Attività commerciali per la Stazione Spaziale Internazionale

di Gianmarco Vespia

Dal 2020 sarà possibile utilizzare la Stazione Spaziale Internazionale a pagamento per scopi industriali, commerciali e scientifici. A comunicarlo è stata la NASA stessa, vediamo a quali condizioni e soprattutto perché si è verificata un’apertura simile.

Spolverando gli archivi, si scopre che in passato ci fu già qualche evento di monetizzazione di una stazione spaziale a cura di un ente spaziale pubblico. Era il 1997 quando il cosmonauta post-sovietico Vasilij Vasil’evič Cibliev a bordo della stazione spaziale Mir, dovette interrompere la manutenzione di un generatore dell’ossigeno per girare uno spot commerciale per una multinazionale del latte israeliana. La caduta del comunismo aprì tutte le porte al mercato, sulla Terra e sullo spazio.

Un altro episodio eclatante risale agli albori dell’attuale stazione spaziale, la ISS, quando un accordo con l’agenzia spaziale russa permise al ricco imprenditore Dennis Tito di salire a bordo di una navicella Sojuz e diventare di fatto il primo turista spaziale della storia. Il magnate stette a bordo della ISS per 8 giorni e condusse attività da normale astronauta, inclusi esperimenti scientifici. A quei tempi la NASA guardò con disgusto alla scelta dell’agenzia rivale/collega, considerando inappropriato che un non professionista mettesse piede sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Gli astronauti hanno spesso fatto uso di prodotti famosi a cui la NASA non poteva riferirsi con il loro nome commerciale. La cioccolata di questa foto veniva chiamata dalla NASA “candy-coated chocolate”. (Credit: NASA) Gli anni passano, le persone cambiano, i miti cadono: ad aprile del 2018 arriva per la prima volta a capo della NASA un non-scienziato, un politico per la precisione, Jim Bridenstine, portando con sé un’idea che costituisce un punto di rottura con le amministrazioni precedenti. La sua linea dirigenziale è molto aperta verso la partnership con aziende private e già da tempo la NASA aveva avviato alcuni programmi di collaborazione, come il Commercial Resupply Services o il Commercial Crew Development per l’invio di merci e persone verso la ISS tramite partner privati.

Bridenstine si spinge un po’ oltre, e ad agosto del 2018 propone per la prima volta l’inserimento della sponsorizzazione nei programmi spaziali. Ammette lui stesso di non sapere se la cosa sia effettivamente possibile e si promette di investigare per trovare soluzioni compatibili con il prestigio che la NASA riveste come agenzia spaziale leader del mondo. L’idea ha un duplice scopo: accaparrarsi un flusso di cassa nuovo per integrare il budget federale e diffondere il marchio NASA tramite prodotti di consumo per ispirare le nuove generazioni.

Dopo l’annuncio delle sponsorizzazioni si scatena l’ironia in rete (foto sopra). A giugno scorso l’agenzia federale ha annunciato tramite il proprio sito l’apertura della ISS a nuove possibilità commerciali e all’utilizzo da parte di astronauti privati. È un po’ una semi-apertura, non un’apertura totale verso le attività commerciali, infatti le restrizioni sono molto severe. Prima di tutto, non tutte le attività commerciali possono essere effettuate… non si torna al latte israeliano.

Le attività permesse devono avere una correlazione con le missioni NASA o richiedere necessariamente un ambiente di microgravità per essere eseguite o ancora essere un precursore dello sviluppo dell’economia in orbita terrestre bassa. Inoltre, non devono essere invasive: non possono richiedere la collaborazione di altri astronauti per più di 90 ore, non devono portare a bordo più di 175 kg di materiale, che ovviamente è soggetto anche a molti altri criteri di sicurezza. Gli astronauti privati non possono soggiornare per più di 30 giorni e non si possono accettare clienti per più di due volte l’anno. La NASA mette a disposizione anche una porta di attracco, nel caso un’azienda privata volesse inviare un proprio modulo da agganciare alla ISS, sempre seguendo i rigidi protocolli di sicurezza richiesti per questo tipo di operazioni.

I costi sono in linea con le normali attività spaziali, dell’ordine di qualche milione di dollari per quanto riguarda il lancio e dell’ordine di qualche decina di migliaia di dollari al giorno per quanto riguarda la permanenza a bordo e l’uso di risorse della stazione: aria, acqua, energia, collegamenti verso la Terra, servizi igienici, ecc.

Insomma, non alla portata di un comune cittadino, ma sicuramente un prezzo abbordabile per una multinazionale di medie dimensioni. L’annuncio della NASA fa gola a molte aziende che da anni investono per essere in prima fila quando la space economy esploderà. Non ha tardato ad arrivare, ad esempio, il tweet di Bigelow Aerospace che si dichiara già pronta a mandare un modulo gonfiabile da attaccare alla ISS, capace di ospitare ben 16 persone.

Articolo di Gianmarco Vespia

Fonte: https://www.astronautinews.it/2019/06/attivita-commerciali-per-la-stazione-spaziale-internazionale/

RICCO PRIMA DELLE 8
Cambia la tua routine quotidiana per raggiungere il successo
di Alfio Bardolla

Ricco prima delle 8

Cambia la tua routine quotidiana per raggiungere il successo

di Alfio Bardolla

Richard Branson, Tim Cook e imprenditori billionari hanno raccontato i loro segreti ad Alfio Bardolla per diventare "Ricco prima delle 8". Nel nuovo libro ha racchiuso i loro insegnamenti (e quello che ha imparato provando in prima persona queste abitudini).

Nel nuovissimo libro di Alfio Bardolla, famosissimo formatore sulla finanza personale e fondatore di aziende milionarie, scoprirai:

  • il suo personale metodo per raggiungere grandi obiettivi;
  • come riprendere il controllo delle tue emozioni;
  • come diventare unfuckwithable come hai sempre sognato;
  • come lavorare super focalizzato con i Power Block (riuscirai a condensare 3 ore in 90 minuti);
  • come avere risultati esagerati con una facilità incredibile (tanto che i tuoi amici ti chiederanno qual è il tuo segreto);
  • perché non ottieni quello che vuoi, ma ottieni quello che sei.

A chi è rivolto?

Questo libro è per te se vuoi prendere in mano la tua vita e riprendere il controllo del tuo tempo, per dedicarlo alla famiglia, agli affetti, alle tue passioni.

  • se sei un imprenditore che lavora 16-18 ore in azienda e rischi di farti sommergere dal "rumore di fondo". Troverai l'esatto metodo che ha permesso a Bardolla di ridurre drasticamente le ore che dedica al lavoro dedicando ora il 70% del suo tempo alla sua famiglia e alle sue passioni.
  • Se sei un professionista che ti ritrovi sommerso dal caos delle chiamate, richieste dai clienti a ogni ora del giorno e della notte. Troverai un luogo sereno per affrontare al meglio delle tue potenzialità le sfide quotidiane.
  • Se sei un lavoratore dipendente e vuoi prendere in mano la tua vita e hai bisogno di prepararti per fare il grande salto e diventare padrone della tua vita.

Ecco un metodo per far fruttare al massimo il tuo tempo dedicato al lavoro.

Il libro "Ricco prima delle 8" ti svela infatti una serie di piccole accortezze (solo in apparenza banali) per ottimizzare al massimo il tuo tempo.

In questo modo, non solo riesci a guadagnare più soldi, ma anche il tempo libero da dedicare alle tue passioni.

Grazie al metodo di Bardolla, fatto di semplici accorgimenti, ottieni risultati immediati a costo zero. Provare per credere!

"Il buongiorno si vede dal mattino" è una sacrosanta verità: ma è difficile che tu possa vederlo se sei già in ritardo e in affanno ancora prima di alzarti.

Oggi tutti noi viviamo intrappolati in vite dai ritmi frenetici.

Siamo stressati, frustrati, spesso soffriamo di insonnia e di disturbi digestivi, ma non facciamo nulla per cambiare. Perché?

Semplice: perché ci sembra di non avere alternative.

Le ore di una giornata sono solo 24 e nella nostra testa comanda la convinzione che non c'è altro modo per gestire il poco tempo a nostra disposizione se non andando più veloci, sempre più veloci.

Bardolla ti svela che c'è un'alternativa, ed è a portata di mano, anche della tua: cambiare la tua routine del mattino.

Scrive nel libro: "Prima di creare la mia routine del mattino mi sentivo come te: scarico, sotto tono, perennemente in apprensione, soverchiato da un'agenda troppo piena e impossibilitato a fare ciò che davvero avrebbe dato significato alla mia vita. Ma poi tutto è cambiato..."

Come? Scoprilo nel libro!

"In un mondo sempre più caotico avere una routine del mattino e un metodo che ti aiuta a mantenere la concentrazione sulle cose più importanti è indispensabile per costruire e vivere la vita dei tuoi sogni."
Hal Elrod
, autore del bestseller "The Miracle Morning"

"Questo libro ti aiuterà a sviluppare una routine del mattino per vivere una vita epica."
Vishen Lakhiani, CEO Mindvalley, autore di "Il Codice della Mente Straordinaria"

"Sono assolutamente d'accordo con Alfio. Tutte le persone di successo hanno rituali giornalieri e in questo libro Alfio condivide i segreti che ti consentiranno di costruire una vita di successo. Lo raccomando caldamente!"
Robert G. Alien
, autore del bestseller "L'One Minute Millionaire"

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *