Conflitto in Yemen: morti 1400 bambini e distrutte 2000 scuole

Almeno 1400 bambini morti e fino a 2mila scuole inutilizzabili: è il bilancio, drammatico, della guerra in Yemen tracciato dal fondo Onu per l’infanzia, nel corso di una conferenza che si è appena tenuta a Sana’a la capitale del paese.

conflitto in yemen

Meritxell Relano, rappresentante Unicef nel Paese arabo, teatro dal marzo 2015 di un sanguinoso conflitto, ha riferito che oltre ai 1400 bambini morti”, gli esperti delle Nazioni Unite contano anche 2140 feriti fra i più piccoli.

“Almeno 2000 scuole in Yemen – ha aggiunto l’esperta Onu – non possono essere utilizzate perché sono state distrutte, danneggiate, usate per accogliere le famiglie degli sfollati o sfruttate con finalità militari”. La portavoce delle Nazioni Unite ha confermato la morte, nei giorni scorsi, di bambini rimasti colpiti da un raid aereo della coalizione araba a guida saudita a nord della capitale, che ha colpito un mercato situato nei pressi di una scuola.

“Le scuole devono essere zone di pace – avverte la portavoce Unicef – dei santuari in cui i bambini possono imparare, crescere, giocare e sentirsi sicuri”. Per questo la donna rilancia l’appello del Fondo a tutte le parti coinvolte nel conflitto, perché “proteggano i bambini e mettano fine agli attacchi contro infrastrutture civili”.

Libri e varie...

Alla condanna dell’organismo Onu, si unisce quella dell’Ente yemenita per la protezione dell’infanzia, che parla in modo esplicito di aggressione saudita che continua a mietere vittime innocenti. In una nota rilanciata dall’agenzia Saba, vicina al movimento ribelle sciita Houthi, l’associazione chiede che gli attacchi aerei della coalizione araba guidata da Riyadh, siano equiparati a crimini di guerra contro il popolo yemenita.

Dal gennaio 2015, la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno, che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel marzo 2015, una coalizione araba a guida saudita, ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime che hanno provocato, anche bambini.

Ad oggi sono morte circa 7.350 persone, più di 39mila i feriti e tre milioni gli sfollati. Per l’Arabia Saudita gli Houthi, alleati alle forze fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh, sono sostenuti sul piano militare dall’Iran; un’accusa che Teheran respinge. Nel Paese sono inoltre attivi gruppi estremisti legati ad al Qaeda e milizie jihadiste legate allo Stato islamico, che hanno contribuito ad aumentare la spirale di violenza e terrore.

Fonte: http://www.asianews.it/notizie-it/Conflitto-in-Yemen,-morti-1400-bambini-e-distrutte-fino-a-2mila-scuole–39636.html

Libri e varie...
KILLING MACHINE
di Mark Mazzetti

Killing Machine

di Mark Mazzetti

Storia mai raccontata di una metamorfosi silenziosa.

Un'invisibile guerra di intelligence, giocata ai margini dello scacchiere mondiale. Un esercito silenzioso infiltra le élite di paesi lontani, uccide nemici politici, dà vita a feroci guerre civili o artificiosi periodi di stabilità. È la guerra segreta con cui l'America governa il mondo.

Una metamorfosi che ha cambiato il modo in cui gli Stati Uniti d'America fanno la guerra, uccidono i loro nemici ai quattro angoli del pianeta, influenzano gli equilibri dello scacchiere mondiale, intervengono nelle aree grigie e nelle regioni più instabili del globo. Mark Mazzetti ci racconta da dentro questa nuova guerra invisibile. Incontra i suoi oscuri protagonisti.

Li segue in Pakistan, Somalia, Yemen, Lahore. Setaccia documenti e informazioni riservati. Studia gli scenari elaborati dagli analisti più accreditati.

Ci spiega che da tempo le guerre americane non si svolgono allo scoperto, nei teatri di guerra più visibili, con l'intervento degli eserciti tradizionali.

Le guerre americane sono diventate guerre ombra. A combatterle sono droni pilotati a distanza, spie inviate a creare guerre e sommosse, agenti assoldati sul posto, pronti a uccidere nemici politici, infiltrare le élite locali, costruire e disfare governi e milizie locali. Infine Mazzetti ci riporta, dalla periferia del mondo, all'altro grande scontro in corso, quello che dilania il cuore degli Stati Uniti.

Lo scontro tra il Pentagono, simbolo della guerra tradizionale, sempre più spesso costretto alle strategie e alle tattiche dell'intelligence, e la Cia, nata come agenzia di spionaggio, trasformatasi negli ultimi due decenni in un'organizzazione sempre più apertamente militarizzata. Uno scontro da cui dipendono la guerra e la pace americana, dentro e fuori dagli Usa.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *