Bambini non arrampicatevi sugli alberi, è pericoloso, sovversivo e diseducativo!

di Paolo Ermani

L’Italia ha bisogno di persone “responsabili e coscienziose” per educare al meglio i propri figli, non certo “estremisti sovversivi” criminosamente amanti della natura e della libertà!

Bambini non arrampicatevi sugli alberi, è pericoloso, sovversivo e diseducativo!

Giampiero Monaca, insegnante di una scuola primaria di Serravalle d’Asti, per fare lezione con i bambini, ha “osato” portarli in un prato e pare che alcuni di loro abbiano incautamente avuto anche l’ardire di attaccarsi ai rami di un albero, altrettanto incautamente e criminosamente lasciato crescere in quel prato. Sono in corso accertamenti se qualcuno di questo “sovversivi” in tenera età abbia in qualche modo anche tentato di arrampicarsi sul pericolosissimo e letale albero…

Notizie come queste sono scandalose e vanno oltre ogni immaginazione: come può infatti una persona adulta nel pieno delle sue facoltà mentali, pensare di portare dei bambini in una zona “nociva” per la loro salute come un prato e ancora di più permettergli addirittura di avere un qualsiasi contatto con un albero?

Tutto ciò è “inaccettabile e profondamente diseducativo”; da quando in qua ai bambini è permesso di avere a che fare con la natura, che sappiamo piena di pericoli, malattie e pronta a tendere agguati in ogni istante? I bambini devono essere protetti, controllati e monitorati costantemente affinché nulla della natura, o simili “porcherie”, li possa turbare.

Infatti a meno che non si tratti di selvaggi arretrati, non si è mai visto un bambino, coscientemente educato, avere contatti con la natura. Per il suo sano sviluppo, che possa poi farlo diventare un cittadino modello, il bambino ha bisogno di stare costantemente chiuso fra mura amiche, adeguatamente e ripetutamente disinfettate, deve rimanere immobile, costantemente munito di mascherine, guanti, muta da sub se possibile, e ogni tipo di protezione che lo difenda dagli attacchi della natura “brutta e cattiva”.

Inoltre, il bambino deve avere relazioni con l’esterno e con i suoi simili solo ed esclusivamente attraverso dispositivi elettronici, in modo che l’eventuale contatto con gli altri non possa in alcun modo interferire con il suo regolare e corretto sviluppo fisico e mentale.

Ci auguriamo quindi che l’autorità sia inflessibile con persone come il maestro di Serravalle D’asti, lo rimetta in riga e gli faccia passare ogni eventuale grillo per la testa, controllando che non gli vengano mai più in mente azioni sconsiderate e pericolose come quelle da lui messe in atto.

L’Italia ha bisogno di persone responsabili e coscienziose per educare al meglio i propri figli, non certo estremisti sovversivi criminosamente amanti della natura e della libertà…

Articolo di Paolo Ermani

Nella foto, Giampiero Monaca seduto in protesta davanti alla scuola, nel giorno di sospensione che ha ricevuto come sanzione disciplinare.

Fonte: https://www.ilcambiamento.it/articoli/bambini-non-arrampicatevi-sugli-alberi-e-pericoloso-sovversivo-e-diseducativo

Libri e varie...
CYBERUOMO
Dall'intelligenza artificiale all'ibrido uomo-macchina
di Enrica Perucchietti

Cyberuomo

Dall'intelligenza artificiale all'ibrido uomo-macchina

di Enrica Perucchietti

Un libro per difendersi dalle nuove armi di controllo e manipolazione totale.

Intelligenza artificiale, chip dermali, nanorobotica, crionica, mind uploading, progetti filogovernativi per resuscitare i morti, creazione di chimere per xenotrapianti, clonazione, tecnosesso, uteri artificiali, super soldati. Tutto ciò sembrerebbe fantascienza, eppure si tratta delle più moderne innovazioni nel campo della scienza e della tecnologia.

geneticamente modificato che abbia continuato la propria evoluzione emancipandosi dalle leggi biologiche.

L’entusiasmo e l’esaltazione acritica nel progresso stanno oscurando il lato nascosto di queste ricerche: si vuole realizzare una tecno-utopia, una società “perfetta” e altamente tecnologica, in cui non ci sia spazio per la violenza, le emozioni incontrollate o il pensiero autonomo.

Siamo sull’orlo di una rivoluzione antropologica che intende snaturare l’Uomo della propria umanità, per renderlo sempre simile a una “macchina” e al contempo più manipolabile e controllabile.

Dal darwinismo sociale al transumanesimo, la scienza è diventata uno strumento per traghettare l’umanità verso un orizzonte distopico.

È in gioco la nostra sopravvivenza: conoscere le ricerche e gli obiettivi nel campo del post-umano può aiutarci a fermare questa deriva prima che siano le macchine a ribellarsi ai propri inventori, come nei peggiori incubi.

I contenuti extra

VIDEO DI APPROFONDIMENTO CON L’AUTRICE

  • Perché un saggio sul transumanesimo
  • Come Hollywood ci sta abituando alle ricerche nel campo del post-umano
  • I microchip sono realtà e vanno di moda
  • Gemelline cinesi con DNA modificato come i superumani di Hawking

DOCUMENTI PDF

  • Stiamo vivendo in una simulazione computerizzata?
  • Il cibo del futuro: insetti e carne artificiale
  • La ricerca della longevità: dall’alchimia al mind uploading

...E TANTO ALTRO!

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *