Compagnia di Assicurazione sulla vita nega il Risarcimento ad un Uomo Morto per il Vaccino Covid-19, è “Suicidio”.

Un caso esplosivo è attualmente oggetto di accesi dibattiti sui social media in Francia.

Un ricco e anziano imprenditore di Parigi è morto a seguito di un’iniezione di vaccino Covid-19. In precedenza, aveva stipulato polizze di assicurazione sulla vita multimilionarie a beneficio dei suoi figli e nipoti, secondo un rapporto dei media.

Sebbene la vaccinazione sia stata riconosciuta come causa di morte dai medici e dalla compagnia assicurativa, quet’ultima si è rifiutata di pagare. Il motivo è perché gli effetti collaterali dei vaccini Covid sono noti e pubblicati. La compagnia sostiene che il defunto ha preso parte a un esperimento a proprio rischio. Il Covid-19 di per sé non è classificato come una “malattia critica”.

Secondo l’Azienda, una Vaccinazione Sperimentale con conseguente Morte è come il suicidio

La compagnia assicurativa ha giustificato il rifiuto del pagamento alla famiglia affermando che l’uso di farmaci o trattamenti sperimentali, comprese le somministrazioni di vaccini Covid, è espressamente escluso dal contratto di assicurazione. La successiva causa della famiglia contro la compagnia assicurativa non ha avuto successo.

Il tribunale avrebbe giustificato la sua sentenza come segue: “Gli effetti collaterali del vaccino sperimentale sono pubblicati e il defunto non poteva affermare di non averne saputo nulla quando ha ricevuto volontariamente il vaccino. Non esiste una legge o un obbligo in Francia che lo abbia costretto a essere vaccinato. Quindi la sua morte è essenzialmente un suicidio”. Poiché il suicidio non è coperto dalla polizza fin dall’inizio, l’assicurazione si rifiuta di muoversi.

Verdetto: correre un Rischio fatale è legalmente Suicidio

Il tribunale riconosce la classificazione dell’assicuratore che, in considerazione degli effetti collaterali annunciati, tra cui la morte, considera legalmente la partecipazione all’esperimento di fase tre, la cui comprovata innocuità non è data, come assunzione volontaria di un rischio fatale che non è coperto dal contratto e legalmente riconosciuto come suicidio.

La famiglia ha fatto appello. Tuttavia, la difesa dell’assicuratore è riconosciuta come ben fondata e giustificata contrattualmente, in quanto questo rischio fatale pubblicamente noto è legalmente considerato suicidio, poiché il cliente è stato informato e ha accettato di assumersi volontariamente il rischio di morte senza essere obbligato o costretto a farlo.

Nessuna Sorpresa: i Media mainstream tacciono

Questo caso non è ancora stato riportato dai media mainstream francesi. Il caso è stato pubblicato dall’avvocato della famiglia, Carlo Alberto Brusa, sui social media. Sfortunatamente, non vengono fornite fonti o atti giudiziari, motivo per cui l’autenticità del rapporto non può attualmente essere verificata, sebbene ci siano stati altri avvertimenti riguardanti il rischio associato ai vaccini riconosciuti dagli assicuratori. Negli Stati Uniti, l’American Council of Life Insurers (ACLI) ha negato le segnalazioni di mancato pagamento.

Difficoltà Globali per gli Assicuratori a causa dei Vaccini

Gli attuari hanno avvertito che l’aumento dei sinistri eroderà il capitale che gli assicuratori accantonano per evitare l’insolvenza. In particolare, le persone anziane non stipulano un’assicurazione sulla vita, il che significa che i reclami sono stati da clienti più giovani. Gli assicuratori riferiscono che si aspettano un aumento dei decessi in eccesso.

Secondo Alex Berenson, il rischio di lesioni o morte per i vaccini covid è eccezionalmente alto a giudicare dai dati canadesi. Il rifiuto di pagare per una morte correlata al vaccino potrebbe non essere sorprendente dal momento che a livello globale il settore delle assicurazioni sulla vita è stato colpito da richieste di risarcimento segnalate di $ 5,5 miliardi nei primi nove mesi del 2021 contro $ 3,5 miliardi per l’intero 2020, secondo il broker assicurativo Howden.

L’assicuratore olandese Aegon, con due terzi delle sue attività negli Stati Uniti, ha dichiarato che i suoi sinistri americani nel terzo trimestre sono stati di $ 111 milioni, rispetto ai $ 31 milioni dell’anno precedente.

Fonte originale: https://freewestmedia.com/2022/01/14/life-insurer-refuses-to-cover-vaccine-death/

Fonte: https://www.eventiavversinews.it/compagnia-di-assicurazione-sulla-vita-nega-il-risarcimento-a-un-uomo-morto-per-il-vaccino-covid-19-e-suicidio/

Libri e varie...
IL TRADIMENTO DI IPPOCRATE
La medicina degli affari
di Domenico Mastrangelo

Il Tradimento di Ippocrate

La medicina degli affari

di Domenico Mastrangelo

Lo scopo principale di questo libro è informare la gente. Questo, che è sempre stato un dovere professionale di ogni medico, oggi diventa anche un dovere morale, perché i contenuti dell’informazione sono spesso fatti gravi e potenzialmente lesivi dell’incolumità e dell’integrità del malato che si affida ignaro.

Purtroppo, la Medicina Moderna si è trasformata in una sorta di braccio armato a difesa degli interessi economici di una industria che prospera sulle precarie condizioni di salute della gente.

L’Autore fa una analisi tanto lucida e concreta quanto drammatica della situazione in cui siamo caduti, ma il Lettore capisce chiaramente che questa analisi non è un atto d’accusa, ma un atto d’amore nei confronti della vera Medicina.

Infatti, travolta dalla potenza economica dell’industria farmaceutica e dei suoi interessi, la Medicina Moderna è troppo spesso al servizio del ‘business’ più che della gente e nessuno che ami veramente questa professione può e deve tollerare una simile situazione.

È quanto hanno fatto grandi geni della Medicina come Benveniste, Bates, Bechamp, Duesberg, che hanno pagato di persona il loro amore per la verità e per la giustizia e che per questo l’Autore definisce “Eroi dimenticati della Medicina”.

È una lettura affascinante che insegna ad orientarsi e a difendersi da imbrogli che ad alcuni pazienti possono costare veramente cari.

 

Spesso acquistati insieme

...

2 commenti

  1. La lobby assicurativa , finanziaria come la lobby bancaria e farmaceutica hanno concertato in anticipo di anni questi effetti e la lobby della magistratura ne è in gran parte complice

  2. Quindi visto che secondo l’assicurazione la morte per Covid equivale ad un suicidio, perché è una cura sperimentale a cui il paziente si è sottoposto volontariamente, vuol dire che l’obbligo vaccinale imposto dal governo è una condanna a morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.