenze sospette, che la crisi è solo il primo passo di una truffa planetaria che ci sta trasformando in burattini nelle mani dei veri padroni del mondo.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *