Congresso Spagnolo: il Dott. Laporte Roselló smantella Narrazione su Covid e Vaccini

In Spagna il partito di governo invita in Parlamento scienziato di spicco che espone duramente la truffa pandemica e la pericolosità dei “vaccini”.

La Spagna continua la contronarrativa più aggressiva d’Europa: dopo il NO totale al green pass e la difesa dei diritti fondamentali da parte della Corte Costituzionale, ora il partito di governo invita in Parlamento uno scienziato che espone duramente la truffa pandemica e la pericolosità dei “vaccini”.

Rullo di tamburi nel Congresso spagnolo. Un portavoce dell’amministrazione spagnola della campagna vaccinale e scienziato di spicco ha smontato la narrazione del Coronavirus in un’udienza ed ha criticato fortemente la vaccinazione mRNA. La cosa più notevole è che è stato invitato dal partito socialdemocratico al potere, che ha poi evitato di criticarlo dopo la sua apparizione.

Il dottor Joan-Ramon Laporte Roselló, uno scienziato spagnolo leader nel campo della farmacovigilanza, è intervenuto lunedì scorso alla Commissione sui vaccini al Congresso spagnolo. Era stato invitato dal partito socialdemocratico dominante PSOE e dalla sinistra “Podemos”. Roselló è un portavoce della Commissione d’inchiesta sulla somministrazione di vaccini in Spagna dell’Università di Barcellona.

Parole chiare sull’mRNA

L’udienza di Roselló potrebbe lasciare un segno pesante. Ha smantellato fondamentalmente la narrazione dei vaccini e del covid, ma proviene da un background scientifico ortodosso e non era precedentemente considerato un “no-vax”.

Ma al congresso è stato chiaro: attualmente il mondo sta vivendo un esperimento farmaceutico senza precedenti su scala globale. Le terapie geniche non sono “veri vaccini”, ma trattamenti farmacologici.

Questi trattamenti hanno alcuni gravi effetti collaterali che sono stati e continuano ad essere nascosti. Ha anche fatto riferimento alla presunta frode negli studi di registrazione. Inoltre, ha detto, che non c’erano dati che suggerissero che la vaccinazione contro Omicron avrebbe funzionato e salvato delle vite.

Una terza e una quarta vaccinazione non è giustificata, non c’è nessuna base per farlo. I bambini e gli adolescenti non dovrebbero comunque essere vaccinati.

Il professore ha anche fatto a pezzi il certificato vaccinale digitale: erano inutili, forse anche dannosi. È possibile che i passaporti abbiano aumentato il tasso di trasmissione.

Il partito socialdemocratico al potere non ha immediatamente screditato le dichiarazioni del professore dopo la sua apparizione. Come farmacologo, avrebbe chiesto una maggiore trasparenza dei dati e un controllo più rigoroso. Inoltre, non si era presentato come un generale “oppositore della vaccinazione”, ma non sapevano quale contenuto il professore avrebbe consegnato.

Fonte: https://t.me/PIUSIAMOPRIMANEUSCIAMO

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.