Antibiotici naturali utilizzati dai nostri antenati

Antibiotici Naturali

Antibiotici Naturali

Nel corso degli ultimi decenni, si è registrato un uso eccessivo di antibiotici più alto di tutti i tempi. Questo comporta inevitabilmente il riadattamento e/o l’evoluzione dei batteri responsabili delle varie malattie con il risultato che diventano sempre più resistenti ai farmaci. La loro evoluzione è talmente rapida che alcuni preferiscono chiamarli “superbatteri”, questi ultimi, secondo alcune fonti, hanno stupito i ricercatori i quali non si aspettavano una tale rapidità evolutiva.
In passato quando non esistevano ancora gli antibiotici farmaceutici, si utilizzavano un certo tipo di alimenti ed erbe. Molti di questi “difensori” naturali vengono tutt’ora utilizzati. I nostri antenati facevano a meno delle medicine prodotte dalle aziende e non credo che abbiano sofferto questa mancanza.
Al giorno d’oggi (anno 2015) esistono ancora diverse piccole tribù (Australia, Africa, America), dove il tempo sembra essersi fermato, ma il fatto curioso è che tra questa gente vivono molti anziani. Questo significa che pur non avendo determinati “comfort” come nel nostro caso le medicine farmaceutiche, vivono serenamente al contrario di quel che ci fanno credere quando asseriscono che i vaccini (soprattutto quelli antinfluenzali) “sono necessari” per la nostra salute.
Questi popoli vivono camminando scalzi e seminudi, eppure invecchiano, non muoiono di influenza perché conoscono le piante, una conoscenza che gli viene tramandata di generazione in generazione. Noi che siamo “evoluti” e viviamo circondati di tutti i comfort possibili, non possiamo permetterci di mangiare serenamente gli alimenti perché rischiamo di ammalarci per via di tutti quei pesticidi, e antibiotici con i quali vengono trattati, sia gli animali da pascolo che la vegetazione destinata al consumo alimentare. Certo, nessuno ci vieta di mangiare ciò che vogliamo, ma la verità è che non sappiamo mai quanto è affidabile un determinato prodotto alimentare.
Giusto qualche giorno fa ho visto un pezzetto di un documentario che mostrava una tribù africana, anche se in questo momento non ricordo il nome, dalla bassa statura. Erano tutti alti all’incirca un metro e sessanta (massimo), ma in mezzo a loro c’erano degli anziani belli arzilli e sorridenti, e ad un certo punto mentre camminavano con le telecamere della troupe televisiva dietro, si sono fermati mostrando 3 piante e descrivendone le proprietà curative. Mi domando perché dobbiamo mandar giù tutti questi farmaci creati artificialmente che molto probabilmente vengono mischiati con sostanze “poco naturali”, quando c’è gente che campa cent’anni mangiando le piante.
In TV ci mostrano solo le persone disagiate o quelle che contraggono malattie infettive. Come si spiega che nelle zone dove sono presenti gli aiuti umanitari, guarda caso la gente muore di malattie infettive, mentre dove vivono isolati e indisturbati, campano cent’anni? (o quasi). Non sarà che a questa povera gente vengono somministrati appositamente “vaccini sperimentali” che per qualche ragione provocano più effetti collaterali che benefici?
Ma torniamo agli antibiotici naturali. Di seguito una lista degli antibiotici naturali che i nostri antenati utilizzavano al posto delle pillole moderne.

Origano e l’olio di origano

Probabilmente utilizzi l’origano come spezia aromatizzante nei tuoi piatti preferiti senza nemmeno renderti conto dei benefici per la salute che contiene. Oltre alle sue proprietà antibatteriche, l’origano può aiutare nella digestione e perdita di peso. L’olio di origano contiene il carvacrolo o cimofenolo, una sostanza che conferisce all’origano il suo odore caratteristico. Ma non tutti sanno che tale sostanza attiva le heat shock proteins, che attraverso i linfociti T bloccano l’infiammazione articolare causata dal batterio Escherichia coli. Inoltre, uno studio della Long Island University mostra il ruolo del carvacrolo nell’apoptosi delle cellule tumorali nel cancro alla prostata. In buona sostanza questa spezia non è un semplice condimento alimentare, ma in passato veniva utilizzato (alneo) per il trattamento di infezioni digestive. L’avresti mai detto che l’origano contiene certe qualità?

Raw aceto di mel

Assumere dosi giornaliere di aceto di mele comporta benefici di vasta portata al nostro organismo. Include proprietà antibiotiche e antisettiche, e può esserti d’aiuto dalla gestione del peso a l’abbassamento del colesterolo e, addirittura nella prevenzione di alcuni tipi di cancro. È un astringente privo di sostanze chimiche e può essere utilizzato localmente per disinfettare e sterilizzare. Le antiche civiltà lo conoscevano bene (egiziane, babilonesi e cinesi).

Miele

Gli antichi romani usavano il miele sul campo di battaglia per curare le ferite e prevenire le infezioni. Inoltre, tutt’oggi si continua a considerare il miele uno dei migliori antibiotici naturali, antimicrobici, antinfiammatori, e antisettici. Il miele di Manuka della Nuova Zelanda ha dimostrato di avere i più alti livelli di antiossidanti e proprietà curative. Il perossido di idrogeno contenuto nel miele aiuta l’organismo a combattere le infezioni e impedisce la crescita dei batteri. Un calmante per il sistema digestivo, il miele elimina le tossine dal sangue e aiuta il fegato ad operare in modo più efficiente. Un grande impulso al sistema immunitario, si consideri che unendo miele con cannella si rafforzano i globuli bianchi! Il miele biologico crudo è l’opzione migliore in quanto la maggior parte dei metodi di pastorizzazione uccide gli effetti antiossidanti.

Curcuma

In realtà della curcuma ne ho parlato in altri articoli, dove ho anche consigliato dei libri dedicati a questo “magico alimento”. La curcuma si presenta sotto forma di radice e dati i diversi utilizzi ti rimando ad uno dei miei vecchi articoli. Tuttavia, la curcuma può essere applicata anche nelle zone infette sulla pelle, mescolandola con il miele. Quindi fino ad ora abbiamo visto come è possibile proteggere il corpo contro le infezioni, batteri e malattie approfittando di questi sicuri e rimedi naturali che utilizziamo spesso in cucina. Possiamo aggiungere tranquillamente anche l’aglio e l’echinacea alla nostra lista.

Aglio

L’aglio è famoso per le sue qualità. Contiene l’allicina che protegge l’organismo da parassiti, batteri e come ho già detto altre volte, è molto utile per tenere pulite le arterie quando per diversi fattori il colesterolo buono non riesce a svolgere bene il suo lavoro (viene anche chiamato lo spazzino delle arterie). In buona sostanza l’aglio è molto utile per la circolazione del sangue (leggi: Aglio e cure alternative).

Semi di pompelmo

Pare che l’estratto di semi di pompelmo sia efficace contro più di 800 forme di virus e batteri, più di un centinaio di ceppi di funghi e molti parassiti. Quindi contiene proprietà antiossidanti, aumenta l’immunità, alcalizza il corpo naturalmente, e aiuta la digestione migliorando la flora intestinale.

Echinacea

Tra le varie qualità, il consumo di questa erba ha dimostrato una riduzione importante dei raffreddori.

Cavolo

Sono presenti composti di zolfo nel cavolo – un membro della famiglia delle crocifere, che include broccoli e cavoli. Questi ortaggi si sono dimostrati efficaci combattenti per alcuni tipi di cancro. Quello che molti non conoscono è la quantità di vitamina C che si trova nell’ortaggio. Una sola tazza fornisce il 75% del fabbisogno giornaliero necessario per il nostro organismo.
Naturalmente è un antibatterico, per cui mangiare triturati di cavolo crudo in insalata, come contorno, o bere un succo di cavolo fresco (con aggiunta di miele per addolcire) è un ottimo modo per migliorare la digestione, prevenire le malattie, e controllare il tuo peso forma.

Olio di cocco

Anti-fungine, anti-microbiche ed è ricco di antiossidanti. Puoi usarlo per rafforzare il sistema immunitario, l’equilibrio della tiroide, colesterolo e livelli di zucchero nel sangue, inoltre, è utile per migliorare la funzione cerebrale. Si tratta di un prodotto sicuro ed è da considerare un dei doni più versatili e unici che Madre Natura ci offre.

Alimenti fermentati

Cavolo non pastorizzato, sottaceti fatti in casa, kefir e yogurt probiotici, tutti questi aiutano a rinnovare la nostra flora intestinale, ci proteggono dal cancro e mantengono il nostro corpo in forma e in grado di combattere le infezioni.

Fonte: http://www.coscienza-universale.com

Libri sull'argomento
Bioenergetica di Alexander Lowen
Il Tuo Equilibrio Acido-Base di Hannelore Fischer Reska
Le 10 Chiavi della Salute di Filippo Ongaro
Compendio di Terapie Egizie ed Essene di Marie-Johanne Croteau, Daniel Meurois
Melatonina di Ray Sahelian
Buono Sano Vegano di Michela De Petris
KAKEBO - L'AGENDA DEI CONTI DI CASA — AGENDA
Per risparmiare e gestire le tue spese senza stress

Kakebo - L'Agenda dei Conti di Casa — Agenda

Per risparmiare e gestire le tue spese senza stress

Aggiorna le spese settimanali, pianifica obbiettivi, verifica il bilancio...

Il kakebo è il libro dei conti di casa, lo strumento di origine giapponese per la gestione ottimale del budget domestico che aiuta a riflettere sulle abitudini di spesa e a individuare le voci critiche su cui agire, imparando a risparmiare fino al 30%.

Strutturato come un'agenda, il kakebo permette di monitorare giorno per giorno la contabilità di casa dividendo le spese in 4 categorie principali:

  1. Spese di prima necessità (alimentazione, farmacia, trasporti, figli),
  2. Optional (shopping, cosmetici, regali),
  3. Cultura e tempo libero (ristoranti, libri, intrattenimento),
  4. Extra e imprevisti (spese mediche, riparazioni, viaggi...).

A inizio mese si calcolano entrate e uscite fisse e si stabilisce un obiettivo di risparmio in base al proprio budget, a fine mese si fa un bilancio. La suddivisione delle spese in categorie, le tabelle riassuntive e utili domande che guidano nell’analisi dei dati raccolti permettono di individuare gli sprechi, comprendere quali sono le voci che incidono di più e dove intervenire.

Il libro offre inoltre consigli pratici di organizzazione, risparmio e incoraggiamento, per migliorare nel corso dei mesi e arrivare a fine anno con un bilancio positivo.

Il kakebo è uno strumento che va oltre la gestione delle finanze: aiuta a sviluppare la conoscenza di sé, l’autodisciplina e la fiducia nelle proprie capacità, riducendo lo stress e favorendo la tranquillità dell’anima.

Perché leggere questo libro

  • questo kakebo è perpetuo: può essere iniziato in qualunque momento dell’anno, indicando personalmente i mesi e i giorni della settimana, senza sprecare nessuna pagina.
  • semplice, pratico ed efficace, il volume ha una grafica che ne facilita la compilazione e permette di individuare immediatamente le voci di spesa più sensibili per ciascuno.
  • tanti utili consigli anti spreco, dalla cucina alla spesa, dall’abbigliamento alla casa.
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.