Arcivescovo Schönborn: “Minaccia demografica dell’Islam in Europa”

“La demografia spaventa, l’Europa è un frutto ormai maturo per l’Islam”, dice Christoph Schönborn, arcivescovo di Vienna.

http://lavocedeisenzavoce.altervista.org/wp-content/uploads/2016/06/7473_1675727859364375_8810951982476159885_n.jpg

In 30 anni, un terzo dei viennesi saranno musulmani. L’allarme del cardinale arcivescovo della capitale austriaca si alza forte e drammatico. “Non mancano le voci islamiche che affermano che l’Europa è un frutto maturo per l’Islam”, ha detto Schönborn. Che ha poi ribadito che è “normale sentirsi minacciati”.

Due anni fa, nel 333esimo dell’assedio turco di Vienna, il più importante presule austriaco paventò la possibilità di “una conquista islamica dell’Europa”, definendola “il terzo tentativo islamico di conquistare l’Europa”. E ancora: “Molti musulmani lo sperano e dicono che l’Europa è ormai al capolinea”.

https://www.magdicristianoallam.it/public/immagini/_resized/islam0_1130X565_90_C.jpg

Questa volta non usano le spade. Usano le pance delle loro donne. E il campo di battaglia è nei nostri ospedali, dove noi stessi aiutiamo i loro soldati a venire al mondo. Quindi, oltre alla chiusura dei porti, si dovrebbero bloccare i ricongiungimenti familiari.

Fonte: https://voxnews.info/2019/12/30/arcivescovo-e-allarme-islam-minaccia-demografica/

Libri e varie...
Il Giardino dei Libri: "Al Giardino dei Libri siamo operativi e spediamo regolarmente tutti gli ordini come sempre, anche in questo periodo".
LE RADICI DELL'ODIO
La mia verità sull'islam
di Oriana Fallaci

Le Radici dell'Odio

La mia verità sull'islam

di Oriana Fallaci

"Abbiamo paura di non essere sufficientemente allineati, obbedienti, servili, e venire scomunicati attraverso l'esilio morale con cui le democrazie deboli e pigre ricattano il cittadino. Paura di essere liberi, insomma. Di prendere rischi, di avere coraggio."

Oriana Fallaci ha pronunciato queste parole nel 2005 quando decide di raccontare il suo "diritto all'odio". Sono riflessioni che ancora oggi, a distanza di dieci anni, risultano drammaticamente attuali, così come molti suoi brani finora inediti in cui affronta il conflitto con l'Islam senza mezzi termini né concessioni.

"Ho visto le mussulmane la cui vita vale meno di una vacca o un cammello" scrive una giovanissima Oriana nel suo primo reportage sulla condizione delle donne nei paesi islamici. "Vi sono donne nel mondo che ancora oggi vivono dietro la nebbia fitta di un velo come attraverso le sbarre di una prigione." Una prigione che si estende dall'oceano Atlantico all'oceano Indiano percorrendo il Marocco, l'Algeria, la Nigeria, la Libia, l'Egitto, la Siria, il Libano, l'Iraq, l'Iran, la Giordania, l'Arabia Saudita, l'Afganistan, il Pakistan, l'Indonesia: è il mondo dell'Islam, dove nonostante i "fermenti di ribellione" le regole riservate alle donne sono immote da secoli.

Le cronache di Oriana proseguono poi dal deserto palestinese dove riesce a infiltrarsi nelle basi segrete della guerriglia araba e a incontrare tutti i capi di Al Fatah, Arafat e perfino un dirottatore aereo e una terrorista responsabile di una strage in un supermarket di Gerusalemme. Pochi anni dopo ascolterà invece i superstiti della tragedia di Monaco, che le racconteranno quella notte drammatica in cui il commando arabo fece irruzione nella palazzina del Villaggio Olimpico. Riuscirà poi a intervistare tutti i protagonisti del destino del Medio Oriente, re Hussein, Golda Meir, Khomeini, Gheddafi, Sharon.

Tornerà nel deserto durante la prima guerra del Golfo per raccontare quello che non era solo un conflitto tra l'Iraq e noi ma "una crociata all'inverso", uno scontro appena iniziato che sarebbe culminato poi nell'orrore dell'11 settembre. Lo sgomento provato davanti al crollo delle due torri la spingerà a scrivere di getto quella che doveva essere una "lettera sulla guerra che i figli di Allah hanno dichiarato all'occidente" e che diventò un fenomeno editoriale senza precedenti.

...

2 commenti

  1. impedire i ricongiugimenti familiari? siamo nel tempo delle follie… di cosa avete paura, di perdere la vostra identita’, di perdere la vostra cultura , il vostro dio ?forse e’ il caso che vi sediate davanti al PC e ripassiate la vera storia della vostra cultura e della vostra religione… vi ricordate la legge di causa-effetto? il non fare e’la cosa da fare….l’umanita’ futura sara’ la fusione di tutti e tutto…

  2. Salvatore Aiello

    C’è ben poco da commentare di fronte ai “dati di fatto” ed alle statistiche …

    Pirandello riscriverebbe:

    Ma … “anche se non vi pare” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *