Cancro al Seno: la verità nascosta sulla Vera Prevenzione

di Massimo Bianchessi

Quando si leggono libri come “The China Study”, che in modo inconfutabile ti mettono di fronte alla verità, supportata da studi scientificamente inoppugnabili, non è possibile non condividerli, soprattutto perché riguardo al rapporto tra malattia e alimentazione, troppe informazioni vengono tenute ancora volontariamente nascoste.

La vera prevenzione del cancro al senoL’autore T. Colin Campbell, è riuscito a portare a termine uno dei più colossali e sorprendenti studi sui rapporti tra alimentazione e malattia, prendendo in considerazione, naturalmente, anche il cancro. Focalizzandosi su 3 fra i più nefasti tipi di cancro, ci guida, passo passo, a capire cosa si può fare in concreto per prevenire, e anche curare, il cancro in generale. Escludendo solo una piccola percentuale di possibili tipi di cancro, realmente dovuti a fattori genetici, il resto è veramente tutto prevenibile. Ma cosa ci dice a proposito del Cancro al Seno?  Ci dice che quattro fra i più importanti fattori di rischio del cancro al seno, possono essere influenzati dall’alimentazione.

Il rischio di Cancro al Seno aumenta quando:

  1. il menarca (la prima mestruazione) compare in età precoce;
  2. la menopausa inizia in età avanzata;
  3. i livelli degli ormoni femminili nel sangue sono alti;
  4. i livelli di Colesterolo endogeno sono elevati.

Una dieta ad alto contenuto di cibi animali e carboidrati raffinati, ha i seguenti effetti:

  1. anticipa l’età del menarca;
  2. ritarda l’età della menopausa;
  3. aumenta i livelli di ormoni femminili,
  4. aumenta i livelli di colesterolo endogeno.

Da quanto esposto, si può notare come l’esposizione ad un eccesso di ormoni femminili, tra cui estrogeni e progesterone, porta ad un elevato rischio di cancro al seno. Le donne che si alimentano con una dieta ricca di cibi di origine animale e povera di cibi di origine vegetale, iniziano il loro periodo fertile in anticipo e lo chiudono in ritardo: questo porta come conseguenza ad una esposizione più prolungata a certi livelli di ormoni femminili.

Libri e varie...

I risultati dello studio di Campbell, dicono che l’esposizione agli ormoni femminili estrogenici nell’arco di una vita è almeno 2,5-3,0 volte più alta nelle donne Occidentali rispetto a quelle della Cina rurale. Questo è un dato che indica una differenza enorme poiché si tratta di ormoni che hanno un’importanza decisiva per l’insorgenza del cancro al seno; gli estrogeni infatti partecipano direttamente al processo cancerogeno. Un aumento dei livelli di estrogeni e ormoni affini è legato al consumo di diete tipicamente occidentali, ricche di proteine animali e grassi ma con un ridotto apporto di fibre vegetali.

Uno studio scientifico precedente a”The China Study”, aveva già sottolineato l’importanza del fattore “ormonale”  nei tassi di cancro al seno, evidenziando quanto un semplice calo del 17% dei livelli di estrogeni, poteva risultare in un’enorme differenza nell’espressione di questa malattia. In “The China Study”, le differenze riscontrate tra i livelli di estrogeni delle donne a “dieta occidentale” e quelle a “dieta Cina rurale” sono state di 26-63% inferiori, con otto nove anni di vita fertile in meno (quindi di minor esposizione agli estrogeni) nelle donne della “Cina rurale”, che abitualmente si alimentano con cibi a più elevato contenuto di fibre vegetali (verdure, frutta e cereali integrali).

La conclusione che si può trarre, è che il Cancro al seno si può prevenire, se si consumano cibi che tengono sotto controllo i livelli di estrogeni.

Un mio commento: se si pensa poi che le carni provenienti da allevamenti intensivi (mammiferi ma anche pesci) possono essere “sofisticate”e quindi inquinate da estrogeni (usati per l’incremento ponderale rapido dell’animale) che vengono quindi introdotti con la dieta ad insaputa del soggetto, ci si ritrova con un quota aggiuntiva di ormoni filo cancerogeni.

Cancro al senoChe dire dell’aspetto genetico relativo al cancro al seno? Si sa che ben 2 geni sono stati scoperti essere una potenziale causa del cancro al seno nel momento in cui subiscono una mutazione, e si sa che questi geni sono trasmissibili di generazione in generazione, sono quindi ereditari. Questa informazione va però alimentata con un’altra informazione altrettanto degna di considerazione: solo lo 0,2% del totale della popolazione è portatore delle forme mutate di questi due geni, quindi è altrettanto vero che un’esigua percentuale di cancro al seno può essere attribuita a cause genetiche.

Va tenuto in considerazione poi che, affinché questa malattia si manifesti, i geni devono essere “espressi” (nel nostro patrimonio genetico abbiamo una dotazione innumerevole di geni che però non si “esprimono”, cioè non viene tradotta in pratica l’informazione che portano in sé, sono come “dormienti”). Quindi il fatto di avere questi 2 geni, non significa che il cancro al seno si svilupperà. Si sa piuttosto che l’alimentazione ha un ruolo nell’attivazione di geni dormienti, in particolare un’alimentazione ricca di proteine animali. I test per l’individuazione dei geni del cancro al seno non possono quindi essere considerati un atto di prevenzione.

Il Tamoxifene è un farmaco che ha avuto l’autorizzazione ad essere utilizzato come preventivo del cancro al seno: esso e ed i suoi derivati (grande business!) sono considerati degli “antiestrogeni”, perchè riducono l’attività estrogenica. A parte gli effetti collaterali di una certa gravità, che possono provocare ictus, cancro all’utero, cataratta, trombosi venosa profonda, embolia polmonare, perché invece di spendere centinaia di milioni di euro o dollari per sviluppare e pubblicizzare un farmaco – di cui non si è certi dei benefici ma si è certi dei danni che può provocare – non si pone attenzione al perchè i livelli di estrogeni sono alti? 

Cibo vegetale e prevenzione malattieLa risposta alla domanda mi sembra ovvia: il business del farmaco e della “sanità” è più importante della salute della popolazione. Ormai è ben documentato il fatto che un’alimentazione con cibi a basso contenuto di proteine e grassi animali e ad alto contenuto di cibi naturali di origine vegetale, comporta una riduzione dei livelli di estrogeni. Non sarebbe meglio fare informazione con campagne pubblicitarie che riportino queste poche ma sicure verità? Esistono ricerche scientifiche che affermano che in pochi anni si possono ridurre i livelli di estrogeni del 20-30% e di progestrone del 50%, in ragazze di età compresa fra gli 8 e i 10 anni (età in cui si gettano i primi semi del cancro al seno), con una dieta povera di cibi di origine animale.

Sostanze chimiche come le diossine, i PCB (policlorobifenili) e gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA), che in laboratorio hanno dimostrato essere cancerogene e che ci ritroviamo nell’ambiente in cui viviamo o negli alimenti che ingeriamo, sono potenzialmente cancerogene nell’organismo umano, qualora ci si alimenti con cibi ricchi di proteine animali (carne, latte e pesce). Di fatto, quindi, il 90-95% della pericolosità di queste sostanze deriva dal consumo di prodotti animali. The China Study dimostra anche, senza ombra di dubbio, che ogni tipo di cancro dovuto a queste sostanze può essere prevenuto con un’alimentazione a basso contenuto (o priva) di cibi di origine animale (proteine e grassi) e ricca di cibi naturali di origine vegetale.

Anche la Terapia Ormonale Sostitutiva (TOS) prescritta alle donne che si avvicinano alla menopausa, lascia crescere notevoli dubbi in merito al fatto che sia o meno vantaggiosa, proprio a causa degli effetti collaterali gravi che potrebbero presentarsi con la sua assunzione. Alcune ricerche hanno dimostrato che l’assunzione di TOS aumenta dal 26 al 30% il rischio di contrarre il cancro al seno. Una spesa superiore al miliardo di dollari in USA, non giustifica i benefici (se realmente ce ne sono) che si traggono da questa terapia.
Colin Campbell giunge, invece, a suggerire una terapia alimentare al posto della TOS, in base alle seguenti argomentazioni:

  1. durante gli anni fertili i livelli ormonali sono alti; tuttavia le donne che consumano cibi vegetali presentano valori inferiori;
  2. è normale che i valori ormonali scendano ad un valore ridotto “di base” quando si giunge alla fine della vita fertile;
  3. alla fine della vita fertile, i livelli ormonali delle donne vegetariane non precipitano così drasticamente come invece succede per le donne che si alimentano con cibi di origine animale;
  4. i bruschi abbassamenti dei livelli ormonali che si registrano nelle donne che si alimentano con cibi di origine animale, sono quelli che causano i disturbi della menopausa.
  5. una dieta vegetariana porta ad un abbassamento meno grave dei livelli ormonali e quindi ad una menopausa più mite.

Articolo di Massimo Bianchessi

Fonte: http://naturolisticamente.blogspot.it/2013/05/cancro-al-seno-la-verita-nascosta-sulla.html

Libri e varie...
THE CHINA STUDY - EDIZIONE AGGIORNATA E AMPLIATA —
Lo studio più completo sull'alimentazione mai condotto finora. Il bestseller che ha cambiato la scienza della nutrizione.
di T. Colin Campbell, Thomas M. Campbell

The China Study - Edizione aggiornata e ampliata —

Lo studio più completo sull'alimentazione mai condotto finora. Il bestseller che ha cambiato la scienza della nutrizione.

di T. Colin Campbell, Thomas M. Campbell

I risultati sono inequivocabili: Cambia la tua dieta e riduci drasticamente il rischio di cancro, diabete, malattie cardiache e obesità

The China Study è  una fonte inesauribile di informazioni sulla salute: Informazioni oggettive, scientifiche e soprattutto indipendenti di gran valore, di massima utilità e di applicazione efficace. In The China Study sono analizzate diverse tipologie di cancro, malattie che riguardano le ossa, i reni, il cervello, l'obesità, per citarne alcune. Tutte le analisi sono corredate da grafici, tabelle e diagrammi per comprenderle al meglio. Viene analizzata anche l'incidenza dell'alimentazione nella formazione di patologie degenerative (tumori, diabete, malattie cardiovascolari ecc.) e in particolare delle proteine di origine animale.

Basandosi sui risultati di un progetto svolto dall'autore nella Cina rurale, ma andando ben oltre queste constatazioni, The China Study spiega nel dettaglio la correlazione tra alimentazione e malattie. The China Study denuncia anche la disinformazione alimentare prodotta da potenti lobby, enti governativi e scienziati. Si tratta dello studio più completo e affidabile sul rapporto tra la dieta e il rischio di sviluppare malattie.

Gli autori di The China Study (Lo Studio Cina in italiano) denunciano le relazioni tra le case farmaceutiche e la salute e i meccanismi attraverso cui queste riescono ad influenzare la nostra percezione e cura delle patologie.

Questo studio è potenzialmente in grado di salvare milioni di vite umane.

Un'opera colossale! Uno studio completissimo e approfonditissimo durato quasi 30 anni che pone un punto di domanda sulla medicina convenzionale moderna

Dicono del libro

"Lo studio che può essere considerato il Grand Prix dell'epidemiologia".
The New York Times

"Mi propongo di fare niente di meno che ridefinire ciò che noi affermiamo sia una buona alimentazione. Avete bisogno di conoscere la verità sul cibo e perché mangiare nel modo giusto può salvare la vita."
Dott. T. Colin Campbell

Una ricerca approfondita, non una semplice teoria, le cui conclusioni, se applicate, salverebbero la vita a milioni di persone.

Rassegna Stampa

Il cibo conta più dei geni: 10 cose (+ 1) che devi sapere su alimentazione e salute

Periodico: Panorama.it
Giornalista:Marta Buonadonna
Data dell'uscita: 19 settembre 2012

A Panorama parla il guru della nutrizione Colin Campbell: quello che mangiamo ci può curare.

"Una buona dieta è l'arma più potente che abbiamo contro la malattia". Questa frase che si trova nell'introduzione del libro The China Study è quella che più efficacemente riassume il senso di decenni di ricerche nel campo della nutrizione svolte da Colin Campbell. Professore emerito di biochimica nutrizionale alla Cornell University di New York, nel libro già diventato un cult tra gli studiosi della materia e non solo, Campbell racconta le sue scoperte sorprendenti sul legame tra alimentazione e salute.

Il successo di The China Study

Molti lettori amano sottolineare o evidenziare le frasi più interessanti dei libri che leggono, in modo da fissare meglio i concetti più rilevanti. 

Nel 2014 The China Study è entrato nella top 5 dei libri più sottolineati dai lettori! La frase più apprezzata? eccola!

Qual è la proteina maggiormente responsabile del cancro, secondo rilevazioni eseguite con costanza? La caseina, che costituisce l’87% della proteine del latte vaccino, è in grado di innescare tutte le fasi del processo cancerogeno. Che tipo di proteina non ha generato il cancro, anche ad alti livelli di assunzione? Le proteine considerate sicure si sono rivelate essere quelle di origine vegetale, tra cui grano e soia.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *