Aereo elettrico a propulsione ionica: ecco il video del prototipo al suo primo volo

di Carlo Pisani

Il test – riportato nel video – mostra il primo volo di un velivolo elettrico concepito sulla propulsione, per effetto del fenomeno denominato “vento ionico”, ovvero lo spostamento d’aria, generato elettricamente in maniere statica, a seguito della carica delle particelle di azoto presenti nell’aria.

Sulla terra ferma, ma anche sull’acqua, nuove tecnologie legate al settore elettrico stanno contribuendo a rivoluzionare, di anno in anno, i mezzi a cui siamo abituati, senza distinzione tra auto, moto, traghetti o veicoli pesanti.

Dai ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology), arriva invece un’interessante progetto nel settore dei velivoli, con un traguardo in grado di segnare un nuovo primato per il volo elettrico, grazie allo sviluppo di una particolare tecnologia mirata all’eliminazione a bordo di qualunque tipo di componente con parti in movimento, come ad esempio motori, turbine ed eliche.

Il test nel video qui riportato, infatti mostra il primo volo di un velivolo elettrico concepito sulla propulsione per effetto del fenomeno denominato “vento ionico”, ovvero lo spostamento d’aria, generato elettricamente in maniera statica, a seguito della carica delle particelle di azoto presenti nell’aria.

Il risultato è un prototipo altamente efficiente, a zero emissioni, a zero rumore e quasi a zero manutenzione, basato su una serie di elettrodi ad alta tensione, circa 40.000 V, in grado di generare un’adeguata propulsione con una potenza di soli 600 W con una corrente di appena 15 mA, sufficiente ad ionizzare l’aria circostante le ali.

Il ricercatore a capo del progetto Steven Barrett, ha commentato i traguardi raggiunti riferendosi anche al suo interesse per il mondo della fantascienza “Ero un grande fan di Star Trek, questo mi ha fatto pensare che nel futuro ci potesse essere un aereo in grado di volare silenziosamente, senza parti in movimento, ma certamente nessuna elica o turbina è in grado di offrire un cosa del genere. Così ho iniziato a studiare gli aspetti della fisica in grado di garantire un volo senza l’adozione di parti mobili, e mi sono imbattuto in un concetto noto come vento ionico, che è stato analizzato per la prima volta già negli anni ’20”.

Nel video proposto il prototipo viene inizialmente “lanciato” per potersi librare in aria, con disattivato il sistema ionico, senza alcun risultato e con conseguente immediata caduta dell’aereo, in grado invece, con sistema ionico in funzione, di compiere un volo di 60 metri, in abbinamento ad un’apertura alare di oltre 5 metri ed un peso di soli 2,5 kg batteria a bordo compresa; un meritato confronto con quanto ad esempio fatto dai fratelli Wright nei loro primi voli sperimentali.

Dopo aver dimostrato che è possibile effettuare il volo ionico, ora il team lavorerà per espandere le sue capacità, ottimizzando ulteriormente questa nuova propulsione e la relativa struttura dell’aereo, così da cercare di ottenere tempi di volo più lunghi in condizioni operative sempre più ampie.

Tale tecnologia si presta sicuramente ad offrire un nuovo punto di vista per il settore aerospaziale, non escludendo a priori la possibilità di ottenere in futuro velivoli esenti da manutenzione, aerei senza equipaggio e a lunghe percorrenze, anche in combinazione alla possibilità di sfruttare direttamente l’energia solare, mini satelliti energicamente autonomi e magari anche aerei commerciali e di linea, a zero rumore e zero emissioni.

Articolo di Carlo Pisani

Fonte: https://auto.hwupgrade.it/news/tecnologia/aereo-elettrico-a-propulsione-ionica-ecco-il-video-del-prototipo-al-suo-primo-volo_79357.html

LA GRANDE VIA
Alimentazione, movimento, meditazione per una lunga vita felice, sana e creativa
di Franco Berrino

La Grande Via

Alimentazione, movimento, meditazione per una lunga vita felice, sana e creativa

di Franco Berrino

Partendo dal presupposto che non si deve mangiare troppo e si deve cercare di mangiare in modo corretto, questo libro ci offre degli utili suggerimenti.

C’è infatti un abuso del consumo del latte e del formaggio di mucca che stimola i fattori di crescita che, purtroppo, sono più alti nei malati di cancro.

Lo zucchero poi andrebbe molto limitato perché è solo un modo per far sembrare buone delle cose che buone non sono, ma in realtà, secondo Berrino, l’uomo nella sua storia non ha mai mangiato zucchero, ma oggi lo troviamo dappertutto: nei piselli in scatola, nel pane, nelle fette biscottate. Questo perché la qualità degli ingredienti di base è pessima. Lo zucchero fa male, soprattutto nella forma liquida: quindi le bevande zuccherate e gasate sono la principale causa di obesità nei bambini. La sua peculiarità è quella di essere ingerito volentieri anche quando si è sazi.

Allora qual è il miglior modo per dolcificare? La frutta. Un’ottima colazione, per esempio, è quella fatta col muesli, fatto con fiocchi d’avena, uva sultanina e frutta secca.

Allora cosa si deve mangiare, visto che anche l’uso delle proteine è essenziale, ma deve essere ridotto? La raccomandazione del mondo della ricerca scientifica è quella di basare l’alimentazione quotidiana su cibi di natura prevalentemente vegetale, non industrialmente raffinati: non la farina bianca, ma quella integrale; non il pane bianco, ma quello integrale e così per il riso. Quindi è bene scegliere su un’ampia varietà di cereali non raffinati industrialmente, di legumi, di verdure, di frutta.

Quali sono i segreti della longevità? Quali mezzi abbiamo a disposizione per mantenerci sani, creativi e felici? Come possiamo ridurre lo stress, migliorare la qualità del sonno e potenziare la nostra intelligenza emotiva, intuitiva e creativa?

Sono alcune delle domande a cui hanno cercato di rispondere Franco Berrino e Luigi Fontana, integrando i risultati delle loro ricerche con le conoscenze scientifiche più avanzate e la sapienza empirica di alcune delle più antiche tradizioni mediche e filosofiche.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *