Come la sorveglianza di massa ostacola la libertà di espressione su internet

di Nafeez Ahmed

Un recente studio dimostra che le persone potrebbero auto-censurarsi online senza rendersene conto.

Grazie soprattutto alle rivelazioni fatte da Edward Snowden nel 2013, la maggior parte dei cittadini degli Stati Uniti ha ben chiaro che l’intelligence monitora e archivia qualsiasi comportamento online, sia di stranieri che di connazionali.

Avete mai pensato, però, che il fatto stesso di sapere questa cosa potrebbe avervi condizionato a livello subliminale, al punto da farvi smettere di parlare apertamente online di cose che vi interessano? Una nuova ricerca suggerisce che la consapevolezza diffusa della sorveglianza di massa potrebbe minare la democrazia, spingendo i cittadini ad aver paura di esprimere un’opinione di dissenso in pubblico.

Il paper pubblicato la settimana scorsa su Journalism and Mass Communication Quarterly, rivista dell’Association for Education in Journalism and Mass Communication (AEJMC), ha riscontrato che “i programmi di sorveglianza online del governo, possono minacciare l’espressione di punti di vista minoritari e contribuire al rafforzamento di opinioni maggioritarie.”

Libri e varie...

Lavaggio del Cervello - Tecniche proibite di riprogrammazione mentale - 2 CD Audio mp3

di Dantalion Jones

LAVAGGIO DEL CERVELLO - TECNICHE PROIBITE DI RIPROGRAMMAZIONE MENTALE -  2 CD AUDIO MP3
di Dantalion Jones

Questo CD Audio contiene un corso che ti insegna a riconoscere le forme di controllo mentale e quindi ad essere libero: imparerai a scegliere ascoltando la parte più profonda di te stesso.
 Ogni giorno nella nostra vita ci troviamo davanti a delle scelte: che si tratti di ordinare la colazione, o di votare alle elezioni, siamo liberi di scegliere. Ma è davvero così?
 In Lavaggio del cervello, Dantalion Jones mette in discussione questa idea di libertà, domandandosi in quale misura le nostre scelte siano effettivamente libere e se non siamo invece vittime di diverse forme di controllo mentale.
 Partendo dall'analisi delle tecniche utilizzate dalle sette, Dantalion individua le forme più evidenti di coercizione mentale, arrivando a una conclusione: il lavaggio del cervello è sicuramente possibile, e avviene ogni giorno, sotto i nostri occhi.
 Con questo audiocorso, adesso puoi:
 
 - Imparare a individuare sistematicamente le numerose tattiche del lavaggio del cervello, capaci di privarti della tua libertà senza che tu ne sia consapevole.
 - Rafforzare la capacità della tua mente di sviluppare lo stato ipnotico per ottenere più flessibilità e creatività nel pensiero.
 - Riconoscere le influenze che condizionano le tue scelte e comprendere come bloccarle.
  All'interno di questo box troverai un link per scaricare il Booklet di 115 pagine....

Programmazione Mentale

Dal lavaggio del cervello alla libertà di pensiero. Individuare e neutralizzare le manipolazioni per sviluppare il potenziale della nostra mente.

di Eldon Taylor

PROGRAMMAZIONE MENTALE  - LIBRO
Dal lavaggio del cervello alla libertà di pensiero. Individuare e neutralizzare le manipolazioni per sviluppare il potenziale della nostra mente.
di Eldon Taylor

Sei sicuro che i tuoi pensieri, umori e desideri siano veramente tuoi?
 Pensi davvero di poter effettuare le tue scelte autonomamente?
 Eldon Taylor dimostra che, attraverso la manipolazione del subconscio, pensieri e desideri sono in larga misura controllati dall'esterno. Una rivelazione sconcertante: i tuoi pensieri non sono propriamente tuoi, bensì ti vengono "suggeriti" da messaggi subliminali presenti ovunque!
 Le ricerche di Taylor si spingono ben oltre i classici messaggi subliminali adottati in passato dalla pubblicità e chiamano in causa elementi salienti che riguardano tutti, dal lavaggio del cervello su base quotidiana a progetti e tecnologie più complessi e meno noti quali l'HAARP.
 Programmazione mentale contiene inquietanti rivelazioni che conducono a una dura verità: mettere a punto la tua mente è diventato un affare molto redditizio! Studioso e ricercatore di tecnologia della persuasione, per decenni al servizio delle multinazionali e addestratore a sua volta di manipolatori mentali, Eldon Taylor mette a nudo scomodi retroscena, ma ti offre anche un importante sistema di "depurazione mentale": immediato riconoscimento delle influenze esterne, semplici esercizi di ripristino della tua autonomia di scelta e tecniche di pulizia del subconscio che ti permetteranno di riprendere in mano la tua vita e realizzare i tuoi sogni!
 Se infatti è innegabile che la manipolazione esista e sia in corso, è altrettanto vero che puoi reagire invece di temere di essere impotente. Ma c'è di più: prendendo consapevolezza dei meccanismi attraverso cui opera la manipolazione, puoi farli tuoi e sfruttare questa capacità mentale a tuo vantaggio. Programmazione mentale ti informa e ti guida a reagire, esortandoti a diventare consapevole di un potere che è sempre stato tuo e che aspetta solo di essere portato alla coscienza.
 Proteggerti dalla manipolazione è possibile e rispondere con le sue stesse armi, usando il potere della mente per guarire anziché per distruggere, è un'abilità che Programmazione mentale mette a disposizione di chiunque abbia a cuore il proprio bene e quello del pianeta....

L'Istituto Tavistock

L'organismo occulto che governa le nostre menti - Controllo mentale e ingegneria sociale: gli oscuri meccanismi per sottomettere l'umanità

di Daniel Estulin

L'ISTITUTO TAVISTOCK  - LIBRO
L'organismo occulto che governa le nostre menti - Controllo mentale e ingegneria sociale: gli oscuri meccanismi per sottomettere l'umanità
di Daniel Estulin

Conoscete l'Istituto Tavistock?
 Situato nell'omonima cittadina nella contea del Sussex in Inghilterra,
è considerato come il massimo centro mondiale
delle attività di controllo mentale e di ingegneria sociale
 Il famoso giornalista investigativo e autore del bestseller Il Club Bilderberg Daniel Estulin, ci rivela l'esistenza di questo organismo creato per controllare il destino di tutto il pianeta e per cambiare la società contemporanea. 
 In questo libro rivoluzionario, Estulin svela l'origine e il modus operandi dell'Istituto, chi lo governa, quali sono i suoi obiettivi e come influenza noi tutti - le vere vittime ignare - durante la nostra vita quotidiana.

 Siamo veramente tutti in pericolo?
 Veniamo esposti ogni giorno agli oscuri meccanismi creati da un gruppo di psicologi, psichiatri e antropologi pagati dall'oligarchia internazionale che controlla il mondo per favorire i propri interessi.
 Dalla musica alla contro-insorgenza, dalla droga alla televisione, ascolta i consigli di Daniel Estulin per capire come difenderti ogni giorno dall'Istituto Tavistock, combattere i suoi metodi ed essere finalmente libero da ogni controllo mentale.
 Indice: Introduzione
 1. La contro-insurrezione
2. La Scellerata Alleanza
3. L'uccisione del Re
4. Le porte della percezione: la rivoluzione psichedelica della CIA
5. La televisione
6. La cibernetica
7. La fantascienza e l'Istituto Tavistock
8. George Gershwin ha successo con Do It Again
 Note
 Anteprima - L'Istituto Tavistock - Daniel Estulin La località Tavistock, situata nella contea del Sussex (Inghilterra), è il centro mondiale delle attività di lavaggio di massa dei cervelli e di ingegneria sociale. Dopo un inizio alquanto approssimativo a Wellington House [edificio sede dell'ufficio di propaganda britannico; N.d.T.], si sviluppò una sofisticata organizzazione, che doveva influenzare il destino dell'intero Pianeta e allo stesso tempo cambiare il paradigma della società moderna.
 In questo lavoro rivoluzionario, che avrà senza dubbio l'effetto di un'esplosione nucleare di cinquecento chilotoni, scopriamo tanto la rete di Tavistock quanto i metodi di lavaggio del cervello e di guerra psicologica; metodi che, proprio mentre ne parliamo, vengono adattati per essere applicati a progetti di ingegneria sociale su vasta scala.
 Continua a leggere: > Anteprima - L'Istituto Tavistock - Daniel Estulin...

Controllo Mentale (4 CD Mp3)

Tecniche proibite per ottenere ciò che vuoi

di Dantalion Jones

CONTROLLO MENTALE (4 CD MP3)
Tecniche proibite per ottenere ciò che vuoi
di Dantalion Jones

Si puo' controllare la mente delle persone che ti circondano e spingerle a fare tutto quello che vuoi? La risposta e' si'... e Dantalion Jones ti spiega quanto sia facile plasmare la realta' ricorrendo all'uso abile di particolari schemi linguistici. 
 Questi schemi per il controllo mentale sono frasi che, se presentate in un certo modo e nel momento giusto, fungono da "innesco" nella mente di chi li ascolta, influenzandone e controllandone le reazioni, senza pero' far sospettare al soggetto di essere stato controllato. La persona a cui e' diretto lo schema linguistico reagira' convinta delle proprie scelte e delle proprie azioni, perche' le appaiono completamente spontanee.
Gli schemi linguistici vengono applicati in ogni ambito della vita, da quello professionale a quello privato. Possono essere utilizzati per aiutare le persone che amiamo, magari sostenendole in un momento difficile o per creare un cambiamento positivo e duraturo, legato a sentimenti di fiducia, amore e felicita'.
 Se conosci gli schemi linguistici per il controllo mentale potrai proteggerti dalla manipolazione degli altri.
 Gli schemi linguistici possono essere usati in vari modi: ad esempio, uno schema "oscuro", dice Dantalion Jones, può seminare insicurezza e disagio in un concorrente in affari, girando in un modo o nell'altro la trattativa commerciale, oppure può incrementare in modo esponenziale le vendite.
 Gli schemi linguistici, in fondo, sono semplici, ma solo in pochi li sanno utilizzare o riconoscere.
Ecco i benefici che otterrai imparando a usare e riconoscere gli schemi linguistici per il controllo mentale:
 
 - Aiutare una persona cara a superare una difficolta' o un cambiamento
 - Proteggerti da chi usa schemi linguistici in modo non etico.
 - Aumentare le tue capacita' di vendita o trovare facilmente un lavoro
  Impara con attenzione queste frasi e il modo in cui vengono pronunciate insieme a Dantalion Jones.
 Perché Il Giardino dei Libri ha inserito questo audiocorso in catalogo?
 Alcuni clienti e lettori ci hanno contestato la pubblicità e l'inserimento in catalogo di questo prodotto. Capiamo la loro reazione...
Dal nostro punto di vista la decisione di mettere questo audiocorso in catalogo è stata dettata da una semplice considerazione. Al di la' del contenuto del'audio e dall'autore ci siamo semplicemente chiesti se i nostri clienti avessero avuto più strumenti per comunicare in maniera efficace e per DIFENDERSI dalla manipolazione ascoltando questo corso... e la risposta e' stata SI, senza dubbi.
Conoscere molte delle dinamiche descritte è un grosso vantaggio per non caderne vittima. E visto che conosciamo i nostri lettori, i loro valori e le idee, sappiamo che useranno questi insegnamenti per il bene. O almeno sono queste le persone con cui abbiamo scelto di lavorare. E' ovvio che siamo in un terreno minato ed è molto difficile prendere la decisione "giusta", ma il principio di fornire strumenti e fidarci dell'intelligenza e dell'etica dei lettori non ci ha mai deluso finora... Grazie della fiducia.
 
Lezioni del corso
 - L'assetto mentale di base 
- Altre informazioni sull'assetto mentale 
 - La teoria del controllo mentale 
 - Fornire ed eliminare opzioni 
 - Tonalita' e ritmo 
 - Lo schema delle parti
 - Presupposizioni
 - Portare le persone in un viaggio
 - Esempi di frasi ipnotiche 
 - Comandi incastrati 
 - Lo spostamento io-tu 
 - Lo schema del nucleo sacro 
 - Schemi di dubbio e incertezza 
 - Lo schema della voce dell'esperienza 
 - Stimolare i valori 
 - Lo schema vero/era vero un tempo 
 - Gli schemi della credibilita' 
 - Lo schema del perche' 
 - Lo schema del singolo legame 
 - Lo schema del doppio legame 
 - I meta stati 
 - Il gaslighting
 - Dipendenze nascoste 
 - La camera emotiva 
 - Lo schema zero decisioni 
 - Gli schemi della confusione 
 - Schemi di evocazione emotiva
 - Ambiguita' della sintassi 
 - Indurre segretamente 
 - Spingere un pensiero 
 - Condizionamento operante 
 - Gli schemi militari 
 - Schemi di sleight of mouth 
 - Persuasione meta-modello 
 - Schemi di copione 
 - La porta 
 - Il distruttore di fidanzati 
 - Lo schema noto come lo schema bj 
 - Schemi oscuri proibiti 
 - Domande magiche 
 - Linguistica da guerriglia 
 - Il voice roll 
 - October man sequence
 
...in 103 lezioni imparerai tutti gli schemi linguistici 
 che ti accompagneranno nel percorso di studio!
 
  
IL BOX CONTIENE: 
 - 4 CD audio mp3.
 - Un totale di 6 ore di corso. 
 - Un manuale dettagliato di 87 pagine con gli script di schemi linguistici.
 - 103 lezioni con con gli esempi.
  
  
 Omaggio con l'acquisto di 
Controllo Mentale

Confessioni da un Persuasore eBook 
(eBook in formato PDF)
Troverai l'eBook direttamente nel tuo carrello e 
riceverai nella tua casella email il link per scaricarlo...

No Place to Hide - Sotto Controllo

di Glenn Greenwald

NO PLACE TO HIDE - SOTTO CONTROLLO  - LIBRO
di Glenn Greenwald

Libertà, sicurezza, democrazia, privacy. 
 Nel caso Snowden siamo tutti coinvolti. "Vogliamo che l'era digitale sia l'alba dell'emancipazione individuale e delle libertà politiche, oppure siamo disposti ad accettare un sistema di controllo onnipervasivo che neppure i più sadici tiranni del passato avrebbero osato sognare?"
 Greenwald racconta i contatti con Snowden, l'incontro in una stanza d'albergo di Hong Kong, la serie di scoop con cui, a partire dal 5 giugno 2013, il "Guardian" pubblica le segretissime carte della NSA, la fuga a Mosca, e soprattutto le implicazioni della mole di documenti portati alla luce, che dimostrano una verità ineludibile: "il governo statunitense ha creato un sistema finalizzato alla totale eliminazione della riservatezza telematica in tutto il pianeta". Una pubblicazione scottante in contemporanea con l'uscita in USA e nei paesi più avanzati.
 A differenza dei migliori romanzi di spionaggio, questo non è purtroppo finzione letteraria e riguarda tutti noi cittadini del mondo....

Il Grande Fratello ci Guarda

Le armi del controllo sociale e la sorveglianza tecnologica

di Giuseppe Balena

IL GRANDE FRATELLO CI GUARDA
Le armi del controllo sociale e la sorveglianza tecnologica
di Giuseppe Balena

Esiste ancora la privacy o siamo tutti controllati? Come viene violato sistematicamente e quotidianamente il nostro diritto alla riservatezza?
 Telecamere, navigatori satellitari, cellulari, smart tv, controllo delle transazioni commerciali e finanziarie: siamo forse tutti sotto controllo come profetizzava in 1984 George Orwell?
 Lo scopo del libro è analizzare nel dettaglio le modalità di controllo esercitate nei confronti dei cittadini, in particolare le tecniche del controllo nella vita quotidiana e come queste siano subdole, invisibili ed enormemente estese.
 L'autore rintraccia le origini della sorveglianza e del controllo nei confronti di tutti noi, arrivando a individuare la linea futura di avanzamento di questo processo, analizzando il ruolo preminente dello sviluppo tecnologico e l'intreccio controverso con le grandi multinazionali del settore.
 Il testo è un viaggio nell'evoluzione della sorveglianza del cittadino effettuato dai poteri forti e dai grandi colossi commerciali.
 Dalla New Surveillance alle attività dell'NSA, fino alle vicende recenti di Wikileaks. Dalla tecnologia RFID al riconoscimento biologico; dal controllo effettuato tramite i social network fino allo sviluppo controverso del cosiddetto "Internet delle cose".
 Leggendo questo libro scoprirai:
 
 - il controllo di massa tramite la tecnologia;
 - il controllo delle transazioni finanziarie (carte di credito, uso limitato del contante) e commerciali (il codice a barre, smart card, card delle promozioni);
 - i microchip e il controllo RFID nei prodotti di consumo;
 - gli scenari futuri e la deriva virtuale....

“Questa ricerca dimostra che, in presenza di un sistema di sorveglianza, le voci più vulnerabili del nostro paese non vogliono più esprimersi online”.”Il fatto che l’NSA sia in grado di monitorare di nascosto quello che i cittadini degli Stati Uniti fanno online, potrebbe rendere difficile il confronto tra opinioni diverse e potrebbe contribuire a zittire i punti di vista minoritari, fondamento del discorso democratico” sostiene la ricerca.

L’articolo si basa sulle risposte date a un questionario online da 255 persone scelte casualmente e selezionate per riprodurre la distribuzione demografica basilare della popolazione statunitense. I partecipanti dovevano rispondere a una serie di domande sull’uso dei media, sulla propria inclinazione politica e sui tratti personali. Gruppi diversi sono stati esposti a messaggi diversi sulla sorveglianza operata dal governo, per esaminare le loro risposte a uno stesso, finto, post su Facebook relativo alla decisione degli Stati Uniti di continuare a bombardare l’ISIS.

Subito dopo, è stato chiesto loro se volessero esprimere la propria opinione in merito alla cosa pubblicamente, compreso come avrebbero risposto su Facebook al post, quanto si ritenessero favorevoli o contrari all’idea di continuare i bombardamenti, quale fosse la loro percezione dell’opinione che hanno gli altri americani e se fossero a favore o meno della sorveglianza online.

Lo studio usava un modello di analisi della regressione – un metodo statistico che stima le relazioni tra diverse variabili – per capire con quanta precisione si potesse prevedere la volontà delle persone di esprimere le proprie opinioni sulla base della natura di quelle opinioni, la percezione del punto di vista dominante e l’atteggiamento nei confronti della sorveglianza di massa.

Questo tipo di modello non produce semplici percentuali, ma fornisce una base statistica che spiega le variazioni nei fattori testati. In questo caso, lo studio ha scoperto che “il 35% delle variazioni nella volontà ad auto-censurarsi di una persona” potrebbero essere spiegate in base a quanto quella stessa persona ritiene giustificabile la sorveglianza. Per la maggior parte dei soggetti, concludeva la ricerca, essere consapevoli della sorveglianza governativa “ha ridotto significativamente la probabilità di esprimersi in situazioni caratterizzate da opinioni ostili.”

Per quanto lo studio mostrasse tutta una serie di sfumature, la sua conclusione è comunque stata che “sapere che tutto ciò che una persona fa online è soggetto alle intercettazioni governative e credere che queste pratiche di sorveglianza siano necessarie per la sicurezza nazionale, gioca un ruolo molto importante nel modellare un comportamento conformista.”

Forse non stupisce più di tanto che le persone che hanno dimostrato un atteggiamento più conformista fossero anche favorevoli alla sorveglianza. A quanto pare, sono più inclini a soffocare le opinioni di dissenso, che percepiscono come deviate rispetto a una visione dominante.

Quando questi individui “sentono di essere monitorati, fanno in modo di conformarsi, esprimendo opinioni di maggioranza, e reprimendo quelle che non lo sono” concludeva l’articolo. Queste scoperte suggeriscono che “la paura che una persona ha di essere isolata dall’autorità o dal governo comporta ulteriori effetti di raffreddamento” nel dibattito pubblico.

“Questa ricerca dimostra che, in presenza di un sistema di sorveglianza, le voci più vulnerabili del nostro paese non vogliono più esprimersi online” ha detto Elizabeth Stoycheff, professoressa di giornalismo e new media al dipartimento di comunicazione della Wayne State University, e autrice principale dell’articolo. “Questi risultati sono problematici perché potrebbero permettere a un’opinione dominante e maggioritaria di prendere il controllo degli spazi di confronto online e dunque impedire una riflessione per confronto.”

Ma, ha aggiunto, la complessità sempre crescente dei sistemi di sorveglianza e il loro uso in collaborazione con l’industria privata, significa che questo tipo di ricerca è necessaria per capire come la sorveglianza alteri il modo in cui le persone interagiscono online, sia da un punto di vista di contenuti che di rapporto con le altre persone.

Lo studio conferma dunque i recenti commenti fatti da Snowden ad una conferenza di whistleblower, giornalisti ed esperti di tecnologia, a Berlino. “Sono le minoranze ad essere messe maggiormente a rischio” dall’impatto della sorveglianza di massa, ha detto Snowden. “Senza la privacy c’è solo società, solo collettività, cosa che spinge le persone ad essere tutte uguali e a pensare tutte allo stesso modo. Non puoi avere nulla di davvero tuo, neanche le tue opinioni, a meno che non ci sia uno spazio che appartiene solo a te”.

Articolo di Nafeez Ahmed

Fonte: https://motherboard.vice.com/it/article/ae79qp/sorveglianza-ostacolo-alla-libera-espressione-online

Libri e varie...

Sulla Nostra Pelle

Mercato globale o movimento globale?

di Noam Chomsky

SULLA NOSTRA PELLE
Mercato globale o movimento globale?
di Noam Chomsky

Il neoliberismo è il sistema economico-politico oggi imperante in tutto il mondo. L'autore concentra la propria attenzione sulle contraddizioni e le conseguenze spesso negative di questo modello economico.
 "Il neoliberismo è il paradigma economico-politico che definisce il nostro tempo: indica l'insieme delle politiche e dei processi che consentono a un gruppo relativamente ristretto di controllare il più possibile la vita sociale allo scopo di massimizzare i propri profitti". Questo è un passo tratto dal libro "Sulla pelle viva. Mercato globale o movimento globale?" di Noam Chomsky.
 Nel volume Noam Chomsky analizza il neoliberismo, pone in luce le distorsioni dell'interpretazione della stessa dottrina liberale classica che caratterizzano teoria e prassi degli alfieri postmoderni della deregulation, denuncia lo storico dominio americano (spesso reso possibile da generosi contributi pubblici alle industrie nazionali) e il disegno della Organizzazione Mondiale del commercio come longa manus di questo grande imperialismo globale che crea nuove povertà in termini di vita umana e di ambiente naturale tanto al Sud quanto al Nord del mondo.
 Ormai, dice Noam Chomsky, tutto diventa globale ed il "pensiero unico" occidentale si materializza come intreccio di poteri e forme di dominio, di nuove forme di povertà, sfruttamento ed omologazione
 Il problema, secondo Noam Chomsky, è che anche le cosiddette forze della sinistra di governo sembrano rassegnarsi all'ineluttibilità della ricetta liberista; inizialmente associato a Reagan e alla Tatcher, negli ultimi due decenni il neoliberismo è stato il credo economico-politico dominante a livello globale, adottato non solo dai partiti politici di centro e di destra, ma anche da buona parte della sinistra tradizionale.
 Questi partiti e le politiche adottate rappresentano gli interessi diretti di investitori estremamente ricchi e di meno di un migliaio di grandi imprese. Al centro dell'analisi di Noam Chomsky ci sono il ruolo storico degli Stati Uniti nell'informare secondo un modello funzionale ai propri interessi politici ed economici l'intero equilibrio dei rapporti mondiali. Uno dei messaggi centrali del pensiero di Noam Chomsky è che la manipolazione delle coscienze, il gioco della distorsione dell'informazione, determina le condizioni ideali per il dominio sulla società da sfruttare. Noam Chomsky sostiene che stati e governi - tanto vituperati dai fautori del libero mercato - sono sostegni fondamentali per il sistema capitalistico al quale servono per la difesa degli interessi delle grandi imprese (sotto forma di sovvenzioni, fisco, ecc.) e sempre meno per tutelare i singoli cittadini, soprattutto i più deboli.
 "I principi fondamentali del liberalismo classico trovano la loro naturale espressione moderna non nel dogma neoliberista, ma nei movimenti indipendenti dei lavoratori, nonché nelle idee e nell'azione di quel socialismo libertario espresso talvolta anche da grandi esponenti del pensiero del Novecento, come Bertrand Russel e John Dewey", scrive Noam Chomsky invitandoci a guardare oltre il confine che qualcuno vuole imporre al nostro immaginario.
 Noam Chomsky è un noto linguista statunitense di origine russa e polemista politico....

La Fabbrica della Manipolazione (eBook)

Come i poteri forti plasmano le nostre menti per renderci sudditi del Nuovo Ordine Mondiale

di Enrica Perucchietti , Gianluca Marletta

LA FABBRICA DELLA MANIPOLAZIONE (EBOOK)
Come i poteri forti plasmano le nostre menti per renderci sudditi del Nuovo Ordine Mondiale
di Enrica Perucchietti
                                  ,                          Gianluca Marletta

Chi controlla il tuo immaginario controlla la tua volontà!
 I grandi cambiamenti culturali che l'umanità affronta da decenni non sono né spontanei né casuali ma sapientemente "fabbricati" dai Poteri Forti.
 Dopo il successo di Governo Globale, gli autori Enrica Perucchietti e Gianluca Marletta tornano ad approfondire le tappe ideologiche del mondialismo, spiegando gli influssi e le tecniche di condizionamento utilizzate dai Poteri Forti per costruire mode e tendenze volte a influenzare e pilotare la mentalità delle masse.
 Dai primi esperimenti di manipolazione mentale del dopoguerra alla "rivoluzione culturale" degli anni '60; dalla "nuova morale sessuale" all'ideologia di genere; dalla nascita dell'arte contemporanea alla genesi delle rivoluzioni "democratiche" nei paesi dell'est europeo e del Medio Oriente; dal sorgere della "nuova spiritualità" allo sviluppo dei Fondamentalismi Religiosi, questo saggio ripercorre una "storia altra" dell'età contemporanea, tanto misconosciuta quanto inquietante....

Nella Rete

Luci e ombre del "media" che ha invaso le nostre vite

di Monia Benini

NELLA RETE
Luci e ombre del "media" che ha invaso le nostre vite
di Monia Benini

Entrata con irruenza nelle nostre vite, la rete è rapidamente diventata una sorta di piazza virtuale, raggiungibile stando tranquillamente seduti sul divano, quando non addirittura da scuola o dal lavoro.
 Il libro dall'analisi tecnica della rivoluzione comunicativa nel web, passa a una valutazione delle potenzialità e dei rischi derivanti dall'uso e dall'abuso di Internet. Dall'informazione alternativa al coinvolgimento su temi di impegno civico, ma anche lo scatenarsi di atteggiamenti da branco nei social network, il finanziamento e il controllo dei portali, l'accanimento per spegnere i coraggiosi casi di informazione 'fuori dal coro', la censura pronta ad abbattersi sui contenuti non allineati al sistema di potere.
 E ancora, la manipolazione mentale in atto sin dalla più tenera età, con le trappole di videogiochi sempre più violenti o con la presenza di spot per il perfetto consumatore, la dipendenza patologica da Internet.
 Ne emerge un'immagine di rete con luci e ombre, da saper navigare con spirito critico e vigile per non restarvi intrappolati. Una rete che è virtuale e che, pur preziosissima, non dovrebbe sostituirsi alla nostra vita reale....

Sempre Connessi

Per non perdere le tracce dei propri ragazzi tra facebook e social network. una guida per genitori ed insegnanti

di Maria Calabretta

SEMPRE CONNESSI
Per non perdere le tracce dei propri ragazzi tra facebook e social network. una guida per genitori ed insegnanti
di Maria Calabretta

Un testo ricco di spunti, riflessioni e test per riflettere su come i ragazzi intendano e vivano i loro spazi ma anche per non sottovalutare i rischi che un'esposizione mediatica comporta quando si gioca con la propria identità.
 Un tempo esisteva il "diario segreto", oggi c'è la tendenza a divulgare qualsiasi cosa su facebook - pensieri, desideri, rabbie, solitudini... - sperando che qualcuno ascolti e risponda. Ma...
 
 - Quanto può essere sincero o solido un legame virtuale rispetto a quello virtuale?
 - Perché raccontare in rete ogni frammento della propria giornata, condividendo emozioni, nell'attesa che vengano commentate?
 - L'impulso a controllare se gli "amici" hanno risposto sulla bacheca personale, denuncia un'ossessione collettiva oppure si tratta soltanto di un nuovo e sano modo di comunicare?
  La rete è una grande risorsa per condividere emozioni e opinioni, ma il suo uso illimitato rischia di sfociare in dipendenza e a dare luogo a forme di disagio che possono compromettere i rapporti umani e condurre ad una visione distorta della realtà.
 Genitori, educatori ed insegnanti osservano un po' increduli e un po' spaventati i giovani. Facebook li sta portando via... Ma dove? E come reagire? Come controllarli senza essere invadenti? Come e quando aiutarli?...

La Caduta dell'Ultimo Impero

di Cosimo Massaro

LA CADUTA DELL'ULTIMO IMPERO
di Cosimo Massaro

I protagonisti di questo thriller hanno scelto di essere interpreti attivi e non semplici comparse di una battaglia, dove le forze dell'oscurità e quelle della luce si combattono come titani sulla Terra. Sono disposti a mettere a repentaglio le loro stesse vite e a subire tutte le conseguenze di questa decisione.
 I Signori del denaro non hanno scrupoli, non è certo qualche considerazione morale che può indurii ad abbondanare la loro sete di potere e gli incredibili privilegi di cui godono... ma il denaro non è il loro unico dio... realtà più nascoste si celano dietro le vicende umane.
 La Caduta del'Ultimo Impero si basa sugli insegnamenti e sul lavoro del professor Giacinto Auriti, l'uomo che per primo, nell'Italia del dopoguerra, ha osato sfidare lo strapotere delle banche facendo conoscere le loro truffe e i loro fini....

Net Dipendenza

di Enzo Di Frenna

NET DIPENDENZA
di Enzo Di Frenna

Milioni di persone si collegano alla rete delle informazioni attraverso i computer. Gli schermi assorbono attenzione, succhiano energia. Le relazioni umane s'impoveriscono. I computer programmano, calcolano, controllano... Questo libro è una ricerca sui rischi di una vita digitale.....
IL GRANDE FRATELLO CI GUARDA - LIBRO
Le armi del controllo sociale e la sorveglianza tecnologica
di Giuseppe Balena

Telecamere, navigatori satellitari, cellulari, smart tv, controllo delle transazioni commerciali e finanziarie: siamo forse tutti sotto controllo come profetizzava in 1984 George Orwell?
  Lo scopo del libro è analizzare nel dettaglio le modalità di controllo esercitate nei confronti dei cittadini, in particolare le tecniche del controllo nella vita quotidiana e come queste siano subdole, invisibili ed enormemente estese. 
 L'autore rintraccia le origini della sorveglianza e del controllo nei confronti di tutti noi, arrivando a delineare la linea futura di avanzamento di questo processo, analizzando il ruolo preminente dello sviluppo tecnologico e l'intreccio controverso con le grandi multinazionali del settore.
 Il testo è un viaggio nell'evoluzione della sorveglianza del cittadino effettuato dai poteri forti e dai grandi colossi commerciali. Dalla New Surveillance alle attività dell'NSA, fino alle vicende recenti di Wikileaks. Dalla tecnologia RFID al riconoscimento biologico; dal controllo effettuato tramite i social network fino allo sviluppo controverso del cosiddetto "Internet delle cose". 
 Leggendo questo libro scoprirai:
 
 - il controllo di massa tramite la tecnologia
 - il controllo delle transazioni finanziarie e commerciali
 - i microchip e il controllo RFID nei prodotti di consumo e gli scenari futuri della deriva virtuale....

Il Grande Fratello ci Guarda

Le armi del controllo sociale e la sorveglianza tecnologica

di Giuseppe Balena

Telecamere, navigatori satellitari, cellulari, smart tv, controllo delle transazioni commerciali e finanziarie: siamo forse tutti sotto controllo come profetizzava in 1984 George Orwell?

Lo scopo del libro è analizzare nel dettaglio le modalità di controllo esercitate nei confronti dei cittadini, in particolare le tecniche del controllo nella vita quotidiana e come queste siano subdole, invisibili ed enormemente estese.

L'autore rintraccia le origini della sorveglianza e del controllo nei confronti di tutti noi, arrivando a delineare la linea futura di avanzamento di questo processo, analizzando il ruolo preminente dello sviluppo tecnologico e l'intreccio controverso con le grandi multinazionali del settore.

Il testo è un viaggio nell'evoluzione della sorveglianza del cittadino effettuato dai poteri forti e dai grandi colossi commerciali. Dalla New Surveillance alle attività dell'NSA, fino alle vicende recenti di Wikileaks. Dalla tecnologia RFID al riconoscimento biologico; dal controllo effettuato tramite i social network fino allo sviluppo controverso del cosiddetto "Internet delle cose". 

Leggendo questo libro scoprirai:

  • il controllo di massa tramite la tecnologia
  • il controllo delle transazioni finanziarie e commerciali
  • i microchip e il controllo RFID nei prodotti di consumo e gli scenari futuri della deriva virtuale.
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*