La spiritualità non ammette razzismo

La spiritualità non ammette razzismo

di Francesco Scatigno
Oggi è sempre più diffusa una concezione della vita secondo cui siamo sostanzialmente entità spirituali, che attraverso l’incarnazione in un corpo materiale fanno esperienze, prendono coscienza, maturano fino ad arrivare ad uno stato di coscienza detto “di Illuminazione”.

Dopo il raggiungimento di questo stato, non necessiteremmo più di sperimentare la vita corporea e la materia. A farsi portatrici di questa idea sono le religioni e/o filosofie orientali, le correnti esoteriche delle religioni occidentali (sufismo, cabbala), i gruppi iniziatici tradizionali…

Vai all’articolo

Malattie evolutive

Ragazza tra prato e desolazione

“Questo è il grande errore del nostro tempo… i medici tengono separata l’anima dal corpo.” Platone

Risvegliare la coscienza
L’aspetto sottile delle malattie è ancora nuovo per l’umanità e per il suo grado evolutivo attuale, come lo è, ancora in parte, anche la medicina psicosomatica, ancora poco sviluppata. La coscienza dell’essere umano si identifica ancora con la forma esterna, con il mondo oggettivo percepito dai 5 sensi.

Dice Ouspensky, nel suo libro La quarta via, “il primo passo è accorgerci di non essere consapevoli…” Rendendoci conto di vivere nell’incoscienza si

Vai all’articolo