Alziamo la testa e usciamo dallo Show!

di Marcello Pamio

Stiamo vivendo un momento storico unico nel suo genere. Mai prima d’ora infatti l’umanità è stata così a rischio di estinzione, e non c’entra l’asteroide o lo sbarco degli Annunaki dal Decimo Pianeta. Ogni libertà individuale e ogni diritto stanno per essere azzerati da un virus influenzale.

The Truman Show, 7 curiosità sul film con Jim Carrey

Un virus così letale che per trovarlo devono fare milioni di tamponi ogni giorno a persone sanissime senza sintomi. Un virus che ha invertito l’andamento delle malattie: ieri era il malato che andava dal medico, oggi sono i medici che vanno a caccia dei malati! Follia allo stato puro.

Tutto ruota attorno al tampone. Dopo aver creato una “psico-pandemia” mediatica e inoculato nelle masse non-senzienti il virus della paura, sono riusciti a far credere che il test è in grado di stanare i contagiosi. Tutti allora felici e orgogliosi in coda per ore, bambini inclusi, al drive-in per guardarsi The Truman Show, senza rendersi conto che sono proprio loro gli attori non protagonisti della sceneggiata.

Il tampone è la guest star indiscussa, perché come ripeto dai primi mesi dell’anno, serve solo a gonfiare i numeri con i “falsi positivi” così da giustificare la dittatura! Per completare il quadretto non potevano mancare i testimonial d’eccezione. In tv infatti le star e i personaggi famosi stanno facendo a gara per raccontare ai sudditi sbigottiti con la bocca spalancata, la “dolorosissima” esperienza della positività al Covid.

Abbiamo visto alternarsi personaggi come Nicola Zingaretti, Silvio Berlusconi, Gabriele Salvatores, Rocco Siffredi, Cristiano Ronaldo, Federica Pellegrini, Valentino Rossi, Nicola Porro, Piero Chiambretti, Alba Parietti, Fabrizio Corona, Flavio Briatore, Gerry Scotti, Carlo Conti, Fiordaliso, Madonna, Andrea Bocelli, Ornella Vanoni, Aida Yespica, ecc.

La sub-umanità ha sofferto e pianto con loro (pur vedendo o sentendo che costoro di fatto avevano solo qualche linea di febbre! – ndr), perché le testimonianze hanno toccato le corde più profonde dell’animo umano. Addirittura c’è chi miracolosamente è riuscito a scrivere la sua sofferenza direttamente dalla terapia intensiva, come Massimo Giannini il direttore de La Stampa. Come abbia fatto rimane uno dei tanti misteri del SARS-CoV-2, un “virus infido“, come lo ha “giustamente” definito il grande e soprattutto “libero” giornalista Giannini.

Sono tutti testimonial e quindi il loro lavoro è appunto testimoniare facendo passare il messaggio del pensiero unico. Il messaggio perfettamente incorporato dai sudditi è che il virus è infido e colpisce tutti, indistintamente dalla fama e dal conto corrente. Peccato che nessuno abbia colto l’unica cosa che c’era da cogliere: nessuno dei personaggi famosi è morto! Non è un po’ strano, visto che ci martellano quotidianamente sui morti per Covid?

Se si tratta di un virus letale, come mai di tutti i numerosi personaggi famosi, anche molto anziani e debilitati come Berlusconi (rimasto solo 12 giorni in ospedale) nessuno è deceduto? Il virus forse risparmia i volti noti e ricchi e uccide gli sconosciuti morti di fame?

Siamo arrivati ad un punto di svolta epocale: alziamo la testa ora, buttiamo nel cesso il copione scritto da altri, e riprendiamoci in mano la nostra vita, facendo rispettare tutti i diritti inviolabili, oppure queste menti criminali ci condurranno al macello. A noi la decisione.

Dopo aver fatto spendere ai ristoratori soldi per le ridicole norme anti-Covid, ora li fanno chiudere di nuovo. Spero sia chiaro a tutti che questo pseudo-governo eterodiretto vuole una ecatombe economica in Italia, perché se non si fosse capito a breve chiuderanno centinaia di migliaia di attività commerciali e non riapriranno mai più. Ovviamente sono agnelli sacrificati sull’altare della sicurezza nazionale…

Quindi cosa possiamo fare? Usciamo di casa a testa alta, perché abbiamo il diritto di farlo: siamo esseri umani e non schiavi decerebrati. Siamo persone sane e pensanti, non contagiosi come dice la becera propaganda mediatica. Cerchiamo di mantenere una vita sana e “normale” il più possibile nonostante tutto.

Se non lo facciamo e rimaniamo sigillati in casa per paura, daremo un chiaro segnale di sudditanza al Sistema, il quale si sentirà forte nel continuare la devastazione…

Facciamo rispettare i nostri sacrosanti diritti, ora o mai più!

Articolo di Marcello Pamio

Fonte: https://disinformazione.it/2020/10/29/alziamo-la-testa-e-usciamo-dallo-show/

Libri e varie...
CORONAVIRUS. IL NEMICO INVISIBILE
La minaccia globale, il paradigma della paura e la militarizzazione del paese
di Enrica Perucchietti, Luca D'Auria

Coronavirus. Il Nemico Invisibile

La minaccia globale, il paradigma della paura e la militarizzazione del paese

di Enrica Perucchietti, Luca D'Auria

In un momento di emergenza globale dovuta alla pandemia da Covid-19, esce "Coronavirus, il nemico invisibile", il libro-novità scritto a quattro mani dalla giornalista e scrittrice Enrica Perucchietti e dall'avvocato e saggista Luca D'Auria.

Il libro intende rispondere a numerose domande e sollevare altrettanti quesiti, offrendo un quadro giornalistico e un'analisi filosofica, sociologica e antropologica della pandemia e di come l'emergenza sanitaria stia modificando in maniera sostanziale la vita di tutti noi.

Con questo libro scoprirai:

  • le teorie alternative alla genesi e alla diffusione del Covid-19;
  • l'impatto sulla Via della Seta e le accuse della Cina agli USA;
  • la teoria dello shock e la "percezione" di una minaccia globale;
  • i diversi provvedimenti in Europa e le limitazioni della libertà personale per ragioni di sanità;
  • il rischio di un attacco speculativo;
  • il passaggio dell'uomo da animale sociale ad animale virtuale;

...e altro ancora.

************************************


Dalla spagnola a oggi nessun nemico "invisibile" era riuscito a fare tanto.

In pochi mesi il Covid-19 ha contagiato centinaia di Paesi, provocando migliaia di morti e spingendo l'OMS a dichiarare lo stato di pandemia globale.

Fin da subito i media e il web hanno favorito la diffusione del panico: la psicosi è così dilagata tra la popolazione, stravolgendo le abitudini dei cittadini, disposti anche a cedere la propria libertà in cambio della sicurezza.

Il governo italiano ha scelto di imporre l'autoisolamento, spaccando l'opinione pubblica in due, tra i sostenitori e gli oppositori del provvedimento.

In passato abbiamo avuto casi simili con le epidemie di SARS, aviaria, suina, morbillo o ebola: fenomeni localizzati in alcune aree precise che sono diventati dei veri e propri "terremoti planetari".

Nulla di paragonabile all'attuale pandemia del coronavirus: la vita di tutti noi si è trasformata, forse per sempre, in una realtà "virtuale" che ha cancellato duemila anni di storia dell'umanità.

 


REGALO ESCLUSIVO
per chi acquista "Coronavirus. Il nemico invisibile" sul Giardino dei Libri

File PDF - Cybervirus
di Enrica Perucchietti

Il Nemico Invisibile e le Derive Orwelliane

Una volta acquistato il libro riceverai una mail
da cui scaricare il file PDF.

OMAGGIO PDF

 

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *