Cancro: i medici dovrebbero evitare di dire “cancro” per diagnosi minori

La parola cancro dovrebbe essere eliminata da alcune diagnosi mediche, perché può spaventare le persone facendo pensare a trattamenti invasivi di cui non hanno bisogno.

Secondo alcuni ricercatori australiani la parola cancro può causare un’ansia pericolosa nel paziente. I ricercatori australiani chiedono una revisione radicale delle diagnosi di cancro, per ridurre il sovra-trattamento nocivo. Eliminare l’etichetta “cancro” da condizioni a basso rischio, tra cui carcinomi mammari allo “stadio 0”, potrebbe proteggere molti pazienti da trattamenti aggressivi non necessari e conseguenti disagi, sostengono i ricercatori dell’Università di Sydney e della Bond University, che hanno pubblicato la loro analisi sul British Medical Journal.

Eliminare l’etichetta “cancro” dalle diagnosi a basso rischio per evitare di spaventare i pazienti

È ormai impossibile ignorare il crescente numero di prove, che mostrano come l’utilizzo da parte dei medici di termini come “cancro”, aumenti le probabilità che i pazienti optino per trattamenti aggressivi, rispetto ai pazienti ai quali è stato dichiarato di avere solo delle “lesioni” o cellule “anomale”.

“L’evidenza ci suggerisce che è ora di smettere di dire alle persone con una condizione di rischio molto basso che hanno un cancro, se è molto improbabile che questa informazione li danneggi”, ha detto il co-autore Ray Moynihan, ricercatore presso la Bond University.

Una volta pronunciata la parola “cancro”, molti pazienti con condizioni di crescita lenta o precancerose, hanno trovato insopportabile il controllo attivo (in cui i cambiamenti delle loro condizioni sono strettamente monitorati), anche quando questa era l’opzione raccomandata, ha detto il ricercatore capo Brooke Nicke, presso l’Università di Sydney.

“Questi pazienti riferiscono di non essere in grado di pensare ad altro e sono spinti a fare qualsiasi cosa per sbarazzarsene. Tutto ciò può essere terrificante…”, ha detto la dottoressa Nickel che prosegue: È ormai un fatto radicato da decenni nella mente delle persone, che il cancro è sempre spaventoso e causa la morte. E quando ci sono prove che una condizione è a basso rischio e potrebbe essere sovradiagnosticata e superata, definirla un cancro potrebbe fare molto male al paziente. In molti casi piccole anomalie che non causerebbero mai danni se non venissero rilevate o trattate, una volta trovate è difficile non fare qualcosa, ha detto la signora Nickel.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: http://www.affaritaliani.it/medicina/cancro-i-medici-dovrebbero-evitare-di-dire-cancro-per-diagnosi-minori-555463.html

Libri e varie...
LA MAFIA DELLA SANITà (EBOOK)
Come liberarsi dall'industria farmaceutica e diventare sovrani della propria salute
di Ghislaine Saint-Pierre Lanctot

La Mafia della Sanità (eBook)

Come liberarsi dall'industria farmaceutica e diventare sovrani della propria salute

di Ghislaine Saint-Pierre Lanctot

"Perché il nostro stato di salute si deteriora costantemente? Perché le cure mediche costano così tanto? Perché non cambia niente nel sistema sanitario se sono tutti insoddisfatti? Chi ne trae veramente vantaggio?".

Ghislaine Lanctôt, dopo avere esercitato la professione medica per oltre venticinque anni, descrive la realtà del sistema sanitario occidentale non solo da un punto di vista "scientifico", ma anche etico-filosofico e spirituale.

I giochi di potere, gli enormi interessi economici dell'industria farmaceutica, in cui i reali bisogni del malato non trovano spazio, vengono analizzati con estrema lucidità e vengono fornite anche le motivazioni per le quali il mondo sanitario è caratterizzato da costi eccessivi, dall'impossibilità di controllo da parte degli utenti e da un numero di patologie in continuo aumento.

AIDS, cancro, vaccinazioni, malattie covate dalla somministrazione di farmaci vengono affrontati e descritti secondo un'ottica smaliziata che, grazie alla posizione di osservatrice privilegiata dell'autrice, permette di mostrarli per quello che sono realmente.

Moltissimi suggerimenti per evitare le trappole del sistema sanitario e per sperimentare in prima persona la salute autogestita e "illimitata".

"Ho studiato medicina e per parecchi anni ho creduto di essere sulla buona strada, ma poi la realtà mi ha dimostrato il contrario: fatti ed eventi, pensieri ed emozioni, intuizioni invisibili e impalpabili hanno boicottato fin dall'inizio il mio rigoroso lavoro scientifico".

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*