Centri Vaccinali vuoti da mesi… Campagna Vaccinale al capolinea!

di Cesare Sacchetti

Abbiamo ormai abbastanza elementi per poter affermare che i numeri sulle vaccinazioni dichiarati dal sistema non corrispondono a quelli reali.

Se la campagna vaccinale avesse veramente superato il 70% della popolazione italiana, la stessa estensione del certificato razziale vaccinale per i lavoratori sarebbe stata superflua e controproducente. I centri vaccinali sono vuoti da mesi e il sistema è perfettamente consapevole che la campagna ora è fallita.

Sono comunque gli stessi numeri sulle dosi dei vaccini inutilizzati a smentire i numeri ufficiali sulla percentuale di vaccinati. Ci sono ancora 10 milioni di fiale inutilizzate e nella settimana dopo l’annuncio del certificato razziale vaccinale non c’è stata alcuna corsa alle nuove vaccinazioni, che risultano in calo del 40% (https://www.ilmessaggero.it/salute/focus/vaccino_vaccinazioni_crollo_ricoveri_gimbe-6213768.html).

Il regime di Draghi ha giocato l’ultima carta della estorsione sotto forma di sospensione dello stipendio per costringere gli italiani a vaccinarsi, ma l’obbiettivo è miseramente fallito. Non c’è stato alcun assalto ai centri vaccinali che sono ancora vuoti. A questo punto, è veramente finita.

Il regime di Draghi e l’apparato terroristico dei media non riescono più ad influenzare l’opinione pubblica nella maniera desiderata. I tempi di marzo 2020 dove gli italiani cantavano come beoti nelle terrazze sono finiti. I tempi di “andrà tutto bene” non ci sono più.

Questi sono i tempi delle imprese fallite e della disperazione economica. Questi sono i tempi della sofferenza dovuta agli effetti collaterali dei sieri sperimentali. Da questo momento in poi, qualsiasi ulteriore tentativo di aumentare la pressione sul popolo finirà inevitabilmente per tornare indietro contro il regime stesso, con una forza dieci volte maggiore rispetto a quella iniziale.

La Norvegia toglie ogni restrizione

Anche la Norvegia intanto ha deciso di classificare il coronavirus per quello che è sempre stato, ovvero una influenza. Il governo ha poi deciso di togliere ogni restrizione Covid. Le persone si abbracciano e festeggiano per le strade. È la fine dell’operazione terroristica del coronavirus.

Il Grande Reset si sta sgretolando sul grande schiacchere globale. Il Nuovo Ordine Mondiale tenterà comunque di dare il suo assalto finale all’Italia, per l’importanza strategica fondamentale religiosa e geopolitica che ha il nostro Paese. Il mondialismo ci odia perché noi rappresentiamo tutto ciò che è nemico della società globalista intrisa di odio verso Roma e la cristianità.

La liberazione arriverà anche per l’Italia e da un grande male potrà nascere probabilmente un grande bene. L’Italia dovrà però affrontare la sua prova più dura prima di liberarsi definitivamente dall’oppressione della corrotta seconda Repubblica nelle mani della massoneria e della finanza anglosassone.

Articolo di Cesare Sacchetti

Riferimenti: https://t.me/insiderpaper/4727

Fonte: https://t.me/cesaresacchetti

Libri e varie...
COVID
Il virus della paura
di Giulio Tarro

Covid

Il virus della paura

di Giulio Tarro

La fallimentare gestione dell'emergenza COVID, resa possibile anche dalla supina accettazione di tanti "esperti" proni ai loro sponsor, rischia di riproporsi con la fantomatica prospettiva di un "ritorno dell'epidemia" prefigurando una società fatta di assurdi divieti e di vaccini obbligatori.

In questo libro l'analisi della passata emergenza e della società - costellata da assurdi divieti e vaccini obbligatori che ci stanno prospettando.

Dalla quarta di copertina

Continuano a terrorizzarci annunciando che dovremmo "convivere con il virus".

E così, mentre molti paesi tornano alla piena normalità, in Italia si prevedono mascherine per i bambini a scuola e vaccini per tutti. Lo impongono gli stessi che, pur di farci stare chiusi a casa per mesi, ci hanno terrorizzato raccontandoci di un virus 28 volte più letale di quello che era in Germania e impedendo che si sapesse che, già a marzo, i contagiati in Italia erano milioni.

Gli stessi che hanno impedito l'assistenza medica domiciliare obbligando così i malati a morire di infezioni ospedaliere (che, ogni anno in Italia, si portano via 50.000 persone). Gli stessi che hanno trasformato gli Italiani in ipocondriaci e in burattini manovrati da "esperti" in TV.

Questo libro, oltre a documentare su aspetti scientifici dell'epidemia (travisati da TV e giornali), analizza le menzogne, le incongruenze, gli errori, le inadempienze, le diffamazioni... che hanno trasformato una emergenza in una ecatombe e che ancora gravano sul nostro futuro.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *