Dalai Lama: 18 regole per vivere

di Mauro Bertuletti

All’inizio del nuovo millennio, la 14° incarnazione del Dalai Lama, ha proposto le sue 18 Regole di vita: una serie di semplici indicatori filosofici ed etici, utili a seguire un cammino di vita appagante e utile. Chiunque si proponga di avere successo nella vita dovrebbe tenerli bene a mene.

Dalai Lama: 18 regole per vivere

Dalai Lama: 18 regole per vivere – Immagine da vitafacile.biz


“Se pensi di essere troppo piccolo per fare la differenza, prova a dormire con una zanzara”. Dalai Lama

Il Dalai Lama ha affascinato le persone di tutto il mondo e di tutte le fedi con il suo messaggio di gioia, pace e felicità. I suoi insegnamenti buddisti si concentrano su come vivere una vita felice e libera da negatività. Molte persone guardano a lui come fonte di ispirazione in quelli che sembrano essere tempi terribilmente turbolenti.

Non importa se il Dalai Lama è un religioso o una figura politica. Non importa se sei un buddista, un cristiano o di qualsiasi altra religione. Questi semplici consigli che vengono da un uomo che ha girato il mondo e sacrificato molto di sé nel tentativo di liberare il suo popolo, dovrebbero entrare in risonanza profonda con ciò che hai dentro.

Queste sono le regole per vivere una vita felice, di Tenzin Gyatso, il 14 ° Dalai Lama. 

1) Considera sempre che grandi amori e grandi risultati comportano grandi rischi. 

Il rischio è presente in ogni grande decisione della vita. Se una decisione non fosse rischiosa, sarebbe facile prenderla. E se fosse facile, sarebbe ordinaria e non “grande”. Non si possono avere certezze nella vita. Ogni cosa importante comporta dei rischi, occorre essere coraggiosi e decidere di crederci, anche se il resto del mondo ti considera un pazzo.

2) Quando perdi, non perdere la lezione.

Non è grave fallire. Il fallimento è un precursore del successo. Niente di importante è stato fatto senza prima incorrere in qualche fallimento. Il vero fallimento è perdere la lezione. Se perdi la lezione sarai condannato a ripetere gli stessi errori.

3) Segui sempre le 3 “R”:

Rispetto per te stesso. La fiducia è la chiave per il successo, e chi non rispetta se stesso non crede in se stesso. Quindi, se non rispetti te stesso, non puoi avere successo in qualcosa di grande, né puoi rispettare gli altri.

Rispetto per gli altri. Rispetta gli altri ed in cambio sarai rispettato. Ogni persona che hai di fronte merita rispetto. Chi non restituisce rispetto agli altri, comunica immediatamente che non rispetta se stesso.

Responsabilità per le tue azioni. Tu solo sei responsabile dei tuoi sentimenti, azioni e risultati. Hai il completo controllo della tua vita, quindi non cercare di incolpare gli altri per i tuoi errori o sventure. Sei tu e le tue azioni che fanno la differenza.

4) Ricorda che non ottenere quello che si vuole può essere talvolta un meraviglioso colpo di fortuna.

Non tutto quello che desideri è necessariamente un bene per te nel lungo periodo. Se qualcosa sembra proprio non volere arrivare, al punto che sembra esserci l’intervento del destino, lascialo andare e ritornaci in un secondo momento. L’Universo lavora in modi misteriosi.

5) Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato.

Studia e conosci le norme che che regolano la società. Se trovi che siano ingiuste puoi lavorare per cambiarle. Le regole sono fatte per essere infrante. Alcune sono arcaiche, altre non sono flessibili. Altre ancora provengono da fonti corrotte. Se l’autorità non venisse mai messa in discussione, si vivrebbe in una civiltà stagnante, o decadente.

6) Non permettere che un piccolo litigio rovini una grande amicizia.

Ovviamente l’amicizia è più importante di una piccola disputa, ma pochissime persone se ne ricordano effettivamente quando sono nel mezzo di un litigio.

7) Quando ti accorgi di aver commesso un errore, fai immediatamente un passo per correggerlo.

Non lasciare che l’orgoglio abbia il sopravvento. Scusarsi ed assumersi le proprie responsabilità è indispensabile per correggere i propri errori.

Tenzin Gyatso, il 14 ° Dalai Lama

Tenzin Gyatso, il 14 ° Dalai Lama


8) Passa un po’ di tempo da solo ogni giorno.

Qualsiasi cosa tu faccia, è necessario prendere almeno 30 minuti della giornata per dedicarli a se stessi. Questo ti fornisce del tempo per esaminare ciò che sta succedendo nella tua vita, per esaminare te stesso e per capire ciò che veramente desideri. Che sia attraverso la preghiera, la meditazione, lo yoga o il golf, questo rituale è un must a cui non devi rinunciare.

9) Apri le braccia al cambiamento, ma non lasciar andare via i tuoi valori.

Questo mondo è in continua evoluzione. Se non si è aperti al cambiamento, allora ci si prepara a vivere una vita molto infelice. Tu stesso sei in continua evoluzione, ma questo non significa che i tuoi valori debbano cambiare. Dai il benvenuto a posti nuovi, nuovi pensieri e nuovi volti, ma non cambiare mai la parte più profonda di te. Tieni sempre la bussola orientata sui tuoi valori.

10) Ricorda che talvolta il silenzio è la migliore risposta.

Il silenzio conduce alla contemplazione rilassata, durante il quale le emozioni hanno meno influenza e la logica può prendere il sopravvento. Ad esempio, in una discussione con un amico, rimanere in silenzio invece di ribattere guidato dalla rabbia, è più efficiente nel porre fine alla discussione. Pensa a Gandhi, che ha vinto l’Impero Britannico attraverso una silenziosa e tenace battaglia pacifista.

11) Vivi una buona ed onorevole vita. Allora, quando sarai vecchio e ci ripenserai, potrai godertela una seconda volta.

Si avrà a che fare con i risultati delle nostre azioni per il resto della vita. E’ meglio vivere in maniera equa ed onorevole, in modo da risparmiare a se stessi il rammarico e l’angoscia nel ripensarci.

12) Un’atmosfera amorevole nella tua casa dev’essere il fondamento della tua vita.

Come nella regola 3, se si rispetta ed ama la propria famiglia, essa ci ripagherà con rispetto e amore.

13) Quando sei in disaccordo con i tuoi cari, affronta soltanto il problema presente. Non rinvangare il passato.

Non rivangare il passato. Il passato è costante, immutabile. Tirarlo fuori può solo portare ulteriore dolore alla situazione attuale. Occorre perdonare eventuali azioni passate e concentrarsi sul presente.

14) Condividi la tua conoscenza. E’ un modo per raggiungere l’immortalità.

Si impara così tanto vivendo. Condividi questa conoscenza con le persone che incontri. Ancora più importante è condividere i propri fallimenti, in modo che gli altri non li ripetano.

15) Sii gentile con la Terra.

Questo dovrebbe essere ovvio. Danneggiare la terra è ferire te stesso e il futuro dei tuoi figli e delle persone care. La terra è la tua casa, ed è tuo dovere mantenerla al meglio.

16) Una volta l’anno, vai in un posto dove non sei mai stato prima.

Vivi, viaggia. Esci dalla tua zona di comfort. Prova nuovi luoghi e nuove cose. La Terra è vasta, con luoghi unici e bellissimi, perché non andare alla loro scoperta? Scoprire posti nuovi ti fornisce nuove prospettive sul mondo, su te stesso, sulla vita.

17) Ricorda che la miglior relazione è quella in cui ami più di quanto necessiti.

Il contrario è il segno che una relazione dovrebbe finire. Se hai bisogno di qualcuno più di quanto lo ami, ciò è un segno di dipendenza, non di amore.

18) Giudica il tuo successo in relazione a ciò a cui hai dovuto rinunciare per ottenerlo.

Il successo non è veramente successo, se si deve compromettere se stessi per raggiungerlo. Decidi cosa vuoi. Progetta la tua vita ideale e muoviti. Non lasciare alcuna parte di quel sogno scivolare via, se non vuoi vivere nel rimpianto.

Articolo di Mauro Bertuletti

Fonte: http://www.vitafacile.biz/2015/03/dalai-lama-18-regole-per-vivere.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questi ↓↓↓ sono altri POST che potrebbero interessarti...